Ixlam (persecousion e stermegno dei creistiani)

Re: Ixlam (persecousion e stermegno dei creistiani)

Messaggioda Berto » dom dic 30, 2018 9:18 pm

I dementi contro il Natale, il presepio e il crocefisso
viewtopic.php?f=141&t=2022
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ixlam (persecousion e stermegno dei creistiani)

Messaggioda Berto » lun dic 31, 2018 9:45 am

Persecuzione dei cristiani in Turchia

Un uomo di fede cristiana prova ad esporre alcune bibbie su una bancarella in piazza Taksim, a Istanbul, nella laica Turchia.
Ecco la reazione della maggioranza musulmana:

https://www.facebook.com/21428844992897 ... 7364515449
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ixlam (persecousion e stermegno dei creistiani)

Messaggioda Berto » lun mag 27, 2019 2:52 pm

Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 25/05/2019, a pag.2, il redazionale dal titolo "Ancora raid e scontri in Siria"
Informazione Corretta

http://www.informazionecorretta.com/mai ... ErKU6W3Log

Finalmente il quotidiano della Santa Sede si è deciso di informare i propri lettori su chi attacca alcune città siriane, causando morti e feriti. IC l'ha puntualmente segnalato, tutti i pezzi erano titolati come quello di oggi, ma i responsabili degli attacchi rimanevano anonimi. Chi sarà mail l'attaccante?
Oggi cade la censura e veniamo informati che la resposabilità degli attacchi è da attribuirsi allo stesso Assad con l'aiuto delle forze militari di Mosca. Sono loro ad avere ordinato le stragi contro i civili siriani, evidentemente non in linea con il dittatore.
Mai dare notizie che possono dare una immagine negativa del mondo arabo-islamico, una regola pressochè comune nei paesi occidentali. Un passo importante sulla via della sottomissione.

DAMASCO, 24. Non tacciono le armi nella regione siriana di Idlib e nelle province limitrofe di Latakia, Hama e Aleppo. Ieri almeno sei civili sarebbero morti in conseguenza dei raid aerei delle forze governative coadiuvate dalle forze di Mosca. Altri tre uomini sono morti nel villaggio di Khan Shaykun e ancora non è noto il numero delle vittime negli scontri presso la valle del fiume Oronte. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) aggiorna, così, il bilancio dei civili coinvolti negli scontri dell'area nord-occidentale del paese all'indomani dell'attacco nel mercato ortofrutticolo di Maarrat Numan, dove hanno perso la vita 23 persone. Secondo l'Ondus, nelle ultime ore ammontano a oltre un centinaio gli attacchi aerei compiuti dalle forze di Damasco e di Mosca. A Kafr Aweid, nella provincia di Idlib, le incursioni aeree di giovedì hanno danneggiato gran parte degli edifici e aumenta il numero degli sfollati. Intanto, si incrementano gli scontri a fuoco nella provincia di Hama, dove le forze di Assad stanno accerchiando i jihadisti di Hayat Tahrir al Sham, gruppo vicino ad Al Qaeda. Assad promette di liberare le città della regione dalla presenza dei miliziani: ieri, nel terzo giorno di scontri, undici miliziani sono stati uccisi nella regione di Kafr Nabuda. Il ministero della Difesa della Russia ha riferito che un gruppo di jihadisti ha lanciato 17 razzi contro la base aerea russa di Khmeimim. Si tratta del secondo tentativo di attacco alla base russa in pochi giorni. Lo scorso settembre, l'area a nord-ovest della Siria è stata oggetto di un accordo tra Russia e Turchia su una zona demilitarizzata, creata per separare i territori occupati dalle forze ribelli al regime da quelli sotto il controllo del governo di Damasco. Secondo le organizzazioni umanitarie, tuttavia, questa zona cuscinetto non è stata rispettata: negli ultimi mesi, gli scontri si sono intensificati nel sud di Idlib e nel nord di Hama
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ixlam (persecousion e stermegno dei creistiani)

Messaggioda Berto » lun mag 27, 2019 7:15 pm

Attacco in chiesa: morti e feriti. Spari contro i fedeli durante la messa
27 maggio 2019

https://va.news-republic.com/a/66956310 ... 3988384777

Quattro persone sono state uccise in un attacco contro una chiesa cattolica nel nord del Burkina Faso , l’ultimo di una serie di assalti ai luoghi di culto cristiani nella regione. “La comunità cristiana di Toulfe è stata l’obiettivo di un attacco terroristico radunato per le preghiere della domenica”, ha detto in una dichiarazione domenica il vescovo di Ouahigouya, Justin Kientega. “L’attacco ha ucciso quattro dei fedeli morti.”

Una fonte della sicurezza ha riferito all’agenzia di stampa AFP “individui pesantemente armati hanno attaccato la chiesa … mentre i fedeli festeggiavano la messa domenicale” nella città di Toulfe, a 240 chilometri a nord-ovest della capitale Ouagadougou. “L’attentato ha causato il panico nel villaggio e molti residenti hanno cercato riparo nelle loro case o nella boscaglia”, ha detto un testimone.

La scorsa settimana, uomini armati hanno ucciso quattro cattolici in una processione religiosa, pochi giorni dopo che un sacerdote e altre cinque persone erano stati assassinati. Nessuno ha rivendicato gli attentati. Attentati che minacciano di sconvolgere i rapporti tradizionalmente pacifici tra i musulmani e i cristiani di maggioranza che costituiscono un quarto del paese. Il governo ha accusato i gruppi armati che operano nel paese e nella regione circostante del Sahel in Africa.

Le incursioni sono iniziate nel 2015 nel nord, prima di individuare Ouagadougou e altre regioni, in particolare a est. Secondo un conteggio dell’AFP. circa 400 persone sono state uccise dal 2015 – principalmente in incursioni. Gruppi armati hanno come obiettivo i cristiani e i musulmani che non considerano sufficientemente conservatori in un paese in cui tradizionalmente entrambe le religioni hanno convissuto pacificamente.

La Francia ha schierato 4.500 soldati in Mali, Burkina Faso, Niger e Ciad in un codice di missione chiamato Barkhane per aiutare le forze locali ad arrestare i combattenti. Le forze speciali francesi questo mese hanno liberato quattro ostaggi stranieri nell’ex colonia francese durante un raid notturno che ha ucciso due soldati.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 30216
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Stermini, xenoçidi e straj

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron