Rotso (Rotzo)

Rotso (Rotzo)

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 9:44 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Rotso (Rotzo)

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 9:49 am

???


http://www.rotzo.net

http://www.rotzo.net/Rotzo.htm
Il fascino antico della montagna
Ad occidente dell'Altopiano, dove il monte scende verso valle affacciandosi sulla Val d'Astico, sono situati Castelletto, Rotzo e Albaredo , i tre centri abitati che costituiscono il Comune di Rotzo, il più antico dei Sette Comuni dell'Altopiano.
Una larga strada divide, da est ad ovest, l'ondulata estensione verde e lungo questa strada tre gruppi di abitazioni. E' un paesaggio incantevole che conserva tuttora intatto il fascino dell'ambiente alpino. Ecco Rotzo, il capo luogo, che con il suo limitato respiro verde a sud sembra strapiombare sulle rocciose scogliere della Val d'Assa. Ad est Albaredo: case variopinte, alcune vicine, aggrappate al pendio del monte, altre un po' sparse verso la valle. Ad ovest Castelletto: un gruppo di case in una ridente conca, altre isolate nella pace e nel silenzio della fertile campagna. ... A sud-ovest la collina del Bostel, luogo nascosto e sicuro del primo insediamento umano sull'altopiano. Poco lontano, ad ovest, la Val d'Astico verso la quale la strada principale scende a zig-zag verso la vallata come un immenso nastro gettato capricciosamente dal vento sul roccioso pendio. Dall'alto della cima dell'Altaburg, domina su tutto il paesaggio la croce di Cristo che benedice e protegge e ricorda la nostra fede in Dio. '" Questo è il nostro paese che tanto amiamo. E' una piccolissima parte della nostra patria, ma nel nostro cuore e nel cuore di tutti i nostri emigrati sparsi per il mondo, occupa sempre un grande posto.
...
Il suo nome deriva dalla parola cimbra "Rotts" che significa: scoglio, roccia; più precisamente indica la rocciosa scogliera della Val d'Assa. ... ???

http://www.rotzo.net/Toponomastica.htm
Rotts = Roccia - scoglio - rupe


http://www.rotzo.net/Cenni_storia.htm
... Le prime tracce scritte su Rotzo si hanno, infatti, nell'800 (???).
In un documento del 917, in cui l'imperatore Rodolfo di Borgogna confermava al vescovo di Padova, Silicone, tutte le donazioni fatte dal re Berengario nel 912, Rotzo è nominato assieme ai villaggi di Gallio, Asiago, Albaredo e Roana.
Attorno al Mille, tra Rotzo e Castelletto, è edificata e dedicata a S. Margherita la prima chiesa dell'Altipiano. Nel 1204 in un incontro avvenuto presso il Prà della Varda a Cogollo tra i sindaci e i procuratori si delineano i confini dei comuni di Castelletto, Cogollo, Caltrano, Chiuppano, Velo e Arsiero.
I confini del comune di Castelletto (Rotzo) comprendevano un territorio che si estendeva fino alle porte d'Asiago, alla Valsugana e a sud oltre la Valdassa.
Nel 1250 abbiamo già notizia della chiesa arcipretale di Rotzo intitolata a S.Gertrude.
Nel 1310 i comuni dell'Altopiano si costituiscono in federazione: nasce così la Reggenza dei Sette Comuni. Sul portone del palazzo della Reggenza vi era scritto in cimbro:

"Sleghe un Lusaan. Ghenebe un Wusche. Ghel, Rotz, Robaan Dise saint Siben Alte Komeun Prudere Liben"

" Asiago e Lusiana, Enego e Foza, Gallio, Rotzo, Roana questi sono i Sette antichi Comuni fratelli cari".


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... a-1300.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /Carta.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... iago-2.jpg


http://de.wikipedia.org/wiki/Sieben_Gemeinden_(Italien)
Rotz (deutsch auch Ross, italienisch Rotzo)


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 7/kw-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /193-1.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... zo-171.jpg


Cfr. co roda, ruota, rotasion

http://www.etimo.it/?term=ruota
Immagine
Immagine

https://ga.wikipedia.org/wiki/Roth
https://it.wikipedia.org/wiki/Ruota
https://de.wikipedia.org/wiki/Rad
https://et.wikipedia.org/wiki/Ratas
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Rotso (Rotzo)

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 12:24 pm

Le assurdità e le falsità riportate in wikipedia:

http://it.wikipedia.org/wiki/Rotzo
Il toponimo Rotzo risale all' XI secolo, e viene indicato come uno dei primi insediamenti dell'Altopiano.
L'etimo deriva probabilmente attraverso il vicentino "rozzo" ???, "gruppo di case", dal latino "roteus" ???, "luogo recintato".


http://la.wikipedia.org/wiki/Piquentum

Non esiste nessuna voce vicentina "rozzo" = "gruppo di case", come non esiste alcuna voce latina "roteus" = "luogo recintato".
Non esiste alcun documento storico che contenga queste voci, come non esiste nessuna voce orale di questa natura.
Sono pura falsità per ingannare la buona fede della gente e imporre radici latini nelle terre venete, celtiche, retiche e veneto-reto-celto-jermaniche o prevalentemente germaniche come sono quelle dell’Altipiano dei sette Comuni.
Gli italiani sono abituati a mentire, a imbrogliare, a ingannare, a tradire, a truffare, a falsificare, a uccidere se occorre loro ...


Rozzo (cr. Roč) - Croazia
http://it.wikipedia.org/wiki/Rozzo
Rozzo (cr. Roč) è una località della Croazia, frazione del comune di Pinguente, nella Regione Istriana. È a circa 50 km a sud-est da Trieste lungo la strada verso Fiume.

Rozzo viene considerato un paese piuttosto che un villaggio per via delle sue testimonianze storiche. Il nome Rozzo deriva dal celtico Roz (il toponimo "Roc" è molto diffuso in vaste zone dell'area culturale celtica ???). L'area in cui si trova Rozzo (l'Istria nord-orientale) fece parte del limite meridionale della diffusione della civiltà celtica verso l'Adriatico. I Romani lo chiamarono Castrum Rotium (mancano le fonti), forse anche in analogia con la parola latina "roteus", che significa "luogo recintato" (??? non esiste tale voce in alcuna attestazione scritta o orale).
In epoca medievale, il suo nome fu per la prima volta menzionato in un documento scritto del 1064, come Rus. Da quella data e fino al 1209 Rozzo fu sotto il dominio del Margravio (o Marchese) d'Istria, per poi essere parte dei domini del Patriarcato di Aquileia. A partire dal 1420 e fino alla caduta della Repubblica di Venezia Rozzo rimase Comune veneto e cardine delle difese veneziane contro gli Austriaci. Successivamente fece parte del Regno d'Italia napoleonico, delle Province Illiriche ed infine dell'Impero d'Austria fino alla caduta di questo nel 1918. Dal 1918 al 1943 fece parte dello Stato Italiano, poi dell'Adriatisches Küstenland fino al 1945. Fu assegnato alla Repubblica di Jugoslavia con il Trattato di Pace di Parigi del 1947.

http://www.circoloistria.it/public/La%2 ... dioevo.pdf
(Interessante documento a parte le solite assurdità sulla romanità e la sua continuità; come se l’agricoltura istriana fosse nata in epoca romana e non prima continuando poi anche in epoca romana e germanica o medievale. In Istria i romani furono soltanto una minoranza tra gli autoctoni istro-celto-veneti-... . Di romano vi fù, per qualche secolo, la statualità e taluni elementi culturali, nonchè qualche migrante dall’area centroitalica e romana: funzionari, soldati, altro ... tutto qua.)


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /Rotzo.jpg


Rozzo

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /Rozzo.jpg



Roxa, rosa, roza, ...

Na roxa de balini, la roxa de li venti, el roxon de na cexa, probabilmente anca el roxario (la corona ke forse no la ghe entra tanto co li fiori ciamasti rose), el roxolo de mas-cio, ... = na roda, on rodolo, on rodho, ... (rota, rotolo, ...); anca na çerta coantetà, on mucio endefenio, on s-ciapo, na sfilsa, on çerto nomaro, ...

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... o-roza.jpg


Rozzano
http://www.fondazionerudh.it/storia_arte.php
La storia di Rozzano di Elena Asero
In base alle nostre ricerche possiamo ipotizzare che le origini di Rozzano siano molto antiche, e ricorrendo alla toponomastica abbiamo cercato di sostenere una tesi diversa da quella che riconduce l’origine al nome del legionario romano Rutius.
I nomi con i quali si designano i luoghi non cambiano facilmente, ma neppure sono immutabili. Per cause diverse essi possono essere sostituiti con altri nomi, ma un rinnovamento del sistema toponomastico di una regione non si verifica se non per cause gravi, come per esempio, quando, ad antichi abitanti subentrano in misura più o meno totale nuovi abitanti, i quali tenderanno ad usare per quei luoghi nomi nuovi nella loro lingua. Inoltre, neppure la sostituzione in una regione di una lingua con un’altra diversa comporta di solito uno sradicamento in grande scala della toponomastica precedente, infatti i nuovi abitanti prenderanno dai primi molti dei nomi di luogo con i quali i nativi designavano le città, le montagne, i fiumi o i laghi.
Pertanto, si può affermare che i toponimi sono in origine parole comuni della lingua dei primi abitatori, e poiché i toponimi sopravvivono alle popolazioni e alle lingue che li inventarono, diventano i testimoni delle differenti etnie che hanno abitato una regione nel corso dei secoli. I toponimi portano con sé i marchi distintivi della lingua a cui appartennero, e ci permettono di identificare con una certa precisione la filiazione etnica dei primi abitanti.

Per rendersi conto dell’origine di un agglomerato urbano occorre osservare sia la posizione, sia l’ambiente geografico in cui viene a svilupparsi. Conviene ricordare che il nostro territorio si trova in un bassopiano ricco di terreni argillosi che prima dell’intervento umano era caratterizzato da acquitrini, paludi e selve. Questo luogo pertanto si rivelò adatto per l’insediamento umano preistorico, sia per l’abbondanza dei corsi d’acqua, sia per il legname, sia per la selvaggina, e non per ultimo, per l’argilla utilizzata nelle tecniche costruttive.
Qui l’uomo aveva tutto ciò di cui aveva bisogno.
Noi sappiamo che il nome Rozzano deriva dalla radice “Roz” e dalla desinenza “-anum”. “Roz” proviene dal latino Rutius o Rotius traduzione del nome ruber che in indoeuropeo significa “rosso” da *rudh-. Quale nome migliore avrebbero potuto dare a questo luogo i primi abitanti, che presumibilmente erano di origine celtica, se non quello di "rosso" prendendo spunto proprio dal colore del terreno?
Si ritiene verosimile che il nostro territorio fu toccato dalle popolazioni celtiche in quanto molto probabilmente esisteva un itinerario commerciale che utilizzava una pista lungo il fiume Olona. Un tempo questo fiume fluiva a ponente di Milano e il nome Olona compare ancora in un modesto corso d’acqua che si trova nei nostri territori, impoverito dalle irrigazioni e ridotto alle funzioni di colatore, che però nel percorso conserva l’andamento sinuoso caratteristico di un fiume. E’ molto probabile che l’antico corso d’acqua naturale, scendendo da nord, ancora all’inizio dell’impero romano, passando per Rozzano e poi per Binasco fluiva verso Lacchiarella, dirigendosi verso sud per gettarsi nel Ticino.

Un altro dato che ci permette di ipotizzare che il toponimo Rozzano non è di origine romana consiste nel fatto che tutti i documenti medioevali non riportano l’esistenza di un alcun fundus, e ciò ci porta a concludere che in questo luogo non era attestata nessuna proprietà privata; come invece avviene per Quinto de’ Stampi, Ponte Sesto e Cassino Scanasio.
Ricordiamo che Quinto de’ Stampi e Ponte Sesto sono invece di indiscutibile origine romana. Essi sorsero quando fu costruita la strada consolare Mediolanum-Ticinum che iniziava appena fuori Porta Gemina, Ticinese di Milano e proseguiva in linea retta sino a Pavia. La strada era lunga 21 miglia e ad ogni miglio vi era una lapide, la quale in alcuni casi dette il nome alle nuove località che vennero fondate lungo il percorso. E così il toponimo Quinto ricorda la V lapide, e solo in epoca medioevale gli fu aggiunto de’ Stampi in favore della famiglia che ne possedette la proprietà. Il toponimo Ponte Sesto invece oltre a ricordare il VI cippo miliare conferma l’esistenza di un ponte che oltrepassava il Lambro presso cascina Gambarone.


https://it.wikipedia.org/wiki/Rozzano

Rozzano è un comune italiano di 42.494 abitanti della città metropolitana di Milano, in Lombardia, sulla direttrice che collega il capoluogo lombardo a Pavia.
Data la vicinanza con la tangenziale Ovest di Milano è possibile raggiungere agevolmente la città in automobile attraverso le tangenziali di Milano. A Rozzano, l'Olona alimenta il Lambro meridionale.

Storia
Il primo governo a configurare il Comune di Rozzano così come oggi è, fu quello di Napoleone che nel 1809 decretò l'annessione di Torriggio e nel 1811 quelle di Cassino Scanasio, Pontesesto e Quinto de' Stampi. Gli austriaci dapprima annullarono tutto nel 1816, ma poi ci ripensarono riguardo a Torriggio e Cassino Scanasio nel 1841, mentre fu Vittorio Emanuele II nel 1870 a sancire l'unione finale con Pontesesto, che portava in dote anche Quinto.

???
Etimologia
L'origine del nome potrebbe derivare dal nome latino di persona Rutius o Erucius con l'aggiunta del suffisso -anus che indica appartenenza.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Rotso (Rotzo)

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 12:27 pm

Xe posibiłe ke Roxo, Rozo, Rozzo, Rotzo, ... el sipia da ligàr a ła voxe veneta troxo, trozo, trodho, tròho, stroxo, strozo, troi, (grego triodion, gotego trudan, ...), ... ???


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /troxo.jpg



Cfr. co:


Rue
http://fr.wikipedia.org/wiki/Rue

Route
http://fr.wikipedia.org/wiki/Route
Le mot « route » dérive du latin (via) rupta (rotta-rottura ???), littéralement « voie brisée », c'est-à-dire creusée dans la roche, pour ouvrir le chemin. ???


Rotta
http://it.wikipedia.org/wiki/Rotta_navale
rotta 2,
s. f. ‘via che compie una nave o un aeromobile procedendo con precisa direzione’ (1853, D'Ayala; semplicemente per ‘via, viaggio’: 1812, Bernardoni; nel 1640, Oudin istituisce l'equivalenza troppo sintetica rotta = route; per ‘corso, via di mare’ rota, rotta è frequente nei Portolani del Quattrocento).
Locuzioni: far rotta ‘navigare in una direzione determinata’ (1804, D'Alb.).
Si ritiene vc. fr. (1552), come anche la loc. faire route (1680), der. da route (1180) ‘direzione seguita per andare in un posto’, estensione del sign. proprio di route ‘strada’, dal lat. (via(m)) rupta(m), che si spiega con la specifica indicazione originaria di una ‘via aperta rompendo un bosco’ ??? (K. Baldinger in Serta Romanica 98-100). Ma l'espansione della vc. in senso mar. si deve agli Spagnoli, come mostrano le precoci testimonianze cit. da Zacc. Ib. 354-355.


Route
En todesco = itinerario, percorso, rotta.

Road
http://en.wikipedia.org/wiki/Road


Troxo, trodho, troi, troed, treide, traget, treureo, tre, tri, ....
viewtopic.php?f=44&t=993


Maria Teresa Vigolo – Paola Barbierato, Convergenze cadorino-friulane in ambito toponomastico in “Atti del secondo convegno di Toponomastica Friulana, Udine, 22-23 novembre 2002, in Quaderni di toponomastica friulana, nn. 6-7 (parte I e II), a cura di F. Finco, Società Filologica Friulana, Udine 2007, pp. 343-379.

http://www.pd.istc.cnr.it/index2.php?op ... iew&gid=71

Tra le denominazioni dei sentieri fatti dagli uomini o dagli animali sono molto noti in cadorino e in friulano gli appellativi con vasti riflessi nella toponomastica troi, truoi (sing.) tros, trois (pl.) - di ampia diffusione nei dialetti dell’Italia nordorientale - di cui i Laudi cadorini offrono documentazione:
trojus: (a.1444) “si quis itinerem, vel troijum de novo, unde non haberet, quod condemnetur in uno soldo pro quolibet, et qualibet vice, et intelligatur trojus, si continuatus videtur” [Laudo di S. Stefano 1444, art.31]; troius: (a.1552) “a troio de Nebludo inferius” [Laudo di TAI di Cadore1552, art.34]; (a.1559) “incipiendo a troio supra Marì de la Olla” [Laudo di Sottocastello 1599, art.37]; troyus: (a.1444) “incipiendo in Collem de Zovo de Longo veniendo per troyum” [Laudo di S. Stefano1444]; (a.1510) “Item si quis iverit per herbas et blada aliena extra troyos consuetos perdat…” [Laudo di Vigo1510, art.30]; pl. troya: “quilibet qui iret per canpos alienos vel per troya non consueta perda[t] comuni parvos V” [Laudo di Cibiana1365, art.27]; truozo: (a.1598) “se alcuno per l’avenire sarà ritrovato andar per campi et vare de altri facendo truozi insoliti sia condanato per cadauna volta soldi cinque” [Laudo di Nebbiù1598, art.X]; (a.1620) “dal Rusecho fuori per il truozo nel quale vano le crose” [Laudo di Nebbiù1620, art.XLV]; trozo: (a.1757) “se qualcuno averà ardire di far da nuovo nelle pertinenze di detto regolato di Pozzale qualche trozo insolito e non consueto, perda soldi quaranta” [Laudo di Pozzale1757, art.51]; (a.1761) “sopra la Biguzzera di Cornon sino al Trozo delle Mandre” [Laudo di Lozzo1761, n.186]; (a.1783) “nella Tavella essere debba un Trozo pedestre, cioè per le sole persone” [Laudo di Vallesella1783, art.63]; trodo: (a.1761) “sotto il Trodo delle Mandre sino alla Vizza di Faè” [Laudo di Lozzo1761, n.186]; (a.1776) “doveranno farsi li pontini soliti nei trodi” [Laudo di Vodo1776, art.22]. Fabbiani nel commento ai numerosi Laudi da lui pubblicati nota che troyos sono i sentieri, in cad. troi, trozo, trodo, plurale trós; mentre trozo e trodo sono piuttosto forme venetizzate che formano il modello di riferimento negli scritti notarili. Un altro editore dei Laudi cadorini, Zanderigo Rosolo 195 n. 21, specifica che troius, comel. troi, è il viottolo pedonale campestre. Il termine è attestato in lat. medievale da Sella 595 troilum, troium “sentiero”; 596 trosum “sentiero”. In ambito friulano tròi è registrato dal NPirona 1219 come ‘sentiero da pedoni’ e tale specificazione viene riportata anche nella spiegazione del toponimo della Val Pesarina10 in Lamberti 152, dove si nota che Troi, Trois è toponimo comune in friulano.
L’importanza delle precisazioni cadorine e friulane sta nel fatto che trói conserva qui il suo significato originario di sentiero fatto con i piedi o con le orme dei piedi, per cui ciò che poteva apparire di primo acchito immotivato, cioè l’accostamento del significato di ‘sentiero’ alle parole panceltiche per ‘piede’ è invece strettamente correlato e in alcune varietà dialettali tale correlazione è linguisticamente espressa.
Se infatti il trogium del latino medievale viene rimandato tra le altre ipotesi al gallico già da Meyer Lübke (REW 8934), che cita Schuchardt, alcune precisazioni che rinforzano tale etimo sono state avanzate da Hamp1982, 42-44 e da Trumper 1998, 239. Viene ricostruito infatti come etimo gallico un *troget- (Pokorny propone un derivato di IEW 1089-90 *tragh- / *trogh), parola panceltica per ‘piede’ per cui sono giustificate le attestazioni cadorine e friulane che si riferiscono al sentiero pedonale.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Rotso (Rotzo)

Messaggioda Berto » ven mag 06, 2016 12:48 pm

Cfr. co:


Rotta
http://it.wikipedia.org/wiki/Rotta_(Germania)
Rotta è un comune tedesco di 860 abitanti, situato nel land della Sassonia-Anhalt.
http://de.wikipedia.org/wiki/Rotta
http://en.wikipedia.org/wiki/Rotta,_Germany
Rotta had its first documentary mention in 1323.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Rotz-c.jpg


http://www.worldcitydb.com/france_(general)_in_france_state.aspx
Rosamel Rosans Rosans Rosay Rosay Rosay Rosay Rosay Rosay Rosay Rosay Rosazia Rosbrack Rosbras Rosbruck Roscanvel Roschwoog Roscoff Rose Rosenau Rosendael Rosenwiller Roseriere Rosey Rosey Rosheim Rosier Rosiere Rosiere Rosieres Rosieres Rosieres Rosieres Rosieres Rosieres
Rosieres Rosieres Rosieres Rosieres Rosiers Rosiers Rosis Rosmadec Rosnay Rosnay Rosnay Rosnay Rosnes Rosnoen Rosny Rosny Rosoy Rosoy Rosoy Rosoy Rospellem Rospez Rospigliani Rosporden Rosquelfen Rossas Rossay Rossay Rossbruck Rosse Rosselange Rossfeld Rossillon Rossine
Rosson Rossy Rosteig Rostellec Rosterh Rostiviec Rostrenen Rostudel Rosult Rosureux
Rotalier Rotangy Roteneuf Rothau Rothbach Rotheneuf Rotherens Rothois Rothonay Rothonod Rotier Rotoy Rott Rottane Rottani Rottelsheim Rottier Rotudal

http://www.worldcitydb.com/united_kingdom_country.aspx
http://www.worldcitydb.com/united_kingdom_(general)_in_united_kingdom_state.aspx

Roscavey Roscor Rose Ash Rosebush Rosecrowther Rosedale Abbey Rosehall Rosehearty Rosemarket Rosemarkie Rosemount Roseneath Rosetta Rosgill Rosheath Roshven Roslea Rosliston Rosneath Ross Ross on Wye Rosscor Rosset Rossett Rossglass Rossington Rossinish Rosskeen Rosslea Rosstrevor Rostherne Rosthwaite Rostrevor Rosyth Rothbury Rotherdam Rotherfield Rotherfield Peppard Rotherham Rotherhithe Rothersthorpe Rotherwick Rothes Rothesay Rothiemurchus Rothienorman Rothley Rothley Rothwell Rothwell Rothwell Rotsea Roxburgh Roxby Roxby Roxton Roxwell


http://www.worldcitydb.com/freistaat_sa ... state.aspx
Roitzsch Roitzsch Roitzsch Roitzsch Roitzschen Roitzschjora Rollingshain Romerei Romersgrun Rosenfeld Rosenhain Rosenthal Rosenthal Rosenthal Rosenthal Rosenthal Rosentitz Rosinendorfchen Rossau Rossendorf Rossgen Rossnitz Rossthal Rosswein Rostig
Rote Jahne Roter Ochse Rotha Rothenbach Rothenbach Rothenbach Rothenburg Rothenfurth Rothenkirchen Rothensehma Rothenthal Rothersdorf Rothnausslitz Rothschonberg Rotschau Rottewitz Rottis Rottluff Rottmannsdorf Rottwerndorf

http://www.worldcitydb.com/lower_saxony ... state.aspx
Rosche Rosdorf Rosebruch Rosenberg Rosenthal Rosenthal Rosenthal Rosenweide Rosien Rossfelde Rossing Rostrup Rostruperfeld Rotenbrande Rotenburg Rotenhahn Rotenkamp Rotenkirchen Rotgesbuttel Rothemuhle Rothenmethen Rothertshausen Rotlake Rott Rotthausen Rottinghausen Rottmann Rottmunde
Rottorf Rottorf Rottorf Rottum Rotzum

http://www.worldcitydb.com/tyrol_in_austria_state.aspx
Rosenegg Rossschlag Rothenbrunn Rotholtz Rotholz


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... dorf-C.jpg


http://www.worldcitydb.com/bavaria_in_g ... state.aspx
Rotz Rotz Rotzendorf Rotzing Rotzling

http://www.worldcitydb.com/gavleborg_in ... state.aspx
Rogsta Rogsta Rokebo Rolfhamre Ronnbacken Rorberg Roskolen Rossen Rossla Rosta Roste Rostebo
Roteberg

http://www.worldcitydb.com/poland_country.aspx
http://www.worldcitydb.com/poland_(general)_in_poland_state.aspx
Rosle Wielkie Rosocha Rostow Roszkowa Wola Rothebude Rozanna Roznow

http://www.worldcitydb.com/dolnoslaskie ... state.aspx
Roscislawice Rosciszow Rosenborn Rosenhain Rosenthal Rosochata Rososznica Rosslingen Rossweiler
Rostoka Roszyce Rothbach Rothenbach Rothenbach in Schlesien Rothsurben Rowne Rozana Rozana
Rozana Rozanka Roztocznik Roztoka Roztoki Rozyniec

http://www.worldcitydb.com/koszalinskie ... state.aspx
Roscin Roscin Roscino Rosnowo Rosnowo Rosocha Rossenthin Rossnow Rotnowo Row Rowne Rozansko Rozewo Roznowo Roznowo Lobeskie Roznowo Nowogardzkie Rozwarowo

http://www.worldcitydb.com/kujawsko-pom ... state.aspx
Roscimin Rosochatka Rozalinowo Rozanna Rozen Rozen Parcele Rozgarty Rozinowo Rozniaty Roznowo
Rozpetek Rozstrzebowo Rozwarzyn Rozwazyn



Rotzbergs
...

Rotzloch

http://de.wikipedia.org/wiki/Rotzloch
http://de.wikipedia.org/wiki/Rotzloch
Rotzloch è un villaggio nel comune Stansstad nel Cantone Nidvaldo nel Svizzera.

Il Rotzloch è un posto piccolo tra la riva e Rotzberg Lago di Alpnach .

In origine , questo è probabilmente il colmo Rotzschlucht cascata Mehlbach un Delta e ha fornito il terreno per le aziende commerciali e industriali più tardi . Lo stesso flusso fornito anche l'energia che era in corso di 400 anni utilizzato da varie aziende per la loro produzione e quindi garantire la Rotzloch in un sito industriale importante .
Nella seconda metà del secolo scorso , la roccia della Rotzbergs è stato scoperto come una fonte di materie prime.
Grazie alla sua posizione sul Lago dei Quattro Cantoni la città è un luogo di investimento nave Società Navigazione Lago dei Quattro Cantoni.
Il paese è dominato dalle piante , ma il STEINAG Rozloch AG, la roccia di più clicca qui .
http://www.mueller-steinag.ch/index.php?id=56


Rötz
https://it.wikipedia.org/wiki/R%C3%B6tz
Rötz è un comune tedesco di 3.520 abitanti, situato nel land della Baviera.

https://de.wikipedia.org/wiki/R%C3%B6tz
Rötz ist eine Stadt im Oberpfälzer Landkreis Cham.
Der Name ist vermutlich slawischen Ursprungs und wurde wahrscheinlich als Bachname verwendet. Herleiten lässt sich dies auch durch das altslawische Wort rêka „der Fluss“ bzw. recica „Flüsschen, Bach, Bächlein“.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Rotso (Rotzo): Na proposta etimolojca

Messaggioda Sixara » lun nov 06, 2017 8:23 pm

Cuà na proposta etimologica so
Rojòto - Rotzo
[...]

E’ probabile dunque che lo stesso toponimo Rotzo, un comune dell’Altipiano, che Pellegrini spiega come derivato da roteu, indicasse originariamente “mucchio di case” o addirittura “mucchio di pecore”, o, per estensione “luogo di raccolta del mucchio di pecore”, dato che sopravvive con questo significato il termine tecnico della pastorizia rojòto. Un parallelismo si trova nella toponomastica trentina, citata da Lorenzi 1932: 736-38 a proposito di Roz di Castellano (Villa Lagarina) dove, per spiegare il toponimo Roz si fa riferimento al senso di rotio vaccarum... rotio pecudum, cioè ad un equivalente di s-clapo "schiappo, branco, gruppo", un significato che bene si addice alla vita pastorale del passato (Pellegrini 1990: 411). L'ipotesi sembra confermata dalla denominazione che i pastori dell'Altopiano conservano per "gregge" rojòto. Lo stesso significato si trova in altre aree conservative e marginali delle lingue romanze, come il sardo logudurese ruyu, rugru "gregge, bestiame" (REW 7397).
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm


Torna a Łengoa çinbra e çinbri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron