Piccolo vocabolario cimbro (La valle dell'Orco).

Piccolo vocabolario cimbro (La valle dell'Orco).

Messaggioda Berto » mar lug 22, 2014 9:33 pm

Voxonaro ceo de la Val de l'Orco - Piccolo vocabolario cimbro (La valle dell'Orco).
viewtopic.php?f=105&t=1017

https://m.facebook.com/notes/tzimbarn-c ... 7713507215

Acheni: da aichen/eichen = querce, posto delle querce.
Ackar: campi
Altarknotto: altare di sasso.
Altenburg: antica fortezza, antico scoglio
Angar: prato recintato vicino alle case
Anghebeni: (lanc + eben) piano lungo
Anghebisele: località prativa
Anghekar: campo stretto
Arbatan: lavorare
Ars: sedere
Asadestar: adagio
Ast: ramo
Aste: pascolo alpino
Aste: da awist
Aspach: luogo di betulle
Aspar: abitante di Albaredo
Ave: prati umidi, fertili
Awist: ovile

Badenecke: monte
Baffelan: (bolfl wolf+ lantl tal) terra dei lupi
Baide: salice selvatico
Baier: da weiher. stagno.
Baigar: (baimar garto) orto dell'uva
Bainacht: natale/ notte bianca? (froa bainacht: buon natale)
Baip: donna, moglie
Baiz: bianco
Baldo: bosco
Bàllare: campo del bosco, campo irrigato
Balt: bosco
Baltman: boscaiolo
Banghertele: orticello
Bant: sasso
Barbist: da oberbise, prati di sopra
Barental: valle di passaggio
Barme: caldo
Basser: acqua
Bazzar: acqua
Beg: strada
Bege: via
Begala: sentiero
Beghenate: le 12 notte delle feste natalizie
Belt: campagna, fondo
Belt: cielo, mondo
Berchta: "la splendida", dea protettrice delle filatrici.
Berga: monti; strada che porta ai monti
Billemecapre: capre selvatiche
Billeraut: luogo disboscato, aspro
Bintekkele: collinetta del vento
Bintele: luogo del vento
Birtan: nascere
Birte: oste
Bis: prato
Bisa: prato
Bise: prato
Bisele: piccolo prato
Boffetal: (bolfl wolf + lantl tal) valle dei lupi
Boichte: abete rosso
Bolche: nuvola
Bostel, Postel: stalla, luogo nascosto, rifugio sicuro.
Brotz: carro
Brun: sorgente
Bruni: da brun, sorgente
Brunelli: da brun, sorgente
Büscar: boscaioli

Campantall: bosco con brutta valle
Carega: (kar + egge) cima delle conche rocciose
Cisele: prati con buon fieno
Cjorke: cespuglio
Chemple: piccolo campo
Cherle: conca rocciosa
Craucen: croce
Crosebech: crociocchio
Cubi: da Kubel, gruppo di case

Draikaisertak: epifania, giorno dei tre Re
Dreimal: palo

Earde: terra
Ebane: zona pianeggiante
Eben: pianoro
Ebene: luogo pianeggiante
Ecarle: piccolo campo
Ecchele: piccolo colle
Eckarle: piccolo campo
Ecke: dosso
Eckele: piccolo colle
Eike: colle
Eisch: frassino
Eister: rami
Eitza: aceto
Elbene: alto pascoletto, alpetta
Elenden: povero
Elter: genitori
Eltarle: piccolo altare
Em: pianoro
Engar: campo lungo
Engherle: piccolo prato vicino a casa
Erbest: autunno
Esan: adesso
Esental: valle dei frassini

Fassong: carnevale
Fiss: duro
Fratte: radura
Formigari: (vor Michalhorn) davanti al gran corno
Fugazze: (da fug + gasse) strada pubblica

Galaita: declivio
Gamoan: comune, feudo
Gane: strada ripida
Ganuack: abbastanza
Garberie: da gerberei, conceria
Garte: orto
Gartele: piccolo orto
Garto: orto
Gastach: strada ripida
Gavin: guadagno
Gazza: strada
Geche: miniera
Ghecchelini: minatori (?)
Gherberei:conceria
Ghelpach: ruscello di gallio
Ghertele: piccolo orto
Ghetarle: cancelletto
Gheterle: piccolo cancello
Ghital: capretta
Gisbenti: bosco dissodato per pascolo
Goaz: capra

Kebbia: gabbia
Keiste: castagna
Kellarle: cantinetta
Kemming: camino
Kerle: piccola curva
Kersempome: albero delle ciliegie
Kesar: casara
Kesarle: piccola casara
Kese: formaggio
Kestalle: piccolo castello
Kezzelprenno: sorgente del paiolo
Kint: bambino
Kitz: capretto
Klockebek: strada delle campane
Klosse: passaggio stretto
Knotto: sasso, dirupo
Koate bant: sasso franoso
Kobel: luogo riparato
Kofel: cima a cupola
Kolj: carbone
Koolgruba: buca del carbone
Köttlen: piccoli sassi rotondi
Koular: carbonaio
Krantz: monte
Krighe: guerra
Kroisle: crocetta
Kroizabeg; incrocio di strade
Krompackar: campo curvo
Krota: rospo
Kua: mucca
Kubel: gruppo di case
Kuklen: fischietto di argilla
Kuval: covolo
Kuvalacher: campo gobbo
Kuvale: piccola collina

Laaba: pozza
Laas: bosco
Laben: pozze
Labental: valle della pozza
Laber: acqua che scorre
Labertal: (laverda) valle dell'acqua che scorre
Laita: declivio, riva
Laite: pendii
Laiten: pascolo erto
Laitle: piccola riva
Lammar: mucchio di sassi
Lamp: agnello
Langhe: lungo
Langhebek: lungo sentiero
Larche: larice
Laverda: posto di guardia
Lazarit: lazzaretto
Leder: cuoio
Lebele: piccola pozza
Lechele: piccolo colle
Leghen: proprietà
Lemarle: monte di piccoli mucchi di sassi
Lempilja: agnellino
Lerch: larice
Lerche: zona coperta di larici
Lertel: valle del larice
Linta: luogo dei tigli
Linto: tiglio
Loch: buco, voragine
Lochar: cavità
Loche: cavità
Loitekubala: cavità della gente
Lomase: ciglio di una rupe/terreno franoso
Lonaba: stagno, marna
Longabeghele: sentiero lungo
Longabisa: prato lungo
Lop: foglia
Lopar: fogliame

Magnarut: bosco erto e incolto
Mano: luna
Massa: luogo dove veniva accatastato il legname
Maurach: muri
Meizzar: coltello
Mendarle: mandria
Merghe: cavalla
Metterbise: prati di mezzo
Metterreike: dosso di mezzo
Monte spil: monte del capitello
Mörar: luogo paludoso
Morecke: collina delle more
Morghenstern: stella del mattino, Venere
Mosch: palude
Mosele: palude/piccole paludi
Moss: terreno paludoso
Muatar: madre

Nuspome: albero delle noci

Oa: uovo
Oache: quercia
Oba: pascolo, fondo
Ober: sopra
Obra: prati di sopra
Ocke (oga eke): colle delle querce
Ocsabeck: strada dei buoi
Onari: da horn, corni
onek: miele
Orgaltal: valle dell'orco
Oube: pecora
Ouwe: prato
Oxo: bue

Pach: ruscello, sorgente, torrente
Pache: faggio
Pachaltall: valle dove scorre l'acqua sorgente
Pakstall: valle del ruscello
Pail: scure
Par: orso
Parlati: declivio dell'orso
Part: barba
Pazul: pascolo
Pearg: monte
Per: orso
Perballa: trappola dell'orso
Perch: monte, altura
Perchtega: dea potrettrice delle partorienti
Perg: monte
Pergan: montagne
Pergman: montanaro
Perghele: piccolo monte
Perk: monte
Pernecchele: dosso della mangiatoia
Perloch: tana dell'orso
Pfar: toro
Pietzagar: lampo
Pike: mazza
Pilache: betulla
Pirche: betulla
Pirco: betulla
Piss: cascata
Plezzo: bosco piano
Ploha: prato pulito
Pödame: terreni piani
Podom: fondo
Poiche: faggio
Pome: albero
Pomo: albero
Ponterle: strada erta e sassosa
Pöslen: luogo di terra secca, magra
Pozzabisa: prato del pozzo
Prache: da brach = maggese, campi lasciati a maggese
Pranabise: prato della sorgente
Prat: pane
Prenno: pozzo, sorgente
Prinele: piccola sorgente
Proat: pane
Pron: fontana
Protto: rospo
Protz: carro
Pruch: ponte
Prucka: ponte, scala
Prugnele: (maso vicino a foxi) piccola fonte
Prunde: fontana, sorgente
Prundala: fontanella
Prundele: piccola sorgente
Prunno: sorgente, fontana
Prunobalt: sorgente di bosco
Pua: osso
Pübel: collina
Pubel: contrada
Puech: faggio
Puffele: piccola cima
Pumaltabisa: prato rotondo
Puvel, Pivel: collina, piccola sommità
Puzzarbek: strada del pozzo

Rach: muschio
Rader: ruote
Raitele: posto scivoloso o posto disboscato
Raitertal: valle carrozzabile
Rame: corvo
Rameston: sasso del corvo
Raossi: da raus, luogo dei mirtilli
Rasele: scricciolo
Rasta: (monte Rasta) posto di riposto
Raus: mirtillo
Raut: terreno dissodato
Rauten: zappare (cima Rautele)
Rauto: bosco erto
Rebe: vigneto
Reitarle: sentiero scivoloso
Rendala: sorgente
Rendela: sorgente con ruscello
Rendola: corso d'acqua
Rindole: ruscello
Roan: riva
Roch: fumo
Ronar: contrada dei canovati
Rossbegale: sentiero dei cavalli
Rosspoan: osso di cavallo
Rostaick: sentiero dei cavalli
Rotpill: capitello rosso
Rotz: scoglio
Rotzo: roccia, rupe, scoglio
Rousch: cavallo
Rust: valle con sorgente

Sabartal: valle del freno
Safhaus: casa del pastore
Sain: essere
Salah: prato piano dove si ferma l'acqua
Santackar: campo della sabbia
Sbain: maiale
Sbant: coda, ultima parte
Sbarbatal: valle dell'orso
Sbartz: nero
Schate: ombra
Schella: chiamata (schella martzo= chiamata di marzo)
Schintela: corteccia
Schintengrube: conca delle cortecce
Schratta: farfalla
Sciustar: calzolaio
Sherman: coltellaio, arrotino
Sibanstern: sette stelle (Pleiadi)
Singan: cantare
Shua: bello
Slumpa: abisso, dirupo
Slunf: strettoia
Smaltz: burro
Smitt: fabbro
Smittabisa: prato del fabbro
Snaiban: nevicare
Snea: neve
Snealoch: buco della neve
Sneide: taglio
Sondelaite: costa del sole
Sondental: valle del sole
Sonnalaita: pendio del sole
Sontak: giorno del sole, domenica
Soster: calzolaio
Sparen: risparmio
Speike: pioppo
Spert: case sperdute
Spiiterbise: prato tardivo
Spil: capitello
Spillecke: colle del capitello
Spitz della Bisa: punta del prato
Spitz: cima, vetta
Spitzeiche: cima del colle
Sprunch: luogo dello scoglio
Stadel: aia, fienile
Staich: sentiero in salita, sentiero ripido, strada ripida
Stainer: (contrada) scalpellino
Staineri: (località) sassi
Stanflaita: declivio prospiciente la Valdassa
Starke: forte
Stauri: cespugli
Stearn: stella
Stellar: stalle
Sterchele: (da starke, diminutivo) fortini
Sterno: stella
Stoccareddo: ai ceppi
Stoche: luogo del ceppo
Stoccher: ceppo
Stock: ceppo
Stonabisa: prato del sasso (rif. a Pedescala)
Stonar: sassi
Stonlaita: declivio sassoso
Stouk: ceppaia
Striif: striscia di terra
Strobe: strame
Summano (sun+mano): sole + luna
Sunna: sole
Sunnalaita: pendio del sole
Sustar: calzolaio

Tak: giorno
Tal: valle
Talecke: campi vicini alla valle
Talfarin: valle del monte Verena
Tanara: luogo dell' abete
Tanne/a: abete bianco
Tanzerloch: buco delle danze
Telele: piccola valle
Tellale: piccola valle, valletta
Tellar: vallicelle
Teta: papà
Tiiftal: valle fonda
Tiiftellele: piccola valle profonda
Toat: morto
Tonderecar: monte del tuono
Törle: piccolo passaggio
Tratten: luogo di passaggio
Tranke: abbeveratoio (valle del Trenche)
Trettale: piccolo passaggio
Trock: abbeveratoio
Türknotto: (monte Mosciagh) passaggio del sasso
Turle: porta, strettoia, passaggio
Tzoa: due

Ulbach: bosco in mezzo a due prati (forse stagno, pozza)
Ulbel: pozza
Untarbisa: prato di sotto
Untarebisa: prato di sotto
Untarkastel: parte bassa di Castelletto

Valvastall: rifugio del lupo
Varme: caldo
Vasser: acqua
Vatar: padre
Vaur: fuoco
Vhus: volpe
Velde: campo
Vere: lontano
Vraitertak: Venerdì santo, giorno della liberazione

Want: sasso
Weber: tessitore

Xausa: brontolone

Zack: prato dove si forma la pozza
Zumerle: posto del sole
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Piccolo vocabolario cimbro (La valle dell'orco).

Messaggioda Berto » mar lug 22, 2014 9:34 pm

Simona Nardi
non avrei mai pensato che l'avrei ricevuto da sud! è bellissimo, anche se non tutti mi convincono, ma sicuramente il tedesco medievale parlato da gente che vive da sola in mezzo a un'altra lingua nei secoli è cambiato un po'. grazie mille!

Simona Nardi
intanto due cose: 1) Weih-Nacht è il Natale ma non viene da weiß-bianco (e nemmeno da Wein-Nacht, perché si beve ), bensì da weihen-santificare, benedire: la notte santa - 2) Freitag-venerdì non è il giorno della libertà bensì, molto più anticamente, il giorno di Freya, proprio come per i romani il Vener(e)-dì

Tzimbarn - Cimbri
ci sono molti termini che non mi convincono, ma ho voluto lasciarlo lo stesso tale e quale al libro
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 32360
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Łengoa çinbra e çinbri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti