Gałi e çelti ente ła tera veneta e en Ouropa

Gałi e çelti ente ła tera veneta e en Ouropa

Messaggioda Berto » lun gen 06, 2014 8:48 pm

Gałi e çelti do categorie difarenti ?
viewtopic.php?f=134&t=520

Çelti ente ła tera veneta
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... JtaU0/edit


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/374.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/375.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/376.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/377.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/378.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/379.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/380.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/381.jpg



Ecco come Cesare, nel celebre incipit del De bello Gallico, descrive la Gallia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Conquista_della_Gallia

(LA)

« Gallia est omnis divisa in partes tres, quarum unam incolunt Belgae, aliam Aquitani, tertiam qui ipsorum lingua Celtae, nostra Galli appellantur. Hi omnes lingua, institutis, legibus inter se differunt. Gallos ab Aquitanis Garumna flumen, a Belgis Matrona et Sequana dividit. Horum omnium fortissimi sunt Belgae, propterea quod a cultu atque humanitate provinciae longissime absunt, minimeque ad eos mercatores saepe commeant atque ea quae ad effeminandos animos pertinent important, proximique sunt Germanis, qui trans Rhenum incolunt, quibuscum continenter bellum gerunt. Qua de causa Helvetii quoque reliquos Gallos virtute praecedunt, quod fere cotidianis proeliis cum Germanis contendunt, cum aut suis finibus eos prohibent aut ipsi in eorum finibus bellum gerunt. Eorum una, pars, quam Gallos obtinere dictum est, initium capit a flumine Rhodano, continetur Garumna flumine, Oceano, finibus Belgarum, attingit etiam ab Sequanis et Helvetiis flumen Rhenum, vergit ad septentriones. Belgae ab extremis Galliae finibus oriuntur, pertinent ad inferiorem partem fluminis Rheni, spectant in septentrionem et orientem solem.
Aquitania a Garumna flumine ad Pyrenaeos montes et eam partem Oceani quae est ad Hispaniam pertinet; spectat inter occasum solis et septentriones. »

(IT)

« Tutta la Gallia è divisa in tre parti:

una è abitata dai Belgi,
un'altra dagli Aquitani,
la terza da quelli che nella loro lingua si chiamano Celti e nella nostra Galli.

Tutti questi popoli divergono tra di loro nella lingua, nelle istituzioni e nelle leggi.

I Galli sono divisi dagli Aquitani dal fiume Garonna, dai Belgi dai fiumi Marna e Senna. Tra tutti, i Belgi sono i più valorosi, perché i più lontani dalla raffinatezza e dalla civiltà della provincia, perché molto di rado i mercanti si recano là con quei prodotti che rendono molli gli animi e perché sono i più vicini ai Germani che vivono al di là del Reno, con i quali sono sempre in guerra. Questo è lo stesso motivo per cui anche gli Elvezi sono più valorosi dei Galli, cioè perché combattono quasi ogni giorno contro i Germani, o per difesa o per offesa. La parte abitata dai Galli inizia dal fiume Rodano, è delimitata dal fiume Garonna, dall'Oceano e dal paese dei Belgi; dalla parte dei Sequani e degli Elvezi tocca il Reno e si estende verso nord. Il paese dei Belgi inizia dalla parte estrema della Gallia, tocca il Reno inferiore e si estende a nord-est. L'Aquitania si estende dalla Garonna fino ai Pirenei e a quella parte dell'Oceano che va verso l'Hispania; si estende tra occidente e settentrione »
(Cesare, De bello Gallico, I, 1.)
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Çelti ente la tera veneta

Messaggioda Berto » ven gen 24, 2014 11:02 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Çelti ente la tera veneta

Messaggioda Berto » dom feb 02, 2014 12:20 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta

Messaggioda Berto » mer feb 05, 2014 7:58 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta

Messaggioda Berto » ven mar 28, 2014 6:59 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta

Messaggioda Berto » ven mar 28, 2014 7:30 pm

Pałù (pałua, palude, paduła)
viewtopic.php?f=44&t=2220

Pałù gałeghe (de acoa dolçe)
(ke łe jera de acoa dolçe parké se łe fuse stà de acoa salsa łe saria stà xa verte al mar e no łi garia vesto cogno de scavar fosi o canałi par metarle en łigo col mar e łe maree el ricanbio de l'acoa el jera da da l'acoa dolçe ke rivava co i fiumi e co i torenti; xe stà pì tardi co el mar se ga alsà ke łe pałù de acoa dolçe łe xe devegnaste łagoune de acoa salsa o miscià co coela dolçe portà da i fiumi e da i torenti)

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... istria.jpg




Ernesto da Canal e Cleonemo contà da Tito Livio

Da:
http://circolovelicocasanova.provincia. ... 45-223.pdf

3) L’architetto romano Vitruvio (De architectura, I, 4-11), attraverso una notizia risalente al 25 a. C., informava il ricercatore di come le paludi galliche situate attorno alle città di Altino, Ravenna e Aquileia, fossero state rese salubri mediante la realizzazione di canali che, sfociando in mare, consentivano continui ricambi d’acqua (fossis enim ductis sit aquae exitus ad litus).

https://it.wikipedia.org/wiki/Marco_Vitruvio_Pollione
https://it.wikipedia.org/wiki/De_architectura

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/08/1.png

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/08/2.png

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/08/3.png

http://www.mosquitomagnet.it/zanzara-anopheles.html
La zanzara femmina Anopheles depone le uova in un'ampia tipologia di posti, tra cui acqua dolce o acqua salata, vegetativa o non vegetativa, ombreggiato o soleggiato. Piscine fuori terra, piccoli ruscelli, terreni irrigati, paludi d'acqua dolce, piscine forestali, e qualsiasi altro luogo con pulito. Le zone di acque a movimento lento sono tutti considerati luoghi ottimi per la deposizione delle uova.

Cioxa, Chioggia, Clodia
viewtopic.php?f=151&t=107
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 1QQ0E/edit


Ouropa: ƚe paƚù, ƚe grandi aree lagoustri e ƚe so lagoune
viewtopic.php?f=177&t=1261

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... iasion.jpg

Ƚe çità sepeƚie da ƚa mota dei fiumi e ƚe ixle magnà dal mar
viewtopic.php?f=177&t=1280

Spina, Adria, Altin, Akiƚeja tute çità de fiume e no de mar
viewtopic.php?f=177&t=1272

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... eleja1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... istria.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta

Messaggioda Berto » ven apr 25, 2014 9:14 pm

Çità co prexensa çelta:

Trevixo (etimoloja e storia)
viewtopic.php?f=151&t=127
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... JfUDg/edit
Immagine

Belun (etimoloja)
viewtopic.php?f=151&t=676
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -Belun.jpg

Aquileia, Akileja
viewtopic.php?f=43&t=317

Viçensa
viewtopic.php?f=151&t=680
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... A7ensa.jpg

Vivaro, Viverone, Var, Varo, Varone, Vara, Varano, Varenna, Varta, Varaita, Vardar, Varexe, Varna, Varmo, Verna, Verona, ...
viewtopic.php?f=151&t=130
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... B3Q0E/edit
Immagine


Etneghi çelti ente l’ara de la Venetia:

Storia Natural de Plinio el Vecio

Plinio el vecio (Como, 23 – Stabia, dopo l'8 settembre. 79 d.C) http://spazioinwind.libero.it/popoli_an ... cchio.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Gaio_Plinio_Secondo
http://it.wikipedia.org/wiki/Naturalis_historia
http://la.wikisource.org/wiki/Naturalis_Historia
http://la.wikisource.org/wiki/Naturalis ... /Liber_III

122
pudet a Graecis Italiae rationem mutuari, Metrodorus tamen Scepsius dicit, quoniam circa fontem arbor multa sit picea, quales Gallice vocentur padi, hoc nomen accepisse, Ligurum quidem lingua amnem ipsum Bodincum vocari, quod significet fundo carentem. cui argumento adest oppidum iuxta Industria vetusto nomine Bodincomagum, ubi praecipua altitudo incipit.

126
Sequitur decima regio Italiae, Hadriatico mari adposita, cuius Venetia, fluvius Silis ex montibus Tarvisanis, oppidum Altinum, flumen Liquentia ex montibus Opiterginis et portus eodem nomine, colonia Concordia, flumina et portus Reatinum, Tiliaventum Maius Minusque, Anaxum, quo Varamus defluit, Alsa, Natisa cum Turro, praefluentes Aquileiam coloniam XV p. a mari sitam.

127
Carnorum haec regio iunctaque Iapudum, amnis Timavus, castellum nobile vino Pucinum, Tergestinus sinus, colonia Tergeste,XXXIII ab Aquileia. ultra quam sex milia p. Formio amnis, ab Ravenna CLXXXVIIII, anticus auctae Italiae terminus, nunc vero Histriae. quam cognominatam a flumine Histro, in Hadriam effluente e Danuvio amne eodemque Histro exadversum Padi fauces, contrario eo percussu mari interiecto dulcescente, plerique dixere falso, et Nepos etiam Padi accola;

128
nullus enim ex Danuvio amnis in mare Hadriaticum effunditur. deceptos credo, quoniam Argo navis flumine in mare Hadriaticum descendit non procul Tergeste, nec iam constat quo flumine. umeris travectam Alpis diligentiores tradunt, subisse autem Histro, dein Savo, dein Nauporto, cui nomen ex ea causa inter Emonam Alpisque exorienti.

129
Histria ut paeninsula excurrit. latitudinem eius XL, circuitum CXXV prodidere quidam, item adhaerentis Libruniae et Flanatici sinus, alii CCXXV, alii Liburniae CLXXX. nonnulli in Flanaticum sinum Iapudiam promovere a tergo Histriae CXXX, dein Libruniam CL fecere. Tuditanus, qui domuit Histros, in statua sua ibi inscripsit: AN AQVILEIA AD TITIVM FLVMEN STADIA MM. oppida Histriae civium Romanorum Agida, Parentium, colonia Pola, quae nunc Pietas Iulia, quondam a Colchis condita; abest a Tergeste CV. mox oppidum Nesactium et — nunc finis Italiae — fluvius Arsia. ad Polam ab Ancona traiectus CXX p. est.

130
In mediterraneo regionis decimae coloniae Cremona, Brixia Cenomanorum agro, Venetorum autem Ateste et oppida Acelum, Patavium, Opitergium, Belunum, Vicetia. Mantua Tuscorum trans Padum sola reliqua. Venetos Troiana stirpe ortos auctor est Cato, Cenomanes iuxta Massiliam habitasse in Volcis. Feltrini et Tridentini et Beruenses Raetica oppida, Raetorum et Euganeorum Verona, [/b]Iulienses Carnorum[/b]. dein, quos scrupulosius dicere non attineat, Alutrenses, Asseriates, Flamonienses Vanienses et alii cognomine Carici, Foroiulienses cognomine Transpadani, Foretani, Nedinates, Quarqueni, Tarvisani, Togienses, Varvari.

131
in hoc situ interiere per oram Irmene, Pellaon, Palsicium, ex Venetis Atina et Caelina, Carnis Segesta et Ocra, Tauriscis Noreia. et ab Aquileia ad XII lapidem deletum oppidum etiam invito senatu a M. Claudio Marcello L. Piso auctor est. In hac regione et undecuma lacus incluti sunt amnesque eorum partus aut alumni, si modo acceptos reddunt, ut Adduam Larius, Ticinum Verbannus, Mincium Benacus, Ollium Sebinnus, Lambrum Eupilis, omnes incolas Padi.

132
Alpis in longitudinem |X| p. patere a Supero mari ad Inferum Caelius tradit, Timagenes XXV p. deductis, in latitudinem autem Cornelius Nepos C, T. Livius III stadiorum, uterque diversis in locis. namque et centum milia excedunt aliquando, ubi Germaniam ab Italia summovent, nec LXX inplent reliqua sui parte graciles, veluti naturae providentia. latitudo Italiae subter radices earum a Varo per Vada Sabatia, Taurinos, Comum, Brixiam, Veronam, Vicetiam, Opitergium, Aquileiam, Tergeste, Polam, Arsiam DCCXLV p. colligit.

133
Incolae Alpium multi populi, sed inlustres a Pola ad Tergestis regionem Fecusses, Subocrini, Catali, Menoncaleni iuxtaque Carnos quondam Taurisci appellati, nunc Norici. his contermini Raeti et Vindolici, omnes in multas civitates divisi. Raetos Tuscorum prolem arbitrantur a Gallis pulsos duce Raeto. verso deinde in Italiam pectore Alpium Latini iuris Euganeae gentes, quarum oppida XXXIIII enumerat Cato.

134
ex iis Trumplini, venalis cum agro suis populus, dein Camunni conpluresque similes finitimis adtributi muicipis. Lepontios et Salassos Tauriscae gentis idem Cato arbitratur; ceteri fere Lepontios relictos ex comitatu Herculis interpretatione Graeci nominis credunt, praeustis in transitu Alpium nive membris. eiusdem exercitus et Graios fuisse Graiarum Alpium incolas praestantesque genere Euganeos, inde tracto nomine. caput eorum Stoenos.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta e en Ouropa

Messaggioda Berto » sab feb 20, 2016 1:50 pm

???

I VENICONES (veneti ?) DI SCOZIA
http://venetostoria.com/2016/02/19/i-ve ... -di-scozia

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... es.Ptolemy .jpg

19 febbraio 2016 di Millo Bozzolan

Quando Giulio Cesare conquistò la Gallia ha anche dovuto sottomettere la tribù marittima dei Veneti,
I romani si vantavano di averli presi tutti , uccidendo o riducendoli in schiavitù. Questo sembra essere però un molto conveniente mezzo di propaganda self-serving, e io per primo non ci credo.
Una tribù che si è specializzata in viaggi dell’oceano e nell’uso di imbarcazioni sarebbe difficile, se non impossibile, da “imbottigliare”. Un buon numero di loro sarebbe stato in grado di scivolare via di fronte a un tentativo di cattura da parte dei Romani.

COME E’ NATO IL NOME “VENETI”Qualche secolo dopo il geografo Tolomeo rileva che i veniconi vivevano nel nord-est la Gran Bretagna (nella regione di Fife e su entrambe le rive del Tay a nord), e una tribù chiamata la Venezia in Irlanda del Nord (Donnegal). Per il mio occhio è ovviamente lo stesso nome, Venic + ‘-on’ o ‘-n’.
Per inciso, l’uso di ‘ion’ è ancora usato come un plurale dal Galles, e la tribù Venet avrebbe probabilmente usato qualcosa di simile, facendo il nome Venet-on. Il suffisso ‘-on’ ricostruito è un plurale ed è anche in caso genitivo (vedere la lista di controllo di elementi lessicali proto-celtiche). Il caso genitivo è la ciliegina sulla torta perché genitivo qui significa ‘avere la sua origine in’. Così il suffisso ‘-on’ con un nome tribale indica ‘quelle (plurale) che hanno la loro origine in [toponimo]’.
Il nome è stato pronunciato veniconi ‘Wen-ichones’, molto probabilmente a causa di un cambiamento nel linguaggio. Nel caso di questa tribù, è Venet (la ‘t’ diventare un ‘ch’) + ‘-on’ (il genitivo plurale) + la successiva aggiunta di ‘-es’, che è un altro (e credo non necessario) plurale suffisso.
I Romani avrebbero probabilmente pronunciato male e a quanto pare ha aggiunto il suffisso plurale al già presente genitivo plurale, dandoci veniconi.

LUOGO
I veniconi occupano la stessa regione che i Romani hanno bisogno di invadere più volte al fine di sedare attacchi da parte dei Pitti nella parte orientale delle Highlands, e anche ‘della marina Picti’. Una fortezza legionaria è stata costruita a pinnata castra, Tayside (Pinnata Castra), zona occupata durante la fine del primo secolo entro il 20 d. C. dalla Legione Valeria.
Si deve sospettare che la zona marina dei Picti sia stata occupata da persone che tradizionalmente odiavano romani, per come sono partiti da là per attaccare la Britannia Romana. Tutto questo sembra puntare verso una tribù di guerrieri esperti con un nome (dato cambiamenti naturali nella pronuncia) che richiama un altro, precedente, di una tribù marittima in Armorica.
Si potrebbe facilmente ipotizzare che i sopravvissuti alla conquista romana dei Veneti in Gallia siano saliti sulle loro barche e si siano stabiliti a Fife e Donnegal. E le tribù ricostruite che occupavano Fife hanno continuato la lotta.
Una volta battuti a Fife dall’attacco romano , alcuni di loro a quanto pare sono entrati nel lato romano, e sono stati poi premiati in questo, con il territorio Deceangli / Gangani in quello che oggi è a nord-ovest del Galles, che i nuovi proprietari prontamente chiamati dopo la loro tribù.
Quelli di loro, che non hanno accettato i romani e non sono stati quindi ridotti in schiavitù, probabilmente furono assorbiti nella zona vicina dagli invitti Venicones che poi ha presoì il nome di Verturiones (Fortriu), con il quale hanno condiviso un’origine comune (vedere la mappa qui sotto).MapAD080_475
Venet è stato probabilmente pronunciato da quel momento (AD 100-300), e abbastanza presto, grazie all’aggiunta di una ‘g’, si stabilì nella sua moderna ortografia di Gwynedd.
Sequenza temporale
circa 58-52 aC – Giulio Cesare conduce legioni romane in Gallia.
circa 56 aC – la flotta di Cesare sconfigge i Veneti al largo della costa di quella che oggi è Bretagna.
circa 80 dC – Agricola marcia legioni nord attraverso Fife al Firth of Tay. Gli abitanti tra Forth e Tay sono i veniconi.
circa 390 Su richiesta del governo romano locale, possibilmente Coel Hen (Old King Cole – vedere i Re del Nord Bretagna), un ramo di romanizzati veniconi (Veneti) si muovono dal Manau nel Gododdin (votadini) del regno settentrionale, dal nord alla costa ovest di quello che ora è il Galles. Il territorio è dato a loro, a condizione che caccino gli irlandesi (Scotti) e per difenderla.
ORIGINI
Paul Johnstone Sea-Craft di Preistoria comporta una discussione utile di barche pelle e vele in pelle. Un riferimento laterale interessante è l’uso di vele in pelle per i Veneti dell’Armorica, sulle loro barche.
Giulio Cesare ha osservato sulle navi dei Veneti le vele in pelle, una pratica strana dal punto di vista di chi è abituato alle navi del Mediterraneo. Esso indica un’origine per i Veneti lontano dalla civiltà e le sue vele tessuto – che naviga avrebbero incontrato se la tribù sviluppato in situ in Armorica, come i commercianti costantemente navigato alla vicina Dumnonia per l’acquisto di stagno.

Generale Agricola passato per Fife icirca nell’80 dC

Indica anche una qualche origine in cui sarebbero necessari navi, una costa o un’isola. Questo ci lporta alle isole di Gran Bretagna e Irlanda, la riva della Gallia est della Gran Bretagna, e la regione della Scandinavia e del Mar Baltico. Le loro navi erano di legno, per cui un’origine in Irlanda è dubbia. Le vele erano in pelle, per cui un’origine in Gran Bretagna è dubbia. La Scandinavia si era abitata da tribù germaniche e finniche. Questo ci porta alle aree del Belgio nel nord della Gallia, la penisola dello Jutland, e la sponda sud / orientale del Baltico.

Proprio una barca sembra essere stato trovata a Bruges, in Belgio, reperto datato al II-III secolo dC . E da Bad Kreuznach, un mosaico che mostra una tale barca è anche figura 3 di una relazione Archeologia

Queste imbarcazioni si dice che hanno navigato sul Reno. Così come Far East erano barche in legno con vele in pelle usati? Perché…

Perché?

C’erano Veneti nel Baltico lungo la riva nella regione dei fiumi Oder e Vistola.

Il nome stesso significa ‘bianco’ in comune gallico. E ‘affine alle parole inglesi’ bianco ‘e’ l’inverno ‘. Potrebbe significare ‘la gente invernali, o potrebbe significare “i biondi” (capelli bianchi). O più probabilmente deriva da un antico leader o fondatore della tribù che potrebbero essere stati biondi e soprannominato ‘White’.

Si può immaginare una possibile migrazione dei Veneti dalla costa baltica via mare a Armorica. Poi una migrazione di sopravvissuti da Armorica a Fife in Scozia e in Irlanda Donnegal. Poi romanizzato Veneti di Fife in Galles occidentale e settentrionale e ha trovato i regni di Gwynedd e Ceredigion.

testo originale a http://www.historyfiles.co.uk/FeaturesB ... ones01.htm

https://it.wikipedia.org/wiki/Veniconi
I Veniconi furono un popolo dell'antica Britannia, noto solo per una citazione fatta dal geografo Tolomeo nel suo Geografia attorno al 150. Egli scrisse che la loro città era 'Orrea'. Questa città è stata identificata con il forte romano di Horrea Classis, situato da Rivet e Smith presso Monifieth, dieci chilometri ad est di Dundee. Per questo motivo si pensa che abbiano vissuto tra il Tay ed il Mounth, a sud di Aberdeen. L'etnonimo significa probabilmente "cani da caccia".Un'etimologia leggermente diversa, "simili a cani da caccia", identifica il nome con Maen Gwyngwn, una regione citata nel Gododdin.
Ammiano Marcellino afferma che la "cospirazione barbara" del 367 "al tempo dei Pitti, di cui esistevano due tribù, i Dicalidoni ed i Verturioni, assieme con i popoli guerrieri degli Attacotti e degli Scoti, si spostavano creando grande devastazione". Il termine Verturioni, citato in modi diversi in altre fonti, potrebbe essere un errore di scrittura del termine Veniconi.


L’AZZURRA TERRA DEI VENETI DI SCOZIA, I “VENICONES”.

http://venetostoria.com/2016/02/07/lazz ... -venicones

7 febbraio 2016 di Millo Bozzolan
L’azzurra terra dei Venicones nella scozia del Sud, che alcuni studiosi collegano ai Veneti superstiti dell’Armorica, soggiogati da Cesare. Più tardi in zona i legionari si scontrarono con le tribù dei “picti” (dipinti), chiamati così perché dipingevano i loro corpi in battaglia di azzurro, colore nazionale veneto.
522126_3548149073084_676225170_n
Scozia Il cuore dell’antica Patria dei Venicones è attraversato dal fiume Tay. un’altra suggestiva immagine.I Veniconi erano un popolo dell’antica Britannia , conosciuto per una sola menzione del geografo Tolomeo c . 150 dC . Ha registrato che la loro capitale era ‘ Orrea ‘ . Questo è stato identificato come il forte romano di Horrea Classis , che si trova da Rivet e Smith come Monifieth , sei miglia ad est di Dundee . Pertanto , si presume che abbiano vissuto tra il Tay e la Mounth , a sud di Aberdeen .


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 80_475.jpg


Uenet, ueni, uenetoi, uenetos win, wonne, von
etimoloja da voxi veneto bretoni-galo-çelte e xermane
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... 9SREU/edit
Immagine
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta e en Ouropa

Messaggioda Berto » sab feb 20, 2016 1:51 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Gałi e çelti ente ła tera veneta e en Ouropa

Messaggioda Berto » sab feb 20, 2016 1:51 pm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/156.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/157.jpg

Però "Fremaisto Voltigeneios" me par pì na voxe xermana
(el me sovien de: fre- da cfr. col todesco frei e l'angrexe free, anglosasone freo, .... -maisto da cfr. col venetego maisteratorbos de Aoronso del Cador e col plural angrexe maister) = libaro maistro (artexan) ?
Wardar anca l'eiscrision Este 32:
vza.n.zona.s[.to]vhremavh/[r]ema.i.s.t[nare.i.]tiia.i 0. pvo.l.t/[iio]len[o]
vdan donas[to] frema f[r]emaist[na] rei]tiiai op volt[io] len[o]


Maisteratorbos
viewtopic.php?f=88&t=166



Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/158.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/159.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/160.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /161-1.jpg



Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... avaj-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/81-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/82-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/83-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/84-1.jpg




Evidense arkeołojeghe dei çelti en Veneto e Furliana o Furlania

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... eatego.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/192.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/193.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/17-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/18-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/19-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /10/20.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 0/21-1.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30339
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Xenti de l'ara veneta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron