Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Messaggioda Berto » lun apr 27, 2015 8:17 am

Veneti ke łi se ła conta sol parké a xe termenà cusì malamente ła Repiovega Arestogratega Veneta a domignansa venesiana
viewtopic.php?f=160&t=1558
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Messaggioda Berto » lun apr 27, 2015 8:24 am

https://www.facebook.com/silvio.fracasso?fref=nf

UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A PAOLO BORSETTO X LE LEZIONI DI IERI:
dai numeri e le cose che ci son state dette abbiamo capito che la Veneta Serenissima Repubblica è capitolata non perché fosse finita e in declino, bensi solo per scelte sbagliate.....perché in ultima ebbero paura di difendersi per non scatenar una guerra in casa, in terra veneta. Volevano evitar chee i francesi distruggessero le ville dell'entroterra, dunque per cercar di tener tutto perdemmo tutto (col senno del poi è sempre facile giudicare ?).

Ora si sta facendo un errore simile, si permette allo straniero di entrar indiscriminatamente tra di noi, poi per paura che facciano casini e per non turbare il nostro "benessere e quieto vivere" daremo sempre più concessioni finchè non rivedremo "Napoleone sotto spoglie musulmane" bruciar nuovamente il nostro bel Bucintoro dorato/Vita agiata di ora (...un po molliccia e distratta).

ASPETTTIAMO CHE NUOVAMENTE SUCCEDA IL DISASTRO OPPURE DECIDIAMO DI ATTIVARCI ORA?
P.S.:passar il tempo a lamentarsi e criticare non vale, non serve a nulla/nessuno ! Bisogna agire positivamente.

Variansa:

Ieri dai numeri e le cose che ci son state dette abbiamo capito che la Veneta Serenissima Repubblica è capitolata non perché fosse finita e in declino, bensi solo per scelte sbagliate.....perché in ultima ebbero paura di difendersi per non scatenar una guerra in casa, in terra veneta. Volevano evitar chee i francesi distruggessero le ville dell'entroterra, dunque per cercar di tener tutto perdemmo tutto (col senno del poi è sempre facile giudicare?).

Ora si sta facendo un errore simile, si permette allo straniero di entrar indiscriminatamente tra di noi, poi per paura che facciano casini e per non turbare il nostro "benessere e quieto vivere" daremo sempre più concessioni finchè non rivedremo "Napoleone sotto spoglie musulmane" bruciar nuovamente il nostro bel Bucintoro dorato/Vita agiata di ora (...un po molliccia e distratta).

LA RICCA E COLTA SERENISSIMA SOTTOVALUTÒ E IGNORÒ I POVERACCI STRACCIONI FRANCESI DI JAPOLEONE.
NOI RICCHI E COLTI OCCIDENTALI SOTTOVALUTIAMO E IGNORIAMO I POVERACCI E STRACCIONI ISLAMICI!
trova la differenza....

ASPETTTIAMO CHE NUOVAMENTE SUCCEDA TUTTO QUESTO OPPURE CI DIAMO DA FARE?
Non vale e non serve a nulla passar il tempo solo a lamentarsi!


Pento Alberto el comenta:
Me despiaxe tanto par Borseto e par tuti coełi ke no łi ga el corajo de verxar i oci e de vedar come ke la xe ndà veramente e łi seita a esar orbà da on falbo mito venesianv (li erori fati dai venesiani li xe stà grandi e ki xe ke fa sti erori grandi se no ki ke xe finio e drio ndar xo par la kina ?):

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani ke no łi ga vołesto verxarse e spartir par pantegner el so poder e łi so priviłej arestograteghi:
viewtopic.php?f=167&t=1277

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo:
viewforum.php?f=160


Silvio Fracasso el scrive:
me dispiaze e no voio che sto posto vegna fora discusion academiche ma prima de judicar la jente me piazaria ca savesi cosa che la dize: Borseto nol ga mia dito col ca te dizi ti ansi el ga ameso tute le colpe dei Venesiani.... discorso lu go che dopo deventa masa specialistico e fa scapar la jente. WSM

Pento Alberto responde:
So coel ca dixe Borseto, lo conoso da diexe ani vanti de ti ... so contento ke el gapia ameso de le colpe però nol ga gnancora afrontà coele vere ... dir ke i venesiani li ga prefaresto lasarghe "tuto" a Napoleon pitosto de ver desfà le vile venesiane de tera lè na roba orenda, no so se te te rendi conto e lomè par sto fato li garia merità de perder tuto e mi a me vargognaria se fuse on venesian a contar ste robe mexere! Li venesiani łi ga fato ła roba pexo ke łi podea far, el pexo tradimento, łi ne gà xvendesto e łi ne ga enpedio de defendarse e cusì a ghemo patesto secołi de dexgràsie, par colpa sua de lori. Naltri veneti de tera ghemo fato mal a fidarse de lori co, 4 secoli en vanti a se ghevimo dà a Venesia.

Mi a me so stufà del çirco Barnum ke se ga fato su torno el falbo mito venesian, on çirco co on mucio de fanfaroni buxiari e de połedeganti caregàri ke nol ne portarà mai a l'endependensa e a na vida mejo!


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nesia1.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Messaggioda Berto » lun apr 27, 2015 9:05 am

Anca el Sartori el se ła conta e nol ga el corajo de darghe e torse łe responsabiłita ke łe xe purpie dei venesiani come arestograsia domegnante ła Repiovega Veneta e de Venesia cofà so capital:

http://www.veneziadoc.net/Storia-di-Ven ... enezia.php
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Messaggioda Berto » mer giu 17, 2015 8:49 am

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277


???

VENEZIA E LA SUA FINE quello che dobbiamo considerare. Ce lo spiega Edoardo Rubini


SCUOLA DI DIFESA MARCIANA

Uno dei punti dove la disinformazione storica e culturale, batte a ripetizione (vedi anche Leone di Vetro), e spesso trova in noi Veneti animi rassegnati e inermi, quasi rispettosi del clichè che ci vede passivamente educati alla vergogna e sconfitta.... viene qui ,di seguito, evidenziato. Per l' opera meritoria degli ultimi intellettuali combattenti che ci sono rimasti, ecco come viene allestito uno dei tanti "trabochetti mentali" messi in atto, con il corollario della dissipazione "morale" di cui abbiamo già parlato in precedenza.....ecco cosa ci dicono spesso: “ Vanno riconosciute le colpe dei reggitori veneziani per il crollo della Serenissima. La storia insegna che se le cose avvengono, a determinarle non è mai il caso, ma sono conseguenza di scelte sbagliate. Negli ultimi giorni della Serenissima molti esponenti della classe patrizia si erano adagiati su se stessi, avendo più a cuore i propri interessi e beni che quelli dell'intero stato veneto, che sciolsero in quattro e quattr’otto senza tanti problemi”.

RISPOSTA :
" E’ vero che se le cose avvengono, a determinarle non è mai il caso, ma esse rappresentano le conseguenze di scelte sbagliate.
In questo caso, la scelta errata fu fatta da due potenze militari che disponevano di espansione territoriale, numero di cittadini, risorse economiche e apparato bellico abbondanti e molte volte superiori rispetto a quelli della Veneta Serenissima Repubblica. Com’è noto, con i preliminari segreti di Leoben (16-17 aprile 1797) e la successiva ratifica con il trattato di Campoformido (17 ottobre 1797) Francia ed Austria smembrarono lo Stato Veneto e se lo spartirono, determinandone la fine dopo 14 secoli di gloriosa indipendenza, dopo che esso aveva intrattenuto buone relazioni con entrambe le parti e con il resto del mondo conosciuto. Nel maggio 1797 Napoleone, mentre costringeva Venezia a cambiare la sua Costituzione, facendo abdicare Doge e Maggior Consiglio in favore di una municipalità provvisoria, in realtà aveva già venduto sottobanco alla tanto odiata Austria queste terre, con gran scorno degli ingenui progressisti che avevano creduto in lui. Dal 1796 entrambi gli eserciti sconfinavano in terra veneta, secondo una prassi che consentiva questi movimenti quando rappresentavano un passaggio obbligato nelle manovre militari. Venezia, consapevole di non avere i mezzi per fronteggiare una guerra furiosa e pericolosissima (che non la riguardava in nessun modo), aveva dichiarato la sua neutralità, purché i contendenti osservassero gli accordi assunti. Il 1° maggio, quando le truppe francesi minacciavano ormai da vicino la laguna, Napoleone dichiarò alla pacifica Repubblica una strana guerra in cui si ordinava ai militari francesi non solo di calpestare la sovranità di uno Stato legale, ma addirittura di cancellarne l’identità, abbattendo l’emblema nazionale del Leone Marciano. La direttiva politica della soppressione di uno Stato libero e legale fu inopinatamente mantenuta ferma durante il Congresso delle potenze vincitrici a Vienna nel 1815, che restaurò tutti gli altri Stati anteriori ai due decenni di guerre napoleoniche (costate all’Europa milioni di morti), ancor oggi considerate giuste perché “liberarono” il vecchio Continente dal Cristianesimo ed instaurarono i nuovi “ideali” liberal-illuministi.
Imputare alla sola Venezia l’incapacità di respingere l’invasione francese fa sorridere, dato che Napoleone travolse tutti gli eserciti nemici, mise fine al Sacro Romano Impero che durava da mille anni, proclamò se stesso Imperatore del globo, devastò gli sterminati territori russi, umiliò persino il sentimento nazionale germanico, al punto che Fichte si sentì in obbligo di riscattare la dignità della sua Prussia scrivendo i “Discorsi alla Nazione Tedesca”, innescando così quello che il secolo successivo conobbe come il nazionalismo per antonomasia.
Nessuna colpa di rilievo può essere addebitata al Patriziato Veneziano: quasi nessuno scappò, i governanti restarono al loro posto, con il cuore affranto si fecero signorilmente da parte e badarono a (ri)consegnare il potere a quel popolo che, come emerge dagli atti ufficiali, essi sempre considerarono titolare della Sovranità Nazionale (che il Maggior Consiglio custodiva solamente). Caso unico nella storia, quella classe dirigente che visse in funzione dello Stato, in pochi decenni si spense, quasi a suggellare un’identificazione totale con la Nazione a cui la storia sembrava voler negare il diritto a sopravvivere." E. Rubini Europa Veneta



Comenti mii:

A difarensa de Venesia ke no ła ga conbatù, l'Ouropa ła se ga difexo contro Napoleon cusì co xe stà vinto el Corso, l'Ouropa ke ła ło ga conbatù lè tornà al vecio ordene, Venesia anvençe, ke no ła ło ga conbatù, lè restà sotana, sudita, sciava. Se ła fuse stà na Repiovega Federal de tuti i veneti e no lomè arestogratega a domegno venesian, forse anca el Stado Veneto el gavaria conbatù Napoleon e el se garia gagnà e meretà ła lebertà:
Venesia se ła sentiva cusì debołe ła garia podesto alearse co coalkedon, magari co łi aostriaghi e robe łe saria ndà ente tuta naltra manera.


Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani
viewtopic.php?f=167&t=1277

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

No xe vero ke Venesia ła xe stà endependente x 14 secołi parké par i primi secołi ła fea parte del domegno bixantin e i Doxi łi jera bixantini:
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Veneti ke łi se ła conta sol parké de ła morte de ła Rep. VS

Messaggioda Berto » ven ott 09, 2015 7:57 am

???

Esiste un momento cruciale in cui i Veneti perdettero la Sovranità?
http://venetostoria.com/2015/10/01/esis ... -sovranita


1 ottobre 2015 di Millo Bozzolan
di Edoardo Rubini

Insomma: quando cadde la Repubblica?

La domanda se la pose qualche anno fa, in una conferenza all’Ateneo Veneto, uno storico che non ammiro tanto, ma a cui non si può disconoscere un certo acume, il prof. Gianantonio Paladini, ora scomparso.

Forse aveva infilato il dito dentro la piaga. Il principio della Sovranità Veneta è assoluto, imprescrittibile e inalienabile, osservo io.
Sul piano storico, invece, individuerei il momento critico – in cui si disconobbe formalmente la Sovranità Veneta – nel Congresso di Vienna del 1815, quando i 4 veri vincitori di 20 anni di guerra, Austria, Inghilterra, Prussia e Russia, restaurarono tutti i Regni abbattuti da Napoleone.

Non le Repubbliche, però, forse facendo una strana equazione Repubblica = Stato sovversivo liberale. Con questa equazione l’Austria fagocitò la Repubblica di San Marco da sempre cattolica, dando in realtà seguito alla mira espansionista mitteleuropea che durava da mille anni, avendo trovato autorevoli precedenti nella campagna militare antiveneta dei Franchi condotta dal “Re d’Italia” Pipino nell’809 e in quella di Massimiliano d’Asburgo con la Lega di Cambrais nel Cinquecento.

La Redazione riporta questa riflessione di un amico siciliano, Claudio Buda:

avevano paura di venezia..non perché potesse essere uno stato sovversivo..in quanto vecchia democrazia…ma perché la temevano come potenza economica…ed allora il suo smembramento ed asservimento sembrò la cosa più giusta!!..anche napoleone fece lo stesso ragionamento…per quanto decaduta…venezia el il suo sistema economico e giuridico facevano paura all’Europa di allora…..ed alla restaurazione…tutti furono d’accordo….a non ridare a Venezia la sua antica autonomia che poi si traduceva in autonomia economica….ergo la distrussero..facendola diventare una appendice dell’Austria…



Coante enpreçixion e falbarie!

1) I veneti tuti no łi jera soràni, soràni łi jera lomè i venesiani o mejo ła casta arestogratega venesiana e staltri veneti de tera łi jera suditi dei venesiani, de Venesia e de l'arestograsia venesiana.

2) No se dexmenteghe ke ła casta venesiana, el Major Consejo el ga abdegà da ła so soranedà en favor de ła mouniçepałetà provexora:

https://it.wikipedia.org/wiki/Caduta_de ... di_Venezia
La caduta della Repubblica di Venezia è l'evento storico che, nel 1797, pose fine alla millenaria storia della Serenissima Repubblica.

La mattina del 12 maggio, tra voci di congiure e dell'imminente attacco francese, il Maggior Consiglio della Repubblica si riunì per l'ultima volta. Nonostante alla seduta fossero presenti soli 537 dei mille e duecento patrizi aventi diritto e mancasse quindi il numero legale, il doge, Ludovico Manin, aprì la seduta con le seguenti parole:
(VEC)
« Quantunque siemo con l'animo molto afflitto e conturbà, pure dopo prese con una quasi unanimità le due Parti anteriori, e dichiarata così solennemente la pubblica volontà, anche Nu semo rassegnadi alle divine disposizion.
(...)
La parte che se ghe presenta no xe che una conseguenza de quanto Le ha già accordà con le precedenti (...); ma due articoli ne reca sommo conforto, vedendone assicurada con uno la nostra Santa Religion, e con l'altro li mezzi di sussistenza per li nostri concittadini (...).
(...)
Mentre ne vien minacià sempre el ferro e el fogo se non se aderisce alle loro ricerche; e in adesso semo circodadi da 60/m uomini caladi dalla Germania, vittoriosi ed in conseguenza liberadi dal timor dele Armi austriache.
(...)
Chiuderemo dunque, come ben se deve, col racomandarghe de rivolgerse sempre a Dio Signor ed alla Madre sua santissima, onde i se degni dopo tanti flagelli, che meritamente per le nostre colpe i n'ha fatto provar, i vogia riguardarne con gli occhi della loro misericordia, e sollevarne almeno in qualche parte da tante angustie che ne opprime. »

(IT)
« Per quanto siamo con l'animo molto afflitto e turbato, pur dopo aver preso con una quasi unanimità le due precedenti decisioni, e avendo dichiarato così solennemente la pubblica volontà, anche Noi siamo rassegnati alle divine decisioni.
(...)
La decisione che Vi si presenta non è che una conseguenza di quanto già accordato con quelle precedenti (...); ma due articoli ci danno sommo conforto, vedendoci assicurata con uno la nostra Santa Religione, e con l'altro i mezzi di sussistenza per i nostri concittadini (...).
(...)
Mentre ci viene minacciato sempre il ferro e il fuoco se non si aderisce alle loro richieste; e in questo momento siamo circondati da sessantamila uomini calati dalla Germania, vittoriosi e quindi liberati dal timore delle armi austriache.
(...)
Chiuderemo dunque, come ben si deve, col raccomandarVi di rivolgersi sempre a Dio Signore e alla sua Madre santissima, affinché si degnino dopo tanti flagelli, che meritatamente ci hanno fatto provare per le nostre colpe, e vogliano guardarci di nuovo con gli occhi della loro misericordia, e sollevarci almeno in parte dalle tante angustie che ci opprimono. »
(Ludovico Manin, discorso all'ultima seduta del Maggior Consiglio.)

Si procedette quindi ad esporre le richieste francesi, portate da alcuni esponenti giacobini veneziani, che prevedevano l'abdicazione del governo in favore di una Municipalità Provvisoria, l'innalzamento in piazza San Marco dell'albero della libertà, lo sbarco di un contingente di 4000 soldati francesi e la consegna di alcuni magistrati che più avevano sostenuto l'ipotesi di resistenza. Il suono, proveniente dalla piazza, delle salve di moschetto degli Schiavoni intenti a salutare il vessillo di San Marco prima di imbarcarsi, provocò nell'assemblea il terrore che fosse scoppiata una rivolta.

Così si procedette immediatamente alla votazione e, con 512 voti favorevoli, 5 astenuti e 20 contrari, la Repubblica fu dichiarata decaduta. Mentre il consiglio si scioglieva frettolosamente, il Doge e i magistrati deposero le insegne e si presentarono quindi al balcone di Palazzo Ducale per fare l'annuncio alla folla radunatasi nella sottostante piazzetta.
Al termine della lettura del decreto di scioglimento del Governo, il popolo si sollevò.

Anziché inneggiare alla rivoluzione, però, com'era stato nei peggiori timori del patriziato veneziano, il popolo, al grido di Viva San Marco! e Viva la Repubblica, issò il gonfalone marciano sulle tre antenne della piazza, tentando di reinsediare il Doge e attaccarono le case e i beni dei giacobini veneziani. I magistrati tentarono di riportare l'ordine, temendo di dover rispondere ai francesi dei tumulti, e verso sera le ronde di arsenalotti e i colpi di artiglieria sparati a Rialto riportarono l'ordine in città.

L'istituzione della Municipalità Provvisoria

La Municipalità Provvisoria si insediò in Palazzo Ducale, nella sala che era stata del Maggior Consiglio, emanando il 16 maggio un proclama per annunciare il nuovo ordine:
« Il veneto Governo desiderando di dare un ultimo grado di perfezione al sistema repubblicano che forma da più secoli la gloria di questo paese, e di far godere sempre più ai cittadini di questa capitale d'una libertà che assicuri ad un tratto la religione, gl'individui e le proprietà, ed anelando di richiamare alla madre patria gli abitanti della Terraferma che se ne distaccarono, e che non di meno conservano per i loro fratelli della capitale l'antico loro attaccamento, persuaso d'altronde che l'intenzione del Governo francese sia di accrescere la potenza e la felicità del veneto popolo, associando la sua sorte a quella dei popoli liberi d'Italia, annuncia solennemente all'Europa intera, e particolarmente al popolo veneto, la riforma libera e franca ch'egli ha creduto necessaria alla costituzione della Repubblica. I soli nobili erano ammessi per diritto di nascita all'amministrazione dello Stato, questi nobili stessi rinunziano oggidì volontariamente a questo diritto, affinché i più meritevoli fra la nazione intera siano per l'avvenire ammessi ai pubblici impieghi. [...]
L'ultimo voto dei nobili veneti, facendo il glorioso sagrifizio dei loro titoli, è di vedere i figli tutti della patria una volta eguali e liberi, godere, nel seno della fratellanza, i benefizii della democrazia e onorare del rispetto delle leggi il titolo più sacro ch'eglino acquistarono di Cittadini
»
(Proclama della Municipalità Provvisoria di Venezia del 16 maggio 1797.)



Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo.
viewtopic.php?f=160&t=807

La fine de la Repiovega Arestogratega Veneta
viewtopic.php?f=138&t=521
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... esiana.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31940
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Mexoevo - ani veneto-venesiani en lagouna - 1.000 e pì ani - de cu 650 come comoun e repiovega (Bixansio e Repiovega Serenisima)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron