"Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu

"Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu

Messaggioda Berto » gio ott 22, 2015 9:46 pm

"Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu
viewtopic.php?f=130&t=1925


Ixlam, pałestinexi, ebraixmo, ebrei, Ixraełe
viewtopic.php?f=188&t=1924
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31941
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: "Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu

Messaggioda Berto » gio ott 22, 2015 9:46 pm

"Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu
"Olocausto voluto da Muftì". Anp, "vuole cambiare la storia"
Massimo Lomonaco TEL AVIV
22 ottobre 2015
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/m ... aadab.html

Bufera su Benyamin Netanyahu: in un discorso al Congresso mondiale sionista ha addossato la responsabilità della Shoah ai palestinesi. All'epoca Hitler - ha detto il premier - voleva "espellere gli ebrei" non "sterminarli, ma fu convinto alla Soluzione finale dall'allora Muftì di Gerusalemme Haj Amin al-Husseini, timoroso di un loro arrivo in Palestina sotto mandato britannico. Un'affermazione - poco dopo ha fatto retromarcia - che gli ha tirato contro una valanga di contestazioni interne ed esterne. A partire dai palestinesi: il presidente Abu Mazen, incontrando a Ramallah il segretario dell'Onu Ban Ki moon, ha respinto le dichiarazioni definendole "indifendibili e diffamatorie".

"Netanyahu - ha tuonato Abu Mazen - vuole cambiare la storia del popolo ebraico". Anche la Germania - dove per ironia della sorte Netanyahu è arrivato oggi - si è sentita in dovere di intervenire: "non c'è nessun motivo per cambiare la storia - ha osservato il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert - Conosciamo bene l'origine dei fatti ed è giusto che la responsabilità sia sulle spalle dei tedeschi". Il capo dell'opposizione Isaac Herzog ha accusato Netanyahu (figlio di uno storico) di avere compiuto una "pericolosa distorsione storica" e gli ha chiesto di correggerla perchè in questo modo si "minimizza la Shoah".

Lo stesso Centro Wiesenthal di Gerusalemme ha parlato di "affermazioni totalmente senza basi": "che il Muftì spingesse sui nazisti e volesse l'invasione della Palestina è fuori discussione, ma Hitler - ha detto Efraim Zuroff all'ANSA - non doveva essere convinto da nessuno". "Non ho avuta alcuna intenzione - ha ribattuto il premier israeliano - di sollevare Hitler dalla responsabilità per l'Olocausto e la Soluzione Finale. Hitler è il responsabile della Soluzione Finale e dell'eliminazione dei 6 milioni di ebrei. Lui ha preso la decisione. Allo stesso modo - ha proseguito - è assurdo ignorare il ruolo svolto dal Muftì di Gerusalemme al-Husseini, un criminale di guerra che incitò, spronò Hitler, Ribbentrop, Himmler e altri a sterminare gli ebrei di Europa".

L'analisi storica di Netanyahu (non nuovo a queste uscite) è legata - secondo molti analisti - all'attuale situazione nella regione dove c'è stato un elevato tasso di allarme. Una soldatessa israeliana è stata ferita in modo grave da un palestinese (poi ucciso dalle forze di sicurezza) che l'ha pugnalata nella zona di Ramallah. In mattinata - secondo l'esercito - una palestinese di 15 anni ha provato ad entrare nell'insediamento ebraico di Yitzhar in Cisgiordania per un tentato accoltellamento ma è stata ferita dai soldati. In serata, almeno un razzo lanciato da Gaza è caduto nel Neghev occidentale, nelle comunità israeliane attorno alla Striscia, senza provocare nè danni nè feriti. Ad Hebron un palestinese di 54 anni, secondo fonti palestinesi, è morto per aver inalato gas lacrimogeni durante scontri con l'esercito israeliano. La tensione resta dunque alta in tutta la zona e gli occhi sono puntati all'incontro che domani il segretario di stato Usa John Kerry avra' con Netanyahu a Berlino prima di incontrare Abu Mazen ad Amman.

Il ministro Gentiloni ha telefonato a Netanyahu per esprimere la preoccupazione dell'Italia per "la grave violenza". Lo scontro in atto si è spostato anche all'Unesco dove l'assemblea ha votato una risoluzione di condanna della gestione israeliana della Spianata delle Moschee a Gerusalemme ma senza riconoscere, come volevano i palestinesi, il Muro del Pianto come parte integrante della moschea di Al Aqsa, e quindi luogo di culto islamico. Una risoluzione che Israele ha respinto "totalmente" definendola "vergognosa" perchè "mira a trasformare il conflitto israelo-palestinese in uno scontro di religioni".
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31941
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: "Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu

Messaggioda Berto » gio ott 22, 2015 9:48 pm

Mi a stago co li ebrei e co Ixrael !

Ixlam, pałestinexi, ebraixmo, ebrei, Ixraełe
viewtopic.php?f=188&t=1924
Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... eliani.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31941
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: "Hitler non voleva sterminio ebrei", bufera su Netanyahu

Messaggioda Berto » ven apr 29, 2016 2:04 pm

Hitler sosteneva il sionismo?

https://www.facebook.com/dnobili/posts/ ... 68?fref=nf

Oggi Ken Livingstone, ex sindaco di Londra, è stato espulso dal partito laburista inglese, con la grave accusa di apologia del nazismo e antisemitismo. Noto per le sue posizioni anti-israeliane, ha affermato in un'intervista, che Adolf Hitler era un sostenitore del sionismo, prima di impazzire e finire con l'uccidere 6 milioni di ebrei.
In realtà, sebbene io nutra scarsa stima del personaggio, le sue dichiarazioni non sono completamente infondate e la sua espulsione, sulla base della mera " verità storica" , mi appare frettolosa.
Dopo l'avvento al potere di Hitler, la linea del partito sulla "soluzione al problema ebraico", era la migrazione di massa verso la Palestina; a tal proposito, per incoraggiare questa politica, furono avviati contatti con la Federazione Sionista della Germania. Il quotidiano del partito nazista "Der Angriff" fondato e controllato da Joseph Goebbels, pubblicò un reportage in dodici puntate di un viaggio in Palestina dell'ufficiale delle SS Leopold von Mildenstein, accompagnato dal dirigente sionista tedesco Kurt Tuchler. Nel reportage di propaganda sugli insediamenti sionisti, nella terra che poi sarebbe diventata Israele, si lodò la rinascita del nuovo popolo ebraico nella sue terra. Una medaglia celebrativa, con i due simboli, nazista e sionista sulle due facce, fu coniata da Goebbels e regalata ai lettori del giornale; si legge in tedesco:" Un nazista va in Palestina e racconta".
Queste vicende crearono la base per un accordo tra nazisti e sionisti, noto come "Haavara Agreement", in base al quale si facilitava l'emigrazione degli ebrei tedeschi in Palestina .L'accordo prevedeva il deposito di somme di denaro sulle banche tedesche, che poi sarebbero state investite per acquistare merci tedesche da esportare in Palestina. Sulla base di questo accordo, alcuni storici stimano che sono arrivati in Palestina, nella terra che poi sarà Israele, da 40.000 a 60.000 ebrei tedeschi; le transazioni equivalgono a circa di 14.000.000 di sterline dell’epoca!
Poi il "cambio di rotta": l'elaborazione e la pianificazione della soluzione finale, le deportazioni, i lager, le camere a gas e sei milioni di ebrei uccisi.
d.n.

PRECISAZIONE FONDAMENTALE ( dopo aver letto alcuni commenti): non si può dedurre che Hitler fosse sionista o che sostenesse ideologicamente il sionismo; meno che mai sposare l' equazione: sionismo = nazismo. Questo lo affermo, a scanso di equivoci, non perché io sia sionista, e lo rivendico con orgoglio, ma perché fu un accordo in base al quale quale sionisti e nazisti trassero dei vantaggi. Hitler stipulò anche un patto con i comunisti, Molotov-Ribbentrop, ma nessuno può dedurre che Hitler fosse comunista o che sostenesse il comunismo. Attenzione a come la storia può essere manipolata per fini propagandistici: non è questo l'intento del post.

Alcuni articoli sulla stampa israeliana:
https://www.kedem-auctions.com/he/node/10096
http://files.kedem-auctions.com/sale28/ ... ge161.html
http://www.malon.co.il/article.aspx?id=30747
http://files.kedem-auctions.com/sale43/ ... ge0148.pdf
https://he.wikipedia.org/wiki/%D7%94%D7 ... 7%A8%D7%94
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 31941
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Todeski e ebrei - ebrei e comounixmo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron