Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:42 pm

Il giudice federale rifiuta la richiesta del GOP del Michigan per decertificare i risultati delle elezioni.
L'Osservatore Repubblicano
8 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 0045220414

Un giudice federale ha respinto uno sforzo guidato dai repubblicani per decertificare i risultati delle elezioni del Michigan, citando che la questione era "tutt'altro che probabile che potesse avere successo".
La causa, che è stata intentata il giorno prima del Ringraziamento contro il governatore Gretchen Whitmer e altri funzionari statali, aveva denunciato un diffuso illecito da parte di funzionari elettorali e frode elettorale .
La denuncia chiedeva alla corte di ordinare a Whitmer di "trasmettere risultati elettorali certificati" dichiarando vincitore il presidente Trump. I voti certificati per il Michigan mostrano attualmente che Joe Biden ha vinto lo stato con più di 150.000 voti.
Nella sua decisione di 36 pagine, il giudice Linda Parker ha scritto che l'accettazione della richiesta priverebbe i diritti di voto di oltre 5 milioni di elettori del Michigan che "con dignità, speranza e promessa di avere voce in capitolo, hanno partecipato alle elezioni generali del 2020".
"I querelanti chiedono a questa Corte di ignorare l'ordinato schema statutario istituito per contestare le elezioni e di ignorare la volontà di milioni di elettori. Questo, la Corte non può e non lo farà", ha scritto Parker. "Il popolo ha parlato."
Gli elettori stanno per certificare i loro voti per rispettare la scadenza del 14 dicembre.




La Corte Suprema dell'Arizona accetta di ascoltare la causa intentata dal GOP relativa alle irregolarità del voto per corrispondenza.
L'Osservatore Repubblicano
8dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 0878554664

La Corte Suprema dell'Arizona ha accettato di ascoltare la causa elettorale presentata dal capo del partito repubblicano dello stato, Kelli Ward in merito alle irregolarità nelle votazioni per corrispondenza.
Un giudice della corte di grado inferiore aveva originariamente respinto il caso di Ward la scorsa settimana, ma ha fatto appello alla più alta corte dello stato, che deciderà la questione senza udienze orali .
"Abbiamo avuto modo di esaminarne 100", ha detto Ward delle schede. "Indovina un po? Abbiamo trovato due schede che sono state modificate: una è stata modificata da Trump a Biden; uno è stato appena portato via a Trump, senza motivo per cui possiamo trovare una spiegazione ".
Ward ha detto che, nonostante la piccola dimensione del campione, c'erano prove di frode.
"Questa è una buona notizia perché quei propagandisti dei media che dicono che non ci sono prove di frode possono ora tacere", ha detto Ward. "La cattiva notizia è che sembra che questa elezione sia stata tentata di essere rubata al presidente Trump".
L'ispezione della scheda elettorale è stata ordinata dal giudice Randall Warner, consentendo al GOP dell'Arizona di esaminare 100 buste delle schede elettorali e 100 schede duplicate o ricostruite.
"E per ricordarti cos'è una scheda elettorale duplicata: è quando c'è una scheda elettorale danneggiata o, per qualche motivo, la macchina non può leggere una scheda elettorale", ha continuato Ward. “Allora, gli impiegati elettorali 'ricreano' quel voto. Lo "duplicano" per l'elettore. Ed è reinserito nella macchina o creato elettronicamente. "
I risultati delle elezioni dell'Arizona danno al presidente eletto Joe Biden uno stretto vantaggio di 10.456 voti sul presidente Trump, pari allo 0,3%.



Il senatore repubblicano Ted Cruz spiega perché ha accettato di discutere il caso della frode elettorale della Pennsylvania davanti alla Corte Suprema se quest'ultima deciderà di ascoltare il caso.

L'Osservatore Repubblicano
8 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 8671879218

Il senatore Ted Cruz, R-Texas, ha dichiarato lunedì a " Hannity " di aver accettato di presentare argomentazioni orali dinanzi alla Corte Suprema in un caso chiave relativo alle elezioni - se l'alta corte dovesse decidere di ascoltarlo - perché la questione "solleva problematiche serie. "
Il caso presentato dal deputato Mike Kelly, R-Pa. E dal candidato al Congresso del GOP, Sean Parnell, sostiene che una legge statale del 2019 che consente il voto per posta senza motivazioni è incostituzionale. Se la corte è d'accordo, secondo KDKA , Kelly e Parnell hanno detto che la maggior parte dei voti per corrispondenza del Commonwealth in queste passate elezioni presidenziali potrebbe essere eliminata.
A Kelly e Parnell è stato inizialmente concesso un udienza dal giudice della Corte del Commonwealth della Pennsylvania, Patricia McCullough, ma l'amministrazione del governatore democratico Tom Wolf ha presentato un ricorso sommario alla Corte suprema dello stato; una maggioranza democratica ha deciso 5-2. La corte superiore si schierò dalla parte di Wolf e la squadra di Kelly si è mossa per convincere la Corte Suprema degli Stati Uniti a decidere sul caso.
I querelanti sostengono che lo Stato non ha motivi per consentire il voto per corrispondenza dei non assenti senza un emendamento costituzionale. Quasi 30 membri repubblicani della legislatura statale hanno firmato un documento a sostegno del caso di Kelly e Parnell.
"Abbiamo sostenuto l'approvazione della legge 77 perché credevamo che ogni cittadino della Pennsylvania avrebbe dovuto avere maggiori opportunità di partecipare al nostro processo democratico", hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta la senatrice dello stato Judy Ward, R-Blair e il rappresentante statale Paul Schemel, R-Franklin. Lunedì .
"La legislazione è stata redatta con cura per proteggere l'integrità delle nostre elezioni e includeva disposizioni specifiche relative alle scadenze e alla verifica delle firme", hanno continuato, aggiungendo che la Corte Suprema dello Stato in seguito "ha annullato [d] la volontà del legislatore e del governatore modificando le scadenze ed elimindo le disposizioni che richiedono la verifica della firma, applicando in tal modo standard molto più flessibili alle schede per posta rispetto a quelle applicate alle schede elettorali espresse di persona ".
"Solleva pure questioni di diritto, e credo che la Corte Suprema dovrebbe scegliere di prendere il caso", ha detto Cruz al presentatore Sean Hannity. "Penso che dovrebbero ascoltare l'appello."
Il membro della commissione giudiziaria del Senato ha aggiunto che "in un momento in cui questo paese è così diviso, quando le persone sono così arrabbiate, penso che abbiamo bisogno di un senso di risoluzione, e abbiamo bisogno che la Corte Suprema intervenga e si assicuri che venga seguita la Costituzione e che la legge sia rispettata.
"In questo momento, non è salutare per la democrazia, quello che stiamo vedendo, e in Pennsylvania, il problema è stato aggravato perché la Corte Suprema della Pennsylvania è una corte democratica faziosa che ha emesso decisioni contrarie alla legge", Cruz ha continuato. "Non è così che dovrebbero funzionare le elezioni".
Cruz ha osservato che la Corte Suprema degli Stati Uniti sente l '"urgenza" del momento, vista la prossima scadenza dell'"approdo sicuro" per scegliere gli elettori per il collegio elettorale.
"Avremo una risposta e potremmo avere una decisione già domani dalla Corte Suprema se accetterà o meno il caso", ha detto.
"Quando si guarda a un paese in cui il 39% degli americani in questo momento crede che queste ultime elezioni siano state truccate, questo è un vero problema per la fiducia nell'integrità del nostro sistema elettorale", ha concluso il senatore. "Quindi, spero che la Corte Suprema si faccia avanti nelle sue responsabilità e risolverà questo caso e risolverà altri casi se necessario".



Officials find 12 uncounted ballots in a drawer in race where GOP challenger leads by a dozen votes
Michael Lee
December 08, 2020 10:36 AM

https://www.washingtonexaminer.com/news ... ozen-votes

A New York Supreme Court justice said that election officials have found 12 uncounted ballots in a drawer that could affect a race where the GOP congressional candidate holds a slim 12-vote lead.

“WOW: Justice DelConte casually mentions an additional 12 ballots were found in Chenango County in a drawer last week,” said local CBS reporter Josh Rosenblatt on Twitter. “This is on top of the 55 ballots I reported were found last week, now making it 67 found ballots.”

Of the 55 uncounted ballots found last week, 11 were found to have been cast by unregistered voters.

The news came during a hearing that Rosenblatt described as “contentious,” with incumbent Democratic Rep. Anthony Brindisi currently trailing GOP challenger Claudia Tenney by 12 votes. Tenney’s legal team has said that the court should certify the election results as they currently stand, arguing that the court does not have the legal authority to declare whether or not the ballots found are legal.

All together, the uncounted ballots would be enough to swing the election's outcome.

Brindisi’s campaign is calling for an audit of the election results, arguing that there have been errors in the counting process. The campaign pointed to Oneida County, where local election officials used sticky notes to identify disputed ballots.

Judge Scott DelConte criticized both sides during the Monday hearing, accusing the Tenney campaign of trying to certify election results they know are inaccurate and the Brindisi campaign of fighting for recounts in counties they know are politically advantageous.

“The one thing that I’m supposed to do is make sure that others follow the law,” DelConte told Tenney’s legal team. “It seems to me that your argument is: ‘There’s so many problems here. There’s so many issues here that you have to certify the results.’ Isn’t that what you’re saying?”

“That’s the problem with your argument,” DelConte told Brindisi’s lawyers. “You pick and choose what errors you want fixed.”

DelConte said he expects to have a ruling soon but wants to make sure the law is followed.

“None of the lawyers here want to win a lawsuit. They want to win an election,” he said. “But the role of the court here, as I see, is to make sure that everyone follows the law.”



I funzionari trovano 12 schede non contate in un cassetto in gara dove lo sfidante GOP conduce per una dozzina di voti
Michael Lee
Dicembre 08, 2020 10:36

https://www.washingtonexaminer.com/news ... ozen-votes

Un giudice della Corte Suprema di New York ha detto che i funzionari elettorali hanno trovato 12 schede non conteggiate in un cassetto che potrebbero influenzare una gara in cui il candidato del GOP al Congresso ha un sottile vantaggio di 12 voti.

"WOW: Il giudice DelConte menziona casualmente che la scorsa settimana sono state trovate altre 12 schede in un cassetto nella contea di Chenango", ha detto il reporter locale della CBS Josh Rosenblatt su Twitter. "Questo è in cima alle 55 schede che ho segnalato sono state trovate la scorsa settimana, ora ne sono state trovate 67".

Delle 55 schede non contate trovate la scorsa settimana, 11 sono state trovate da elettori non registrati.

La notizia è arrivata durante un'udienza che Rosenblatt ha descritto come "controversa", con il rappresentante dei Democratici in carica Anthony Brindisi, che attualmente segue la sfidante del GOP Claudia Tenney per 12 voti. Il team legale di Tenney ha detto che il tribunale dovrebbe certificare i risultati delle elezioni così come sono attualmente, sostenendo che il tribunale non ha l'autorità legale per dichiarare se le schede trovate sono legali o meno.

Tutti insieme, le schede non contate sarebbero sufficienti a far oscillare il risultato delle elezioni.

La campagna elettorale di Brindisi chiede una verifica dei risultati delle elezioni, sostenendo che ci sono stati errori nel processo di conteggio. La campagna ha indicato la contea di Oneida, dove i funzionari elettorali locali hanno usato note adesive per identificare le schede contestate.

Il giudice Scott DelConte ha criticato entrambe le parti durante l'udienza di lunedì, accusando la campagna di Tenney di cercare di certificare i risultati elettorali che sanno essere imprecisi e la campagna di Brindisi di lottare per i conteggi nelle contee che sanno essere politicamente vantaggiose.

"L'unica cosa che dovrei fare è assicurarmi che gli altri seguano la legge", ha detto DelConte al team legale della Tenney. "Mi sembra che la sua argomentazione sia: "Ci sono così tanti problemi qui. Ci sono così tanti problemi qui che bisogna certificare i risultati". Non è questo che sta dicendo?"

"Questo è il problema della sua argomentazione", ha detto DelConte agli avvocati di Brindisi. "Voi scegliete e scegliete quali errori volete che siano corretti".

DelConte ha detto che si aspetta di avere presto una sentenza, ma vuole essere sicuro che la legge venga seguita.

"Nessuno degli avvocati qui vuole vincere una causa. Vogliono vincere le elezioni", ha detto. "Ma il ruolo della corte qui, come vedo, è di assicurarsi che tutti seguano la legge".


Situazione in Nevada:
La Corte Suprema del Nevada respinge la causa della campagna Trump e le denunce di frode elettorale.
L'Osservatore Repubblicano
11 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 4708352281

Martedì la Corte Suprema del Nevada ha respinto una causa della campagna di Trump in cui si sosteneva che vi era stata una diffusa frode elettorale cercando di ribaltare il risultato elettorale, con una sentenza votata all'unanimità dai giudici della Corte 6-0 , infliggendo ancora un altro colpo allo sforzo legale post-elettorale.
Pertanto i risultati delle elezioni nello stato che hanno visto la vittoria del presidente eletto Joe Biden si confermano.
La campagna Trump aveva intentato una causa che sosteneva esserci stati problemi con il software di controllo delle firme elettroniche delle schede elettorali oltre a diffuse frodi degli elettori, inclusi voti espressi due volte e voti espressi da elettori morti.
Un tribunale distrettuale del Nevada ha respinto le affermazioni della campagna venerdì, trovando "che non ci sono prove credibili o affidabili che le elezioni generali del 2020 in Nevada siano state influenzate da una frode".
La campagna Trump aveva quindi presentato ricorso contro la sentenza alla Corte Suprema del Nevada, sostenendo che il giudice della corte di grado inferiore aveva ignorato "prove sostanziali" che dimostravano la frode.
Nella decisione unanime dei giudici di martedì, la Corte Suprema del Nevada ha affermato che la decisione del tribunale distrettuale sul caso era corretto.
"Per prevalere su questo appello, i ricorrenti avrebbero dovuto dimostrare errori legali, accertamenti di fatto non supportati da prove sostanziali o un abuso di discrezionalità nell'ammissione o nel rifiuto delle prove da parte del tribunale distrettuale", ha detto l'ordine della Corte Suprema del Nevada. "Non siamo convinti che lo abbiano fatto."
Il caso è stata l'ultima importante causa elettorale in sospeso in Nevada, secondo l' avvocato del Partito Democratico, Marc Elias, e la sua conclusione martedì significa che il Nevada rispetterà la scadenza "approdo sicuro" che garantisce che la sua lista di grandi elettori debba essere trattata come "definitiva" dal Congresso e non può essere modificata.
Il Partito Repubblicano del Nevada ha dichiarato in una dichiarazione di essere "estremamente deluso" dalla sentenza della Corte Suprema, affermando che il tribunale superiore si era "precipitato in un giudizio allo stesso modo imperfetto" come quello del tribunale distrettuale, "non riuscendo a considerare adeguatamente migliaia di pagine di prove importanti. "Non ci è stata offerta l'opportunità di scrivere il nostro brief o di discutere il caso davanti alla Corte Suprema", che a loro parere è "davvero senza precedenti, scioccante e straordinario".
La sentenza della Corte Suprema del Nevada è stata uno degli oltre 50 casi giudiziari della campagna di Trump e del GOP che è stata rigettata nell'ambito degli sforzi post-elettorali per contestare la vittoria di Biden negli stati campo di battaglia. I tribunali di tutto il paese hanno quasi unanimemente respinto le accuse di frode elettorale dei repubblicani. (La campagna di Trump ha vinto solo una causa , che riguardava un numero limitato di schede per corrispondenza in Pennsylvania.)
È ancora possibile che la campagna di Trump possa appellarsi andando alla Corte Suprema degli Stati Uniti, come hanno fatto i repubblicani di altri stati dopo le sentenze sfavorevoli della Corte Suprema dello stato, anche se non ci sono ancora indicazioni che lo faranno. Ci sono ancora molti altri importanti casi di tribunali statali sul campo di battaglia, tra cui cause della campagna di Trump a livello federale e statale in Wisconsin e molteplici cause legali dell'ex consulente legale di Trump, Sidney Powell oltre a quella del Texas alla Corte Suprema degli USA.



Situazione in Arizona:
L'Osservatore Repubblicano
11 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 5515021867

L'ultima sfida elettorale pendente nei tribunali dell'Arizona è stata respinta dal giudice federale.
Mercoledì un giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti ha respinto l'ultima sfida elettorale pendente in Arizona, respingendo le accuse di frode per "grave mancanza di prove pertinenti o affidabili".
"Le accuse che trovano legittimazione nella sfera pubblica dei pettegolezzi e insinuazioni non possono sostituire le dichiarazioni e le procedure sincere in un tribunale federale", ha scritto il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti, Diane Humetewa in una sentenza di 29 pagine. "Sicuramente non possono essere la base per ribaltare le elezioni generali del 2020 in Arizona".
La causa, intentata da un gruppo composto principalmente da sostenitori di Donald Trump, tra cui il presidente del GOP dell'Arizona, Kelli Ward, aveva sostenuto che vi era stata una massiccia frode elettorale in Arizona che coinvolgeva le macchine per il voto della società Dominion, oltre a interferenze straniere e voti fatti da immigrati illegali.
Con l'assistenza dell'avvocato e sostenitore di Donald Trump, Sidney Powell, i querelanti avevano insistito affinché i risultati delle elezioni statali fossero "decertificati" e il materiale elettorale sequestrato.
Ma il loro reclamo di oltre 100 pagine e le loro argomentazioni preliminari non hanno convinto il giudice Humetewa, che ha ritenuto "incredibile" la richiesta di decertificare i risultati..
"Se concessa, i milioni di cittadini dell'Arizona che hanno esercitato il loro diritto di voto individuale nelle elezioni generali del 2020 sarebbero completamente privati dei diritti civili", ha scritto.



???

In Giorgia hanno votato:
2.560 criminali (se non si sono petrsi i diritti civili anche i condannati, i carcerati e i delinquenti abituali possono votare)
66.247 minorenni (negli USA si vota dai 18 anni)
2.423 non registrati (?)
1.043 con domicilio alle poste (?)
4.926 registrati in altro stato (doppio voto?)
395 in due stati (doppio voto?)
15.700 trasferiti in altro stato (doppio voto ?)
40.279 trasferiti non registrati nella nuova contea (doppio voto?)
40.000 schede senza verifica della firma.
Tutto a posto, tutto regolare.



"Sono stati scoperti. Vedrete un sacco di COSE GROSSE accadere nei prossimi due giorni."
Donald Trump
8 dicembre 2020
https://www.facebook.com/RagioneCritica ... 1602276363



Non è stato scoperto nulla, purtroppo! E ha vinto Biden.



Il mondo orrendo di Sleepy Joe e della sua banda Biden Biden.
Il mondo orripilante di Joe Biden e della sua corte dei miracoli.
Gli USA di Joe Biden, della Kamala Harris e della Pelosi, un incubo infernale per il mondo intero!

viewtopic.php?f=92&t=2941
https://www.facebook.com/alberto.pento/ ... 6616063933
https://www.facebook.com/groups/2097364 ... 470682628/
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:44 pm

29)

I sinistri democratici (progressiti, liberal), ipocrisia e menzogna, il male assoluto, antidemocratici, antisemiti e filo nazimaomettani


IPOCRISIA ALLO STATO PURO E DOPPIO STANDARD
L'Osservatore Repubblicano
2 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 6922275393

Avere un procuratore speciale come Mueller per il Russiagate va bene perchè indaga il tuo avversario politico e lo intralcia, ma quando tocca alla controparte essere sotto pressione di un procuratore speciale, non va più bene.
Il rappresentante Adam Schiff , D-Calif. capo della Commissione di Intelligence alla Camera dei Rappresentanti che ha guidato la prima fase dell'impeachment, tempo fa aveva chiesto una legislazione per proteggere l'allora procuratore speciale Robert Mueller per garantire che la sua indagine sulla collusione Trump- Russia continuasse senza ostacoli, ma ora si sta scagliando contro la nomina da parte del procuratore generale William Barr di un procuratore speciale per continuare a indagare su eventuali abusi e illegalità sulle azioni dell'FBI nelle prime fasi di quella stessa indagine sulla Russia.
Barr ha recentemente annunciato che prima delle elezioni di novembre, ha nominato il procuratore degli Stati Uniti del Connecticut John Durham come procuratore speciale per le indagini sull'indagine sulla Russia che Durham stava già conducendo. In qualità di procuratore statunitense, Durham è soggetto a essere sollevato dalle sue funzioni quando il presidente eletto Joe Biden entrerà in carica. La sua indagine potrebbe essere chiusa anche dalla prossima amministrazione.
In qualità di consigliere speciale, tuttavia, Durham godrebbe di un grado di maggiore indipendenza, poiché potrebbe essere licenziato solo da un procuratore generale o da qualcuno che agisse in tale veste.
"Barr sta usando la legge sul procuratore speciale per uno scopo che non era previsto: continuare un'indagine politicamente motivata molto tempo dopo che Barr ha lasciato l'incarico", ha detto Schiff in una dichiarazione di martedì.
Durante le indagini di Mueller, tuttavia, Schiff era ansioso di proteggere a tutti i costi l'ufficio del procuratore speciale per garantire che Mueller potesse continuare l'indagine sulla Russia senza interferenze.
Nel 2018, Schiff ha detto a Rachel Maddow di MSNBC che il Congresso doveva "adottare un disegno di legge per proteggere Mueller in modo da non provocare una crisi".
Alla fine, Mueller è stato in grado di concludere l'indagine lunga anni. Il risultato è stato che nè Trump, nè gli associati alla campagna di Trump sono stati accusati di cooperazione illegale con la Russia, e non è riuscita a produrre prove a sostegno di qualsiasi affermazione che la campagna stesse lavorando con un governo straniero.
Schiff non era convinto, anche quando le indagini erano terminate.
Schiff andava in televisione a dire che aveva prove oggettive della collusione di Trump con la Russia, ma caso strano non le ha mai presentate!
"Indubbiamente c'è collusione", ha detto Schiff al Washington Post dopo che Barr aveva pubblicato una sintesi del rapporto di Mueller.
Schiff, che è presidente del Comitato di intelligence della Camera, ha continuato a guidare gli sforzi di impeachment contro il presidente Trump in merito alle accuse di aver tentato di trattenere fondi per fare pressione sull'Ucraina affinché indagasse su Biden.
L'indagine di Durham ha già provocato una dichiarazione di colpevolezza da parte dell'ex avvocato dell'FBI Kevin Clinesmith, che era stato accusato di modificare un'e-mail che era stata utilizzata per aiutare a garantire un mandato FISA per monitorare l'ex consigliere della campagna di Trump Carter Page.

https://www.foxnews.com/politics/adam-s ... ppointment


Il demenziale Biden che ha sempre cercato di calunniare e demonizzare Trump fin dalla campagna del 2015/16



Biden, messaggio agli elettori di Trump: "Non siamo nemici"
08/11/2020

https://www.adnkronos.com/fatti/esteri/ ... Rn0TI.html

Nessun riferimento esplicito a Donald Trump nei discorsi della vittoria pronunciati da Joe Biden e Kamala Harris. Il presidente eletto, trionfatore nelle elezioni Usa 2020, si è rivolto però ai sostenitori del presidente uscente. "Capisco la delusione di chi ha votato per il presidente Trump, anche io ho perso un paio di volte. Ma ora diamoci una possibilità, è ora di mettere da parte la retorica dura, abbassiamo la temperatura", le parole di Biden. Torniamo a guardarci, torniamo ad ascoltarci. Per fare progressi dobbiamo smettere di trattare i nostri avversari come nemici. Non sono nemici, sono americani. Sono americani".



Usa, Joe Biden a Trump: "E' ora di abbassare i toni, non siamo nemici, siano tutti americani"
30 novembre 2020 07:13

https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/c ... 002a.shtml

"È ora di mettere da parte la dura retorica, abbassare i toni e ascoltarci di nuovo. Per fare progressi, dobbiamo smetterla di trattare i nostri avversari come nostri nemici. Non siamo nemici. Siamo americani". Lo scrive su Twitter il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden dopo l'intervista di Donald Trump che ha di nuovo parlato di brogli nelle elezioni presidenziali.



Obamagate, parla Trump: "Prove scioccanti, presto saranno diffuse"
Roberto Vivaldelli
4 agosto 2020

https://it.insideover.com/politica/obam ... ffuse.html

Donald Trump torna a parlare dell’inchiesta condotta dal Procuratore John Durham sulle origini del Russiagate, che ha l’obiettivo di acclarare se la condotta delle agenzie governative nei confronti della Campagna di Trump alle elezioni presidenziali del 2016 sia stata lecita e appropriata e se c’è stato un effettivo tentativo di “sabotare” l’elezione del tycoon. Come riportano i media americani, martedì sera il Presidente Trump ha dichiarato che il Dipartimento di Giustizia ha scoperto prove “scioccanti” della cattiva condotta delle agenzie nelle indagini sul Russiagate, e si aspetta che tali prove vengano preso rese note. “Hanno usato l’apparato dell’intelligence del nostro Paese per spiare un avversario politico, sia prima, sia dopo le elezioni” ha spiegato Trump in un’intervista rilasciata a Fox News.

Trump: “Prove scioccanti, mi hanno spiato”

Trump ha dichiarato di non voler “essere troppo coinvolto” nell’indagine di Durham, ma si aspetta una conclusione “drammatica” dalle indagini degli investigatori. “Ho sentito che è incredibile quello che hanno trovato. Questo è tutto ciò che posso dire, scioccante. E spero che uscirà presto” ha affermato il presidente. Lo scorso ottobre, l’indagine preliminare del Dipartimento di Giustizia guidata dall’Attorney general William Barr e condotta dal Procuratore John Durham si è “evoluta” in un’indagine penale a tutti gli effetti. Questo significa che i dirigenti e gli ex funzionari dell’Fbi e del Dipartimento di Giustizia eventualmente coinvolti rischiano un’incriminazione. Significa anche che l’indagine preliminare condotta in questi mesi ha portato alla raccolta di prove significative. Durham, a seguito della conclusione delle indagini del procuratore speciale Robert Mueller che ha “sgonfiato” l’ipotesi della “collusione” fra lo staff di Trump e la Russia, è stato incaricato da William Barr di determinare se il Dipartimento di Giustizia, l’Fbi e le autorità dell’intelligence hanno agito in maniera impropria e “cospirato” contro Donald Trump nel 2016.

L’Italia potrebbe essere coinvolta nell’indagine degli investigatori americani. Secondo Fox News, infatti, l’indagine di Durham “si è estesa” sulla base “delle prove raccolte durante i viaggi a Roma con il procuratore generale William Barr”, ossia i due incontri con i vertici dei servizi segreti italiani risalenti al 15 agosto e 27 settembre 2019. Secondo alcuni testimoni chiave, fra cui l’ex advisor della Campagna di Trump George Papadopulos, l’Italia è “il cuore della cospirazione”. Intervistato da InsideOver, Papadopoulos ha spiegato che l’Italia ha un ruolo centrale in questa incredibile spy story. Tant’è che, secondo l’ex advisor di Trump, ci sarebbe il docente maltese Joseph Mifsud al centro dei colloqui romani fra Barr, Durham e i vertici dei nostri servizi segreti.

Il Presidente Usa spiato dall’agosto 2016

I nuovi documenti da poco resi noti dimostrano come l’Fbi abbia “spiato” in maniera impropria l’allora candidato Donald Trump e la sua Campagna sin dall’agosto 2016. Al centro dei memo il briefing datato 17 agosto 2016 fra l’agente dell’Fbi Joseph Pientka, Donald Trump, il governatore del New Jersey Chris Christie e il Generale Michael T. Flynn. Il documento che riassume quell’incontro è stato approvato dall’ex ufficiale del bureau Peter Strzok e dall’ex legale dell’Fbi Kevin Clinesmith. Si tratta di briefing informali che i candidati alla presidenza normalmente fanno con le agenzie governative: in questo caso, però, Trump e la sua quadra non sapevano che l’Fbi aveva appena avviato un’indagine sulla sua Campagna e sulla presunta collusione con il Cremlino.


???

Papa Francesco, la rosicata su Trump: cosa gli è scappato dalla bocca (c'entra Hitler)
22 Gennaio 2017

http://www.liberoquotidiano.it/news/sfo ... trump.html

Papa Francesco non ha mai fatto segreto della sua antipatia nei confronti di Donald Trump. Peccato però che nel frattempo il tycoon americano sia diventato il presidente degli Stati Uniti dopo aver trionfato alle elezioni del Paese più democratico che ci dovrebbe essere al mondo. Ma questo non basta perché il Bergoglio si metta l'anima in pace, anzi sembra rincarare la dose quando in un'intervista a El Pais ripresa da la Repubblica, ha tirato in ballo addirittura il nazismo: "Dopo la crisi del '30, la Germania è in frantumi, cerca di rialzarsi, cerca la sua identità, cerca un leader, qualcuno che gli ridia la sua identità e c'è un ragazzetto di nome Adolf Hitler che dice "io posso, io posso". E tutta la Germania vota Hitler. Hitler non rubò il potere, fu votato dal popolo, e poi distrusse il suo popolo. Questo è il pericolo. In tempi di crisi, non funziona il discernimento e per me rappresenta un punto di riferimento continuo. Cerchiamo un salvatore che restituisca la nostra identità, ci difendiamo con muri, con fili spinati, con qualsiasi cosa dagli altri popoli che possono toglierci la nostra identità".


Papa Francesco 'scomunica' Donald Trump: "Non è cristiano". Lui replica: "È vergognoso"
Redazione, L'Huffington Post
Pubblicato: 18/02/2016

http://www.huffingtonpost.it/2016/02/18 ... 64748.html

Papa Francesco 'scomunica' Donald Trump affermando che "una persona che pensa solo a fare muri, e non ponti, non è cristiana". Non si fa attendere la risposta del candidato alla nomination repubblicana, per il quale "è vergognoso che un leader religioso metta in dubbio la fede di una persona". Parlando in un comizio in South Carolina, dove sabato si terranno le primarie del partito conservatore, Trump ha detto che "il Papa è una figura molto politicizzata. E non comprende i problemi che abbiamo noi americani con l'immigrazione", ha chiosato il miliardario, che già qualche giorno fa aveva criticato Bergoglio. "Se mai l'Isis attaccasse il Vaticano, il Papa dovrebbe sperare e pregare che Donald Trump sia presidente", ha aggiunto Trump.

Papa Francesco, reduce dalla storica messa a Ciudad Juárez, ha risposto durante il volo di ritorno dal Messico alla critiche del candidato alla nomination repubblicana. "Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana". "Grazie a Dio ha detto che io sono politico, perché Aristotele definisce la persona umana come 'animale politico', e questo significa che almeno io sono una persona umana", ha detto Bergoglio durante il volo. "Io una pedina? Mah, lo lascio al vostro giudizio e al giudizio della gente. Una persona che pensa solo a fare muri e non ponti, non è cristiana. Questo non è nel Vangelo. Votarlo o non votarlo? Non mi immischio, soltanto dico che quest'uomo non è cristiano, se veramente ha parlato così e ha detto quelle cose".

A bordo dell'aereo diretto in Vaticano Bergoglio ha parlato anche di molti altri temi, dall'Europa al virus Zika.

Serve una "rifondazione" dell'Unione europea. "Ma dov'è oggi uno Schuman, un Adenauer?".

Rispondendo a una domanda sul premio Carlo Magno che gli verrà assegnato, Bergoglio ha detto: "L'altro giorno, mentre sfogliavo un giornale, ho letto una parola che mi è piaciuta, la 'rifondazione' dell'Europa, e ho pensato ai grandi padri", ha detto il Papa, a quanto riportato tra gli altri da Vatican Insider. "Oggi dov'è uno Schuman, un Adenauer, questi grandi che nel dopoguerra hanno fondato l'Unione europea? Mi piace questa idea della rifondazione, magari si potesse fare, perché l'Europa ha una storia, una cultura che non si può sprecare e dobbiamo fare di tutto perché la Ue abbia la forza e anche l'ispirazione di andare avanti".

"Unioni civili? Non mi immischio"

"Io non so come stanno le cose nel Parlamento italiano. Il Papa non si immischia nella politica italiana", ha risposto sulla discussione sul ddl sulle unioni civili. "Nella prima riunione che io ho avuto con i vescovi nel maggio del 2013 - ha ricordato - una delle tre cose che ho detto: col governo italiano arrangiatevi voi. Perché il Papa è per tutti e non può mettersi in politica, concreta, interna di un paese. Questo non è il ruolo del Papa". "E quello che io penso è quello che pensa la Chiesa e han detto in tanti - ha aggiunto -, perché questo non è il primo Paese che fa questa esperienza, ce ne sono tanti. E io penso quello che la Chiesa sempre ha detto". A una seconda domanda sullo stesso tema, Francesco ha detto di non ricordare bene il documento vaticano del 2003 in cui si dice tra l'altro che i parlamentari cattolici non devono votare questo tipo di leggi. "Ma il parlamentare cattolico - ha sottolineato - deve votare secondo la sua coscienza ben formata". "Sulle persone dello stesso sesso - ha quindi ribadito - ripeto quello che è catechismo della Chiesa cattolica".

La "scomunica" a Trump

"Una persona che pensa di fare i muri, chiunque sia, e non fare ponti, non è cristiano. Questo non è nel Vangelo", ha risposto così sulle affermazioni di Donald Trump di voler costruire 2.500 km di muro lungo la frontiera messicana e deportare 10 mln di immigrati.

Sul fatto se i cattolici americani debbano votarlo "non mi immischio: soltanto dico, questo uomo non è cristiano, se dice queste cose. Bisogna vedere se ha detto così oppure no. Su questo dò il beneficio del dubbio". A proposito del fatto che Trump lo ha definito "un politico" - cosa che oggi ha subito ribadito - e forse una pedina del governo messicano sulla politica dell'immigrazione, Bergoglio ha risposto: "Grazie a Dio che ha detto che sono un politico, perché Aristotele definisce la persona umana come 'animal politicus', quindi sono una persona umana". "Che sono una pedina, mah, forse, non so, lo lascio al giudizio di voi, della gente", ha aggiunto. Pronta replica di Trump: il "Papa fa politica", lo stanno "usando come una pedina, e dovrebbero vergognarsi di farlo".

"Contro Zika non all'aborto, meglio contraccezione"

"L'aborto non è un male minore, è un crimine, è fare fuori per salvare, quello che fa la mafia: è un crimine è un male assoluto. Sul male minore, evitare la gravidanza, parliamo in termini di conflitti tra il quinto e il sesto comandamento. Paolo VI, il grande, in una situazione difficile in Africa, ha permesso alle suore di usare gli anticoncezionali nei casi di violenza". Così ha risposto sulle indicazioni date a livello internazionale su aborto e contraccezione per evitare i danni del virus Zika. Per il Pontefice, "non si deve confondere il male per evitare la gravidanza, da solo, con l'aborto. L'aborto "è un male in se stesso". "Invece evitare la gravidanza non è un male assoluto. In certi casi, come questo del virus Zika, o come quello che ho nominato, il beato Paolo VI, era chiaro".

"Vescovo che copre preti pedofili è incosciente, si dimetta"

"Un vescovo che cambia un sacerdote di parrocchia quando si sono rilevati casi di pedofilia è un incosciente, che dovrebbe per questo presentare la rinuncia". La pedofilia, ha detto il Papa, "è una mostruosità, perché un sacerdote che è consacrato toglie un figlio a Dio e se lo mangia come in un sacrificio diabolico, lo distrugge". Sul caso Maciel, fondatore dei Legionari di Cristo, il Papa ha reso omaggio al coraggio di Ratzinger che "lottò nel momento in cui non aveva forza per imporsi".

"Wojtyla? Amicizia con donna non è un peccato"

"Un uomo che non sa avere un buon rapporto di amicizia con una donna, non parlo dei misogini, quelli sono malati, è un uomo a cui manca qualcosa. E io, per esperienza, proprio anche quando chiedo un consiglio a collaboratori, amici, mi piace sempre conoscere il parere di una donna". Così sull'amicizia di papa Wojtyla con la filosofa Anna Teresa Tymieniecka. "Un'amicizia con una donna non è peccato. Un rapporto amoroso con una donna che non sia tua moglie, è peccato". "E il Papa è un uomo - ha aggiunto -, il Papa ha bisogno del pensiero delle donne. Il Papa ha un cuore che può avere un'amicizia sana, santa, con una donna".

"Integrare risposati non significa fare la comunione"

Alla apertura sui contraccezione corrisponde una 'chiusura' sull' ostia ai risposati, tema del Sinodo. "Integrare nella Chiesa non significa fare la comunione": "questo sarebbe una ferita anche ai matrimonio e anche alla coppia perché non le farà fare il lavoro di integrazione". "E' un cammino, una strada".

A Concilio pan-ortodosso solo messaggio, 'sogno' Cina

"Io sarò presente, spiritualmente e con un messaggio". Così il Papa ha risposto alla domanda se andrà al Concilio pan-ortodosso di Creta del prossimo giugno. "Mi piacerebbe andare a salutare il concilio pan-ortodosso - ha detto -, ma devo rispettare". E alla domanda su quale sia il suo sogno, o anche il suo incubo, ha risposto senza esitazione: "La Cina, andare là, mi piace tanto".



SILVANA DE MARI - Non era difficile prevedere la vittoria di Trump: bastava fare attenzione ai Social. I like su FB erano il doppio per lui che per la Clinton, una maggiore fetta di blogger era per lui. Eppure i sondaggisti, tutti meno uno, hanno ostinatamente predetto la vittoria Clinton.

https://www.facebook.com/MagdiCristiano ... 9014077685

Si è trattato di un errore in buona fede o è stata una maniera sporca di fare campagna elettorale? Quello che è crollato è il potere totale, e non solo statunitense.
Donald Trump aveva contro la quasi totalità dei media, Hollywood, il politicamente corretto, tutti gli ex presidenti viventi, una parte dello stesso partito repubblicano, Wall Street e le Cancellerie straniere.

Il ridicolo governo Renzi ha fatto avere attraverso il Ministero dell'Ambiente 100.000 euro dei contribuenti per la campagna Clinton, violando ogni regola e ogni buon senso di politica internazionale.

Obama, premio Nobel per i droni, e sua moglie hanno condotto una imbarazzante campagna porta a porta.
Le borse crollano, (e subito si riprendono) ma da oggi in America non è più possibile l'aborto a nascita parziale, l'aborto di un feto di 7, 8 o nove mesi, vitale e il grado di sopravvivere, che potrebbe essere dato in adozione ma che viene soppresso con una tecnica atroce perché la volontà della madre che lui muoia deve essere soddisfatta e perché la clinica che compie questi atti abbia i suoi organi da vendere.
Durante l’ultimo dibattito televisivo per le elezioni presidenziali negli USA, la Clinton ha espressamente difeso il “partial birth abortion“, cioè l’aborto al nono mese di gravidanza, per effettuare il quale il bambino viene ucciso dal chirurgo nel momento in cui lascia il grembo materno, nel momento in cui la sua testa è ancora nella vagina della madre, o schiacciando la testa con un forcipe o incidendo il cranio e aspirando il cervello.

Bergoglio, che ha appena detto quanto geniale sia stato Lutero, davanti a Obama e Clinton l'aborto a nascita parziale non lo ha neanche nominato, si sarebbero forse dispiaciuti e lui è un misericordioso, ma ha sibilato che chi vuole regolamentare l'immigrazione non è cristiano.

Il povero Trump oltre che Madonna, Lady Gaga e Cyrus Miley, che per protesta alle sue battute sessiste ha invitato i fans a toccarle la vulva, ha avuto contro anche Bergoglio.
Oggi la guerra con la Russia è un po' più lontana. È il terrorismo islamico sarà chiamato con il suo nome. Non so chi sia Trump, e intuisco che abbia grossi limiti, non è il mio uomo politico ideale, ma so chi sono quelli che ha battuto. È andata bene.

"Io sono orgoglioso di essere cristiano e come presidente non permetterò alla cristianità di essere continuamente attaccata e indebolita, proprio come sta avvenendo adesso, con l’attuale presidente americano"
DONALD TRUMP

Rettifico: è andata benissimo.

https://youtu.be/AEnle9FV5H0




Barr appoints John Durham as special counsel to investigate further criminality in Russia inquiry
Jerry Dunleavy, Justice Department Reporter |
December 01, 2020

https://www.washingtonexaminer.com/news ... ia-inquiry


Bill Barr sono anni che è parte o vicino all'establishment.
Fu Attorney General, Ministro della Giustizia, di Bush 1.
Credo sia uno di quelli che seguono rigidamente le regole.
Ha dimostrato la sua indipendenza dalla Casa Bianca piu' volte, e questo e' un bene, non certo come Holder e la Lynch che furono vergognosamente servi di parte di Obama.
Ha anche piu' volte dimostrato di avere vedute molto simili a DJT.
I suoi probemi sono tre:
A) I molti membri del Deep State che si annidano al Ministero ed in tutti gli stadi e stati nella Magistratura Federale che non possono essere sostituiti tout court. Ci vuole tempo e pazienza anche perche' non lo hanno scritto in fronte e vanno prima scovati e controllano chi sta sotto di loro che tengono famiglia.
B ) La presenza all'FBI di una dirigenza ancor piu' Deep State ed ancora piu' corrotta, come Wray ad esempio, che DJT per mille motivi di compromessi e di elezioni non ha potuto mandare via. L'FBI e' la sua arma pratica e quindi non si puo' fidare e le indagini, ad esempio di Durham, prendono molto piu' tempo del normale anche perche' ogni passo che hanno fatto ne hanno scoperte di nuove che quindi aprono nuovi "filoni".
C) non direttamente ma lo stesso vale per la CIA dove alloggiano, coperti dalla Haspel, altrettanti traditori del sistema.
E' difficilissimo il suo compito, molto complesso anche perche' pure lui si deve difendere da attacchi politici feroci ai quali e' esposto ogni giorno.
Queste storie e molti di questi traditori sono li' da decenni e sono a loro volta coperti da Washington, dalle tante lobbies, specialmente quella potentissima degli avvocati legati piu' ai Dems.
Ricordo che nel 2016 a Washington il 96% di tutti i residenti, che sono poi quelli che lavorano negli enti governativi, votarono Clinton. Solo il 4% votarono per DJT.
Credo che ogni tanto ricordi a DJT che lui non ha la bacchetta magica e che DEVE lui per primo seguire le leggi e che non ha le armi investigative per poter essere piu' incisivo.
Motivo per il quale meno di un mese fa ha nominato Durham "special Counsel" dandogli piu' poteri, probabilmente su richiesta di Durham stesso che gli avra' fatto vedere prove e documentazione, altrimenti non lo avrebbe fatto.
Per cio' che riguarda i problemi legati alle elezioni piu' di tanto in 20 giorni anche li' non possono fare anche se probabilmente stanno guardando gia' da Agosto, ma certo non lo vengono a raccontate a noi.
Vedremo se il tempo mi dara' torto o ragione ma sicuro e' una cloaca e non e' affatto facile ripulire.
Si chiama DEEP STATE o SWAMP per motivi ben noti.
Mica stanno a gioca' a ruzzica e non e' un espisodio di Law & Order.


Devinerez-vous l'idéologie que les médias veulent imposer en maltraitant Donald Trump?
FL24.net
4 dicembre 2020

https://fl24.net/2020/12/04/devinerez-v ... ald-trump/

“Ici, aux États-Unis, nous pouvons voir nos médias agir comme les médias des pays communistes”, alerte Diana Zhang, journaliste chinoise qui vit réfugié en Amérique avoir quitté la répression communiste en Chine. Elle explique que le président américain est maltraité par les médias car il s’oppose à leur idéologie:

“Le jour de la fête de Thanksgiving, nous avons vu les médias faire pression sur Donald Trump pour qu’il cède. En fait, les grands médias n’ont jamais accepté la légitimité de Donald Trump.
Par exemple, selon le Centre de recherche sur les médias (MRC), entre les mois de mars et mai 2020, les médias ABC, CBS et NBC ont diffusé une couverture négative sur Donald Trump à 94%, et cette couverture a atteint un taux sans précédent de 99,5% au mois de mai. Depuis l’élection de Donald Trump, le MRC a régulièrement constaté que la couverture médiatique du réseau était négative à 90% ou plus.
Cette unanimité de points de vue est ce que l’on attend des médias communistes. C’est une attaque qui relève de la propagande. Comme pour le politiquement correct employé par les communistes, derrière cette unanimité se cache la conviction que Donald Trump et les conservateurs n’ont tout simplement pas droit à leurs opinions.
Des centaines et des milliers de personnes se sont manifestées pour dénoncer les fraudes perpétrées lors des élections de 2020, mais les médias n’ont pas rapporté ce qu’elles avaient à dire. Il s’agit d’un contrôle délibéré –ou d’une censure– exercé sur les voix des citoyens.
Les attaques incessantes contre Donald Trump, le politiquement correct, le silence des points de vue, voilà ce qui caractérise la presse à caractère communiste”.


Riuscite a indovinare l'ideologia che i media vogliono imporre abusando di Donald Trump?
"Qui negli Stati Uniti possiamo vedere i nostri media che si comportano come i media dei Paesi comunisti", avverte Diana Zhang, una giornalista cinese che vive come rifugiata in America dopo aver lasciato la repressione comunista in Cina. Spiega che il presidente americano è maltrattato dai media perché si oppone alla loro ideologia:
"Il giorno del Ringraziamento abbiamo visto i media fare pressione su Donald Trump perché si arrendesse. In realtà, i media mainstream non hanno mai accettato la legittimità di Donald Trump.
Ad esempio, secondo il Media Research Centre (MRC), tra marzo e maggio 2020, i media ABC, CBS e NBC hanno avuto una copertura negativa del 94% su Donald Trump, e questa copertura ha raggiunto il 99,5% senza precedenti a maggio. Dopo l'elezione di Donald Trump, la MRC ha regolarmente riscontrato che la copertura mediatica della rete è stata del 90% o più negativa.
Questa unanimità di opinioni è ciò che ci si aspetta dai media comunisti. Questo è un attacco di propaganda. Come per la correttezza politica dei comunisti, dietro questa unanimità si cela la convinzione che Donald Trump e i conservatori non hanno diritto alle loro opinioni.
Centinaia e migliaia di persone si sono fatte avanti per denunciare i brogli commessi durante le elezioni del 2020, ma i media non hanno riferito quello che avevano da dire. Si tratta di un controllo deliberato - o censura - delle voci dei cittadini.
Gli incessanti attacchi a Donald Trump, la correttezza politica, il silenzio dei punti di vista, questo è ciò che caratterizza la stampa comunista".
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:44 pm

Lo scivolone di Alexandria Ocasio-Cortez
Roberto Vivaldelli
20 dicembre 2020

https://it.insideover.com/politica/lo-s ... 1606764792

Si può criticare apertamente il capitalismo, professarsi socialisti e “antisistema”, da una parte, e poi sfruttare la propria posizione e visibilità per vendere dei gadget dal proprio sito a prezzi tutt’altro che “popolari”? No, nemmeno se ti chiami Alexandria Ocasio-Cortez e la stampa progressista di tutto il mondo ti ritiene la giovane superstar del partito democratico americano. Ecco cosa è accaduto: come riporta l’agenzia Ansa, la giovane star dem è stata attaccata sui social, in particolare dai conservatori, per aver messo in vendita sul website della propria campagna una felpa con lo slogan “Tax the rich” (Tassa i ricchi) al “modico” – si fa per dire – prezzo di 65 dollari, ridotto a 58 dopo le polemiche. Uno slogan che richiama la proposta di aumentare le tasse ai più ricchi per finanziare il Green New Deal e i programmi sociali. “Con 58 dollari per una felpa non stai tassando i ricchi, stai chiedendo un prezzo esorbitante agli stupidi”, ha commentato un utente di Twitter.

Lo scivolone di Alexandria Ocasio-Cortez

Perché va bene il socialismo, il Green New Deal, l’anticapitalismo (a parole), ma poi c’è bisogno di battere cassa: e così Alexandria Ocasio-Cortez è caduta nella più banale delle contraddizioni per chi ama professarsi “di sinistra”. “Niente spiega meglio l’idea di giustizia economica che spendere 65 dollari per una felpa”, denuncia Ben Shapiro, autore e conduttore conservatore di successo, suggerendo che gli studenti – uno dei punti di forza elettorale della deputata – farebbero meglio a usare quei soldi per pagare i loro prestiti bancari per il college. “Niente spiega meglio lo slogan ‘Io combatto per i più deboli di chiedere 65 dollari per una felpa”, scrive ancora un altro. Perché nella più spaventosa crisi economia dal 1929 spendere 65 dollari per una felpa – piuttosto che 58, cambia poco – per molti americani – quelli a cui idealmente dovrebbe essere vicina Aoc – può anche essere un problema. Soprattutto se la felpa riporta un messaggio politico chiaro come il “tassiamo i ricchi”: perché se si vuole veramente rappresentare i ceti popolari, bisogna anche non sgarrare nella comunicazione.

Ma davvero Aoc rappresenta i ceti meno abbienti oppure, come il Partito democratico Usa, è l’espressione di quel “partito della Ztl”, delle città e dei quartieri più ricchi? Di recente, il New Republic – mensile schierato a sinistra – ha fatto mea culpa e ha pubblicato un’analisi piuttosto interessante. Innanzitutto, alle recenti elezioni presidenziali nove dei dieci stati più ricchi hanno votato Joe Biden, 14 dei 15 più poveri per il presidente Usa Donald Trump. Come nota anche l’HuffPost, Trump ha realizzato qualcosa di straordinario: il primo boom egualitario degli ultimi decenni. Nel 2019 è riuscito ad abbassare la disoccupazione al 3,7% (praticamente pieno impiego, tranne la quota frizionale di chi sta cambiando lavoro), e soprattutto un aumento del 4,7% dei salari del quarto più basso della popolazione. Capito Aoc?


La replica della deputata

La replica di Alexandria Ocasio-Cortez alle critiche apparse sui social network è a dir poco curiosa. Ocasio-Cortez ha spiegato che il prezzo “è giusto” perché la felpa e le t-shirt della sua campagna sono realizzate in Usa da lavoratori sindacalizzati e non dalla manodopera a basso prezzo in Cina, a differenza di quelle di Donald Trump. Sarà, eppure se c’è un Presidente americano che si è mosso a tutela dei lavoratori americani, dando inizio a una guerra commerciale proprio con Pechino, quello è Donald Trump. A differenza dei suoi predecessori (Barack Obama compreso), che si sono battuti per spalancare tutte le frontiere, liberalizzare gli scambi, toglier le barriere, inneggiare alla mondializzazione senza se e senza ma, The Donald si è mosso a difesa dei lavoratori Usa. Se Aoc fosse stata coerente, lo avrebbe appoggiato nella sua sfida alla Cina. Ma la coerenza non sembra essere di casa e di “antisistema” sembra esserci veramente poco.






Hunter Biden sotto indagine federale
Roberto Mazzoni
11-12-2020
https://www.youtube.com/watch?v=2oc2G7agJ6Y



DOJ: TRUMP VUOLE LA NOMINA DI UN PROCURATORE SPECIALE PER INDAGARE SU HUNTER BIDEN E SUI BROGLI ELETTORALI, E LASCIA BALENARE L'IPOTESI DI LICENZIARE BARR
Elezioni USA 2020
12 dicembre 2020

Il presidente Trump ha espresso interesse ad ottenere la nomina di un Procuratore Speciale da parte del Dipartimento di Giustizia per indagare sulle accuse di frode nelle elezioni di novembre e sulle questioni relative a Hunter Biden.
Lo riferisce il The Wall Street Journal
(WSJ) sulla base di persone a conoscenza della questione.
Negli ultimi giorni, il presidente ha da ordine ai suoi consiglieri di cercare persone che potrebbero ricoprire una tale posizione, ha detto una delle persone coinvolte, poiché le cause legali e gli altri sforzi di Trump e della sua campagna per invertire i risultati elettorali stanno collassando nelle aule giudiziarie.
Anche i funzionari della Casa Bianca ed i supporter del presidente a Capitol Hill ed altrove stanno spingendo fortemente per la nomina di un Procuratore Speciale, ha detto un'altra persona a conoscenza della situazione.
Una delle fonti afferma che il capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows è tra coloro che stanno spingendo maggiormente affinchè arrivi la nomina di questo Procuratore Speciale, in particolare per indagare sulle presunte frodi elettorali, ed ha fatto sapere che il presidente intende agire rapidamente.
In questo contesto alla Casa Bianca si è più volte espressa frustrazione per la gestione delle indagini da parte del Procuratore Generale, William P. Barr, sugli affari finanziari di Hunter Biden, nonché preoccupazione per il fatto che la prossima Amministrazione di Joe Biden possa cercare di porre fine alle indagini in corso.
Il presidente Trump, in particolare, ha ha espresso crescente frustrazione nei confronti del suo Procuratore Generale negli ultimi mesi, sia in pubblico che in privato, a causa del fallimento delle cause legali per cercare di rovesciare il risultato del voto.
L'annuncio di pochi giorni fa da parte di Barr sul fatto che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non aveva trovato prove di una diffusa frode elettorale tale da poter ribaltare il risultato elettorale, ha fatto letteralmente infuriare il presidente, e Trump ha apertamente accusato Barr ed il suo Dipartimento di essere coinvolto nel complotto e nei brogli elettorali.
Nella giornata di ieri, inoltre, dopo le indiscrezioni della stampa americana sul fatto che Barr fosse a conoscenza dell'esistenza di una indagine federale su Hunter Biden già da prima delle elezioni e che abbia lavorato attivamente per fare in modo che la notizia non venisse divulgata, il presidente Trump ha apertamente minacciato il licenziamento del suo Procuratore Generale.
Non è ben chiaro al momento, comunque, se il presidente intende portare a termine questa minaccia, visto anche il poco tempo che ormai manca alla fine del suo mandato alla Casa Bianca, sebbene da settimane alcuni dei più stretti collaboratori ed alleati del presidente facciano pressione in questo senso. Da parte sua Barr ha detto che intende restare al suo posto a meno che non venga licenziato.
Ricordiamo che le accuse di brogli sono state ripetutamente bocciate dalle corti statali e federali e che giusto ieri la Corte Suprema ha bocciato l'esposto presentato dal Texas per chiedere l'annullamento del risultato elettorale negli Stati che hanno consegnato le chiavi della Casa Bianca a Joe Biden: Michigan, Pennsylvania, Wisconsin e Georgia.
Secondo i regolamenti del Dipartimento di Giustizia americano, la decisione di nominare un Procuratore Speciale spetta al Procuratore Generale ed è prevista per garantire un "livello di indipendenza" più elevato delle indagini, non soggetto alla supervisione quotidiana da parte dei funzionari del Dipartimento.
Inoltre un Procuratore Speciale, per legge, avrebbe maggiori protezioni e non potrebbe essere licenziato se non nei soli casi specificamente previsti dalla legge come comportamento scorretto o conflitto di interessi, e tutte le motivazioni dovranno essere fornite per iscritto.
Da parte del Dipartimento di Giustizia si fa notare che è estremamente improbabile che Barr intenda nominare un secondo Procuratore Speciale per indagare su Hunter Biden o sui presunti brogli elettorali, dopo che lo stesso Barr ha già nominato John Durham ad ottobre 2020 come Procuratore Speciale per indagare sull'origine del Russiagate.
L'indagine su Hunter Biden è al momento è gestita dall'ufficio del Procuratore Distrettuale del Delaware, guidato da David Weiss, la cui nomina da parte di Trump nel 2017 era stata sostenuta a suo tempo dai senatori democratici del suo Stato di origine.
Nessun commento sulle indiscrezioni del WSJ né da parte della Casa Bianca, né dal team di transizione di Joe Biden, che comunque ha fatto notare come il presidente eletto non sia in alcun modo implicato nelle indagini che riguardano il figlio.



NY Post: i media di sinistra hanno ignorato lo scandalo di Hunter Biden per proteggere papà Joe prima delle elezioni.
L'Osservatore Repubblicano
14 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 9451483140

"Collusione" è stata forse la parola preferita dai media negli ultimi quattro anni, anche quando non era vera. Ma sai com'è la vera collusione? È quando i media di sinistra , cioè i media in generale, decidono che qualcosa "non è una storia da pubblicare e da seguire" perché danneggia il loro candidato politico preferito.
Questo è un aspetto fondamentale della notizia bomba di mercoledì 9 dicembre che ha rivelato esserci un'indagine federale sul figlio di Joe Biden, Hunter, che secondo quanto riferito coinvolge e-mail dal suo laptop - di cui il New York Post aveva riferito in esclusiva a ottobre. Allora avevamo (New York Post) anche notato che l'FBI aveva sequestrato il computer e il disco rigido; Fox News aveva successivamente confermato che il sequestro faceva parte di un'indagine sul riciclaggio di denaro dell'FBI.
Altri media non si limitarono a ignorare la storia; hanno cercato di sopprimerlo. Quindi i social media sono intervenuti, impedendo la pubblicazione della storia (Facebook) e persino vietandolo al The New york Post (Twitter).
La loro scusa? Pura speculazione, la quale prevedeva che la storia fosse opera della propaganda russa, ora dimostrata del tutto priva di fondamento.
"Il controverso 'scoop' del New York Post implica un comportamento losco", sbuffò Slate. "La storia di Hunter Biden è una disinformazione russa, dicono dozzine di ex funzionari dell'intelligence", ha insistito Politico dopo che 50 alti ufficiali ex-intel hanno firmato una lettera in tal senso. La lettera non ha offerto alcuna prova, e ora questa affermazione si è rivelato essere la disinformazione.
La National Public Radio aveva soppresso le notizie sul laptop di Hunter Biden poiché il suo editorialista, Terence Samuel, le ha definite irrilevanti.
"Non vogliamo sprecare il nostro tempo in storie che non sono realmente storie" ma "pure distrazioni", ha detto, liquidando la notizia come "un evento diretto dal punto di vista politico".
Molti americani che avevano già votato in anticipo hanno cercato di cambiare i loro voti dopo aver appreso delle e-mail, ma altri non ne sono mai venuti a conoscenza, grazie ai censori pro-Biden . Quanti potrebbero aver votato diversamente?
Dopotutto, le questioni coinvolte non riguardavano solo Hunter, ma poichè ha utilizzato il nome di suo padre per fare soldi, sollevando domande su ciò che sapeva Joe Biden.
Hunter sta dipingendo l'indagine solo come una frode fiscale, mentre insistendo su una "revisione obiettiva" mostrerà che "ho gestito i miei affari legalmente e in modo appropriato". Tuttavia, le notizie di giovedì indicano che l'indagine ha anche esplorato il possibile riciclaggio di denaro sporco e i legami d'affari con l'estero di Hunter, molti dei quali sono stati delineati nelle storie di ottobre del Post.
Il nostro rapporto citava e-mail che parlavano, ad esempio, dei legami di Hunter con le imprese ucraine e cinesi e con funzionari corrotti, alcuni legati al Partito Comunista Cinese. Si faceva riferimento anche a un diamante da 2,8 carati ottenuto nel 2017 dal fondatore di CEFE China Energy Ye Jianming, che aveva legami con l'esercito cinese e che da allora è scomparso. Secondo quanto riferito, la gemma fa parte dell'indagine dei federali.
Un'e-mail suggerisce persino che lo stesso Joe Biden potrebbe essere stato coinvolto nel ricevere dei soldi.
Tutto ciò solleva serie questioni di sicurezza nazionale. Un ex socio in affari di Hunter, Tony Bobulinski, ritiene che Joe Biden sia stato "compromesso".
"Ci sono accuse di frode sui titoli, riciclaggio di denaro [e] un accordo ospedaliero storto con [il fratello di Joe] Jim Biden", osserva il senatore Tom Cotton, R-Ark., Che chiede a un procuratore speciale di supervisionare l'indagine. "Se Joe Biden diventa presidente, allora tutte quelle indagini potrebbero essere terminate il mese prossimo", avverte.
Un procuratore speciale per le indagini sembra doveroso, vista la profonda politicizzazione del Dipartimento di Giustizia sotto l'ultimo presidente democratico. Chiunque indaga sul figlio del presidente ha bisogno di una sorta di scudo da potenziali interferenze della Casa Bianca.
Una serie di spiegazioni, e scuse sono dovute al popolo americano da parte di tutti i giorali e social che hanno trovato questa notizia non adatta alla stampa. Come dice il motto di un giornale, "La democrazia muore nell'oscurità".

https://www.foxnews.com/opinion/hunter- ... rial-board


Devine del NY Post: i media mainstream hanno soppresso la storia di Hunter Biden fino a quando il "loro uomo" non ha vinto le elezioni.
L'Osservatore Repubblicano
14 dicembre 2020
https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 6461481439

L'editorialista del New York Post, Miranda Devine ha criticato i media mainstream venerdì 11 dicembre per "aver soppresso attivamente" la storia di Hunter Biden fino a quando il "loro uomo" Joe Biden non è stato eletto.
Dopo che la scora settimana era arrivata la notizia che gli affari fiscali di Hunter Biden che coinvolgevano rapporti d'affari all'estero, inclusa la Cina, sono stati oggetto di un'indagine federale penale, i media tradizionali hanno iniziato a dover affrontare un contraccolpo per aver sminuito e persino condannato il New York Post per il suo scoop di ottobre sul contenuto del laptop di Hunter Biden.
"La storia del New York Post è scoppiata il 14 ottobre, cioè più di due settimane prima delle elezioni", ha detto a " Fox & Friends ". "Avrebbe dovuto essere coperto mediaticamente e invece è stato attivamente soppresso. È stato ignorato."
I media mainstream a ottobre hanno ripetuto che le affermazioni contenute nello scoop del New York Post sul laptop facevano parte di un'operazione di intelligence straniera, probabilmente da parte della Russia, lo spauracchio preferito a cui imputare tutte le colpe negli ultimi cinque anni.
Twitter ha impedito agli utenti di condividere l'articolo del New York Post e Facebook ne ha limitato la distribuzione in una dimostrazione senza precedenti di censura Big Tech.
L'account Twitter del New York Post è stato bloccato fino a quando una protesta sufficiente non ha forzato la sua mano.
L'indagine è in corso dal 2018, prima che l'anziano padre di Hunter Biden dichiarasse la sua candidatura per il 2020.
"Non avevi solo una soppressione attiva, ma la Big Tech bloccava il nostro account Twitter", ha detto Devine, "soffocando la storia su Facebook, e poi ci sono stati 50 agenti dei servizi segreti che hanno firmato una lettera ... 'Oh, questo assomiglia molto a un Operazione di disinformazione russa `` e quella ovviamente è stata il via libera a tutti quei media come CNN, Washington Post e NPR e così via per fingere che la nostra storia fosse disinformazione russa, che noi del New York Post stavamo effettivamente agendo come agenti russi.
"Era tutto uno stratagemma per portare il loro uomo, Joe Biden alle elezioni, senza nessun scandalo nonostante lo scoop che lo riguardava, e ora ovviamente lo stanno riportando perché pensano che hanno vinto.
Il consigliere della campagna di Trump, Steve Cortes, ha detto su "Fox & Friends" che i media si sono interessati a coprire mediaticamente la storia solo dopo la vittoria elettorale di Joe Biden.
"Quello che è cambiato è che abbiamo avuto un'elezione e credono che il loro candidato abbia vinto, quindi i media aziendali ora sono improvvisamente interessati a coprire ciò che è sempre stato e ciò che sapevamo a ottobre era la storia più grande ed esplosiva dell'intera campagna"
Cortes ha deriso i media per essersi resi colpevoli della loro parola preferita durante l'amministrazione Trump: "collusione". Cortes ha accusato la collusione dei media, Big Tech e agenti dei servizi segreti di alto livello che avevano lavorato insieme per seppellire la storia di Biden e promuovere la falsa idea che facesse parte dell'intelligence russa.

https://www.foxnews.com/media/ny-post-d ... iden-story



LE BUGIE DI BARACK OBAMA SU ISRAELE
Progetto Dreyfus
15 dicembre 2020

https://www.facebook.com/ProgettoDreyfu ... 3071737029

“La Dichiarazione Balfour del 1917”, scrive l'uomo che per otto anni ha presieduto i destini degli Stati Uniti, “fu pubblicata dagli inglesi che allora occupavano la Palestina”. E’ nel capitolo 25 del suo libro, intitolato con un tocco di enfasi “Una Terra Promessa, volume 1 delle memorie presidenziali”, che Barack Obama
presenta la sua visione molto personale degli eventi che hanno cambiato la storia del Medio Oriente.
Solo che, il 2 novembre 1917, quando Lord Balfour, Ministro degli Affari Esteri del Regno Unito, inviò una lettera ufficiale a Lord Rothschild, uno dei leader della comunità ebraica d’Inghilterra, assicurandogli che il suo governo stava considerando favorevolmente la creazione di un focolare nazionale per il popolo ebraico in Palestina, gli inglesi non stavano ancora occupando la Palestina. Aspri combattimenti sono in corso tra le loro truppe e quelle dell'Impero Ottomano entrato in guerra a fianco della Germania nella Prima Guerra Mondiale. Fu invece l'11 dicembre del 1917 che le forze del Generale Allenby entrarono a Gerusalemme. Ma Obama conosce il peso della parola ‘Occupazione’ e la usa consapevolmente per delegittimare l'iniziativa britannica sin dall'inizio.
Consideriamo ora il Piano di Partizione votato dalle Nazioni Unite nel novembre del 1947, che prevede la divisione del Paese tra uno Stato ebraico e uno arabo - nessuno ancora parla di uno Stato palestinese. Secondo Obama, “i leader sionisti’ lo accettano, mentre gli ‘Arabi palestinesi’-ancora una volta fino ad allora nessuno aveva usato questo termine - come le nazioni arabe circostanti, che stavano appena uscendo dal giogo coloniale, lo rifiutano”. Ma di quale giogo coloniale sta parlando? Di quello dell'Impero Ottomano che aveva soffocato per quattro secoli qualsiasi velleità di indipendenza araba? No di certo. Parla delle potenze alleate vittoriose che hanno portato questi Paesi arabi all'indipendenza. Paesi che non si accontentano di ‘rifiutare’ il Piano: i loro eserciti lanciano un attacco concertato contro lo Stato ebraico, proclamato il 18 maggio del 1948. Solo che, dice Obama, hanno la meglio ‘le milizie ebraiche’ . Ma quali milizie? In realtà si tratta di Tsahal - l'Esercito di Difesa Israeliano - creato il 28 maggio e che comprende gli eserciti di terra, aria e mare. E l'ex Presidente così continua: “durante i tre decenni che seguono, Israele si impegnerà in una serie di conflitti con i suoi vicini arabi”. Il resto del capitolo è tutto dello stesso tono. Una presentazione dei fatti che è stata ovviamente adottata subito dai palestinesi, troppo felici di scoprirsi dei veri eroi. Un gruppo di cittadini interessati ha appena presentato una denuncia contro la Gran Bretagna a causa della dichiarazione Balfour “che ha dato la Palestina come focolare nazionale agli ebrei e permesso alle bande sioniste di occupare la Palestina”.
Presentata davanti a un tribunale palestinese, la denuncia è stata dichiarata ammissibile. Questi competenti cittadini hanno indubbiamente dimenticato che nel 1920, quando la Gran Bretagna aveva ricevuto il Mandato della Palestina, si era affrettata ad amputarne i quattro quinti a beneficio di uno dei figli del suo vecchio alleato, lo Sharif della Mecca. Così era nato “l'Emirato della Transgiordania” che approfitterà della Guerra d'Indipendenza di Israele per occupare la Giudea e la Samaria - questo è il nome che compare nel Piano di Partizione, che poi sarebbe dovuta tornare allo Stato arabo - e prendere il nome di Giordania. Il giovane Stato di Israele dovrà accontentarsi di un decimo dei territori della Palestina mandataria. È vero che Barack Obama ha ignorato questo dettaglio che considera senza dubbio privo di interesse. Resta il fatto che di questo ammasso di inesattezze e di falsificazioni intenzionali, che farebbe vergognare uno studente di storia del primo anno, se ne sono già vendute un milione di copie nella prima settimana, e sarà tradotto in numerose lingue, per diventare poi un testo di riferimento per intere generazioni.
[Titolo originale: "Barack Obama condanna la Dichiarazione Balfour e subito dopo i palestinesi sporgono denuncia contro l’Inghilterra" | di Michelle Mazel]



Biden fragile, tosse in pubblico. Fauci: "Vaccino per lui e Harris"
Valeria Robecco
16 dicembre 2020

https://www.ilgiornale.it/news/politica ... 1608104368

Il presidente eletto dopo la raucedine: "Un raffreddore". Ma il virologo della Casa Bianca: "Va protetto subito"

Dopo il sigillo della vittoria di Joe Biden e Kamala Harris da parte del collegio elettorale, che ha confermato il risultato delle urne, a preoccupare gli americani è la salute del presidente eletto.

Durante il discorso alla nazione gli spettatori non hanno potuto fare a meno di notare gli attacchi di tosse continui e la raucedine mentre parlava, che lo ha obbligato più volte a fermarsi per schiarirsi la gola. Durante un live streaming con i sostenitori, Biden ha cercato di tranquillizzare gli animi, dicendo che ha solo «un po' di raffreddore», ma il virologo Anthony Fauci sostiene che lui e la Harris dovrebbero vaccinarsi contro il Covid al più presto, in modo da essere completamente protetti prima dell'insediamento.

Intanto, a Biden sono arrivate le congratulazioni anche da parte di alcuni «irriducibili». Tranne Donald Trump. A fargli gli auguri è stato anzitutto il presidente russo Vladimir Putin: in un telegramma, il leader del Cremlino ha espresso la fiducia che il suo paese e gli Stati Uniti, «i quali hanno una responsabilità speciale per la sicurezza e la stabilità globale», possano «nonostante le loro differenze» aiutare realmente «a risolvere molti problemi e sfide che il mondo sta affrontando». «Da parte mia sono pronto per l'interazione e i contatti con lei», ha sottolineato. Negli Usa, invece, il leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, ha ammesso per la prima volta pubblicamente che gli Stati Uniti hanno un nuovo presidente eletto, con cui si è congratulato. Tuttavia ha aggiunto che Trump «merita il nostro ringraziamento»: «La lista dei risultati raggiunti dal 2016 è quasi infinita».

The Donald, però, prosegue dritto per la sua strada, insistendo nella battaglia contro l'elezione di Biden e ribadendo su Twitter: «Incredibili prove stanno emergendo sulla frode elettorale. Non ce n'è stata mai una così nel nostro paese». Nel frattempo ha silurato il ministro della giustizia William Barr. «Il nostro rapporto è stato molto buono, ha fatto un lavoro straordinario», ha scritto il tycoon, annunciando che il ministro «lascerà prima di Natale per trascorrere le feste con la sua famiglia». Il suo posto sarà preso dal vice Jeff Rosen. Trump era ai ferri corti con Barr dopo che lui aveva negato i brogli di massa nelle elezioni: nella lettera di dimissioni il ministro della Giustizia si è detto onorato di aver servito l'amministrazione Usa, e ha scritto che «in un periodo in cui il paese è così profondamente diviso, è d'obbligo per tutti i livelli di governo fare quello che possono per garantire l'integrità delle elezioni e promuovere la pubblica fiducia nel loro esito». Intanto, si torna a parlare pure delle aspirazioni politiche dei familiari del Comandante in Capo, a partire da quelle della figlia prediletta e consigliera alla Casa Bianca Ivanka Trump. La first daughter sarebbe intenzionata a scendere nell'arena: «Ha ambizioni politiche, non ci sono dubbi», ha rivelato una fonte alla Cnn. Tra le opzioni ci sarebbe la possibilità che Ivanka si candidi in Florida per il Senato, sfidando il repubblicano Marco Rubio nel 2022 alle elezioni di Midterm. Lei e il marito Jared Kushner tra l'altro hanno appena acquistato un terreno nell'esclusiva Indian Creek Island, a Miami, dove vogliono costruire la loro prossima residenza. La zona è a solo un'ora di distanza da Mar-a-Lago, dove ha intenzione di stabilirsi The Donald, e il Sunshine State sembrerebbe essere il perfetto trampolino di lancio per Ivanka. Ma a pensare a un futuro politico è anche Donald Trump Jr, l'altro figlio del presidente che piace molto alla base conservatrice del partito repubblicano. E Lara Trump, moglie dell'altro figlio adulto del tycoon, Eric, sarebbe interessata a correre per il Senato nel suo stato di origine, la North Carolina.






Le sfide di Biden nel Mediterraneo: ecco cosa rischia l'Italia
Lorenzo Vita
20 dicembre 2020

https://it.insideover.com/politica/bide ... talia.html

Il Mediterraneo resta il grande punto interrogativo della strategia degli Stati Uniti. Negli ultimi decenni, il Mediterraneo è stato visto sostanzialmente come uno specchio d’acqua gestito da Washington attraverso le proprie forze e quelle degli alleati. Erano le forze Usa e quelle dei partner Nato (e non) a permettere all’America di controllare le due porte di accesso di Suez e Gibilterra e di conseguenza tutto quel grande stretto tra Atlantico e oceano Indiano che è appunto il Mediterraneo: lasciando così attivo un flusso continuo di uomini, merci e capitali. E quindi di influenza.

Le certezze americane si sono però scontrate con una realtà in rapida evoluzione, in cui quello che sembrava un “lago” americano rischia di ora di trasformarsi definitivamente in un grande teatro di scontro tra gli Stati Uniti e le grandi potenze coinvolte nell’area mediterranea: in primis Cina e Russia. Ovviamente questo non significa che gli Stati Uniti stiano cedendo il Mediterraneo, ma quello che è abbastanza chiaro è che di fronte alla crescita esponenziale del pericolo cinese – questo stando agli strateghi del Pentagono – sia necessario per Washington in rimodulazione dei suoi impegni sul fonte internazionale, spostando il focus dal Mediterraneo all’Indo-Pacifico. Una scelta che non può non lasciare vittime sul terreno, specialmente nell’area nordafricana e mediorientale. Ma che rischia di avere enormi conseguenze sulla stessa stabilità dell’area euro-mediterranea.

Joe Biden si trova ora a dover gestire questa difficile fase di transizione. E la questione non è certamente semplice. Washington non può abbandonare il Mediterraneo dal momento che è un mare dove sono presenti alleati strategici e dove Mosca e Pechino non vedono l’ora di sfruttare gli spazi lasciati vuoti dal rimodellamento degli impegni Usa. Ma per evitare che questi vuoti di potere creino ulteriore instabilità o inserimento di nemici strategici dove prima regnava la sfera di influenza americana, l’unica soluzione è quella di bussare alle porte degli alleati. Scelta che rischia però di essere particolarmente complessa per due ordini di ragioni: bisogna capire chi sono gli alleati su cui fare affidamento e soprattutto capire chi sia realmente interessato a esserlo. Domande cui non sembra così semplice rispondere.

In questi ultimi anni, Donald Trump ha fatto intendere che l’idea americana sia quella di fidarsi sempre meno sia della struttura europea che dell’asse franco-tedesco. Il presidente uscente aveva degli eccessi nei confronti di Berlino e di Bruxelles, ma quelle idee espresse in modo spesso disordinato da parte di Trump non erano semplici esternazioni, ma avvertimenti che rappresentavano il pensiero di una buona fetta di strateghi americani. Gli stessi strateghi che sembrano aver volto lo sguardo, da qualche tempo, sia sul fronte greco-turco che su quello dell’intero Nord Africa, dove alcuni Stati sembrano particolarmente inclini a svolgere un ruolo di primo piano nella strategia americana nell’area mediterranea. E dove si moltiplicano i fattori di rischio.

Biden ha diversi dossier mediterranei davanti ai propri occhi. Ha una Libia in fiamme su cui dovrà mettere la testa il prima possibile, ha un rapporto con la Turchia sempre più difficile certificato dall’ultimo monito lanciato da Washington – e cioè le sanzioni per gli S-400 russi, si trova un’alleanza sempre più solida con Marocco e Tunisia che può sfruttare per stabilizzare l’area nordafricana, mentre l’Egitto sarebbe ben lieto di tornare a essere un valido partner americano pur avendo da molto tempo rapporti eccellenti con Cina e Russia. In tutto questo, non si placano le tensione sulla faglia tra Grecia, Turchia e Cipro, mentre Israele, dopo la normalizzazione dei rapporti con molti Paesi arabi, potrebbe diventare un nuovo hub per gli idrocarburi del Golfo nel Mediterraneo. Se a questo si aggiunge il rischio di un nuovo grande fronte mediterraneo con Cina e Russia, è abbastanza evidente che la nuova amministrazione americana dovrà mettere mano al nodo Mare Nostrum prima che siano altre superpotenze a prendere il sopravvento.

Finora, il futuro presidente Biden appare concentrato sul fronte turco. Le sanzioni, come dicevamo, sono state un avvertimento rivolto a Recep Tayyip Erdogan per fermare la sua liaison con Mosca. Non va poi dimenticato che gli americani hanno anche rafforzato la loro presenza militare in Grecia, quasi a ricordare ad Ankara i pericoli di una escalation con l’Occidente. Tuttavia, al netto di questi messaggi, Ankara resta il secondo esercito della Nato oltre che un tassello imprescindibile dell’Alleanza atlantica. Colpire troppo Erdogan potrebbe essere un boomerang dai risvolti molto peggiori per gli Usa rispetto all’instabilità provocata dallo stesso Sultano.

Questo interesse per il fronte turco fa comprendere però quale sia in realtà l’orientamento strategico americano per l’area euro-mediterranea. Vero che ora è aperto il tavolo con la Turchia, ma il fatto che gli Usa siano sempre più inclini a guardare a oriente del bacino, dimostra che il focus del Mediterraneo, per gli Usa, è sempre più decentrato. Oggi l’America guarda al Mediterraneo allargato con una logica in cui si inserisce non solo il fronte con la Russia, ma tutto il mondo mediorientale, porta di accesso per la Via della Seta in Europa.

Per farlo però occorre che il Mediterraneo centrale sia stabilizzato. Ed ecco che entra in gioco la Libia, ma anche l’Italia. In un recente articolo de La Stampa, si è posto l’accento sul commento di Michael Carpenter, consigliere di Biden per gli esteri, che ha sottolineato come “l’Italia sarà enormemente importante per la strategia meridionale della Nato, che va rafforzata”. Parole che sembrerebbero far presagire un maggiore coinvolgimento italiano nelle scelte Usa nell’area di nostra competenza, ma che non devono però trarre in inganno. L’Italia è un partner molto importante per gli Stati Uniti, tuttavia non è detto che questo porti a un maggiore potere di Roma su alcuni dossier che la coinvolgono direttamente – leggi Libia – quanto semmai a una maggiore richiesta di chiarezza da parte degli americani. L’Italia si è dimostrata troppo tentennante sul fronte cinese, non piace per i rapporti con la Russia, e sul fronte libico le sue capacità operative sono state offuscate prima dalla guerra diplomatica con la Francia, poi dal coinvolgimento diretto di Russia e Turchia, che hanno di fatto estromesso l’Europa dal conflitto. Problemi basilari per qualsiasi amministrazione americana, tanto che lo stesso Carpenter ha ribadito che il compito della nuova presidenza sia quello favorire, per tutto il fronte Mediterraneo, un coordinamento nella Nato e nella Ue. Coordinamento che aiuti a superare le rivalità interne all’Europa, in primis tra Italia e Francia, e assegnare un ruolo di guida all’Unione europea. Pur apprezzando lo sforzo italiano in Libia.

Morale: la possibile scelta di Biden di dare un peso maggiore all’Unione europea potrebbe essere un’arma a doppio taglio. L’Italia è considerata fondamentale nello scacchiere mediterraneo, ma a Biden interesse soprattutto frenare la Russia a est così come la Cina. Per stabilizzare la Libia, Carpenter ha parlato di un ruolo dell’Europa: ma è a tutti evidente che l’Ue non è guidata dall’Italia, quanto da Francia e Germania. E visto che la Francia ha voglia di grandeur in Sahel mentre la Germania di un’ancora nel Mediterraneo, l’Italia rischia di rimanere ferma al palo in attesa di nuove direttive su cosa fare e come poter riabilitarsi agli occhi Usa. Se il dossier Libia e Mediterraneo orientale passa all’Ue, Roma di fatto verrebbe tagliata fuori. E lo spostamento dell’occhio di Washington su Grecia, Turchia ed Egitto, rischia di far saltare definitivamente il banco per chiunque sieda a Palazzo Chigi.

Un Natale di pace per i Cristiani che soffrono





"Biden alla Casa Bianca" - Alleanza Cattolica
Marco Respinti da IFN del 15/12/2020
https://alleanzacattolica.org/biden-alla-casa-bianca/

Oggi è il 15 dicembre. Cioè il giorno dopo il primo lunedì successivo al secondo mercoledì del mese di dicembre (e non il «primo lunedì dopo il secondo mercoledì successivo alle elezioni», come scrive l’Adnkronos). Ieri, dunque, come sancisce la Costituzione federale, il Collegio Elettorale che è stato eletto il primo martedì successivo al primo lunedì di novembre dell’anno elettorale (sempre come sancisce la Costituzione), cioè il 3 novembre, e che è stato eletto dagli elettori degli Stati che compongono l’Unione nordamericana contati come “somma federale” dei “parziali” di ciascuno Stato (e non come insieme assoluto di cittadini statunitensi) si è riunito. Ogni slate di «Grandi elettori» eletto in ciascuno Stato (giacché i «Grandi elettori» sono stati eletti in numero diverso Stato per Stato, per ciascuno Stato essendo il loro numero quello dei deputati eletti dai cittadini di ogni Stato proporzionalmente al proprio numero più due, cioè la “quota fissa” dei due senatori federali che ogni Stato elegge pariteticamente al Congresso di Washington indipendentemente dalla propria ampiezza e dal numero dei propri cittadini) si è dato convegno nella capitale di detto Stato per eleggere, ancora come stabilisce la Costituzione, il presidente e il vicepresidente della repubblica federale. Senz’alcun mandato imperativo. La maggioranza dei «Grandi elettori» ha cioè eletto (come da indicazione, ma, appunto, senz’alcun mandato imperativo) Joe Biden alla presidenza federale e Kamala Harris alla vicepresidenza federale. Da oggi, dunque, Biden è il presidente degli Stati Uniti d’America. No.

6 gennaio 2021

Come viene correttamente detto, il collegium che negli Stati Uniti elegge il presidente e il vicepresidente federali (perché a farlo non è direttamente il popolo) non è un luogo, ma un processo. Questo processo collegiale è iniziato il 3 novembre con la scelta dei «Grandi elettori» da parte degli elettori di ciascuno Stato, si è espresso ieri con il voto, ma i voti che i «Grandi elettori» hanno consegnato ieri 14 dicembre nel segreto dell’urna predisposta nelle capitali degli Stati dove sono stati eletti il 3 novembre verranno contati il 6 gennaio alle 13,00 ora di Washington dal Congresso federale a camere riunite, ovvero Camera dei deputati e Senato. Solo il 6 gennaio si saprà ufficialmente il risultato del voto espresso ieri dai «Grandi elettori» eletti il 3 novembre e solo allora il voto farà testo. Biden diventerà così finalmente presidente degli Stati Uniti, passando da «president-elect» a «elected president» e l’«elected president» Biden si insedierà ufficialmente il 20 gennaio, detto Inauguration Day.

«President-elect»

Anche se di principio «president-elect» ed «elected president» sono due espressioni equipollenti della lingua inglese, la lingua (ogni lingua) si carica, nell’uso, di prassi storiche che finiscono per incidere sul significato dei termini (uno dei motivi per cui al dizionario si applica benone il proverbio latino che definisce la ricchezza bona ancilla, pessima domina). Se il candidato che esce vincitore dal conteggio dei suffragi espressi dai «Grandi elettori» il 6 gennaio viene definito «president-elect», e se «elected president» si dice solo a posteriori per indicare, genericamente, cioè al di là del calendario costituzionale che fissa le fasi dell’elezione (e il «processo» del Collegio Elettorale), chi sia stato eletto in una certa tornata elettorale, ovvero in un dato anno, dunque se fra le due espressioni c’è un uso fattuale differenziato, una ragione vi è.

L’uso dell’espressione «president-elect» viene introdotta dalla Sezione 3 del XX Emendamento (del 1933) alla Costituzione federale, vi compare tre volte in relazione al presidente federale e altrettante in relazione al vicepresidente federale. Nella Costituzione non compare altrove e nel XX Emendamento indica chiaramente la figura istituzionale che entrerà in carica il 20 gennaio (Inauguration Day), prestando giuramento. Quindi il termine ad quem è netto. Ma lo è anche il termine a quo, ovvero da quando si può utilizzare formalmente la dizione «president-elect»? Indicazioni precise non vi sono, ma forse solo apparentemente.

La Sezione 3 del XX Emendamento recita: «Se all’epoca fissata per l’inizio del mandato presidenziale», cioè il 20 gennaio, Inauguration Day, «il “president elect” fosse deceduto, il “vicepresident elect” diverrà presidente. Se non si fosse proceduto all’elezione di un presidente, prima della data fissata per l’inizio del mandato, o se il “president elect” non possedesse i requisiti necessari, il “vicepresident elect” fungerà da presidente sino a quando un presidente non sarà eleggibile o non possederà i requisiti necessari; e, nel caso in cui né un “president elect” né un “vicepresident elect” possedessero i requisiti necessari, il Congresso provvederà per legge a indicare la persona che assumerà l’incarico di presidente o il modo in cui verrà designata la persona che assumerà l’incarico di presidente. La persona così designata eserciterà le funzioni presidenziali sino a quando un presidente o un vicepresidente non possederà i requisiti necessari».

Ovvero è chiaro che «president elect» (e «vicepresident elect») è soltanto la persona oramai solo in attesa di insediarsi ufficialmente il 20 gennaio, essendo questi il candidato che si è aggiudicato la maggioranza dei voti espressi dai «Grandi elettori» il 14 dicembre e conteggiati il 6 gennaio. Nessun altro prima. Solo il 6 gennaio 2021, quindi, Biden diventerà presidente degli Stati Uniti in attesa di insediarsi ufficialmente il 20. L’unico intervallo di tempo, cioè, in cui Biden sarà presidente (elect) prima di insediarsi alla presidenza (having been elected, generally speaking, on November 3, 2020) è quello che trascorrerà fra il 6 e il 20 gennaio 2021. Questo perché, senza dubbio, il 6 gennaio 2021 il conteggio dei voti espressi ieri dai «grandi elettori» consegnerà la vittoria presidenziale a Biden.

Presidente legittimo

Tutto ciò è prassi costituzionale inveterata e non accade soltanto oggi, come qualcuno potrebbe erroneamente pensare, per effetto delle contestazioni e dei ricorsi sul voto del 3 novembre. Il che nega recisamente che Donald J. Trump non abbia voluto concedere la vittoria al rivale. Lo farà dopo il 6 gennaio.

Quindi il 6 gennaio Biden sarà il presidente legittimo degli Stati Uniti. Sarà anche il presidente che non avremmo voluto anche noi che statunitensi non siamo e che ci battiamo per la difesa della vita umana innocente, della famiglia naturale e delle vere libertà della persona, ma questa è un’altra faccenda. Nessuno dovrà, cioè, fare come hanno fatto per quattro anni i nemici ideologici di Trump cercando di delegittimarne l’elezione con motivi pretestuosi che violano la Costituzione degli Stati Uniti. Biden sarà presidente, e se ne assumerà pienamente la responsabilità. Noi lo osserveremo e, nel nostro piccolo, essendo egli a guida del Paese più importante, potente e influente del mondo, lo avverseremo ogni qualvolta opererà contro la difesa della vita umana innocente, della famiglia naturale e delle vere libertà della persona, ma non diremo mai che è un presidente illegittimo. Se lo facessimo, mineremmo alla radice quello stesso impianto costituzionale che invece permette anche l’elezione alla Casa Bianca di un uomo che la tutela della vita umana innocente, della famiglia naturale e delle vere libertà della persona ha posto, pone, porrebbe e porrà al centro della propria azione di governo.

Brogli

Se dovessero in futuro, cioè da oggi al 6 gennaio, poi al 20 gennaio, quindi dopo il 20 gennaio, emergere prove che dovessero inficiare la legittimità dell’elezione di Biden dovranno essere ovviamente prese in considerazione. Ma sarebbero, e semmai saranno, appunto elementi ulteriori rispetto agli elementi che fino a oggi, e di qui al 6 gennaio, al 20 gennaio e oltre, risultano fino a prova contraria.

Si è parlato, molto, di brogli. I brogli sono possibili e quindi sono stati possibili anche stavolta. Ma vanno accertati a norma di legge. È possibile esistano motivi forti (non solo di natura morale) per essere convinti di brogli reali anche oltre i dati di fatto accertati. Non sono da ignorare, ma in sede giudiziaria non rilevano. Se i giudici competenti e la Corte Suprema federale non hanno fino a oggi ritenuto esservi gli estremi per inficiare il corso dell’elezione significa che non hanno avuto prove valide in sede giudiziaria. Il che non significa che elementi per parlare di brogli non esistano tout court, ma il risultato, in sede giudiziaria, non muta. La magistratura ha cioè fatto il proprio mestiere (compresa una Corte Suprema federale in maggioranza conservatrice, eletta anche per volontà di Trump proprio per amministrare la giustizia in modo cristallino) e continuerà a farlo qualora dovessero emergere elementi nuovi. Oggi però la verità giudiziaria sulla elezione di Biden è questa. Forse lo sarà sempre. Forse no. Adesso però bisogna agire con realismo. Sarebbe ideale che la verità giudiziaria coincidesse con la verità storica e con la verità morale, ma non vi è alcun automatismo, e il modo di accertare queste tre fattispecie dell’unica verità esistente sono diversi.

Il 5 gennaio

Affinché il 6 gennaio le Camere riunite del Congresso federale possano procedere alla conta dei voti espressi ieri dai «Grandi elettori» e designare finalmente il «president elect» (e il «vicepresident elect») occorre che sia Camera sia Senato siano insediati e prima che siano stati eletti. La data di insediamento del nuovo Congresso, il 116°, suddiviso fra Camera e Senato, è il 3 gennaio.

Il 116° Congresso che si insedierà il 3 gennaio è stato eletto il 3 novembre: la Camera federale per intero e il Senato per circa un terzo, come sempre avviene ogni due anni. Questa volta, però, fino al 5 gennaio non si conoscerà la composizione del Senato federale e quindi la maggioranza che lo guiderà. Infatti il 5 gennaio si svolgerà il ballottaggio per l’assegnazione dei due seggi senatoriali che spettano allo Stato della Georgia. Questo perché il 3 novembre nessun candidato al Senato federale della Georgia ha raggiunto il 50% più 1 dei voti espressi (per la presenza di “terzi candidati”) e così ha reso necessario un “secondo turno” fra i due migliori piazzamenti per ciascuno dei due seggi in palio.

Solo il 5 gennaio, dunque, si saprà se Biden conterà sulla totalità del Congresso federale (la Camera eletta il 3 novembre è infatti già vinta dai Democratici anche se i Repubblicani hanno ridotto le distanze in termini di numeri) oppure se dovrà fare i conti con un Senato a maggioranza Repubblicana.

Il vicepresidente Kamala Harris

Il “secondo turno” della Georgia resta quindi decisivo. I Repubblicani potrebbero infatti conservare, seppur di stretta e di strettissima misura la maggioranza, ma la maggioranza è però indispensabile: un pareggio nelle sessioni di voto al Senato, che potrebbe derivare da un pareggio nel conto dei seggi alla fine eletti, chiamerebbe infatti sempre in causa il parere dirimente del presidente del Senato, che, da Costituzione, è il vicepresidente della repubblica federale, ovvero la Harris.

La maggioranza Repubblicana al Senato comporterebbe invece un ostacolo serio all’attività legislativa dei Democratici, un ostacolo serio alle nomine di giudici federali che Biden opererà e prima ancora un ostacolo serio alla composizione del governo Biden, visto che non tutte, ma alcune, nomine strategiche del gabinetto del presidente federale passano al vaglio del Senato.

Anima biforcuta

Si parla molto, ora, delle “due anime” che compongono la «squadra di transizione» dall’Amministrazione Trump all’Amministrazione Biden e quindi ipotecando la composizione del governo futuro. Spessissimo la stampa internazionale definisce queste “due anime” con i termini «moderato», o «centrista», da un lato ed «estremista» dall’altro. L’ala «moderata» sarebbe quella che fa capo a Biden, mentre quella «estremista» l’ala che fa capo alla Harris. Descrivere così l’assetto attuale è però del tutto fuorviante.

Biden, infatti, non è per nulla «moderato» o «centrista».

Cosa vi è, infatti, di «moderato» o di «centrista» nel presidente del Paese più importante e influente del mondo che, cattolico praticante, dichiari, come ha fatto Biden alla rete televisiva ABC il 15 ottobre, «The idea that an 8-year-old child or a 10-year-old child decides, “You know I decided I want to be transgender. That’s what I think I’d like to be. It would make my life a lot easier.” There should be zero discrimination»? Nulla. Lascio la citazione in lingua per beffare i fact-checker che poi direbbero che ho fatto dire a Biden ciò che Biden non ha detto.

Cosa vi è di «moderato» o di «centrista» nel presidente del Paese più importante e influente del mondo che, da cattolico praticante, voti regolarmente per promuovere l’aborto come se l’aborto fosse un diritto umano?

Nulla. Non vi sarebbe nulla di «moderato» o di «centrista» nel presidente del Paese più importante e influente del mondo che, ateo, dichiarasse così e votasse così, ma dichiarare così e votare così professandosi cattolico spedisce «moderatismo» e «centrismo» ad anni-luce di distanza da qui.

Piuttosto Biden incarna l’establishment del Partito Democratico. Ora, l’establishment del Partito Democratico, dopo otto anni di Barack Obama, dopo le incursioni di Hillary Clinton e dopo le sfide di Bernie Sanders (e dei Pete Buttigieg e delle Alexandria Ocasio-Cortez, qualunque cosa sarà di loro) è tutto tranne che «moderato» o di «centrista». Ovvero, le sue correnti «moderate» e «centriste» non esistono più. Biden rappresenta insomma la “macchina” di un partito politico in cui «moderatismo» e «centrismo» sono stati espunti. Se i media non pendessero in gran parte da quella parte politica lo riconoscerebbero con onestà.

Se dunque l’estremismo è l’establishment del partito, l’ala della Harris cosa rappresenta? Rappresenta l’ala “movimentista” di quello stesso estremismo. Più che “due anime”, una sola anima biforcuta.

I vicepresidenti

Ora, i vicepresidenti degli Stati Uniti servono, almeno da qualche decennio a questa parte, per cercare di assicurare a un certo candidato alla presidenza il raccordo strategico con un elettorato possibile, che va inseguito, coccolato, rassicurato. Quell’elettorato possibile può essere il “mondo liberal” se il candidato presidente è (più) conservatore, un “mondo conservatore” se il candidato alla Casa Bianca è (più) liberal, una Sinistra di strada e piazza se il candidato è di establishment, e così via.

La storia lo mostra. Il conservatore Ronald Reagan (1911-2004) scelse il meno conservatore George H. W. Bush (1924-2018) in un momento in cui il grosso del Partito Repubblicano, necessario per vincere, era assai meno mediamente schierato su posizioni conservatrici di quanto lo sia oggi. Poi Bush padre scelse al proprio fianco Dan Quayle, un po’ in odore di «social conservatism». Bill Clinton scelse quell’Al Gore che piaceva alle Sinistre movimentiste. Il George W. Bush figlio amico dei conservatori volle il Dick Cheney dell’establishment. L’idolo delle piazze Obama scelse l’uomo dell’establishment Biden. Il Trump che all’epoca non dava certezza completa al movimento conservatore scelse il campione del conservatorismo Mike Pence. E oggi il Biden dell’establishment estremista impalma la Harris dell’estremismo movimentista. Non fanno eccezione nemmeno un paio di “trombati” eccellenti: il meno conservatore John McCain (1936-2018) scelse la beniamina dei conservatori Sarah Palin e l’estremista Hillary Clinton predilesse il non meno estremista Tim Kaine, il quale però, cattolico, pur assomigliando in questo al Biden di oggi, assolveva quattro anni fa alla funzione di portare in dote l’elettorato cattolico che, perennemente turlupinato dai politici Democratici, resta essenziale, non fosse altro per il fatto che i cattolici sono la maggioranza relativa dei cittadini statunitensi.

Il mignolo e la chicchera

Le “due anime” che oggi si stanno misurando per il governo futuro degli Stati Uniti sono dunque l’estremismo da establishment di Biden e l’estremismo movimentista della Harris. Il primo conta ora più nomine vere, presunte e potenziali dentro la «squadra di transizione» e quindi, in ipotesi, nel governo. Vero. Questo perché le anime movimentiste, una volta assolto il compito di portare al voto un elettorato potenziale altrimenti inespresso o persino disperso, diventano ingombranti, se non imparano a scendere a patti con l’establishment. Fatto bottino dei voti scongelati dall’“ala Harris”, insomma, Biden potrebbe anche cercare di sfilarsi da un abbraccio che potrebbe risultare soffocante, relegando la propria vice a fare da carta da parati, come spesso i vicepresidenti degli Stati Uniti fanno e lo stesso Biden fece con Obama. L’establishment, infatti, anche quando estremista sa sempre vestire il doppiopetto, sa sempre maneggiare il turpiloquio in pubblico e per questo riesce a irretire stampa e quant’altri che lo definiscono «moderatismo» o «centrismo». Se e finché i movimentisti non imparano a farlo, verranno sempre adoperati solo come utili idioti. La radicalità dell’Amministrazione Biden cioè non cambia se l’“ala Harris” continuerà a essere tenuta un po’ al confino: cambierà soltanto il suo look, facendosi più digeribile nel mondo.

Realtà come Blacks Lives Matter e gli Antifa sono molto utili. Ma poi bisogna saper alzare il mignolo sorbendo dalla chicchera delle tavole dei George Soros, del World Economic Forum o del Center for Inclusive Capitalism, per dirne alcune.

Chez Paul

C’è però forse anche un secondo motivo per cui adesso i nomi di governo in quota Harris sono inferiori di numero rispetto a quelli in quota Biden. E quel motivo si chiama 5 gennaio.

Se il 5 gennaio il “secondo turno” della Georgia consegnerà ancora la maggioranza del Senato federale ai Repubblicani, il Senato avrà il potere politico di bocciare alcune nomine importanti del gabinetto Biden a termine del processo di vaglio delle loro candidature che a quell’assise spetta per dovere istituzionale. Un personale politico che l’establishment Democratico riuscisse a vendere come più «moderato» o «centrista», o qualcuno che desse garanzia di mignolo ben alzato alla tavola dei poteri forti, rispetto a nomi invece più targati street-fighting, o anche solo street-wear, potrebbe avere qualche chance in più di spuntarla pure davanti a un Senato in tesi ostile, soprattutto alla lunga e anzitutto se avesse ingaggiato qualche make-up artist di talento.

Se invece i Repubblicani perdessero il Senato, Biden potrebbe anche concedere al “mondo Harris” qualche figurina in più in stile The Blues Brothers a cena da Chez Paul. Magari anche con qualche avvicendamento nei mesi successivi all’Inauguration Day. I 74 milioni di statunitensi che hanno votato Trump e il personale politico che li rappresentano non debbono lasciarsi prendere dal panico. Ma ci sarà tempo per parlare di questo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:44 pm

La sinistra pretende di "salvare" la democrazia ritenendosi la sola legittimata a governare
Franco Carinci
21 dicembre 2020

https://www.atlanticoquotidiano.it/quot ... governare/

Sembrava una proposta buttata là quella di Biden circa una Santa Alleanza delle democrazie, che sottintendeva chiaramente che, solo dopo la caduta dell’autocrate Trump, gli Usa, ripuliti e risanati, avrebbero potuto tornare ad essere la guida per antonomasia di quella creatura figlia della civiltà occidentale, la democrazia, basata sulla elezione universale di una o più Camere di rappresentanti, con una dialettica garantita fra maggioranza ed opposizione. Una definizione minimale, ma declinata in maniera diversa, tanto da presentare differenze sostanziali, come risulta da una semplice comparazione fra Usa e Italia: ciò che là è considerato pienamente legittimo, qui verrebbe giudicato tale da minare non solo il testo costituzionale, ma lo stesso sistema democratico.

Come si è visto, negli Usa, per l’elezione del presidente è contemplato il voto per corrispondenza, contestato dal presidente uscente, per questo condannato ed esecrato al di là e al di qua dell’Atlantico, ma non mi pare che nessuno abbia fatto presente che tale voto, riadattato all’Italia, sarebbe da considerare in contrasto con l’art. 48, comma 2 della Costituzione. Questo comma, nel sancire che il voto deve essere “libero e segreto”, lo considera un requisito essenziale, ma un voto postale non è idoneo di per sé di garantire né la libertà né la segretezza, dato che non ci dice nulla di come sia stato espresso.

A sua volta, sempre negli Usa, non solo non c’è alcun organo di autogoverno della magistratura, i giudici federali sono scelti dal presidente e ratificati dal Senato, a cominciare da quelli della Corte Suprema, ma soprattutto c’è una netta cesura fra la funzione giudicante ed inquirente, quest’ultima riservata ad una avvocatura speciale eletta, che la esercita senza alcuna obbligatorietà. Una disciplina, questa, in plateale contrasto con gli artt. 104 e 105 della Costituzione sulla magistratura come “organo autonomo e indipendente da ogni altro potere”, capace di autogestirsi tramite un Consiglio superiore, ma anche cogli artt. 106 e 112 sulla identità di selezione e di status fra giudici e procuratori, quest’ultimi vincolati all’esercizio dell’azione penale; tanto da far dubitare qui da noi che un sistema privo di queste garanzie possa veramente considerarsi uno stato di diritto.

Una volta che, per reciproco riconoscimento, gli Usa e i Paesi europei si siano detti democratici al cento per cento, il lavoro selettivo sembrerebbe appena cominciato, sempre che non si dia per scontato che la Santa Alleanza delle democrazie, per quanto teoricamente aperta, debba coprire solo una relazione privilegiata fra Usa e Ue più la Gran Bretagna, una sorta di Nato politica. Come la Nato, una alleanza difensiva, finalizzata a garantirsi reciprocamente la tenuta democratica nei rispettivi Paesi, contro la destabilizzazione da parte di movimenti populisti, con la minaccia esplicita di isolare quei Paesi che cadessero in una tale trappola, cosa che dovrebbe servire ad esorcizzare preventivamente qualsiasi tentazione in proposito. Al riguardo mi piace ricordare quanto osservato recentemente da Carlo De Benedetti, certo addentro alle segrete cose, che se mai Salvini e company riuscissero a vincere le elezioni, la Ue li farebbe cadere nell’espace d’un matin, sotto intendendo una regia da parte della Germania. Osservazione che suona a conferma della precedente decapitazione di Berlusconi, che però non era un populista, ma solo non gradito nel suo tentativo di dare un profilo più significativo al nostro Paese nel consesso europeo.

Per cui in questa Santa Alleanza, a parafrasi della famosa scritta della Fattoria degli animali, tutte le democrazie sono uguali, ma alcune sono più uguali di altre, quindi legittimate a esercitare una qual sorta di custodia cautelare rispetto a quelle più deboli ed incerte, che, come tali, non sarebbero in grado di tollerare una alternanza fra le forze in campo, secondo una riedizione della conventio ad excludendum nei confronti non solo dei partiti populisti ma anche genericamente conservatori. Invero, all’interno di questa Santa Alleanza, si collocherebbe l’altra iniziativa attribuita sempre a Biden, cioè la convergenza unitaria delle forze democratiche e progressiste, espressione coniata dal nostro Pd, tale da comportare una ulteriore distinzione tra le forze solo democratiche, di per sé non sufficienti neppure a garantire una democrazia sostanziale, e quelle democratiche e progressiste, cioè di sinistra. Così dovrebbero restar fuori i conservatori, tant’è che per La Repubblica l’interlocutore ideale di Biden non era il premier britannico ma il leader dei laburisti, senza tener conto che lo stesso Biden deve essere considerato un moderato, tanto da avere una robusta ala radicale, che è riuscito a tenere a debita distanza, ieri, nella campagna elettorale e, oggi, nella formazione della sua squadra.

Dietro la finalità difensiva, tutta ripiegata sulla politica interna, se ne può ritrovare una offensiva, tutta proiettata sulla politica estera: l’esportazione della democrazia, dando per scontato che quella nostra, figlia di una peculiare storia secolare, possa essere imposta a forza là dove non ne esistono le premesse culturali, sociali, economiche. Esportarla come, con i boicottaggi economici, con gli aiuti a movimenti di opposizione spesso ambigui, con colpi di Stato, con le cannoniere? Anche nella forma meno cruda, quella dei boicottaggi, la pressione esige una convergenza partecipata in politica estera, che l’esperienza ci dimostra essere già difficilmente praticabile a livello di semplici dichiarazioni di principio che lasciano il tempo che trovano, mentre a giocare restano gli interessi nazionali, coltivati apertamente dai Paesi in grado di farli valere in virtù di una effettiva e credibile capacità di intervento. Altrimenti si deve fare come l’Italia, sempre pronta a cedere al ricatto sia di denaro che di onore, come da ultimo il viaggio di Conte e Di Maio a Bengasi, un atto d’omaggio ad un dittatore misconosciuto a livello internazionale, a cominciare dal nostro stesso Paese, con a buon precedente il verboso ma inconcludente pressing sull’Egitto per il caso Regeni.

Tale convergenza partecipata dovrebbe valere in tutte le organizzazioni internazionali, a cominciare dall’Onu, dando per scontato che i detentori del potere di veto, Usa, Francia e Gran Bretagna, siano disposti a esercitarlo come fosse un mandato dei Paesi partecipanti alla Alleanza. Solo che tutto questo comporterebbe il contro-effetto dell’isolamento, in chiave di un ormai anacronistico euro-centrismo, sempre che per evitarlo, l’ingresso sia tanto annacquato da non escludere quasi nessuno. Che dire della Russia, della Cina, del Brasile, della gran parte delle nazioni musulmane… oggi non è dato più scegliere chi si siederà dall’altra parte del tavolo, prendendo come misura una forma di organizzazione interna di governo, essendo già molto difficile porre come condizione il rispetto dei fondamentali diritti umani.

La sinistra aspetta sempre un messia, che dovrebbe fare quel che è ormai totalmente incapace di realizzare, una aggregazione egemone, condannata così ad una reiterata disillusione. Non c’è una mitica terza via, tanto meno se solo indicata per esclusione rispetto al capitalismo e al comunismo, purtroppo la democrazia, quando c’è, è donzella capricciosa, a caratterizzarla assai più di una linea diritta, è una linea tortuosa, perché la gente tende sempre ad oscillare fra nostalgia del passato e voglia di futuro, tant’è che le sole forze c.d. progressiste non sono affatto in grado di rappresentarla in toto, a meno che non ne fuoriescano con la rivendica di essere le sole legittimate a governare.




Pelosi Bans ‘Gender’ Terms Mother, Daughter, Father, Son in House Rules
Alana Mastrangelo
1 gennaio 2021

https://www.breitbart.com/politics/2021 ... use-rules/

House Speaker Nancy Pelosi (D-CA) and Rules Committee Chairman James McGovern (D-MA) unveiled the rules for the 117th Congress on Friday, which contain “future-focused” proposals, including the elimination of gendered terms, such as “father, mother, son, and daughter.”

“This package, which will be introduced and voted on once the new Congress convenes, includes sweeping ethics reforms, increases accountability for the American people, and makes this House of Representatives the most inclusive in history,” said the House Committee on Rules in a statement.

House Speaker Pelosi went on to say she is “pleased to join Chairman Jim McGovern in introducing this visionary rules package, which reflects the views and values of the full range of our historically diverse House Democratic Majority.”

“Thanks to the leadership of Chairman McGovern and our Members, Democrats have crafted a package of unprecedented, bold reforms, which will make the House more accountable, transparent, and effective in our work to meet the needs of the American people,” said Pelosi.

“These future-focused proposals reflect our priorities as a Caucus and as a Country,” the House Speaker added.

Within the proposals are the creation of the “Select Committee on Economic Disparity and Fairness in Growth,” which would require Congress to “honor all gender identities by changing pronouns and familial relationships in the House rules to be gender neutral.”

In clause 8(c)(3) of rule XXIII, gendered terms, such as “father, mother, son, daughter, brother, sister, uncle, aunt, first cousin, nephew, niece, husband, wife, father-in-law, mother-in-law, son-in-law, daughter-in-law, brother-in-law, sister-in-law, stepfather, stepmother, stepson, stepdaughter, stepbrother, stepsister, half brother, half sister, grandson, or granddaughter” will be removed.

In their place, terms such as “parent, child, sibling, parent’s sibling, first cousin, sibling’s child, spouse, parent-in-law, child-in-law, sibling-in-law, stepparent, stepchild, stepsibling, half-sibling, or grandchild” will be used, instead.

You can follow Alana Mastrangelo on Facebook and Twitter at @ARmastrangelo, on Parler at @alana, and on Instagram.



Divieti Pelosi 'Genere' Termini Madre, Figlia, Padre, Figlio in Casa Regole
Alana Mastrangelo

La Presidente della Camera Nancy Pelosi (D-CA) e il Presidente del Comitato del Regolamento James McGovern (D-MA) hanno presentato le regole per il 117° Congresso di venerdì, che contengono proposte "focalizzate sul futuro", tra cui l'eliminazione dei termini di genere, come "padre, madre, figlio e figlia".

"Questo pacchetto, che sarà introdotto e votato una volta che il nuovo Congresso si riunirà, include riforme etiche radicali, aumenta la responsabilità per il popolo americano e rende questa Camera dei Rappresentanti la più inclusiva della storia", ha detto il Comitato delle Regole della Camera in una dichiarazione.

La Presidente della Camera Pelosi ha continuato dicendo di essere "lieta di unirsi al Presidente Jim McGovern nell'introdurre questo visionario pacchetto di regole, che riflette i punti di vista e i valori dell'intera gamma della nostra storicamente diversificata maggioranza democratica della Camera".

"Grazie alla leadership del Presidente McGovern e dei nostri membri, i Democratici hanno elaborato un pacchetto di riforme coraggiose e senza precedenti, che renderanno la Camera più responsabile, trasparente ed efficace nel nostro lavoro per soddisfare le esigenze del popolo americano", ha detto Pelosi.

"Queste proposte orientate al futuro riflettono le nostre priorità come Caucaso e come Paese", ha aggiunto il Presidente della Camera.

Tra le proposte c'è la creazione del "Select Committee on Economic Disparity and Fairness in Growth", che richiederebbe al Congresso di "onorare tutte le identità di genere cambiando i pronomi e le relazioni familiari nelle regole della Camera per essere neutrale rispetto al genere".

Nella clausola 8(c)(3) della regola XXIII, i termini di genere, come "padre, madre, figlio, figlio, figlia, fratello, sorella, zio, zia, cugino di primo grado, nipote, nipote, marito, moglie, suocero, suocera, genero, nuora, cognato, cognata, cognata, patrigno, matrigna, figliastro, figliastra, figliastra, fratellastro, sorellastra, fratellastro, fratellastro, sorellastra, nipote o nipote" saranno rimossi.

Al loro posto saranno utilizzati termini come "genitore, figlio, fratello, sorellastra, fratello del genitore, cugino di primo grado, figlio del fratello, coniuge, suocero, suocera, fratellastro, fratellastra, matrigna, figliastro, figliastra, sorellastra, nipote o nipota".




Portland Mayor Admits Failure in Dealing with Antifa, Asks for Federal, State Help
2 gennaio 2020

https://www.breitbart.com/law-and-order ... tate-help/

Portland Mayor Ted Wheeler admitted his policies in dealing with Antifa anarchists failed. He called for new enforcement actions and asked for federal and state assistance in dealing with the lawlessness.

“My good-faith efforts at de-escalation have been met with ongoing violence and even scorn from radical Antifa and anarchists,” Wheeler said in a New Year’s Day press conference. “In response, it will be necessary to use additional tools and to push the limits of the tools we already have to bring the criminal destruction and violence to an end.”

“It’s time to push back harder against those who are set on destroying our community and to take more risks in fighting lawlessness,” the Portland mayor continued.

The mayor’s remarks follow violent attacks by Antifa on Portland Police Bureau officers and destruction of businesses in the downtown district on New Year’s Eve. The anarchists attacked their officers with commercial-grade fireworks and firebombs. Antifa rioters threw at least two Molotov cocktail-style firebombs and launched multiple commercial-grade fireworks at Portland police as they attempted to defend the downtown business district and the federal courthouse.

“We should be clear what this was last night, it was about violence and criminal destruction, period,” Portland Police Chief Chuck Lovell said during the press conference.

Mayor Wheeler called upon federal, state, county, and local law enforcement partners to work with him to develop “clear plans to address anarchist violence.” He also asked the Oregon Legislature to increase the penalties for people who engage in repeated acts of criminal destruction and vandalism.

Antifa-related violence ran rampant in Portland through much of 2020 as prosecutors in the city dismissed charges against 90 percent of the protesters arrested in September alone, Breitbart’s Ildefonso Ortiz reported. During the first week of October, only 19 of the 213 people arrested in September had pending charges.

Between May and September, prosecutors dismissed more than 70 percent of charges. In one case, charges of attempted murder, attempted assault, arson, possession of a destructive device, and rioting were dismissed against a man who allegedly threw a Molotov cocktail at police officers.

In December, Antifa built an autonomous zone around a foreclosed house to stop law enforcement from executing an eviction order. At one point, the mayor issued what now appears to be a toothless edict, saying, “There will be no autonomous zone in Portland,” Breitbart’s Joel Pollak reported.

When police arrived to execute the eviction order, Antifa anarchists became violent and chased the police away. The mayor pledged last week that the police were authorized to use “all lawful means” to end the occupation of the foreclosed house and surrounding streets.

That did not happen.

After a week-long occupation of the three-block autonomous zone, Wheeler caved and actually apologized to Antifa. The mayor and his chief of police apologized for statements they made earlier that week where they referred to the encampments as an “autonomous zone” and for threatening to use “a lawful means” to end the occupation.

Following the apology statements, admitted his weakness in enforcing the law might encourage others to follow similar acts of anarchy.

“I hope it is not an ongoing phenomenon,” Mayor Wheeler said in an article published by The Oregonian. “Our objective is to protect lives and end the occupation. And nobody should take this as an invitation to do it anywhere else. The end result could turn out very differently.”

In his New Year’s Day statement, Wheeler talks tough again, saying, “We need more accountability and we need to hold people responsible for their criminal conduct.”

The mayor said he did not understand the New Year’s Eve rioters that came at a time with others in the city focused on “hope and optimism that can come with the dawn of a new year, why would a group of largely white, young and some middle-aged men, from all reports, destroy the livelihood of other people who are struggling to get by?”

“It’s the height of selfishness,” Wheeler concluded. “There are just some people who want to watch the world burn. That’s what we’re up against here.”

Bob Price serves as associate editor and senior news contributor for the Breitbart Texas-Border team. He is an original member of the Breitbart Texas team. Price is a regular panelist on Fox 26 Houston’s Sunday-morning talk show, What’s Your Point? Follow him on Twitter @BobPriceBBTX, Parler @BobPrice, and Facebook.


Traduzione:

Il sindaco di Portland Ted Wheeler ha ammesso che la sua politica nel trattare con gli anarchici antifa è fallita. Ha chiesto nuove azioni esecutive e ha chiesto assistenza federale e statale per affrontare l'illegalità.

"I miei sforzi in buona fede per ridurre l'escalation sono stati accolti con violenza continua e persino con il disprezzo degli antifa e degli anarchici radicali", ha detto Wheeler in una conferenza stampa di Capodanno. "In risposta, sarà necessario utilizzare ulteriori strumenti e spingere i limiti degli strumenti di cui già disponiamo per porre fine alla distruzione criminale e alla violenza".

"È il momento di spingere più forte contro coloro che vogliono distruggere la nostra comunità e di correre più rischi nella lotta contro l'illegalità", ha continuato il sindaco di Portland.

Le osservazioni del sindaco seguono i violenti attacchi dell'Antifa contro gli agenti dell'Ufficio di Polizia di Portland e la distruzione di attività commerciali nel quartiere del centro della città a Capodanno. Gli anarchici hanno attaccato i loro agenti con fuochi d'artificio e bombe incendiarie di tipo commerciale. I rivoltosi dell'Antifa hanno lanciato almeno due bombe incendiarie in stile cocktail Molotov e hanno lanciato diversi fuochi d'artificio di tipo commerciale alla polizia di Portland mentre cercavano di difendere il distretto commerciale del centro e il tribunale federale.

"Dovremmo essere chiari su cosa è successo ieri sera, si trattava di violenza e distruzione criminale, punto e basta", ha detto il capo della polizia di Portland Chuck Lovell durante la conferenza stampa.

Il sindaco Wheeler ha invitato i partner federali, statali, della contea e delle forze dell'ordine locali a lavorare con lui per sviluppare "piani chiari per affrontare la violenza anarchica". Ha anche chiesto alla Legislatura dell'Oregon di aumentare le pene per le persone che commettono ripetuti atti di distruzione criminale e vandalismo.

La violenza legata all'antifa si è diffusa a Portland per gran parte del 2020, quando i procuratori della città hanno respinto le accuse contro il 90% dei manifestanti arrestati nel solo mese di settembre, ha riferito Ildefonso Ortiz di Breitbart. Durante la prima settimana di ottobre, solo 19 delle 213 persone arrestate a settembre avevano accuse pendenti.

Tra maggio e settembre, i procuratori hanno respinto più del 70 per cento delle accuse. In un caso, le accuse di tentato omicidio, tentata aggressione, incendio doloso, possesso di un dispositivo distruttivo e sommosse sono state respinte contro un uomo che avrebbe lanciato una Molotov agli agenti di polizia.

A dicembre, l'Antifa ha costruito una zona autonoma intorno a una casa pignorata per impedire alle forze dell'ordine di eseguire un ordine di sfratto. A un certo punto, il sindaco ha emesso quello che ora sembra essere un editto senza denti, dicendo: "Non ci sarà una zona autonoma a Portland", ha riferito Joel Pollak di Breitbart.

Quando la polizia è arrivata per eseguire l'ordine di sfratto, gli anarchici di Antifa sono diventati violenti e hanno cacciato via la polizia. La settimana scorsa il sindaco ha promesso che la polizia è stata autorizzata a usare "tutti i mezzi legali" per porre fine all'occupazione della casa pignorata e delle strade circostanti.

Questo non è successo.

Dopo una settimana di occupazione della zona autonoma a tre isolati, Wheeler ha ceduto e si è scusato con Antifa. Il sindaco e il suo capo della polizia si scusarono per le dichiarazioni fatte all'inizio di quella settimana, in cui si riferivano agli accampamenti come "zona autonoma" e per aver minacciato di usare "un mezzo legale" per porre fine all'occupazione.

A seguito delle dichiarazioni di scuse, ha ammesso che la sua debolezza nel far rispettare la legge potrebbe incoraggiare altri a seguire simili atti di anarchia.

"Spero che non sia un fenomeno in corso", ha detto il sindaco Wheeler in un articolo pubblicato da The Oregonian. Il nostro obiettivo è quello di proteggere le vite e porre fine all'occupazione". E nessuno dovrebbe prenderlo come un invito a farlo altrove". Il risultato finale potrebbe essere molto diverso".

Nella sua dichiarazione di Capodanno, Wheeler parla di nuovo in modo duro, dicendo: "Abbiamo bisogno di più responsabilità e dobbiamo ritenere le persone responsabili della loro condotta criminale".

Il sindaco ha detto di non aver capito i ribelli di Capodanno che sono arrivati in un momento in cui gli altri in città si sono concentrati sulla "speranza e l'ottimismo che può arrivare con l'alba di un nuovo anno, perché un gruppo di uomini in gran parte bianchi, giovani e alcuni di mezza età, da tutti i rapporti, dovrebbe distruggere il sostentamento di altre persone che stanno lottando per tirare avanti?

"E' l'apice dell'egoismo", ha concluso Wheeler. Ci sono solo alcune persone che vogliono vedere il mondo bruciare". Questo è ciò con cui abbiamo a che fare".

Bob Price è redattore associato e collaboratore senior per il team di Breitbart Texas-Border. È un membro originale del team di Breitbart Texas. Price è un regolare panelist nel talk show domenicale di Fox 26 Houston della domenica mattina, What's Your Point? Seguitelo su Twitter @BobPriceBBTX, Parler @BobPrice e Facebook.

La politica degli USA di Biden
Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro
https://www.cavalieridellavoro.it/app/u ... 23/#zoom=z








La preghiera al congresso degli Stati Uniti conclusa con “amen and awoman” per mantenere la parità di genere, ci dimostra che uno dei pilastri del politicamente corretto è l’ignoranza. Di solito i fautori del politicamente corretto si sentono i custodi della verità assoluta, i paladini della giustizia. In concreto sono l’emblema del semicolto, leggono libri brutti che considerano capolavori, si informano dalle solite tre/quattro testate che prendono per verità assoluta, pensano di fare analisi brillanti ma sono di una banalità e scontatezza disarmante, credono di essere dei rivoluzionari ma sono il conformismo fatto a persona. Si sentono persone di grande spessore e ti giudicano guardandoti dall’alto verso il basso, poi concludono una preghiera dicendo “amen and a woman”.

https://www.facebook.com/groups/2097364 ... 8418219867


AMEN ed A-WOMAN. Così termina il discorso un "Pastore" parlamentare democratico. L'ignoranza è la fine della civiltà
Giuseppina Perlasca
4 gennaio 2021
https://scenarieconomici.it/amen-ed-a-w ... la-civita/

Non è una battuta da giornale satirico. Non è il comico italiano che aveva satiricamente fondato il movimento “O-Men”. No qui è tutto, tragicamente, vero.

Si apre la 117 legislatura degli Stati Uniti. parla di democratico deputato Emanuel Cleaver, che, fra l’altro, è un Pastore da 37 anni. ha concluso il proprio discorso inaugurale alla Camera con un solenne
Amen and A-Woman

AMEN and A-WOMAN ?? che vuol dire . Amen NON è una parola della lingua inglese, ma ebraica, che si pronuncia sempre uguale in qualsiasi lingua, e che è utilizzato per dire “Così Sia”. Perfino nella lingua araba è utilizzato con lo stesso significato. Però l’egocentrismo e l’ignoranza profonda della nuova cultura “Woke” americana hanno l’incredibili potere di trasformare una parola ebraica in una inglese, dandole, fra l’altro, un valore sessista. Un po’ come qualche nostro giornalista scrive “ad hoc” “ad ok”, oppure pronuncia “Sine die “”Sein Dein”. tanto tutto fa brodo. Incredibile che questo accada a colui che afferma di essere stato un Pastore per 37 anni. Che insegnamenti ha portato al suo gregge?

Un pastore che poi appare incerto anche su quale sia il suo gregge perchè prima, chiedendo la pace sul mondo, chiede aiuto al “Dio monoteistico, a Bhrama o il dio chiamato con cento nomi da cento fedi.”. Ora se io fossi Amaterasu, Dea solare giapponese sposa dell’Imperatore, mi seccherei un pelo nel non essere citata direttamente. Del resto “Il dio dai cento nomi” deve essere stato preso paro paro dal “Dio dai molti volti” “Many faced god” di “Games of Thrones”. Salvo prima descrivere Dio che rivolge il suo “Viso verso di noi”, facendone quindi una personificazione che va bene per il cristianesimo, ma farà infuriare le altre religioni monoteistiche.

Questa generazione di politici e intellettuali “Politicamente corretti” si basa su due colonne fondamentali: l’ignoranza da un lato e l’egocentrismo dall’altro. Si tratta degli stessi intelligentoni che hanno abbattuto le statue di Colombo senza sapere che spesso erano omaggi delle comunità italo americane alla loro nuova patria. Tutto viene giudicato secondo il proprio metro di falso e soprattutto viene giudicato.


Gino Quarelo
Il male demo-sinistro dell'occidente alleatosi con il male capital-comunista cinese e con il nazismo maomettano, il peggio del peggio, il male assoluto che porterà conflitti e dolori infernali all'intera umanità.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:45 pm

30) vedasi anche capitoli 7-9-10-15-21-22-24 e 28

Il caso della Georgia

Le persone in Georgia sono state beccate fredde mentre portavano un enorme numero di urne e li mettevano nelle macchine per ′′ votare Ottimo lavoro Brian Kemp!
4 dicembre 2020
https://www.facebook.com/DonaldTrump/po ... 5000560725


Ci sono i video dei brogli in Georgia.
Dopo che tutti sono andati via in cinque cacciano fuori da sotto il tavolo valigie piene di "schede" e le passano nelle macchine per contarli.
Jaime Andrea Jaime
4 dicembre 2020

https://twitter.com/TeamTrump/status/13 ... 9334083586

Team Trump
WATCH: Video footage from Georgia shows suitcases filled with ballots pulled from under a table AFTER supervisors told poll workers to leave room and 4 people stayed behind to keep counting votes





CLAMOROSO UN LOTTO DI 23 MILA SCHEDE TUTTE CON VOTO A BIDEN IDENTIFICATE IN GEORGIA COME FALSE. QUESTO CONSEGNERÀ LA VITTORIA A TRUMP E il Governatore ha certificato un falso scrutinio

https://www.thegatewaypundit.com/2020/1 ... trump-win/

HUGE: One Batch of 23,000 Ballots All For Biden Identified in Georgia That Were Fraudulent – More than Enough for Trump Win
Joe Hoft
December 4, 2020



Trump Campaign Files Lawsuit in Georgia to Overturn Result
Read Newsmax: http://www.newsmax.com
Urgent: Do you approve of Pres. Trump’s job performance? Vote Here Now!
4 dicembre 2020

https://www.newsmax.com/t/newsmax/artic ... id=1000086

President Donald Trump has filed suit in Georgia claiming the election process was filled with “significant systemic misconduct, fraud and other irregularities” resulting in “many thousands of illegal votes” being cast and counted.

The suit was filed in Georgia on Friday on behalf of Trump and David Shafer, a presidential elector pledged to the president. The suit named Georgia Secretary of State Brad Raffensperger and a slew of local elections officials.

It is asking the court to prevent certification of the results and order a new presidential election.

The suit claims:

The election code mandates that those wishing to vote by absentee ballots may apply for a mail-in ballot “not more than 180 days” prior to the election. But it alleges the officials permitted at least 305,701 people to illegally vote who applied for absentee ballots more than 180 days prior to the election and then improperly counted the illegal votes.
Officials allowed at least 92 individuals to vote whose absentee ballots, according to state records, were returned and accepted prior to that individual requesting an absentee ballot.
The officials mailed at least 2,664 absentee ballots to individuals prior to the earliest date permitted by law.
Respondents unlawfully adopted standards to be followed by the clerks and registrars in processing absentee ballots inconsistent with the election code.
Despite the legal requirement for signature matching and voter identity verification, the respondents failed to ensure that such obligations were followed by election officials.

The lawsuit also claims the officials violated Georgia law and the election code, along with state election board rules and regulations.

“The fraud, misconduct and irregularities that occurred under the ‘supervision’ of (the) respondents are sufficient to place the contest election in doubt,” the lawsuit said.

"As a result, there is substantial doubt as to the outcome of the contested election, and the contested election ... shall be enjoined, vacated, and nullified and either a new presidential election be immediately ordered that complies with Georgia Page 52 of 64 law or, in the alternative, that such other just and equitable relief is obtained so as to comport with the Constitution of the State of Georgia.”

Read Newsmax: http://www.newsmax.com
Urgent: Do you approve of Pres. Trump’s job performance? Vote Here Now!


Il presidente Donald Trump ha intentato una causa in Georgia sostenendo che il processo elettorale è stato riempito da "significative scorrettezze sistemiche, frodi e altre irregolarità" che hanno portato a "molte migliaia di voti illegali" espressi e contati.

La causa è stata intentata venerdì in Georgia per conto di Trump e David Shafer, un elettore presidenziale promesso al presidente. La causa ha nominato il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger e una serie di funzionari delle elezioni locali.

Chiede alla corte di impedire la certificazione dei risultati e di ordinare una nuova elezione presidenziale.

La causa rivendica:

Il codice elettorale prevede che coloro che desiderano votare per scrutinio per corrispondenza possano richiedere una votazione per corrispondenza "non più di 180 giorni" prima dell'elezione. Ma sostiene che i funzionari hanno permesso ad almeno 305.701 persone di votare illegalmente, che hanno fatto richiesta di voto per corrispondenza più di 180 giorni prima dell'elezione e hanno poi contato impropriamente i voti illegali.
I funzionari hanno permesso ad almeno 92 persone di votare i cui voti per assenteismo, secondo i registri statali, sono stati restituiti e accettati prima che la persona in questione richiedesse uno scrutinio per assenteismo.
I funzionari hanno inviato per posta almeno 2.664 schede assenti alle persone prima della prima data consentita dalla legge.
Gli intervistati hanno adottato norme illegittime che gli impiegati e i cancellieri devono seguire nell'elaborazione delle schede elettorali in contrasto con il codice elettorale.
Nonostante l'obbligo legale di corrispondenza delle firme e di verifica dell'identità degli elettori, gli intervistati non sono riusciti a garantire che tali obblighi fossero seguiti dai funzionari elettorali.

La causa sostiene inoltre che i funzionari hanno violato la legge della Georgia e il codice elettorale, insieme alle norme e ai regolamenti del consiglio elettorale statale.

"Le frodi, la cattiva condotta e le irregolarità che si sono verificate sotto la 'supervisione' degli intervistati sono sufficienti per mettere in dubbio le elezioni", ha detto la causa.

"Di conseguenza, vi è un sostanziale dubbio sull'esito dell'elezione contestata, e l'elezione contestata ... sarà ingiunta, resa vacante e annullata e sarà immediatamente ordinata una nuova elezione presidenziale che sia conforme alla legge della Georgia o, in alternativa, che tale altro giusto ed equo sollievo sia ottenuto in modo da agire in conformità con la Costituzione dello Stato della Georgia".




Brogli in Georgia
https://scenarieconomici.it/ecco-le-pro ... M.facebook


Il Governatore della Georgia ha ordinato la riconta ma questa volta con il controllo delle buste che hanno la firma dell'elettore (nella riconta precedente aveva fatto il furbo)
5 dicembre 2020
https://twitter.com/realDonaldTrump/sta ... 2530379776

https://www.facebook.com/jaime.mancagra ... 7873043061

Vincerò facilmente e rapidamente la Georgia se il governatore Brian Kemp o il segretario di stato consentiranno una semplice verifica della firma. Non è stato fatto e mostrerà discrepanze su larga scala. Perché questi due ′′ repubblicani ′′ dicono di no? Se vinciamo la Georgia, tutto il resto va al suo posto!
https://www.facebook.com/DonaldTrump/po ... 3946810725


Elezioni USA: le diavolerie della Georgia
4-12-2020
https://www.youtube.com/watch?v=zu2icwGrT4E


Elezioni USA: scattano i primi arresti
6-12-2020
https://www.youtube.com/watch?v=88Ut7Do ... ture=share
Arrestati dipendenti delle poste americane che hanno buttato le schede elettorali nella spazzatura oppure al margine della strade. Notizie di molte altre truffe segnalate dall'Amistad Project.


Georgia Gov. Kemp Urges Signature Audit After 'Smoking Gun' Video Emerges
Jeffrey Rodack
7 dicembre 2020

https://www.newsmax.com/politics/kemp-s ... d/1000018/

Georgia Gov. Brian Kemp is calling for a signature audit after video footage emerged allegedly showing Fulton County poll workers counting ballots without monitors present.

A private security firm inside Atlanta's State Farm Arena provided the surveillance video to Trump campaign lawyers at 1 a.m. ET on Thursday, attorney Jacki Pick told Newsmax TV's "Stinchfield" on Thursday.

"Yes, people were sent home, told to stop working, stop counting, but some people stayed behind: Sure enough, just as our poll watchers – well, our monitors – had said," Pick maintained.

Pick, who presented the evidence to the state Senate earlier Thursday, said the video shows suitcases being pulled from under a table covered by a black cloth — purportedly holding thousands of ballots.

As result of the video, Kemp called for the signature audit Thursday during an interview on the Fox News' "The Ingraham Angle."

"I think it should be done," he said. "I think especially [given] what we saw [Thursday].

"It raises more questions."

He also called it "concerning."

But he noted the power in the state to make the order rests with Georgia Secretary of State Brad Raffensperger, a fellow Republican.

"Hopefully, the secretary of state will update us on exactly what was going on: I have heard they had a monitor there," Kemp said. "I think it would be good for him to come out and say exactly what was going on. But I think this also gives him an opportunity to really look at specifically at the Fulton County recount that's still going on to make sure that that recount has been done in the right way, and that we know if these were ballots, were they counted correctly, and if there were signatures on that."

Meanwhile, President Donald Trump's attorney Rudy Giuliani called the video a "smoking gun from Georgia" in a Thursday tweet.

And Jenna Ellis, a lawyer for Trump campaign, responded to Kemp's comments by tweeting, "@TrumpTeam requested signature verification FIVE TIMES."

Trump said signature checks in the presidential race is a way of making certain incumbent Sen. David Perdue, R-Ga., and Kelly Loeffler, R-Ga., win their Jan. 5 runoffs.

The president tweeted:

"The best way to insure a @KLoeffler and @sendavidperdue VICTORY is to allow signature checks in the Presidential race, which will insure a Georgia Presidential win (very few votes are needed, many will be found). Spirits will soar and everyone will rush out and VOTE! @BrianKempGA."

IMPORTANT: Mike Huckabee warns of Joe Biden, Kamala Harris' dangerous agenda for America, famed Washington Times editor speaks out – Read More: Click Here Now


Georgia Gov. Kemp sollecita l'audit delle firme dopo l'uscita del video "Smoking Gun".
Jeffrey Rodack
7 dicembre 2020
https://www.newsmax.com/politics/kemp-s ... d/1000018/

Il governatore della Georgia Brian Kemp chiede una verifica delle firme dopo che è emerso un video che mostra i lavoratori della contea di Fulton che contano le schede senza monitor presenti.
Una società di sicurezza privata all'interno della State Farm Arena di Atlanta ha fornito il video di sorveglianza agli avvocati della campagna di Trump all'1 di notte di giovedì, l'avvocato Jacki Pick ha detto a Newsmax TV "Stinchfield" di giovedì.
"Sì, la gente è stata mandata a casa, le è stato detto di smettere di lavorare, di smettere di contare, ma alcune persone sono rimaste indietro: Certo, proprio come avevano detto i nostri osservatori - beh, i nostri monitor -", ha affermato Pick.
Pick, che ha presentato le prove al Senato dello Stato all'inizio di giovedì, ha detto che il video mostra delle valigie che vengono tirate da sotto un tavolo coperto da un telo nero - presumibilmente con migliaia di schede elettorali.
Come risultato del video, Kemp ha chiesto la verifica della firma giovedì durante un'intervista a Fox News' "The Ingraham Angle".
"Penso che dovrebbe essere fatto", ha detto. "Penso soprattutto [dato] quello che abbiamo visto [giovedì].
"Questo solleva altre domande".
L'ha anche definita "preoccupante".
Ma ha notato che il potere nello Stato di fare l'ordine spetta al segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger, un collega repubblicano.
"Speriamo che il segretario di Stato ci aggiorni su quello che sta succedendo esattamente: Ho sentito che avevano un monitor lì", ha detto Kemp. "Penso che gli farebbe bene uscire e dire esattamente cosa stava succedendo". Ma penso che questo gli dia anche l'opportunità di guardare in modo specifico al riconteggio della Contea di Fulton che sta ancora avvenendo per assicurarsi che quel riconteggio sia stato fatto nel modo giusto, e che sappiamo se queste erano schede, se sono state contate correttamente, e se c'erano delle firme".
Nel frattempo, l'avvocato del presidente Donald Trump, Rudy Giuliani, ha definito il video "una pistola fumante della Georgia" in un tweet del giovedì.
E Jenna Ellis, avvocato della campagna di Trump, ha risposto ai commenti di Kemp con un tweet: "@TrumpTeam ha richiesto la verifica delle firme CINQUE TEMPI".
Trump ha detto che la verifica delle firme nella corsa presidenziale è un modo per far sì che certi senatori in carica, David Perdue, R-Ga., e Kelly Loeffler, R-Ga., vincano i loro ballottaggio del 5 gennaio.

Il presidente ha twittato:

"Il modo migliore per assicurare una @KLoeffler e @sendavidperdue VICTORY è quello di consentire il controllo delle firme nella corsa presidenziale, che assicurerà una vittoria presidenziale della Georgia (sono necessari pochissimi voti, ne troveranno molti). Gli spiriti si alzeranno in volo e tutti si precipiteranno a votare! @BrianKempGA".




Il governatore repubblicano della Georgia si rifiuta di fare la verifica delle firme, il che ci darebbe una vittoria facile. Cosa c'è che non va in questo tizio? Cosa sta nascondendo?
Donald J. Trump
7 dicembre 2020

https://www.facebook.com/DonaldTrump/po ... 3991395725


SCOOP: TRUMP STA PER EMANARE ORDINE ESECUTIVO CONTRO CINA E DEEP STATE! GROSSE NOVITÀ LEGALI!!!
7 dic 2020

https://www.youtube.com/watch?v=36gS0uI ... ture=share



Mark Levin: The entire electoral college process depends on the integrity of the states; Pennsylvania's electors are tainted
Mark Levin: L'intero processo del collegio elettorale dipende dall'integrità degli Stati; gli elettori della Pennsylvania sono contaminati
7 dicembre 2020

https://www.facebook.com/watch/?v=40603 ... &ref=notif


Coup d'état aux Etat-Unis : Donald Trump ne fléchira pas, il a gagné le 3 novembre et ne laissera pas l'escroc Biden voler le peuple américain | Europe Israël news
Christian De Lablatinière Journaliste québécois, pro-atlantiste, pro-israélien,pro-occidental
Déc 07, 2020

https://www.europe-israel.org/2020/12/c ... americain/

Dans le monde sinistrement enchanté du Figaro, Donald Trump a “tourné le dos aux valeurs” américaines et mené une “politique brouillonne”, et Joe Biden promet un retour aux vraies valeurs et une politique plus claire. Le texte est signé Philippe Gélie, que, quand je vivais encore en France, j’ai croisé sur un plateau de télévision. Il ne lui manque qu’un nez rouge pour commencer une carrière de clown. Être à côté de la plaque et falsifier à ce point, c’est une prouesse digne d’un numéro de cirque. Je ne sais ce qu’il inhale, mais c’est incontestablement un produit puissant. Peut-être regarde-t-il CNN jour et nuit, ce qui est dangereux pour les neurones, et il en restait déjà très peu dans le crane vide de ce sordide individu. Dans d’autres pages du Figaro, Biden est présenté comme s’il était déjà président et comme un être extraordinaire. Je ne sais pourquoi Le Figaro adore ce vieillard sénile, corrompu et vendu à la Chine. Un accès de gérontophilie perverse, sans doute. Il reste trois auteurs dignes de ce nom au Figaro, Eric Zemmour, Gilles William Goldnadel et Ivan Rioufol. Cela ne suffit pas à sauver ce journal du naufrage. Le plus risible au second ou au troisième degré est les commentaires laissés par des lecteurs : la plupart prennent au sérieux ce qu’ils ont lu. Quand je lis Le Point ou L’Express, c’est la même chose, et je préfère ne pas parler du Nouvel Observateur. Pauvre France, et pauvres Français qui imaginent être informés en lisant cela… Sur CNews, un bandeau disait hier : “Trump met-il en danger la démocratie américaine ?”. Les rédacteurs du bandeau laissent donc entendre qu’un homme qui défend les institutions et la démocratie américaines met en danger la démocratie, et insinuent dès lors que ceux qui mènent un coup d’Etat sont de grands amis de la démocratie ! Quand on passe les bornes, disait Alfred Jarry, il n’y a plus de limites, et on dira bientôt dans la presse en France que les cercles sont carrés ou que la guerre c’est la paix. George Orwell l’avait imaginé. Les journalistes français le font. Ils n’ont même pas le mérite de l’originalité. Ils copient ce qu’écrivent des plus ignobles propagandistes américains.

Dans le monde réel, Joe Biden est toujours une crapule sénile, corrompue et vendue à la Chine et n’est toujours pas Président. Rudy Giuliani, Lin Wood et Sidney Powell continuent à dire, à juste titre que la vraie place de Joe Biden dans un état de droit serait une cellule de prison, qui pourrait être la cellule voisine de son fils Hunter (nul journal en France ne parle de Hunter Biden, le “bag man” de son père : celui qui récoltait les millions de dollars des opérations de racket et qui se vendait et vendait son père à des puissances étrangères, Ukraine, Russie, Chine), pas la Maison Blanche.

Dans le monde réel, les preuves de fraude massive et organisée s’accumulent. Et on voit vraiment que les organisateurs de la fraude ont paniqué dans la nuit du 3 au 4 novembre, lorsqu’ils ont découvert que la première vague de fraude n’avait pas été suffisante pour empêcher Donald Trump d’être triomphalement réélu.

Les personnes chargées du dépouillement en plusieurs endroits ont été renvoyées chez elle et sitôt elles étaient parties, des valises remplies de faux bulletins ont été sorties du dessous des tables où elles étaient cachées et les faux bulletins ont été comptés, tous pour Joe Biden !

Ce que les Démocrates fraudeurs et crétins ne savaient pas est que des caméras de surveillance enregistraient, et les images montrant toute l’opération sont visibles, et ont été largement diffusées. Des camionneurs ont été appelés à la hâte vers minuit pour transporter des caisses, et ils n’ont compris ce qu’ils transportaient que lorsqu’ils sont arrivés à des bureau de dépouillement.

L’un d’eux a fait une livraison en Pennsylvanie depuis la ville de New York. Un autre est parti de Columbus, Ohio et a livré sa cargaison à Detroit, Michigan.

Les chauffeurs n’étaient pas des militants démocrates, et ils ont expliqué sous serment aux avocats de Trump ce qu’on leur avait demandé de faire. Il y a plus de deux mille témoignages sous serment comme les leurs.

Des spécialistes de l’informatique ont expliqué en détail comment les machines Dominion fonctionnaient et comment des algorithmes introduits dans les machines permettaient de fausser les calculs. Ils ont expliqué aussi que les machines Dominion étaient reliées à des serveurs situés à Francfort en Allemagne, et que toutes les données des échanges falsificateurs entre Francfort et les Etats-Unis étaient disponibles.

Nul doute que ces données sont très intéressantes. Tout cela n’existe pas pour les propagandistes de CNN, bien sûr, et puisque les journalistes du Figaro, du Point, de quasiment toute la presse française regardent CNN à dose intensive, ils n’ont rien vu, rien entendu. Ils ne savent rien, mais vous disent tout ce que les donneurs d’ordre leur disent de dire.

Accessoirement la Chine a versé quatre cent millions de dollars à la société Dominion dans une banque suisse quinze jours avant l’élection, et des preuves existent montrant que la Chine a financé Antifa et Black Lives Matter pendant les émeutes de juin, mais les propagandistes de CNN n’en parlent pas du tout, et par conséquent, les journalistes du Figaro, du Point, de quasiment toute la presse française n’en parlent pas non plus.

Et si vous en parlez, ils vous traiteront de “complotiste”. Que dis-je complotiste ! Si vous pensez que cela existe, vous êtes au-delà de l’extrême droite, dans l’ultra-ultra droite et si les journalistes américains et français avaient le pouvoir, ils vous enverraient devant un peloton d’exécution sur le champ.

Des juges plus pourris les uns que les autres refusent d’écouter les témoins ou de regarder les preuves, et disent : cachez ces preuves que je ne saurais voir. Le FBI devrait enquêter, mais, sous la direction du pourri Christopher Wray, se montre aussi pourri que les juges. Le Ministère de la justice ne fait pas mieux, et le ministre William Barr vient de montrer qu’il a la consistance d’un paillasson tout disposé à voir les Démocrates s’essuyer les pieds sur lui.

Il reste les législatures des Etats concernés par les fraudes : cinq d’entre elles, je l’ai dit, sont républicaines et ce sont elles qui ont le pouvoir constitutionnel de nommer les grands électeurs. Il reste la Cour Suprême. Il reste les avocats de Trump qui ont des dossiers très solides et n’entendent pas laisser les Etats Unis devenir une république bananière régie par des criminels.

Il reste Donald Trump. Il y a quatre jours, il a détaillé toutes les fraudes de manière précise, et a dit qu’il était hors de question qu’il laisse le pouvoir à des voleurs, et qu’il défendrait les institutions et la démocratie sans fléchir.

Ce samedi, Il s’est rendu à Valdosta, dans le Sud de la Georgie. Il a rassemblé environ quarante mille personnes (les journalistes de CNN diront qu’il y avait vingt personnes, sans doute, et la plupart des journalistes français aussi, à moins qu’ils disent que Valdosta n’existe pas). Ces personnes étaient enthousiastes (les journalistes de CNN diront que c’étaient des abrutis, et la plupart des journalistes français aussi). Il a parlé pendant près de deux heures, d’une manière ferme et déterminée, et il a montré une fois de plus ce que c’est qu’un vrai Président des Etats-Unis (ce que ne sera jamais l’ectoplasme véreux appelé Joe Biden). Il a ré-énoncé le détail des fraudes. Il a fait projeter à la foule des vidéos montrant, entre autres les valises pleines de faux bulletins sortant de sous les tables. Il a donné des chiffres précis. Il a redit qu’il avait gagné le 3 novembre, ce qui est tout à fait exact. Il a redit qu’il ne laisserait pas le pouvoir à des voleurs. Il a redit qu’il allait gagner ce combat. Comme je l’ai déjà dit, ceux qui ont pensé l’abattre ont choisi la mauvaise personne.

Trump était venu pour soutenir les deux sénateurs de Georgie qui n’ont pas été élus le 3 novembre et dont l’élection doit faire l’objet d’un second tour le 5 janvier : Kelly Loeffler et David Perdue. Il a présenté leurs adversaires : Jon Ossoff, un gauchiste qui dit qu’il faut écraser les conservateurs et les éliminer sans pitié (cela en fait un “modéré” selon CNN et Le Figaro), et Raphael Warnock, un pasteur noir raciste, admirateur de Jeremiah Wright, le pasteur d’Obama, et de l’antisémite Louis Farrakhan (cela en fait un disciple de Martin Luther King, selon CNN et Le Point). Il a dit ce qu’il pensait du gouverneur et du secrétaire d’Etat de Georgie, deux personnages lamentables, Républicains, mais complices des Démocrates. Je ne donne pas leurs noms : ils sortiront par la porte de service à la prochaine élection et rejoindront la poubelle.

Les jours qui viennent seront passionnants. Les législatures d’Etat devront trancher et cinq d’entre elles montrer si elles sont vraiment républicaines, ce qui impliquerait qu’elles fassent preuve de courage et d’intégrité, deux denrées devenues rares dans les milieux politiques républicains où, à une dizaine d’exceptions près, on préfère se comporter comme Christopher Wray et William Barr. La Cour Suprême devra trancher elle aussi, et montrer si elle est digne de son rôle de gardienne du droit et de la Constitution. Jamais autant de responsabilités ont pesé sur les épaules des cinq juges conservateurs qui y siègent. S’ils faillissent à leur mission, ils aboliront eux-mêmes la Cour Suprême sans que les Démocrates aient à le faire.

La foule à Valdosta portait des panneaux disant Save America, Save Democracy. Et c’est de cela qu’il s’agit. Il faut sauver l’Amérique. Il faut sauver la démocratie. Donald Trump est debout, droit, et ne fléchira pas, non. C’est dans des situations comme celle-là qu’on voit de quelle étoffe sont faits les êtres humains. Trump est entré dans l’histoire depuis longtemps. Il y entre davantage encore. Il s’est présenté à la présidence en 2015 pour sauver son pays. Il s’en est fait un devoir éthique et fait son devoir.

Les journalistes des grands médias américains et la plupart des journalistes français s’accrochent aux basques d’un vieillard indigne, sale et immonde. C’est parce qu’ils sont plus indignes, sales et immondes que lui. Ce ne sont pas des clowns, mais des bousiers coprophages.

Ce qui est dangereux dans la situation actuelle est qu’il y a d’un côté le mensonge et le crime, et d’un autre coté la vérité et le refus du crime. Le premier coté est celui des Démocrates et de leurs alliés, celui des grands médias américains, celui que défendent la plupart des journalistes français. Le second coté est celui de Trump et de ceux qui le soutiennent.

Le mensonge et le crime sont désormais flagrants et obscènes, mais menteurs et criminels s’enferment dans le mensonge et dans le crime. Ceux qui voient le mensonge et le crime sont de plus en plus indignés par le mensonge et le crime devenus si flagrants et si obscènes.

Le mensonge et le crime devenus flagrants et obscènes ne peuvent coexister durablement avec la vérité et le refus du crime. Ou bien le mensonge et le crime triompheront, ou ils seront vaincus. Parce que je connais Trump, je ne parierais pas en cet instant sur la victoire du mensonge et du crime.

Si le mensonge et le crime l’emportent néanmoins, les Etats-Unis entreront dans le crépuscule et deviendront un succédané du Venezuela, et le monde libre glissera vers le révolu. Joe Biden, quoi qu’il se passe, ne sera pas Président des Etats-Unis et ne sauvera même pas les apparences. Version optimiste : il finira en prison. Version pessimiste : il deviendra dictateur et attendra les ordres de Xi Jinping. Puis il laissera la place à Kamala Harris, à Antifa et Black Lives Matter qui finiront le travail de destruction.


Jaime Andrea Jaime
7 dicembre 2020

https://www.facebook.com/jaime.mancagra ... 5897213654

Il 14 Dic i 538 delegati Grandi Elettori esprimeranno il loro voto.
Ma l'8 Gennaio il congresso DEVE ratificare e se ci sono obiezioni si potrebbe andare al voto del congresso con UN voto per ogni stato e sono 27 a 23 per i Repubblicani.
E, si presume, ci saranno già delle Sentenze anche della Corte Suprema.
Camomillaaaaa. Non e' una puntata di Law & Order......


???

Lo stato della Georgia ha confermato la vittoria di Biden alle presidenziali anche dopo un nuovo riconteggio
Il Post
7 dicembre 2020

https://www.ilpost.it/2020/12/07/georgi ... ria-biden/

Lunedì 7 dicembre Brad Raffensperger, segretario di Stato della Georgia, negli Stati Uniti, ha detto che il secondo riconteggio dei voti alle elezioni presidenziali si è concluso e ha confermato la vittoria di Joe Biden su Donald Trump, assegnando al primo i suoi 16 grandi elettori (che comunque non erano fondamentali per Biden per arrivare ai 270 necessari per diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti). Dopo lo scrutinio c’era stato un primo riconteggio dei voti a mano, a causa dello stretto margine tra i due candidati, che aveva assegnato la vittoria a Biden per 12.284 voti, qualche centinaio in meno di quelli contati la prima volta. Trump aveva chiesto di ricontare i voti una seconda volta, attraverso le macchine per il riconteggio. Anche questa volta, ha detto Raffensperger, che è un Repubblicano, Biden è risultato vincitore.



Georgia certifies Biden win following recount as Sidney Powell's efforts to 'release the Kraken' sink
Barnini Chakraborty
December 07, 2020 02:24 PM

https://www.washingtonexaminer.com/poli ... raken-sink

Georgia election officials on Monday certified the results of the state's presidential race after a recount requested by President Trump found his Democratic rival Joe Biden had won the once reliably red state.

"We have now counted legally cast ballots three times, and the results remain unchanged," Georgia Secretary of State Brad Raffensperger said during a morning news conference.

State law allows a losing candidate to ask for a recount if the margin between the candidates is less than 0.5%.

Trump asked for a recount after the first set of results showed Biden leading by a margin of 12,670 votes or 0.25% of the 5 million votes cast in Georgia.

Once recertified, Georgia Gov. Brian Kemp, a Republican, will have to recertify the state's 16 presidential electors.

The latest recount was the third in the state. Following the initial count on Election Day, Raffensperger, also a Republican, chose to audit the presidential race. The tight margin meant the audit required the state's 5 million votes to be recounted by hand. The hand count also resulted in a Biden win.

Trump, who was in Georgia over the weekend to headline a rally for Sens. David Perdue and Kelly Loeffler, spent the majority of his time claiming that he had been cheated out of a win.

Trump also verbally called out Kemp and Raffensperger for not having the "courage" to do what he claimed was right.

"I know there are people that are convinced the election was fraught with problems, but the evidence, the actual evidence, the facts tell us a different story," Raffensperger said.

Trump, still refusing to accept that he lost, tweeted: "The Republican Governor of Georgia refuses to do signature verification, which would give us an easy win. What's wrong with this guy? What is he hiding?"

https://twitter.com/realDonaldTrump/sta ... 1262796801

Raffensperger has said that not only is it entirely possible to match signatures, but that state law requires it.

The results of the recount came on the same day a federal judge in Georgia dismissed a lawsuit filed by former Trump attorney Sidney Powell who had sought to overturn Trump's election loss.

Lawyers for Georgia's election officials mocked Powell's voter fraud allegations in a court filing, describing them as belonging "more to the Kraken's realm of mythos than they do to reality."

Last month, Powell promised to "release the Kraken," referring to legal moves that would reveal widespread voter fraud.

Monday's Georgia dismissal and a similar rejection in Michigan are serious setbacks to Trump's last-ditch efforts to deny Biden a win when the Electoral College meets next week.


La Georgia certifica la vittoria di Biden dopo il riconteggio come gli sforzi di Sidney Powell per "liberare il lavandino del Kraken
Barnini Chakraborty
Dicembre 07, 2020 02:24 PM

https://www.washingtonexaminer.com/poli ... raken-sink

I funzionari elettorali della Georgia hanno certificato lunedì i risultati della corsa presidenziale dello stato dopo che un riconteggio richiesto dal presidente Trump ha scoperto che il suo rivale democratico Joe Biden aveva vinto lo stato, una volta in modo affidabile, rosso.

"Abbiamo ora contato le schede elettorali legalmente emesse tre volte, e i risultati rimangono invariati", ha detto il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger durante una conferenza stampa mattutina.

La legge dello Stato permette a un candidato perdente di chiedere un riconteggio se il margine tra i candidati è inferiore allo 0,5%.

Trump ha chiesto un riconteggio dopo che la prima serie di risultati ha mostrato che Biden era in testa con un margine di 12.670 voti, pari allo 0,25% dei 5 milioni di voti espressi in Georgia.

Una volta ricertificati, il governatore della Georgia Brian Kemp, repubblicano, dovrà ricertificare i 16 elettori presidenziali dello Stato.

L'ultimo riconteggio è stato il terzo nello Stato. Dopo il conteggio iniziale nel giorno delle elezioni, Raffensperger, anch'egli repubblicano, ha scelto di controllare la corsa presidenziale. A causa del margine ristretto, la verifica ha richiesto il riconteggio manuale dei 5 milioni di voti dello Stato. Il conteggio a mano ha anche portato a una vittoria di Biden.

Trump, che nel fine settimana è stato in Georgia per la prima pagina di un raduno per Sens. David Perdue e Kelly Loeffler, ha trascorso la maggior parte del suo tempo sostenendo di essere stato imbrogliato da una vittoria.

Trump ha anche chiamato verbalmente Kemp e Raffensperger per non aver avuto il "coraggio" di fare ciò che sosteneva fosse giusto.

"So che ci sono persone che sono convinte che le elezioni siano state irte di problemi, ma le prove, le prove concrete, i fatti ci raccontano una storia diversa", ha detto Raffensperger.



Trump, rifiutando ancora di accettare di aver perso, ha twittato: "Il governatore repubblicano della Georgia si rifiuta di fare la verifica delle firme, che ci darebbe una facile vittoria. Cos'ha che non va questo tizio? Cosa nasconde?"

https://twitter.com/realDonaldTrump/sta ... 1262796801

Raffensperger ha detto che non solo è possibile far coincidere le firme, ma che la legge dello Stato lo richiede.

I risultati del riconteggio sono arrivati lo stesso giorno in cui un giudice federale in Georgia ha respinto una causa intentata dall'ex avvocato di Trump, Sidney Powell, che aveva cercato di ribaltare la perdita elettorale di Trump.

Gli avvocati dei funzionari elettorali della Georgia hanno deriso le accuse di frode elettorale di Powell in un'istanza del tribunale, descrivendole come appartenenti "più al regno dei miti del Kraken che alla realtà".

Il mese scorso Powell ha promesso di "rilasciare il Kraken", riferendosi a mosse legali che avrebbero rivelato frodi elettorali diffuse.

Il licenziamento di lunedì in Georgia e un simile rifiuto in Michigan sono gravi battute d'arresto per gli sforzi dell'ultimo stronzo di Trump per negare a Biden una vittoria quando il Collegio Elettorale si riunirà la prossima settimana.


Jaime Andrea Jaime
Hanno recounted SENZA il controllo delle buste, presa per il culo

Maurizio Muggianu
Jaime Andrea Jaime
quindi si riconta?


Jaime Andrea Jaime
Maurizio Muggianu
il Govenatore non lo vuole fare.


Maurizio Muggianu
Jaime Andrea Jaime
quindi è persa definitivamente?


Jaime Andrea Jaime
Maurizio Muggianu
noooooooo ma li leggi i miei posts???


Jaime Andrea Jaime
Lo ho scritto sette ore fa porca paletta!!! Il 14 Dic i 538 delegati Grandi Elettori esprimono il loro voto.
Ma L'8 Gennaio il congresso DEVE ratificare e se ci sono obiezioni si potrebbe andare al voto del congresso con UN voto per ogni stato e sono 27 a 23 per i Repubblicani.
E, si presume, ci saranno gia' delle Sentenze anche della Corte Suprema.
Camomillaaaaa. Non e' una puntata di Law & Order......

Maurizio Muggianu
Jaime Andrea Jaime
si l avevo letto ma in questo caso non l avevo capito

Paolo Canziani
Jaime Andrea Jaime
scusa eh, ma se anche controlli le buste ormai la frittata è fatta: puoi vedere che una certa %, grande a piacere, delle mail ballots è farlocca. Ma se non fosse il 100% (hard to believe) non sai quali voti dovresti annullare. O meglio, lo sai, sono tanti voti per Bide quante le buste farlocche, MA non ne hai la prova. Puoi fare un'inferenza statistica, no more.
O no?


Davide Evgenia
Jaime Andrea Jaime
mi aiuti a capire ...

Paolo Ortenzi
Davide Evgenia
se la Scotus esclude le schede senza la,firma verificata, Trump vince. Se sentenzia che non aver escluso le schede senza firma è frode, Trump vince e Kemp va in galera per venti anni.

Armando Lombardo
Cosa nasconde chi rischia 20 anni anche di fronte alla evidenza dei fatti? Quali pressioni enormi deve subire? Solo una grande fede o un enorme marcio può sostenere questo atteggiamento. In ogni caso anche se vince Bid il Sig Kemp diventa troppo scomodo per i suoi, è fin troppo facile prevedere una epidemia tra i RINO della GA.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » dom dic 06, 2020 12:45 pm

L'avvocato personale del presidente Trump, Rudy Giuliani spera di ribaltare le perdite elettorali in quattro stati la settimana prima della certificazione dei voti da parte dei grandi elettori.
L'Osservatore Repubblicano
8 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 2998554452

"Penso che la nostra migliore possibilità sia in Wisconsin, Georgia, Michigan e Arizona. Direi Wisconsin in tribunale. Georgia, Michigan e Arizona tramite il legislatore", ha detto Giuliani domenica a John Catsimatidis durante il suo programma radiofonico The Cats Roundtable su WABC 77 AM.
La campagna Trump è impegnata in contenziosi in diversi stati nella speranza di ribaltare i risultati elettorali che hanno dato una vittoria al democratico Joe Biden. Il team ha sostenuto le accuse di frode degli elettori e Trump deve ancora concedere la vittoria a Biden, che è stato dichiarato vincitore delle elezioni da diversi media quasi un mese fa.
Per la Georgia, Giuliani ha descritto la scena elettorale alle urne come una "rapina in banca", sostenendo che i democratici hanno spinto tutti fuori dai seggi elettorali e hanno aspettato che tutti fossero andati via per contare le schede.
"Questa è probabilmente la prova più chiara di frode elettorale che abbiamo mai visto in America", ha detto Giuliani.
La squadra del presidente spera di poter ottenere una vittoria nella legislatura dello stato, soprattutto dopo che i filmati di sicurezza da loro ottenuti presumevano di mostrare i contatori delle schede elettorali che rimuovevano quattro scatole nascoste di schede elettorali da sotto un tavolo dopo che i supervisori delle elezioni avevano lasciato la struttura per la notte.
I funzionari statali sono stati in gran parte sprezzanti delle accuse di frode della campagna di Trump. Il segretario di stato della Georgia Brad Raffensperger ha pubblicamente implorato i sostenitori di Trump di accettare la sua sconfitta alle elezioni.
Giuliani ha anche ripetuto una denuncia riguardante l'Arizona, dove sostiene che l'elezione è andata a favore di Biden a causa del voto di migliaia di residenti illegali, tuttavia, l'affermazione è stata smentita.
Secondo l' Associated Press, Biden ha vinto le elezioni con 306 voti elettorali rispetto ai 232 di Trump. Per assicurarsi la presidenza servono un totale di 270 voti elettorali.
Se la campagna di Trump riuscisse a capovolgere i quattro stati, il presidente guadagnerebbe 53 voti elettorali, portandolo a 285 e diluendo i voti di Biden a 253.
Con circa una settimana rimanente prima che gli elettori certifichino i loro voti, il team di Trump ha poche possibilità di provare a ribaltare i risultati delle elezioni in tempo. La campagna ha già affrontato diverse sconfitte legali nella speranza di dimostrare che si è verificata una frode.


Un'altra causa in Georgia è stata respinta lo stesso giorno in cui il "Kraken" di Sidney Powell ha compiuto un passo falso
L'Osservatore Repubblicano
8 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 4621886623

Uno sforzo di un cittadino della Georgia per annullare i risultati elettorali dello Stato è stato respinto lunedi nella Superior Court della Contea di Fulton dal giudice Jane Barwick. La causa respinte è avvenuta lo stesso giorno in cui l'ex avvocato di Trump, Sidney Powell ha fallito in tribunale quando un giudice federale ha respinto la sua causa "Kraken".
Il querelante nella causa del tribunale superiore era l'elettore della contea di Coweta, John Wood, che è stato descritto come il presidente della Georgia Voters Alliance, secondo 11 Alive. La causa ha affermato che la Georgia aveva "gestito così male il processo elettorale che nessuno può avere fede che uno dei loro diritti più sacri secondo le Costituzioni degli Stati Uniti e della Georgia, cioè il voto, sia protetto".
Secondo quanto riferito, Barwick ha respinto la causa di Wood perché ha stabilito che non stava facendo causa alle persone giuste. Russ Willard dell'ufficio del procuratore generale della Georgia ha sostenuto che, sulla base del Codice della Georgia, l'accusare il governatore Brian Kemp e il segretario di Stato Brad Raffensperger, non si applicava al caso.
Barwick ha detto nella sua sentenza che "come ha affermato il signor Willard, non esiste una base legale per questi individui di rispondere in tribunale in questo caso".
Un'ulteriore causa legale per presunta votazione illegale è stata annunciata venerdì a nome del presidente Trump e del presidente del GOP della Georgia David Shafer presso la corte superiore della contea di Fulton, sebbene lunedì sia stata respinta a causa di problemi con le tasse di deposito e un modulo di informazioni sul caso compilato. Non è chiaro se o quando verrà ripresentata.
La campagna di Trump ei suoi alleati non sono riusciti a fare progressi sostanziali nel sistema legale per ribaltare la vittoria del presidente eletto Joe Biden. Il collegio elettorale si riunisce il 14 dicembre.



Texas Sues Georgia, Michigan, Pennsylvania, and Wisconsin at Supreme Court over Election Rules
Joel B. Pollak
7 dicembre 2020

https://www.breitbart.com/politics/2020 ... ion-rules/

The State of Texas filed a lawsuit directly with the U.S. Supreme Court shortly before midnight on Monday challenging the election procedures in Georgia, Michigan, Pennsylvania, and Wisconsin on the grounds that they violate the Constitution.

Texas argues that these states violated the Electors Clause of the Constitution because they made changes to voting rules and procedures through the courts or through executive actions, but not through the state legislatures. Additionally, Texas argues that there were differences in voting rules and procedures in different counties within the states, violating the Constitution’s Equal Protection Clause. Finally, Texas argues that there were “voting irregularities” in these states as a result of the above.

Texas is asking the Supreme Court to order the states to allow their legislatures to appoint their electors. The lawsuit says:

Certain officials in the Defendant States presented the pandemic as the justification for ignoring state laws regarding absentee and mail-in voting. The Defendant States flooded their citizenry with tens of millions of ballot applications and ballots in derogation of statutory controls as to how they are lawfully received, evaluated, and counted. Whether well intentioned or not, these unconstitutional acts had the same uniform effect—they made the 2020 election less secure in the Defendant States. Those changes are inconsistent with relevant state laws and were made by non-legislative entities, without any consent by the state legislatures. The acts of these officials thus directly violated the Constitution.

This case presents a question of law: Did the Defendant States violate the Electors Clause by taking non-legislative actions to change the election rules that would govern the appointment of presidential electors? These non-legislative changes to the Defendant States’ election laws facilitated the casting and counting of ballots in violation of state law, which, in turn, violated the Electors Clause of Article II, Section 1, Clause 2 of the U.S. Constitution. By these unlawful acts, the Defendant States have not only tainted the integrity of their own citizens’ vote, but their actions have also debased the votes of citizens in Plaintiff State and other States that remained loyal to the Constitution.

Texas approached the Supreme Court directly because Article III provides that it is the court of first impression on subjects where it has original jurisdiction, such as disputes between two or more states.



Il Texas fa causa a Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin alla Corte Suprema per le regole elettorali
Joel B. Pollak
7 dicembre 2020

https://www.breitbart.com/politics/2020 ... ion-rules/

Lo Stato del Texas ha intentato una causa direttamente alla Corte suprema degli Stati Uniti poco prima della mezzanotte di lunedì, contestando le procedure elettorali in Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin, con la motivazione che esse violano la Costituzione.

Il Texas sostiene che questi stati hanno violato la clausola degli elettori della Costituzione perché hanno apportato modifiche alle regole e alle procedure di voto attraverso i tribunali o le azioni esecutive, ma non attraverso le legislature statali. Inoltre, il Texas sostiene che ci sono state differenze nelle regole e nelle procedure di voto nelle diverse contee all'interno degli stati, violando la clausola di pari protezione della Costituzione. Infine, il Texas sostiene che ci sono state "irregolarità di voto" in questi stati come risultato di quanto sopra.

Il Texas chiede alla Corte Suprema di ordinare agli Stati di permettere alle loro legislature di nominare i loro elettori.

La causa dice:

Alcuni funzionari degli Stati imputati hanno presentato la pandemia come la giustificazione per ignorare le leggi statali in materia di assenteismo e di voto per corrispondenza. Gli Stati imputati hanno inondato i loro cittadini con decine di milioni di richieste di voto e schede in deroga ai controlli di legge per quanto riguarda la loro legittima ricezione, valutazione e conteggio. Che fossero ben intenzionati o meno, questi atti incostituzionali hanno avuto lo stesso effetto uniforme - hanno reso le elezioni del 2020 meno sicure negli Stati imputati. Tali modifiche sono incoerenti con le leggi statali in materia e sono state apportate da entità non legislative, senza alcun consenso da parte dei legislatori statali. Gli atti di questi funzionari hanno quindi violato direttamente la Costituzione.

Questo caso presenta una questione di legge: Gli Stati imputati hanno violato la clausola degli elettori adottando azioni non legislative per modificare le regole elettorali che regolerebbero la nomina degli elettori presidenziali? Queste modifiche non legislative alle leggi elettorali degli Stati imputati hanno facilitato il casting e lo spoglio delle schede elettorali in violazione della legge statale, che, a sua volta, ha violato la clausola degli elettori dell'articolo II, sezione 1, clausola 2 della Costituzione degli Stati Uniti. Con questi atti illeciti, gli Stati imputati non solo hanno macchiato l'integrità del voto dei propri cittadini, ma le loro azioni hanno anche svilito i voti dei cittadini dello Stato ricorrente e di altri Stati che sono rimasti fedeli alla Costituzione.

Il Texas si è rivolto direttamente alla Corte Suprema perché l'articolo III prevede che sia il tribunale di prima impressione su argomenti in cui ha una competenza originaria, come le controversie tra due o più Stati.


LA CORTE SUPREMA DEGLI STATI UNITI HA BISOGNO DI RIPRENDERE LE CASSE DI ELEZIONE.
Jeff Landry
8 dicembre 2020

https://www.facebook.com/giovanni.tarei ... 3885537934

Milioni di cittadini della Louisiana, e decine di milioni di nostri concittadini nel paese, nutrono profonde preoccupazioni per lo svolgimento delle elezioni federali del 2020 Profondamente radicato in queste preoccupazioni è il fatto che alcuni stati sembrano aver condotto le loro elezioni senza rispetto alla Costituzione degli Stati Uniti.
Inoltre, molti Louisini sono diventati più frustrati mentre alcuni media e la classe politica cercano di eludere questioni legittime per motivi di opportunità.
Settimane fa, a nome dei cittadini della Louisiana, il mio ufficio si è unito a molti altri stati nel presentare un rapporto legale presso la Corte Suprema degli Stati Uniti, invitando i Giustizi a controllare lo svolgimento delle elezioni in Pennsylvania, dove il loro tribunale statale ha ignorato la Costituzione degli Stati Uniti riguardo allo svolgimento delle elezioni.
La Costituzione degli Stati Uniti all'articolo 1, sezione 4, afferma chiaramente: ′′ I tempi, i luoghi e le modalità di svolgimento delle elezioni per senatori e rappresentanti, sono prescritti in ciascuno Stato dalla legislatura..." Il potere per lo svolgimento delle elezioni federali sono organizzate dalla legislatura dello Stato federale in ciascuno stato federato. In Stati come la Pennsylvania, la filiale giudiziaria ha tentato di prendere il controllo di questi doveri e obblighi e di fissare le proprie regole. Queste azioni sembrano incostituzionali.
Se è incostituzionale che la Pennsylvania intraprenda questa azione, è altrettanto incostituzionale che altri Stati abbiano fatto lo stesso.
Solo la Corte Suprema degli Stati Uniti può decidere in ultima analisi casi di reale polemica tra gli Stati previsti dalla nostra Costituzione.
Ecco perché i Giudici dovrebbero ascoltare e decidere il caso a cui abbiamo aderito in rappresentanza dei cittadini della Louisiana.
Inoltre, la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrebbe considerare l'ultima mozione del Texas, che contiene alcuni degli stessi argomenti.
I cittadini della Louisiana sono danneggiati se le elezioni in altri Stati si svolgessero al di fuori dei confini della Costituzione mentre noi rispettavamo le regole.

THE U.S. SUPREME COURT NEEDS TO TAKE UP ELECTION CASES.
Millions of Louisiana citizens, and tens of millions of our fellow citizens in the country, have deep concerns regarding the conduct of the 2020 federal elections. Deeply rooted in these concerns is the fact that some states appear to have conducted their elections with a disregard to the U.S. Constitution.
Furthermore, many Louisianans have become more frustrated as some in media and the political class try to sidestep legitimate issues for the sake of expediency.
Weeks ago, on behalf of the citizens of Louisiana, my office joined many other states in filing a legal brief with the United States Supreme Court urging the Justices to look into the conduct of the election in Pennsylvania where their state court ignored the U.S. Constitution in regard to the conduct of the election.
The U.S. Constitution in Article 1, Section 4, states plainly: “The Times, Places and Manner of holding Elections for Senators and Representatives, shall be prescribed in each State by the Legislature …” The power for the conduct of federal elections is held by the State Legislatures in each state. In states like Pennsylvania, the judicial branch attempted to seize control of these duties and obligations and to set their own rules. These actions appear to be unconstitutional.
If it is unconstitutional for Pennsylvania to take this action, it is similarly unconstitutional for other states to have done the same.
Only the U.S. Supreme Court can ultimately decide cases of real controversy among the states under our Constitution.
That is why the Justices should hear and decide the case which we have joined representing the citizens of Louisiana.
Furthermore, the U.S. Supreme Court should consider the most recent Texas motion, which contains some of the same arguments.
Louisiana citizens are damaged if elections in other states were conducted outside the confines of the Constitution while we obeyed the rules.


La Campagna di Trump si unisce alla causa intentata dal Texas e sostenuta dall'Alabama, Louisiana e dal Missouri.
L'Osservatore Repubblicano
9 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 4445136974

Mercoledì mattina il presidente è intervenuto sulla causa del Texas su Twitter, dicendo: "È molto forte, TUTTI I CRITERI SODDISFATTI", e ha aggiunto in un tweet successivo: "INTERVENIAMO nel caso del Texas (più molti altri stati). Questo è quello fondamentale. Il nostro Paese ha bisogno di una vittoria! "
"Ci sono prove massicce di frode diffusa nei quattro stati menzionati nella causa del Texas. Basta guardare tutti i nastri e le dichiarazioni giurate!" Ha aggiunto.
Il procuratore generale del Texas Ken Paxton ha intentato la causa direttamente alla Corte Suprema lunedì, sostenendo che il Commonwealth della Pennsylvania e gli stati di Georgia, Michigan e Wisconsin hanno cambiato incostituzionalmente il modo in cui il loro stato vota prima delle elezioni del 2020. Il Texas sta cercando di ottenere che la Corte Suprema stabilisca che gli stati possono inviare elettori a votare per Trump nonostante i risultati delle elezioni. I funzionari degli stati citati nella causa lo hanno contestato.
Da quando Paxton ha intentato quella causa, i procuratori generali del Missouri, dell'Alabama e della Louisiana hanno sostenuto il contenzioso, dicendo che combatteranno insieme al Texas.


Aggiornamento sulla causa del Texas per chiedere alla Corte Suprema di non certificare i risultati delle elezioni presidenziali della Pennsylvania, Wisconsin, Michigan e Georgia.
Gli Stati che supportano il Texas in questa iniziativa sono 17:
9 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 3728452379

Gli Stati che supportano il Texas in questa iniziativa sono 17:
- Missouri
- Alabama
- Arkansas
- Florida
- Indiana
- Kansas
- Louisiana
- Mississipi
- Montana
- Nebraska
- North Dakota
- Oklahoma
- Tennessee
- Utah
- West Virginia
Il Missouri ha guidato un gruppo di 17 Stati che mercoledì pomeriggio hanno presentato una memoria alla Corte Suprema a sostegno della causa del Texas volta a ritardare la nomina degli elettori presidenziali di Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin.
Il brief rispecchia l'argomento della causa del Texas nel dire che gli stati hanno agito in modo incostituzionale quando i loro magistrati o rami esecutivi hanno cambiato le loro leggi elettorali. La causa del Texas e degli stati che la supportano affermano che solo i legislatori statali possono legiferare su come gli stati nominano i loro elettori presidenziali.
Il brief, che è ufficialmente una mozione di autorizzazione a presentare un atto di reclamo, avverte anche che i cambiamenti emanati dai dirigenti statali e dai rami giudiziari hanno aperto le elezioni degli stati a potenziali frodi.
"Il Bill of Complaint afferma che gli attori non legislativi in ogni Stato imputato hanno abolito o diluito incostituzionalmente le garanzie legali contro le frodi emanate dai legislatori statali, in violazione della clausola degli elettori presidenziali", afferma il documento.
Continua: "Tutte le modifiche incostituzionali alle procedure elettorali identificate nel Bill of Complaint hanno due caratteristiche comuni: (1) hanno abrogato le tutele legali contro le frodi che osservatori responsabili hanno da tempo raccomandato per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali ".



L'Attorney General dell'Arizona, Mark Brnovich ha comunicato che l'Arizona supporta la causa del Texas contro la certificazione dei risultati presidenziali della Pennsylvania, del Michigan, del Wisconsin e della Georgia.
Pertanto gli Stati che supportano l'iniziativa legale del Texas davanti alla Corte Suprema degli USA sono diventati 18 per un totale compreso il Texas di 19 Stati.
L'Osservatore Repubblicano
10 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 7448447007


Che cosa è successo davvero alla Corte Suprema
9-12-2020
https://www.youtube.com/watch?v=UJCBI2zXRXg

https://mazzoninews.com



Elezioni Usa, il Texas e altri 17 Stati contestano il voto
Stefano Magni
10 dicembre 2020

https://lanuovabq.it/it/elezioni-usa-il ... Y.facebook

L’ultima causa contro l'elezione di Joe Biden è stata intentata dal Texas, più altri 17 Stati, tutti a maggioranza repubblicana, che contestano la costituzionalità delle leggi elettorali di quattro Stati chiave: Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin.

Washington, sede della Corte Suprema

Stiamo assistendo agli ultimi colpi delle elezioni americane, date per finite già il 3 novembre e invece protratte all’infinito perché i risultati sono a favore di Biden, ma risicati in ben sei Stati e contestati dalla controparte repubblicana. L’ultima causa è stata intentata dal Texas, l’8 dicembre e ad essa si sono uniti 17 Stati, tutti a maggioranza repubblicana, che contestano la costituzionalità delle leggi elettorali di quattro Stati chiave: Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin. Obiettivo della causa è de-certificare l’esito elettorale, cioè la vittoria di Biden in tutti e quattro gli Stati, cosa che impedirebbe loro di inviare i Grandi Elettori al Collegio Elettorale nella sessione del 14 dicembre, in cui si voterà definitivamente per il presidente.

Piccolo inciso: il presidente degli Stati Uniti non viene eletto direttamente dal popolo, ma a suffragio indiretto. Nell’Election Day, ognuno dei 50 Stati elegge un numero di Grandi Elettori proporzionale alla sua popolazione, poi sono i Grandi Elettori a riunirsi nel Collegio Elettorale, in cui viene eletto materialmente il presidente. L’appuntamento è il 14 dicembre. Il voto presidenziale, è dunque il risultato della somma di 50 elezioni locali, ognuna delle quali ha le proprie leggi elettorali. La contestazione del Texas riguarda le leggi elettorali di quei quattro Stati (determinanti), perché le considera incostituzionali sotto vari aspetti, soprattutto per come sono state adottate. Mira ad annullare quelle quattro elezioni e dunque a impedire ai Grandi Elettori di quei quattro Stati di votare per il presidente, in quanto eletti illegalmente. Se il Texas vincesse la causa, verrebbero nominati altri Grandi Elettori, non per suffragio universale, ma votati dai parlamenti locali. Considerando le maggioranze repubblicane in tutti e quattro gli organi legislativi, si ribalterebbe il risultato: il 14 dicembre, con un colpo di scena incredibile, verrebbe eletto Trump invece che Biden.

La causa texana, pur riguardando anche la Pennsylvania, non va confusa con quella intentata da un deputato repubblicano della Pennsylvania, già respinta dalla Corte Suprema. Partita su iniziativa del deputato Mike Kelly, chiedeva di annullare il voto dello Stato. Il team di legali di Trump, già guidato da Rudolph Giuliani (ora ricoverato per Covid-19), non si è unito alla causa della Pennsylvania. Mentre intende gettare il suo peso sulla causa del Texas e degli altri 17 Stati che la stanno sostenendo. Visto il breve tempo a disposizione, potrebbe essere veramente l’ultimo colpo in canna, prima di passare la parola ai Grandi Elettori (e la Casa Bianca a Joe Biden, a quel punto).

I commenti sulla stampa italiana, sulla causa intentata dal Texas, sono per lo più trancianti. L’accusa “ripete numerose accuse false, confutate e non supportate di voto per corrispondenza e votazioni illegali” come si legge su un quotidiano tanto autorevole quanto Il Sole 24 Ore. Anche nel mondo accademico statunitense (e texano, in particolare) i commenti sono sarcastici: “Sembra che abbiamo un nuovo vincitore nella categoria: causa più pazza intentata per contestare le elezioni”, come ha twittato Stephen Vladeck, docente di diritto presso l’Università del Texas.

Le ragioni (mai ascoltate) del procuratore generale del Texas, Ken Paxton, sono veramente infondate? La tesi dell’accusa si basa sulla constatazione che le leggi elettorali dei quattro Stati contestati, Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin, sono state cambiate all’ultimo momento, con atti amministrativi o dietro sentenza della magistratura locale, mentre, secondo la Costituzione solo gli organi legislativi (eletti) potrebbero fare riforme elettorali, il tutto motivato dall’emergenza Covid. L’accusa ritiene che questi cambiamenti abbiano compromesso la regolarità del voto: “Il Bill of Complaint afferma che gli attori non legislativi in ogni Stato imputato hanno abolito o diluito incostituzionalmente le garanzie legali contro le frodi emanate dai legislatori statali, in violazione della clausola degli elettori presidenziali”. Inoltre, “Tutte le modifiche incostituzionali alle procedure elettorali identificate nel Bill of Complaint hanno due caratteristiche comuni: (1) hanno abrogato le tutele legali contro le frodi che osservatori responsabili hanno da tempo raccomandato per il voto per corrispondenza, e (2) lo hanno fatto in un modo che prevedibilmente conferiva un vantaggio di parte a un candidato alle elezioni presidenziali”.

Secondo il procuratore generale texano, “Se altri Stati non seguono la Costituzione e i loro organi legislativi non sono responsabili nel sorvegliare le loro elezioni, ciò provoca conseguenze anche nel mio Stato – come a dichiarato in un’intervista rilasciata a Fox News – Il nostro compito è quello di assicurarci che la Costituzione sia seguita e che ogni voto conti, mentre in questo caso non sono sicuro che ogni voto sia stato contato. Non in modo giusto, per lo meno”.

A sostenere la causa del Texas presso la Corte Suprema, si è aggregato ieri lo Stato del Missouri, seguito a ruota da: Alabama, Arkansas, Florida, Indiana, Kansas, Louisiana, Mississipi, Montana, Nebraska, North Dakota, South Dakota, South Carolina, Oklahoma, Tennessee, Utah, West Virginia.

Nel caso perdano anche questa causa? Il team legale di Trump fa sapere che non mollerà tanto facilmente, neppure dopo il 14 dicembre. “L’unico giorno fisso nella Costituzione degli Stati Uniti – si legge in una nota degli avvocati - è l'inaugurazione del Presidente il 20 gennaio a mezzogiorno. Nonostante i media cerchino disperatamente di proclamare che la lotta è finita, continueremo a difendere l'integrità elettorale fino a quando il voto legale non sarà conteggiato in modo equo e preciso”.



USA2020: 21 STATI DEMOCRATICI SI OPPONGONO ALL'ESPOSTO DEL TEXAS ALLA CORTE SUPREMA, 106 DEPUTATI REPUBBLICANI PRESENTANO INVECE UNA MOZIONE A FAVORE
Elezioni USA 2020
11 dicembre 2020

La causa intentata dal Texas dinanzi alla Corte Suprema (denominata 'Texas, Plaintiff v. Pennsylvania, et al.') per chiedere l'annullamento della certificazione del voto in Michigan, Pennsylvania, Georgia e Wisconsin ha avuto interessanti sviluppi nella giornata di oggi.
Tra questi i più rilevanti sono stati certamente la mozione presentata da 21 Stati e territori democratici contro l'esposto presentato dal Texas, quella presentata da 106 deputati repubblicani della Camera dei Rappresentanti a favore dell'esposto del Texas e la risposta ufficiale dei 4 Stati citati in giudizio.

Vediamoli brevemente tutti assieme:

MOZIONI A FAVORE DELL'ESPOSTO DEL TEXAS
• Dopo aver presentato ieri una mozione a supporto dell'esposto del Texas, oggi i Procuratori Generali di Missouri, Arkansas, Louisiana, Mississippi, South Carolina e Utah hanno presentato una seconda mozione chiedendo di essere riconosciuti come co-querelanti, senza lasciare solo al Texas il compito di difendere l'esposto iniziale da lei presentato. Link: https://bit.ly/3n97akL
• Un gruppo di legislatori repubblicani della Pennsylvania ha presentato un esposto separato chiedendo che la Corte Suprema prenda una decisione il prima possibile per ristabilire l'autorità della legislatura statale e per togliere qualsiasi dubbio sul risultato elettorale nello Stato, chiedendo perciò che la sentenza sia favorevole all'esposto presentato dal Texas. Link: https://bit.ly/2IAS6gS
• Un altro gruppo di legislatori della Pennsylvania (in questo caso alcuni senatori repubblicani) ha presentato una seconda mozione per chiedere alla Corte Suprema di stabilire che solo la legislatura statale ha il diritto di cambiare la legge elettorale, non il potere esecutivo o giudiziario statale, come la Corte Suprema statale, dando così ragione all'esposto presentato dal Texas. Link: https://bit.ly/2KadzxN
• La Christian Family Coalition della Florida (una organizzazione conservatrice cristiana) ha presentato una mozione per supportare l'esposto del Texas, affermando che "l'integrità elettorale della nazione" dipende da questa importante decisione della Corte Suprema. Link: https://bit.ly/37Yndfc
• Lo Speaker della Camera della Pennsylvania Bryan Cutler ed il leader della maggioranza repubblicana della Camera della Pennsylvania Kerry Benninghoffh hanno presentato una mozione, affermando che "attori esterni" hanno modificato il senso della legge elettorale come inizialmente approvata dalla legislatura statale, e che quindi vada approvato l'esposto del Texas che chiede di definire incostituzionali queste procedure. Link: https://bit.ly/37VYpEe
• Un gruppo di legislatori repubblicani di diversi Stati, inclusi alcuni di quelli citati in giudizio dal Texas, si esprime a favore dell'esposto presentato dal Texas e chiede alla Corte Suprema di invalidare il voto in Michigan, Wisconsin, Pennsylvania e Georgia, definendo le procedure con cui si è tenuto in violazione dell'Articolo II della Costituzione degli Stati Uniti. Chiedono inoltre di poter intervenire nell'esposto in qualità di co-querelanti assieme al Texas. Link: https://bit.ly/33Z9uTY
• Il deputato repubblicano Mike Johnson ed altri 105 deputati repubblicani della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno presentato una mozione in supporto dell'esposto del Texas in cui si parla di usurpazione del potere legislativo nei quattro Stati citati in giudizio e si chiede di annullare il risultato del voto in quanto tenuto con modalità incostituzionali. Link: https://bit.ly/2W1S8l3
• Un altro gruppo di deputati e senatori statali di Alaska, Arizona ed Idaho ha presentato una mozione in supporto dell'esposto del Texas affermando che la modalità con cui si è tenuto il voto negli Stati citati in giudizio mette "a repentaglio le fondamenta della nostra nazione -- il diritto ad elezioni libere e corrette". Un altro firmatario di questo ultimo esposto è il vice governatore repubblicano dell'Idaho Janice McGeachin. Link: https://bit.ly/3m4kju3

MOZIONI NEUTRALI
• L'Ohio ha presentato una mozione chiedendo che la Corte Suprema risponda il prima possibile all'esposto presentato dal Texas per chiarire la sua posizione su questo argomento fondamentale e dare chiarezza alla nazione americana. Link: https://bit.ly/2W9108l

MOZIONI CONTRARIE ALL'ESPOSTO DEL TEXAS
• La Pennsylvania ha presentato la sua risposta all'esposto del Texas, affermando che le accuse della parte querelante sono le stesse che sostanzialmente sono state già bocciate sia da corti statali che federali, e che il Texas non ha alcun diritto a citare in giudizio la Pennsylvania per la sua legge elettorale. Per questo motivo l'esposto deve essere considerato nullo dalla Corte Suprema. Link: https://bit.ly/3qOtlPM
• Il Michigan ha presentato la sua risposta all'esposto del Texas parlando delle cause giudiziarie che si sono tenute nello Stato, della vicenda dei voti contestati a Detroit e concludendo che l'esposto del Texas vada bocciato dalla Corte Suprema. Link: https://bit.ly/3m4iRrB
• La Georgia ha presentato la sua risposta in opposizione all'esposto del Texas in cui afferma sostanzialmente che il Texas non ha alcun diritto a discutere delle sue procedure elettorali e chiede alla Corte Suprema di bocciare l'esposto del Texas senza discuterlo oppure in caso contrario di accettare di discuterlo e subito dopo bocciarlo nel merito. Link: https://bit.ly/2LklaKt
• Il Wisconsin ha presentato la sua risposta all'esposto del Texas affermando che il Texas non ha alcun diritto a contestare la legge elettorale del Wisconsin e che approvare una tale mozione minerebbe alla base le fondamenta della democrazia americana. Per questo motivo il Wisconsin chiede la bocciatura dell'esposto del Texas. Link: https://bit.ly/3oAW4W0
• Il District of Columbia ha presentato una mozione in opposizione all'esposto del Texas assieme ad altri 20 Stati e territori a guida democratica: California, Colorado, Connecticut, Delaware, Guam, Hawaii, Illinois, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, Nevada, New Jersey, New Mexico, New York, North Carolina, Oregon, Rhode Island, Vermont, Virginia, U.S. Virgin Islands e Washington. Nella mozione si chiede di bocciare l'esposto presentato dal Texas sia bocciato dalla Corte Suprema. Link: https://bit.ly/387xnKz
• Anche la città di Detroit, in Michigan, direttamente chiamata in causa dall'esposto del Texas come uno dei casi dove ci sarebbero state incongruenze nel conteggio dei voti, ha risposto con una mozione in cui spiega quanto successo e chiede alla Corte Suprema di bocciare l'esposto del Texas. Link: https://bit.ly/3gBlbFu

Ricordiamo che la Corte Suprema aveva stabilito ieri la scadenza di oggi per la presentazione delle quattro risposte degli Stati citati in giudizio. Con la loro presentazione, dunque, la decisione della Corte Suprema sull'esposto presentato dal Texas potrebbe arrivare da un momento all'altro.




Il Procuratore generale del Wisconsin e della Pennsylvania criticano fortemente l'azione del Texas.
L'Osservatore Repubblicano
11 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 7325013686

Washington DC e altri 22 Stati e territori democratici (DC, California, Colorado, Connecticut, Delaware, Guam, Hawaii, Illinois, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, Nevada, New Jersey, New Mexico, New York, Carolina del Nord, Oregon, Rhode Island, Vermont, Virginia, Isole Vergini americane e Washington) supportano l'azione difensiva di Pennsylvania, Wisconsin, Michigan e Georgia, mentre il Texas è sostenuto nella sua azione legale da 18 stati repubblicani.
Il procuratore generale del Wisconsin, Josh Kaul giovedì ha definito la sfida del Texas una "intrusione straordinaria" nelle elezioni del suo stato e un'ulteriore interferenza nei processi elettorali del Michigan, della Pennsylvania e della Georgia.
"Il Texas propone una straordinaria intrusione nelle elezioni del Wisconsin e degli altri Stati imputati, compito che la Costituzione lascia a ciascuno Stato", si legge nella risposta. “Il Wisconsin ha condotto le sue elezioni e i suoi elettori hanno scelto un candidato vincitore per il loro Stato. Il tentativo del Texas di annullare tale scelta è privo di un fondamento legale o di una base fattuale ".
Il contenzioso, guidato dal procuratore generale del Texas, Ken Paxton, afferma che gli stati della Pennsylvania, Michigan, Wisconsin e Georgia, tutti vinti dal presidente eletto Joe Biden, hanno apportato modifiche incostituzionali al modo in cui votano i loro stati. Ha chiesto pertanto alla Corte Suprema di non certificare i risultati dove Biden risulta vincitore e di permettere che gli stati possano inviare grandi elettori che votino per il presidente Trump.
“Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin hanno distrutto quella fiducia e compromesso la sicurezza e l'integrità delle elezioni del 2020. Gli stati hanno violato gli statuti emanati dalle loro legislature debitamente elette, violando così la Costituzione ", ha detto Paxton in una dichiarazione lunedì sera.
Trump ha presentato una mozione per sostenere lo sforzo legale e altri 18 stati hanno sostenuto lo sforzo del Texas di mettere in discussione la vittoria dell'ex vicepresidente del Collegio elettorale.
Dall'altro lato Washington, DC e più di altri 20 stati e territori degli Stati Uniti hanno presentato un "amicus brief" a sostegno dei quattro stati presi di mira dal Texas.
Nel documento di 45 pagine di giovedì, il procuratore generale del Wisconsin, Kaul prende in esame la causa su una serie di punti e ha affermato che l'azione legale "non ha alcun merito" e che il Texas "non ha un interesse conoscibile" nelle procedure elettorali del Wisconsin.
"Dati tutti questi fatti, non sorprende che il Texas non riesca a stabilire nessuno dei fattori necessari per la concessione di un provvedimento preliminare", si legge nella risposta. "Non ha probabilità di successo e il danno e i fattori di interesse pubblico pesano fortemente a favore del negare un così "straordinario" provvedimento con il quale il Texas cerca, di privare milioni di elettori della scelta che hanno fatto".
Il procuratore generale della Pennsylvania, Josh Shapiro ha criticato la sfida del Texas in un briefing giovedì e l'ha definita una "cacofonia di affermazioni fasulle". Ha detto che è stata solo l' ultima azione legale di una serie di "cause legali frivole volte a privare del diritto di voto ampie fasce di elettori e minare la legittimità delle elezioni".
Il caso ha guadagnato ulteriore attenzione questa settimana quando è stato coinvolto il senatore Ted Cruz. Una portavoce di Cruz ha confermato mercoledì al Washington Examiner che Trump gli ha chiesto di discutere il caso, se la più alta corte della nazione decidesse di occuparsene, e il repubblicano del Texas ha acconsentito.
Nonostante la miriade di dichiarazioni e opinioni, spetta alla Corte Suprema decidere se il caso verrà ascoltato. I giudici hanno già affermato di non voler ascoltare un caso promosso da un gruppo di repubblicani della Pennsylvania che stava cercando di ribaltare una legge del 2019 approvata dalla legislatura guidata dal GOP in merito al voto per corrispondenza. Cruz aveva anche detto che sarebbe stato disposto a discutere davanti alla Corte Suprema anche in quel caso.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » ven dic 11, 2020 8:44 pm

Il Texas risponde agli stati accusati
11-12-2020
https://www.youtube.com/watch?v=8OnWNOle0AA




Appello di Trump: 'La Corte Suprema rovesci l'esito del voto' - Mondo
11 dicembre 2020

https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/ ... f8b26.html

Donald Trump su Twitter sprona la Corte Suprema a rovesciare il risultato delle elezioni presidenziali americane che hanno dato la vittoria a Joe Biden, definendo la prossima amministrazione "uno scandalo". "La Corte Suprema dovrebbe seguire la Costituzione e fare quello che tutti sanno deve essere fatto. Devono mostrare coraggio e saggezza. Salvate gli Usa!".
La Corte ha in programma di pronunciarsi su un ricorso del Texas appoggiato dalla Casa Bianca e da altri 18 stati Usa.


La Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di ascoltare il caso del Texas.
L'Osservatore Repubblicano
12 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 3284973090

La Corte Suprema ha rigettato venerdì lo sforzo giudiziario del Texas che avrebbe annullato le elezioni presidenziali in Pennsylvania , Michigan , Georgia e Wisconsin .
"La mozione dello Stato del Texas che chiedeva il permesso di presentare un ricorso è negata per mancanza di legittimazione ai sensi dell'articolo III della Costituzione", si legge nell'ordinanza della Corte Suprema. “Il Texas non ha dimostrato un interesse percepibile dal punto di vista giudiziario nel modo in cui un altro Stato conduce le sue elezioni. Tutte le altre mozioni in sospeso vengono respinte come discutibili. "
L'ordinanza non preclude altri ricorsi in sospeso alla Corte Suprema, ma il tempo stringe. Gli stati si incontreranno la prossima settimana il 14 dicembre per l'esercizio del collegio elettorale. E il 6 gennaio ci sarà una sessione congiunta di Camera e Senato per contare i voti elettorali e certificare il presidente eletto Joe Biden come vincitore.

https://www.foxnews.com/politics/scotus ... ction-suit

Giorgio Cerasoli
La Corte Suprema è ora sotto petizione da 21 Stati (oggi saliti a 22) per garantire che le elezioni del 2020 siano conformi alle leggi elettorali delineate nella Costituzione degli Stati Uniti. Il termine per presentare le petizioni scade oggi. Entro venerdì sera dovrebbe emergere il responso.
Le strade tendenzialmente sono tre:
1) La corte Suprema annulla la votazione nei quattro stati (Vittoria a Trump).
2) La Corte Suprema chiede al parlamento di ognuno di questi quattro stati di fare una votazione interna per eleggere i 4 rappresentanti che il 14 voteranno ai grandi elettori (Vittoria Trump perchè anche se i governatori dei 4 stati sono democratici la maggioranza in parlamento è repubblicana in tutti e 4).
3) La Corte Suprema ignora la costituzione e decreta la vittoria a Biden (altamente improbabile dato che 6 giudici su 9 sono repubblicani di cui 5 sono costituzionalisti tra cui Alito, Clarence Thomas e Amy Coney Barrett).
Ci sarebbe il quarto punto ovvero la Corte Marziale e passaggio per i tribunali militari, ma questa verrà applicata da Trump se naturalmente anche la Corte Suprema si rivelerà corrotta. A quel punto non c'è altra soluzione e non si potrà dire che Trump ha abusato di potere perchè la Costituzione è stata violata e calpestata a tutti i livelli

Jaime Andrea Jaime
Butta male con la Corte Suprema.
Vedremo come andranno le altre istanze negli altri stati
La mozione dello Stato del Texas per il congedo per presentare una denuncia è negata per mancanza di posizione ai sensi dell'articolo III della Costituzione. Il Texas non ha dimostrato un interesse giudicalmente riconoscibile nel modo in cui un altro Stato svolge le sue elezioni. Tutte le altre mozioni pendenti sono respinte come moot. Dichiarazione di Giustizia Alito, a cui aderisce il Giudice Thomas: Secondo me, non abbiamo discrezionalità nel negare la presentazione di una denuncia in un caso che rientra nella nostra giurisdizione originale. Vedi Arizona vs. California, 589 Stati Uniti d'America (24 febbraio 2020) (Thomas, J., dissenziente). Per questo motivo concederei la mozione di presentazione della denuncia ma non concederei altri aiuti e non esprimo alcuna opinione su nessun altro argomento.




BREAKING: LA CORTE SUPREMA DEGLI STATI UNITI BOCCIA L'ESPOSTO DAL TEXAS
Elezioni USA 2020
12 dicembre 2020

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha appena bocciato l'esposto presentato dal Texas per annullare il risultato del voto in Wisconsin, Pennsylvania, Georgia e Michigan, affermando che il Texas non ha diritto a fare una richiesta del genere.
"L'esposto dello Stato del Texas per chiedere il permesso di presentare una mozione per contestare il risultato del voto in altri Stati è negata per mancanza di legittimazione ai sensi dell'articolo III della Costituzione. Il Texas non ha infatti dimostrato un interesse giudizialmente valido nel modo in cui un altro Stato conduce le proprie elezioni. Tutte le altre mozioni pendenti sono archiviate di conseguenza", ha scritto la Corte Suprema nella sua sentenza.
La Corte ha così deciso di rigettare l'esposto senza prenderlo in carico nel merito. Ma le accuse nell'esposto originale sono già state più volte bocciate da altre corti federali e statali sino ad ora, fa notare Axios.
I giudici conservatori Alito e Thomas hanno indicato nella sentenza di non essere d'accordo con la decisione di non discutere neppure l'esposto, in quanto affermano che secondo loro è compito della Corte ascoltare le cause intentate da Stati nei confronti di altri Stati.
Ma sia Alito che Thomas hanno anche aggiunto che "non sarebbero stati a favore di ulteriori richieste" -- vale a dire che nel caso in cui l'esposto fosse stato accettato in discussione i due giudici avrebbero comunque bocciato nel merito la richiesta del Texas di annullare il risultato delle elezioni nei 4 Stati citati in giudizio.
Degno di nota è invece il fatto che apparentemente i 3 giudici nominati dal presidente Trump alla Corte Suprema (Kavanaugh, Barrett e Gorsuch) si siano espressi a favore della decisione di non prendere neppure in carico l'esposto, non avendo dichiarato alcun dissenso esplicito.
Si tratta così sicuramente della più significativa sconfitta legale per il presidente Trump ed i suoi supporter nel tentativo finora fallito di cercare di ribaltare il risultato del voto che ha visto la vittoria di Joe Biden con 306 grandi elettori contro 232 del presidente uscente.
Lo stesso presidente Trump aveva parlato di questo esposto come il più importante mercoledì affermando su Twitter: "INTERVERREMO nell'esposto presentato dal Texas (e da molti altri Stati). Questo è l'esposto principale. Il nostro Paese ha bisogno di una vittoria!".
Considerato che il voto del Collegio Elettorale che ufficializzerà l'elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti è previsto per lunedì 14 dicembre, possiamo tranquillamente affermare che a questo punto si è praticamente chiusa qualsiasi remota possibilità per il presidente Trump di poter ribaltare il risultato del voto per via giudiziaria.
L'esposto presentato dal Procuratore Generale del Texas, Ken Paxton, chiedeva ai giudici della Corte Suprema di estendere quantomeno il termine per la certificazione dei grandi elettori al 14 dicembre e consentire alle legislature statali di nominare una lista di grandi elettori alternativi favorevoli al presidente Trump.
La base di questo esposto sarebbe stata la presunta violazione da parte di Michigan, Wisconsin, Pennsylvania e Georgia dell'Articolo II della Costituzione americana, per aver deciso di espandere il voto via posta senza il consenso delle legislature statali a guida repubblicana, ma bensì con ordinanze esecutive o giudiziarie.
17 Stati a guida repubblicana hanno presentato istanza alla Corte Suprema a sostegno del Texas: Alabama, Arkansas, Florida, Indiana, Kansas, Louisiana, Mississippi, Montana, Nebraska, North Dakota, Oklahoma, South Carolina, South Dakota, Tennessee, Utah e West Virginia .
Oltre a loro anche 126 membri repubblicani del Congresso hanno presentato il proprio sostegno all'esposto presentato dal Texas, incluso il n. 1 ed il n. 2 dei repubblicani alla Camera, rispettivamente il leader della minoranza Kevin McCarthy (R-Ca.) e il Minority Whip Steve Scalise (R-La.).
I quattro stati presi di mira da Paxton avevano risposto alle accuse del Texas ieri pomeriggio:
• Il Michigan ha sostenuto che "la richiesta qui è senza precedenti, senza fondamento fattuale o una base giuridica valida"
• La Pennsylvania ha definito l'esposto del Texas come "un abuso sedizioso del processo giudiziario" e ha chiesto alla Corte di "inviare un segnale chiaro e inequivocabile che tale abuso non debba mai più essere replicato"
• La Georgia (Stato a maggioranza repubblicana), ha detto che "le rivendicazioni del Texas non sono diverse dai molteplici casi presentati nei tribunali statali e federali della Georgia nelle ultime settimane ... E nessuno di questi contenziosi ha visto una vittoria da parte dei querelanti"
Sul fronte opposto invece 22 Stati a guida democratica che invece avevano espresso la propria opposizione all'esposto presentato dal Texas e chiesto alla Corte di bocciarlo senza discuterlo -- così come è effettivamente avvenuto.
Tra le posizioni dei vari Stati è spiccata quella dell'Ohio che ha avuto una posizione sostanzialmente neutrale, ma ha anche affermato che "dare ragione all'esposto del Texas rischia di minare una premessa fondamentale del nostro sistema federalista: l'idea che gli Stati siano sovrani, liberi di governarsi da soli".
La decisione odierna rappresenta quindi la 57esima sconfitta legale per il team di Trump e per i suoi supporter in oltre un mese di battaglie legali dinanzi alle corti ed i tribunali statali e federali.
L'unica causa vinta è stata una causa minore ad inizio novembre per chiedere di ridurre la distanza degli osservatori elettorali dagli scrutatori ai seggi in Pennsylvania, ma nessuna delle cause intentate con l'accusa di brogli ha visto sinora una conclusione positiva per i querelanti.
Anche il Procuratore Generale degli Stati Uniti, William P. Barr, ha detto all'inizio di questo mese di ritenere che il Dipartimento di Giustizia non abbia ancora visto alcuna prova di una frode elettorale su larga scala.
Pressochè immediata la prima reazione politica, da parte di uno dei senatori repubblicani più critici nei confronti del presidente Trump, Ben Sasse (R-Neb.):
"Sin dalla notte delle elezioni, molte persone hanno iniziato a confondere gli elettori mettendo in giro teorie cospiratorie del tipo Obama nato in Kenya, oppure 'Chavez ha truccato le elezioni dall'aldilà', ma la verità è che ogni americano che ha a cuore lo stato di diritto deve prendere conforto dal fatto che la Corte Suprema - incluso i 3 giudici nominati dal presidente Trump - ha deciso di chiudere la porta a queste accuse insensate".
Update ore 01:30: è arrivata anche la prima reazione del presidente eletto Joe Biden. “La Corte Suprema ha deciso in maniera decisiva e veloce di rigettare l’ultimo tentativo da parte di Donald Trump e dei suoi supporter di attaccare il processo democratico. Non è una sorpresa — decine di giudici, funzionari elettori di entrambi i partiti e persino lo stesso Procuratore Generale dell’Amministrazione Trump hanno bocciato questi tentativi senza alcuna base di negare che lui abbia perso le elezioni. La chiara ed evidente vittoria del presidente eletto Biden sarà ratificata dal Collegio Elettorale nella giornata di lunedì, e lui giurerà come Presidente il 20 gennaio”.

https://www.supremecourt.gov/orders/cou ... r_p860.pdf


USA2020: IL PRESIDENTE DEL PARTITO REPUBBLICANO DEL TEXAS INVOCA LA POSSIBILITÀ DI SECESSIONE DAGLI STATI UNITI IN RISPOSTA ALLA SENTENZA DELLA CORTE SUPREMA
Elezioni USA 2020
12 dicembre 2020

Pochi minuti dopo la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha bocciato l’esposto presentato dal Texas per chiedere l’annullamento dei risultati elettorali in Michigan, Wisconsin, Pennsylvania e Georgia, è arrivata la reazione di Allen West, il presidente del Partito Repubblicano del Texas.
In un durissimo comunicato inviato alla stampa, West arriva persino ad invocare la possibilità di una secessione del Texas dagli Stati Uniti:
“La Corte Suprema, rigettando l’esposto del Texas che è stato condiviso da altri 17 Stati e 106 membri del Congresso [in realtà 126, ndt], ha decretato che uno Stato può prendere azioni incostituzionali e violare la propria legge elettorale.
Questo provoca effetti dannosi per gli altri Stati che rispettano le leggi, mentre gli Stati colpevoli non soffrono alcuna conseguenza.
Questa decisione stabilisce il precedente che afferma che gli Stati possono violare la Costituzione americana e non subirne alcuna conseguenza. Questa decisione avrà ampie conseguenze per il futuro della nostra Repubblica costituzionale.
Forse è arrivato il momento che gli Stati che rispettano la legge si uniscano assieme e formino una Unione di Stati che intendono rispettare la Costituzione.
Il Partito Repubblicano del Texas rispetterà sempre la Costituzione e lo stato di diritto anche quando gli altri non lo faranno più”.


La Corte Suprema degli Stati Uniti ha appena bocciato l'esposto presentato dal Texas per annullare il risultato del voto in Wisconsin, Pennsylvania, Georgia e Michigan, affermando che il Texas non ha diritto a fare una richiesta del genere.
"L'esposto dello Stato del Texas per chiedere il permesso di presentare una mozione per contestare il risultato del voto in altri Stati è negata per mancanza di legittimazione ai sensi dell'articolo III della Costituzione. Il Texas non ha infatti dimostrato un interesse giudizialmente valido nel modo in cui un altro Stato conduce le proprie elezioni. Tutte le altre mozioni pendenti sono archiviate di conseguenza", ha scritto la Corte Suprema nella sua sentenza.


Articolo III della Costituzione USA
https://it.wikisource.org/wiki/Costituz ... %27America

Articolo 1

Sezione III

1. Il Senato degli Stati Uniti sarà composto da due senatori per ogni Stato, eletti - con mandato di sei anni - dal legislativo statuale e ogni senatore disporrà di un solo voto.

2. In primo luogo, nella riunione che si terrà a seguito della prima elezione, i senatori saranno divisi in tre classi, in numero possibilmente uguale. I seggi dei senatori della prima classe saranno resi vacanti allo scadere del secondo anno, quelli della seconda classe allo scadere del quarto, quelli della terza allo scadere del sesto, in modo che un terzo del Senato venga eletto ogni due anni; qualora nell'intervallo tra le sessioni dell'organo legislativo di ciascuno Stato, alcuni seggi si rendano vacanti, per dimissioni o per altra causa, l'esecutivo statuale potrà procedere a nomine provvisorie valide fino alla successiva sessione dell'organo legislativo che provvederà a ricoprire tali seggi.

3. Non potrà essere senatore chi non abbia compiuto l'età di trenta anni, non sia da nove anni cittadino degli Stati Uniti e non risieda, al momento dell'elezione, nello Stato in cui venga eletto.

4. Il Vicepresidente degli Stati Uniti sarà Presidente del Senato ma non avrà diritto di voto, salvo nel caso in cui, in sede di votazione in quell'assemblea, si abbia una parità di voti.

5. Il Senato provvederà alle nomine per le altre cariche interne ed eleggerà anche un Presidente pro tempore, il quale presiederà in caso di assenza del Vicepresidente o quando questi svolga le funzioni di Presidente degli Stati Uniti.

6. Il Senato sarà il solo ad avere il potere di giudicare in ordine a tutti gli atti d'accusa nei confronti dei soggetti di cui all'Articolo II, Sezione IV. Ove si riunisca per tale scopo, i suoi membri saranno vincolati da giuramento o dichiarazione solenne. Ove si debba giudicare il Presidente degli Stati Uniti, presiederà il Presidente della Corte Suprema e nessuno potrà essere dichiarato colpevole se non a maggioranza di due terzi dei membri presenti.

7. Le sentenze pronunciate nei casi suddetti non avranno altro effetto se non la destituzione dalla carica occupata e l'interdizione da qualsiasi carica onorifica, fiduciaria o retribuita alle dipendenze degli Stati Uniti; ma il soggetto dichiarato colpevole potrà, nondimeno, essere passibile di e sottoposto a incriminazione, processo, sentenza e pena secondo le leggi ordinarie.

Sezione IV

1. Date, luoghi e modalità delle elezioni per i senatori e per i rappresentanti saranno fissate in ogni Stato dai rispettivi organi legislativi; il Congresso potrà però in qualsiasi momento stabilire o modificare le norme relative, salvo per quanto riguarda i luoghi in cui i senatori debbano essere eletti.
2. Il Congresso si riunirà almeno una volta all'anno e tale seduta dovrà aver luogo il primo lunedì di dicembre, a meno che, con legge, non si fissi un giorno diverso.


Sezione V

1. Ciascuna delle due Camere sarà giudice dei risultati elettorali e verificherà i requisiti dei membri che ivi risulteranno eletti; e il quorum perché ciascuna delle due Camere possa svolgere i propri lavori sarà costituito dalla maggioranza; quando in numero inferiore, ciascuna Camera potrà rinviare la seduta di giorno in giorno ed è autorizzata sin da ora a costringere i membri assenti ad intervenire, usando quei mezzi cui riterrà di ricorrere e con quelle sanzioni che vorrà comminare.


ARTICOLO III
Sezione I

Il potere giudiziario degli Stati Uniti sarà conferito a una Corte Suprema e a quelle corti di grado inferiore che il Congresso potrà di quando in quando istituire e organizzare. I giudici sia della Corte Suprema che delle corti di grado inferiore conserveranno la loro carica finché terranno buona condotta, e, ad epoche fisse, riceveranno per i loro servigi un'indennità, che non potrà essere ridotta finché essi rimarranno in carica.

Sezione II

1. Il potere giudiziario si estenderà a tutti i casi di common law e di equity che si presenteranno nel quadro della presente Costituzione, nel quadro delle leggi degli Stati Uniti e dei trattati da essi stipulati o da stipulare in base alle loro competenze, a tutti i casi che riguardino ambasciatori, altri rappresentanti diplomatici e consoli, a tutti i casi relativi all'ammiragliato e alla giurisdizione marittima; alle controversie in cui gli Stati Uniti siano parte in causa; alle controversie tra due o più Stati, tra uno Stato e i cittadini di un altro Stato, tra cittadini di Stati diversi, tra cittadini di uno stesso Stato che avanzino pretese su terre in base a concessioni di altri Stati, e tra uno Stato - o i suoi cittadini - e Stati, cittadini o sudditi stranieri.

2. In tutti i casi che riguardino ambasciatori, altri rappresentanti diplomatici e consoli, e in quelli in cui uno Stato sia parte in causa, la Corte Suprema giudicherà in primo e unico grado. In tutti gli altri casi sopra menzionati la Corte Suprema avrà giurisdizione d'appello, sia di diritto che di fatto, con le eccezioni e le norme che verranno fissate dal Congresso.

3. Il procedimento per tutti i reati, salvo nei casi di impeachment, dovrà avvenire mediante giuria; tale procedimento avrà luogo nello Stato dove detti reati siano commessi; quando il reato non sia stato commesso in alcuno degli Stati, il processo si terrà nella o nelle località che per legge il Congresso indicherà.

Sezione III

1. Sarà considerato tradimento contro gli Stati Uniti soltanto l'aver mosso guerra contro di essi, o l'aver appoggiato nemici degli Stati Uniti, fornendo loro aiuto e sostegno. Nessuno potrà essere dichiarato colpevole di tradimento se non su deposizione di due testimoni che siano stati presenti a uno stesso atto flagrante, ovvero quando la colpa sia confessata in pubblico processo.

2. Spetterà al Congresso stabilire la pena per tradimento; ma nessuna sentenza di tradimento potrà comportare perdita di diritti ereditari per i discendenti, o confìsca di beni se non durante la vita del colpevole.



È tempo per Donald Trump di andare avanti
In un editoriale dell’11 dicembre, il giornalista del Washington Examiner, Byron York, spiega in modo oggettivo, realistico, ragionato e senza dare delle false illusioni, che a seguito della recente sentenza della Corte Suprema sull’inammissibilità della causa presentata dallo Stato del Texas, sarebbe giunto il momento per il presidente Donald Trump di andare avanti e di accettare il risultato delle elezioni.
Il Presidente Donald Trump
Edizione speciale Daily Memo di Byron York: è ora che Trump si fermi

https://osservatorerepubblicano.com/202 ... re-avanti/


È TEMPO PER TRUMP DI ANDARE AVANTI. I difensori del Presidente Donald Trump hanno sottolineato molte volte, correttamente, che egli ha tutto il diritto di proseguire nelle cause legali per contestare i risultati delle elezioni negli Stati che ha perso per una manciata di voti. Andare in tribunale non è mettere in scena un “Colpo di Stato” o “complottare” per distruggere la democrazia, come accusano alcuni degli avversari di Trump. È il modo in cui le persone, e così anche il Presidente degli Stati Uniti, portano avanti le loro rivendicazioni nel sistema. Quindi, anche se molte delle cause portate da Trump e dai suoi alleati sono state inverosimili, e le ha perse quasi tutte, non c’è stato alcun grave danno nel presentarle.

Ma è giunto il momento di farla finita. Lunedì è il giorno in cui i Grandi Elettori si incontreranno negli Stati Uniti per votare nel Collegio Elettorale per la Presidenza. Gli Stati hanno già certificato i risultati delle loro elezioni; il totale è di 306 Grandi Elettori per Joe Biden e 232 per Donald Trump. Nessuna delle cause del Presidente ha portato ad un cambiamento in nessuno di questi stati, e avrebbe bisogno che ciò accadesse non in uno, non in due, ma in tre stati – diciamo, Arizona, Georgia e Pennsylvania – per vincere. Biden, invece, vincerà la presidenza con 306 voti, a meno che uno o due “elettori infedeli” riducano leggermente il margine della sua vittoria. (Ricordiamo nel 2016, quando alcuni Democratici disperati sperarono che frotte di Grandi Elettori affiliati a Trump avrebbero potuto abbandonare il loro impegno a sostenerlo? Non ha funzionato).

Venerdì sera la Corte Suprema ha respinto l’ultima grande causa del Presidente, la causa intentata dallo Stato del Texas contro Georgia, Pennsylvania, Michigan e Wisconsin. Non c’era nessuna possibilità che la Corte, per volere di uno Stato, potesse contestare i risultati delle elezioni di altri quattro diversi Stati. Non c’era nessuna base su cui farlo, non era previsto dalla Costituzione e avrebbe creato un terribile precedente che avrebbe sicuramente afflitto la nostra politica negli anni a venire. Alla fine, i giudici hanno deciso di non accettare affatto il ricorso. Solo due, Samuel Alito e Clarence Thomas hanno detto che il tribunale avrebbe dovuto prendere in considerazione il caso, ma anche loro hanno detto che “non avrebbero concesso nessun sollievo” e non hanno espresso “nessuna opinione su qualsiasi altra questione”. Con ciò, le speranze di Trump di bloccare la certificazione dei risultati alla Corte Suprema sono morte.

Recentemente, alcune persone intorno al presidente hanno suggerito che il termine per la definizione delle elezioni, non fosse lunedì 14 dicembre, bensì il 6 gennaio 2021, quando il Congresso dovrebbe certificare i risultati del Collegio Elettorale (ovvero l’elezione del 14 dicembre). Jason Miller, uno dei migliori aiutanti della campagna di Trump, ha recentemente twittato che lunedì “non è necessariamente la data di fine” del processo, “ma è il 6 gennaio, quando il nuovo Congresso conterà i voti elettorali”, ha detto Miller. Ma al momento non vi è alcuna causa in tribunale che possa portare ad un cambio di voti elettorali sufficienti per rieleggere il Presidente.

Questo non vuol dire che i Repubblicani non abbiano scoperto problemi seri nel modo in cui alcuni Stati hanno condotto le loro elezioni. Per fare un esempio, come ha sottolineato il Team legale di Trump, le azioni degli scrutatori alla State Farm Arena nella Contea di Fulton, in Georgia, la notte delle elezioni, sono “sospette” e necessitano di indagini. La spiegazione ufficiale degli eventi è cambiata e dovrebbe esserci un resoconto affidabile di ciò che è accaduto. Ci sono eventi “discutibili” anche in altri Stati che devono essere perseguiti. Da chi? Sembra improbabile che molti giornalisti siano interessati. Forse un filantropo conservatore potrebbe costituire un Istituto per lo studio delle elezioni del 2020. Seriamente, le elezioni lasciano un’enorme scia di dati che possono richiedere molto tempo per essere analizzati. Viste le domande che circondano queste elezioni, in particolare che riguardano l’aumento esponenziale del voto per posta, è importante che i dati siano esaminati, se non altro allo scopo di preservare la fiducia del pubblico nelle istituzioni della nazione.

Oltre a ciò, c’è un problema serio che deve essere risolto in un caso dalla Pennsylvania. Lì, la Corte Suprema dello Stato ha essenzialmente creato la legge elettorale, un compito che la Costituzione assegna alle legislature statali, quando ha prorogato il termine per la ricezione delle schede elettorali in diretta contraddizione con la legge statale. La Corte Suprema deve risolvere la questione dei comitati elettorali o dei tribunali che essenzialmente adottano delle leggi elettorali negli stati di tutto il paese.

Nel quadro generale, i risultati delle elezioni non sono stati particolarmente sorprendenti. Trump ha avuto molta fortuna nel 2016 e molta sfortuna nel 2020. Ha affrontato venti contrari terribili durante tutto l’anno. Inoltre, nel 2016, ha vinto vincendo di poco in alcuni Stati Chiave. Nel 2020, ha perso nuovamente di poco in alcuni Stati Chiave. Il risultato non era al di fuori delle sue probabilità, specialmente dopo che Trump ha sopportato quattro anni di attacchi, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, dalla “resistenza” (i c.d. Never Trumpers, elementi all’interno del suo stesso partito e da molte delle più grandi organizzazioni dei media della nazione).

Quella, alla fine, è stata la vera interferenza elettorale, e i sostenitori di Trump hanno tutte le ragioni per essere arrabbiati, e per molto tempo. Lo sforzo per rimuovere il Presidente dal suo incarico è iniziato prima ancora che entrasse in carica. Un’alleanza di antagonisti di Trump nell’esecutivo federale, nell’intelligence e nei mass media ha cercato di minarlo fin dal primo momento. Dalla manovra astuta per pubblicizzare le calunnie del Dossier Steele allo sforzo di inchiodare il generale Michael Flynn al gioco di James Comey, che era quello di assicurare che Trump non fosse sotto inchiesta lasciando però l’impressione pubblica che lo fosse, e poi, all’indagine di Mueller, durata per anni, in cui il procuratore speciale ha scoperto presto che l’accusa di collusione non poteva essere confermata, ma ha permesso che le indagini proseguissero all’infinito – attraverso tutto ciò, Trump ha dovuto affrontare degli sforzi senza precedenti fatti per paralizzare la sua presidenza ed assicurarsi che non sarebbe stato rieletto. Alla fine del 2019, i Democratici alla Camera ha persino messo sotto accusa il Presidente nella speranza che questo lo indebolisse così tanto da non poter ottenere un secondo mandato.

Quindi, ovviamente, i Repubblicani sono sconvolti da quello che è successo. Nonostante tutto, Donald Trump ha realizzato un numero enorme di cose: in termini di risultati, la sua è stata sicuramente la presidenza repubblicana più impressionante dai tempi di Ronald Reagan. Ma l’umore degli elettori, alimentato da una frenesia mediatica, gli si è rivoltato contro. Ora, dopo la decisione della Corte Suprema, non può più sostenere le contestazioni a quel verdetto. È ora di andare avanti.


Il Collegio Elettorale consegna la Casa Bianca a Biden.
L'Osservatore Repubblicano
14 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 5241448561

Il collegio elettorale oggi 14 dicembre si è riunito per confermare Joe Biden come presidente eletto.
Nonostante le cause legali del presidente Trump che contestano i risultati delle elezioni del 3 novembre contro Biden, 538 elettori di tutti i 50 stati e Washington, DC, si sono riuniti lunedì dando a Biden i 270 voti di cui aveva bisogno per rivendicare la Casa Bianca.
Biden dovrebbe concludere la votazione dei grandi elettori con 306 voti contro i 232 di Trump, riflettendo i voti popolari di ciascuna giurisdizione (al momento della pubblicazione del post Biden ha 302 voti contro 232 di Trump).
Il voto dei grandi elettori ha attirato molta più attenzione quest'anno dopo che i leader repubblicani, come il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, aveva dato come termine ultimo per riconoscere Biden come presidente eletto, il voto del 14 dicembre.
"Il collegio elettorale determinerà il vincitore", ha detto McConnell.
Al di fuori delle sfide legali, c'è ancora un meccanismo che gli alleati di Trump possono utilizzare per contrastare temporaneamente Biden: un parlamentare della Camera e un senatore possono mettere in discussione i risultati delle elezioni durante la sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio .
Il rappresentante repubblicano dell'Alabama Mo Brooks ha già indicato che probabilmente metterà in dubbio i risultati. La strategia, tuttavia, richiede il sostegno della Camera, controllata dai Democratici, anche se con un margine ristretto.
Alle 17 non c'erano stati elettori infedeli, né un gruppo di elettori alternativi pro-Trump a cui il consigliere della Casa Bianca, Stephen Miller alludeva lunedì mattina.
Miller ha detto a Fox and Friends che Trump avrebbe probabilmente contestato le elezioni in tribunale fino all'inaugurazione di Biden il 20 gennaio.
"Abbiamo tempo più che sufficiente per correggere il torto di questo risultato elettorale fraudolento e certificare Donald Trump come il vincitore delle elezioni", ha detto . "Mentre parliamo oggi, una lista alternativa di elettori negli stati contestati andrà a votare, e invieremo quei risultati al Congresso".




Secretary Raffensperger Launches Cobb County and Statewide Signature Match Audits
Il Segretario Raffensperger lancia le verifiche delle firme per la Contea di Cobb e in tutto lo Stato
18 dicembre 2020

https://sos.ga.gov/index.php/elections/ ... tch_audits

(ATLANTA)-Georgia Secretary of State Brad Raffensperger announced a signature match audit in Cobb County and an additional statewide signature match audit. The Secretary of State’s Office will partner with the Georgia Bureau of Investigation to conduct the Cobb County audit and with an accredited university for the statewide audit.

“Election integrity has been a top priority since day one of my administration,” said Secretary Raffensperger. “Though the outcome of the race in Georgia will not change, conducting this audit follows in the footsteps of the audit-triggered hand recount we conducted in November to provide further confidence in the accuracy, security, and reliability of the vote in Georgia. I look forward to working with the Georgia Bureau of Investigation, Cobb County, and any other future partners to secure the vote in the Peach State.”

Secretary Raffensperger first announced that following specific allegations that election workers in Cobb County had not adequately conducted signature matching on absentee ballot applications ahead of the June primary elections, the Office of the Secretary of State would partner with the Georgia Bureau of Investigation to conduct an audit of the signature match in Cobb County. The audit will consist of reviewing a statistically significant subset of the signed absentee ballot envelopes and comparing those signatures to the ones on file in Georgia’s voter registration system.

“Conducting this audit does not in any way suggest that Cobb County was not properly following election procedures or properly conducting signature matching,” said Chris Harvey, Director of Elections for the Secretary of State’s office, who was formerly the Chief Investigator for the office. “We chose Cobb County for this audit because they are well known to have one the best election offices in the state, and starting in Cobb will help as we embark on a statewide signature audit. Just like Cobb County volunteered to be a pilot county for our new voting system, we thank everyone at the Cobb County elections office for their cooperation with this process especially while voting is underway for the runoff.”

The audit of Cobb County’s signature match system is expected to take two weeks. However, it will not change the outcome of the November election.

Raffensperger also announced a planned statewide signature match audit. The Office of the Secretary of State will partner with an accredited university to conduct a third-party signature match statewide audit study.

Georgia is recognized as a national leader in elections. It was the first state in the country to implement the trifecta of automatic voter registration, at least 16 days of early voting (which has been called the “gold standard”), and no-excuse absentee voting. Georgia continues to set records for voter turnout and election participation, seeing the largest increase in average turnout of any other state in the 2018 midterm election and record turnout in 2020, with over 1.3 million absentee by mail voters and over 3.6 million in-person voters utilizing Georgia’s new, secure, paper ballot voting system.


(ATLANTA)-Il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger ha annunciato una verifica della corrispondenza delle firme nella Contea di Cobb e un'ulteriore verifica della corrispondenza delle firme in tutto lo Stato. Il Segretario di Stato collaborerà con il Georgia Bureau of Investigation per condurre l'audit della Contea di Cobb e con un'università accreditata per l'audit in tutto lo Stato.

"L'integrità elettorale è stata una priorità assoluta fin dal primo giorno della mia amministrazione", ha detto il Segretario Raffensperger. "Anche se l'esito della corsa in Georgia non cambierà, la conduzione di questa verifica segue le orme del riconteggio manuale che abbiamo condotto a novembre per fornire ulteriore fiducia nell'accuratezza, nella sicurezza e nell'affidabilità del voto in Georgia". Non vedo l'ora di lavorare con il Georgia Bureau of Investigation, la Contea di Cobb e qualsiasi altro partner futuro per ottenere il voto nello Stato di Peach".

Il Segretario Raffensperger ha annunciato per la prima volta che, a seguito di specifiche accuse secondo cui gli operatori elettorali della Contea di Cobb non avrebbero condotto in modo adeguato la corrispondenza delle firme sulle domande di voto per assenteismo prima delle elezioni primarie di giugno, l'Ufficio del Segretario di Stato avrebbe collaborato con il Georgia Bureau of Investigation per condurre una verifica della corrispondenza delle firme nella Contea di Cobb. L'audit consisterà nell'esame di un sottoinsieme statisticamente significativo delle buste di voto per assenteismo firmate e nel confronto di tali firme con quelle presenti nel sistema di registrazione degli elettori della Georgia.

"La conduzione di questa verifica non suggerisce in alcun modo che la Contea di Cobb non abbia seguito correttamente le procedure elettorali o non abbia eseguito correttamente la corrispondenza delle firme", ha dichiarato Chris Harvey, Direttore delle elezioni per l'ufficio del Segretario di Stato, che in precedenza era l'investigatore capo dell'ufficio. Abbiamo scelto la Contea di Cobb per questa verifica perché è ben noto che ha uno dei migliori uffici elettorali dello Stato, e iniziare da Cobb ci aiuterà ad avviare una verifica delle firme in tutto lo Stato". Proprio come Cobb County si è offerta volontaria come contea pilota per il nostro nuovo sistema di voto, ringraziamo tutti gli uffici elettorali di Cobb County per la loro collaborazione a questo processo, specialmente durante le votazioni per il ballottaggio".

L'audit del sistema di corrispondenza delle firme della Contea di Cobb dovrebbe durare due settimane. Tuttavia, non cambierà l'esito delle elezioni di novembre.

Raffensperger ha anche annunciato una prevista verifica delle firme in tutto lo Stato. L'Ufficio del Segretario di Stato collaborerà con un'università accreditata per condurre uno studio di verifica delle firme in tutto lo Stato.

La Georgia è riconosciuta come leader nazionale nelle elezioni. È stato il primo Stato del Paese ad attuare la triplice registrazione automatica degli elettori, almeno 16 giorni di votazione anticipata (che è stata chiamata "gold standard"), e il voto per corrispondenza senza scuse. La Georgia continua a stabilire record di affluenza alle urne e di partecipazione alle elezioni, vedendo il più grande aumento dell'affluenza media di qualsiasi altro Stato nelle elezioni di metà mandato del 2018 e il record di affluenza alle urne nel 2020, con oltre 1,3 milioni di assenti per corrispondenza e oltre 3,6 milioni di elettori di persona che utilizzano il nuovo e sicuro sistema di voto cartaceo della Georgia.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)


La campagna di Donald J. Trump ha presentato ricorso alla Corte Suprema affinché annulli delle decisioni della Corte Suprema della Pennsylvania prese che hanno modificato la legge sul voto postale dello stato prima e dopo le elezioni presidenziali del 2020.
L'Osservatore Repubblicano
20 dicembre 2020

https://www.facebook.com/elezioniusa202 ... 7654381653

La campagna del presidente ha affermato in una dichiarazione che il cambiamento della legge da parte della Corte Suprema dello Stato della Pennsylvania era una violazione dell'articolo II della Costituzione degli Stati Uniti.
La petizione cita un "caso correlato della Pennsylvania" in cui il giudice Samuel Alito e altri due giudici hanno rilevato la costituzionalità della decisione del tribunale statale di estendere il termine legale per la ricezione delle schede per corrispondenza dalle 20:00 del giorno delle elezioni alle 17:00 di tre giorni dopo.
Il team della campagna ha detto che la costituzionalità della decisione del tribunale ha "importanza nazionale" e potrebbe violare la Costituzione degli Stati Uniti.
La petizione segna l'ultimo episodio di una saga in corso di cause legali promosse dalla campagna di Trump che sfidano l'esito delle elezioni presidenziali del 2020. Trump si rifiuta ancora di ammettere e continua a promuovere le accuse di una massiccia frode degli elettori.
I grandi elettori del Collegio Elettorale in tutti i 50 stati e nel Distretto di Columbia la scorsa settimana hanno votato, ufficializzando la vittoria di Joe Biden su Trump. Secondo i risultati delle elezioni, Biden ha superato Trump nel conteggio dei voti del collegio elettorale per 306 a 232.
La petizione della campagna di Trump alla Corte Suprema chiede una rapida revisione e risposta entro giovedì, dando abbastanza tempo prima che il Congresso si riunisca a gennaio per "considerare i voti del Collegio elettorale".
Se la Corte Suprema degli Stati Uniti dovesse accogliere il caso della campagna di Trump contro la Pennsylvania, non è detto che ciò possa avere un impatto fondamentale sulla certificazione del voto del Collegio elettorale da parte del Congresso.

https://www.foxnews.com/politics/trump- ... reme-court
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » ven dic 11, 2020 8:45 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » ven dic 11, 2020 8:51 pm

31)
L'accordo tra Israele e il Marocco mediato dagli USA di Trump e la questione del Fronte Polisario

Un accordo problematico
David Elber
11 Dicembre 2020

http://www.linformale.eu/un-accordo-problematico/

La notizia dell’ormai prossima apertura delle relazioni diplomatiche ufficiali tra Marocco e Israele è stata salutata da vari commentatori come un autentico miracolo di Hannukà, altri come l’ennesimo prodigio dell’alleanza Trump-Netanyhau prima che l’amministrazione USA cambi casacca in favore del blu democratico dal 20 gennaio 2021.

Ovviamente ci vorrà del tempo per vedere se questo accordo, al pari degli analoghi stipulati con Emirati, Bahrein e Sudan, darà i frutti sperati. Soprattutto se tutti questi accordi sapranno resistere ai cambiamenti politici locali, alle tensioni e ai nuovi assetti che inevitabilmente si presenteranno in Medio Oriente nei prossimi anni. La lezione avuta negli anni novanta dopo il grande entusiasmo seguito agli Accordi di Oslo del 1993-1995 è ancora viva: tutto è naufragato con lo scoppio della Seconda intifada e l’orologio della storia è tornato subito indietro per riprendere la sua corsa solo 20 anni dopo.

Da un lato vogliamo essere ottimisti e pensare che questo sia l’ennesimo passo di un percorso che porterà ad una pace lunga, sentita e duratura. Dall’altro non riusciamo a non rilevare delle forti perplessità.

Sono esattamente le stesse perplessità che avevamo rilevato, in merito agli “Accordi di Abramo”, in vari articoli apparsi in questa sede tra agosto e settembre.

Sembra che il copione sia lo stesso: al mero riconoscimento di Israele da parte di un paese arabo, la contro parte araba ottiene qualcosa di concreto e tangibile: questa volta addirittura la sovranità su tutto il territorio dell’ex colonia spagnola del Sahara Occidentale. La stessa logica si ripete senza sosta: Israele e il suo interlocutore sono su piani diversi, tuttavia, per trovare la quadra uno dei due (immancabilmente la parte araba) ottiene qualcosa di tangibile a fronte di un mero riconoscimento. Manca sempre una reale reciprocità. In questo caso c’è una novità assoluta – nonché un pericoloso precedente – “pace in cambio di terra di terzi”. Cioè il Marocco è disposto a firmare una accordo di pace con Israele solo in cambio del riconoscimento americano della sovranità territoriale del Marocco sull’intero Sahara Occidentale.

Ora, qui non si entrerà nel merito della quarantennale disputa tra la popolazione Sahrawi e il Marocco per ragioni di spazio, ma legalizzare, retroattivamente, il principio di aggressione militare e cambiamento etnico (quello attuato dal Marocco ai danni della popolazione Sahrawi nell’area del Sahara Occidentale che sarebbe dovuto diventare indipendente ma impossibilitato a farlo a causa dell’invasione marocchina) è davvero un precedente che non promette nulla di buono. E’ superfluo dire che contrasta tutti i principi del diritto internazionale.

C’è anche da rilevare che la UE, in modo ufficioso, questo principio l’ha già accettato da tempo: non ha mai condannato l’invasione, non ha mai “etichettato” i prodotti marocchini del Sahara; ha anzi, favorito tale pratica con tariffe doganali agevolate e stabilendo canali commerciali privilegiati.

C’è anche un’altra questione che sarebbe interessante conoscere. Se questo accordo di pace in qualche modo affronta la questione della spoliazione dei beni della popolazione ebraica marocchina (oltre 250.000 persone dovettero abbandonare il paese tra il 1948 e il 1967 lasciando tutti i loro averi). E’ prevista qualche clausola negli accordi? O non se ne fa menzione, e mai se ne farà in futuro per non compromettere le relazioni diplomatiche appena suggellate?

Ci si augura che questo accordo di pace porti prosperità ad entrambi i paesi, ma non sembra nascere sotto i migliori auspici.



Niram Ferretti
"Da un lato vogliamo essere ottimisti e pensare che questo sia l’ennesimo passo di un percorso che porterà ad una pace lunga, sentita e duratura. Dall’altro non riusciamo a non rilevare delle forti perplessità".

https://www.facebook.com/permalink.php? ... 4575318063

Alberto Levy
è stato l'ultimo regalo di Trump, se il colpo di Stato negli USA confermerà Biden alla guida.

Niram Ferretti
Alberto Levy
non mi sembra un grande regalo. A queste condizioni se ne poteva fare a meno.

Ferruccio Bovio
conosco abbastanza bene il Marocco per motivi di lavoro. Il nonno dell'attuale sovrano, come penso su questa bacheca tutti sappiate, tutelò i suoi sudditi ebrei anche dinanzi a Hitler. La classe dirigente, vicina al giovane re, ambirebbe persino a che il Marocco fosse considerato come il Paese più a sud dell'Europa...La riforma del diritto di famiglia voluta da Mohammed VI è ritagliata su quella che il nostro Parlamento approvò nel 75 : certo, ci vorranno chissà quanti anni prima che venga assimilata e poi messa in atto, non dai giudici o dai politici, ma dalla società marocchina nel suo più intimo sentire....però, non c'è dubbio - almeno a mio avviso - sul fatto che questi tentativi di occidentalizzazione portati avanti da sovrani che non sono certamente la regina di Danimarca, ma che esprimono, comunque, sensibilità democratiche debbano essere incoraggiati ed apprezzati. Se c'è un Paese musulmano che culturalmente non dico sia predisposto, ma sicuramente non ostile all'Ebraismo, io penso sia il Marocco. Ho avuto modo di osservare di persona la prosperità e la serenità nelle quali vive e si sviluppa la comunità israelitica di Casablanca e non credo che esistano situazioni equiparabili in altre realtà islamiche.

Niram Ferretti
Ferruccio Bovio
a parte la leggenda secondo la quale in Marocco gli ebrei stavano bene e venivano tutelati, e a questo proposito le consiglio un piccolo ma indispensabile libriccino di Georges Bensoussan, "Gli ebrei nel mondo arabo, l'argomento proibito" edito da Giuntina, questo accordo nasce sulla pelle dei Sahrawi come evidenzia David Elber
nel suo articolo. Esso viola flagrantemente il diritto internazionale e sia Israele sia gli Stati Uniti ne sono consapevoli. Ora, non mi si può certo accusare di essere poco filo-israeliano o contro l'amministrazione Trump, ma se Israele e gli Usa fanno una porcata non ho alcun problema ad ammetterlo.

Ferruccio Bovio
ma Israele e USA sono anche consapevoli del fatto che, attualmente, ad armare i Sahrawi è l'Iran...

Niram Ferretti
Ferruccio Bovio
questo nulla ha a che vedere con il diritto internazionale, in questo caso bellamente violato.

Paolo Tagliapietra
Vero Niram, è una porcheria e condivido. Onore alla tua onestà intellettuale.

Ferruccio Bovio
Niram Ferretti
, mi sembra che la cosa rientri nella logica di tutti gli altri accordi stipulati recentemente con vari Paesi sunniti. Ci rimette qualche amico dell'Iran ? Se vogliamo proprio essere impeccabili sul piano del diritto internazionale, dobbiamo probabilmente dare ragione a lei, Niram Ferretti, però oltre alle ragioni giuridiche esistono anche quelle della politica che sono già state definite in modo poco signorile, ma certamente efficace da Rino Formica...

Benkő Balázs
Niram Ferretti
il diritto internazionale è soggetto a delle interpretazioni faziose. Di fatto non può nemmeno essere definito sistema di diritto ciò che non contempli una procedura contraddittoria di deliberazione giudiziale, bensì un insieme di accordi di stampo politico.
Pertanto non lo vedo una fonte di diritto autentica.
È possibile che in casi particolari la più plausibile interpretazione del "diritto internazionale" sia palesemente lesiva degli interessi essenziali anche delle popolazioni interessate o possa sortire effetti palesemente controproducenti o assurdi pur essendo astrattamente "giusta".
Premetto di conoscere ben poco della storia della Sahara Occidentale, ma concedere un territorio a dei gruppi armati "rivoluzionari" di stampo beduino evidentemente propensi a farsi armare e finanziare da stati canaglia anziché costruire uno stato ed economia funzionante e rispettabile, permesso e non concesso che ciò debba essere dettato dal diritto internazionale, francamente non mi sembra una soluzione da caldeggiare, rispetto all'integrazione del territorio in una monarchia che tutto sommato non è la peggiore delle formazioni che la dorrina politica islamica abbia mai prodotto...


Niram Ferretti
Ferruccio Bovio
la questione è diversa e più delicata visto che uno dei due attori in scena, Israele, è accusato senza fondamento di violare il diritto internazionale da decenni. In questo caso fa un accordo con gli USA facendo strame del diritto internazionale. Non sono un'anima bella e non mi scandalizzo per la Realpolitik, ma Israele in questa circostanza, mi duole dirlo, non fa una bella figura.

Benkő Balázs
Niram Ferretti
cosa disse Golda Meir sulla bella figura ?
A parte questo, a mio avviso la tua argomentazione dimostra il contrario rispetto alla tua stessa conclusione...
Se Israele per decenni viene biasimato, denigrato e condannato inguistamente e senza fondamento, anzi contrariamonte all'interpretazione più plausibile del diritto internazionale nel nome di una fantomatica pretesa del "diritto internazionale" , tanto vale riconoscerne il valore reale ed agire di conseguenza...

Niram Ferretti
Benkő Balázs
il diritto internazionale è basato su due fonti, essenzialmente, la consuetudine e i trattati. Il Sahara occidentale, ex colonia spagnola, fu annesso dal Marocco nel 1975. Nel 1976 la popolazione autoctona proclamò la Repubblica Democratica Araba Sahrawi ottenendo il riconoscimento di 76 nazioni del mondo. Ciò nonstante il Marocco occupa la gran parte del territorio del Sahara, quello ricco di risorse naturali. Il Marocco dunque esercita una indebita occupazione di quel territorio. Io non sono un particolare simpatizzante del popolo Sahrawi, ma non c'è dubbio che quello che sta facendo il Marocco è in violazione di norme internazionali. Il punto è questo. Che sia Israele ad avallare questa posizione del Marocco fa specie, perché Israele, come ben sappiamo, nonostante le accuse pretestuose nei suoi confronti da parte della comunità internazionale di essere a sua volta "occupante" un territorio che non gli appartiene, dovrebbe perlomeno evitare di appoggiare una monarchia che di fatto è occupante. Questo è il punto. Quanto a ciò che sia meglio o peggio per la popolazione locale, se sia meglio sotto la propria autonomia o sotto quella di una monarchia o di un altro Stato, è una questione diversa. Anche per Hitler le popolazioni del Sudetenland sarebbero state meglio sotto l'egida del Terzo Reich.


Niram Ferretti
Vedi Benkő Balázs
il caso di Israele è un caso molto particolare, che fa, direi storia a sè. Sono del tutto d'accordo con Golda Meir. Le accuse rivolte a Israele sono pretestuose e false, ma questo caso non è automaticamente generalizzabile. Non è che siccome Israele viene accusato ingiustamente di violare il diritto internazionale allora di fatto il diritto internazionale non ha più alcun valore. E' una conclusione esorbitante. I casi vanno infatti analizzati singolarmente e il caso del Sahara occidentale e del Marocco non è analogo a quello di Israele e dei palestinesi. Sono, nonostante delle analogie, diversi nella sostanza.

Niram Ferretti
Benkő Balázs
e qui si potrebbe anche fare riferimento alla posizione di Israele nella questione armeno azera. Anche lì c'è di mezzo l'Iran, e anche lì un popolo viene espropriato della sua terra. Israele ha dato il proprio appoggio agli azeri, come sai, in funzione anti-iraniana. Conclusione, Erdogan si è pappato tutto. No, Israele fa bella figura quando difende se stesso da accuse ingiuste e da una propaganda infame, ma non quando per fare i suoi legittimi interessi, si mette in una posizione legalmente o moralmente fragile.

Benkő Balázs
Niram Ferretti
tre note veloci (è quello che riesco a fare dal cellulare, il dibattito meriterebbe di più).
In ordine inverso:
1. A me ogni riferimento contenente una reductio ad hitlerum indebolisce ( per lo più fatalmente) l'argomentazione, anziché corroborarla. Posso esplicitare perché, se ne fosse bisogno.
2. La narrazione anti-Israele ha un ruolo talmente centrale nell'identità e nell'autodefinizione di movimenti di portata globale, quanto la proporzione delle condanne Onu e dei "movimenti palestinisti di protesta" rispetto ad altre "Cause" lo dimostra eloquentemente. Pertanto, ogni mossa di Israele sarà inevitabilmente condannato e vilipeso dalla ciurma, indipendentemente dal suo reale contenuto. Se Israele manda aiuti internazionali, è solo uno smokescreen per far dimenticare la sua natura atroce. Se Israele rifiutasse l'accordo con i marochini, sarebbe una o falsa ipocrisia dello stato criminale che calpesta il diritto internazionale o un riconoscimento del rimorso per la propria colpevolezza o - probabilmente - entrambi.
3. Lo stato sahariano occidentale non è membro dell'Onu, e non venne riconosciuto dalla maggior parte degli stati "seri", bensì in gran parte da stati canaglia o addirittura non-stati, e una parte dei riconoscimenti originali è stato ritirato o congelato. Normalmente non uso come finte Wikipedia, ma per mancanza di possibilità di ricerche più approfondite qui rimando all'articolo relativo, molto ricco di dati e dettagli:

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Interna ... c_Republic


David Elber
Benkő Balázs
e Niram Ferretti
, mi permetto di specificare un paio di punti che potrebbero chiarire le mie opinioni espresse nell'articolo e potrebbero essere di interesse nel dibattito che si è aperto. Come già rilevato da Niram, Israele è ingiustamente accusato di violare il diritto internazionale, perché le accuse che sono rivolte a Israele è di violare delle disposizioni che NON sono diritto internazionale: le risoluzioni dell'Assemblea Generale ONU, del Consiglio di Sicurezza prese in base al Capitolo VI, e delle altre agenzie. Israele non ha mai violato un trattato internazionale o norme del diritto consuetudinario. Questo è importante sottolinearlo. Ora vengo al punto scritto nell'articolo. Il diritto internazionale è stato violato dal Marocco nel 1975 con l'invasione del Sahara Occ. di cui non aveva nessun titolo legale di rivendicazione. Oltre a questo ha pianificato lo spostamento della propria popolazione per alterare la composizione etnica del territorio conquistato illegalmente. Anche questa è una palese violazione del diritto internazionale. Lo scopo era chiaro: la popolazione autoctona Sahrawi, in accordo con le autorità spagnole (le uniche che avevano legale giurisdizione sul territorio) avevano pianificato un referendum per decidere del destino del territorio. Quindi è evidente che lo scopo del governo marocchino è stato quello di garantirsi la maggioranza della popolazione per poter procedere all'annessione del territorio conquistato illegalmente con un rederendum "pilotato" e rendere la cosa legale. Su questo punto si sono arenati tutti i tentativi di mediazione internazionale. Per concludere, la critica che faccio all'amministrazione americana è che riconoscendo la sovranità marocchina su un territorio equivale a legalizzare ex post un illegalità di base. Per fare un esempio è come se gli USA tra il 1950 e il 1967 avessero deciso di riconoscere l'occupazione illegale di Giudea e Samaria da parte della Giordania se avesse deciso di fare un referendum in quel territorio dopo aver espulso la popolazione ebraica come di fatto fece. Un saluto ad entrambi.


Benkő Balázs
David Elber
io sarei contrario all'idea che Israele (o chiunque) debba eccellere di idealismo moralistico a prescindere. Il ragionamento "noi dobbiamo essere migliori per meritare il rispetto" o per essere la luce per i popoli eccetera, mi sembra francamente insostenibile.
Potrei accettare un compromesso: se l'Onu, l'EU ed altre organizzazioni di rispetto per i prossimi dieci anni si limiteranno a condannare Israele soltanto proporzionalmente agli eventuali reali misfatti che condannano senza "singling out" nel caso di tutti gli altri Stati, e quedti altri Stati dimostreranno un alto senso di abnegazione rinunciando ai propri interessi in onore di una sublime moralità, Israele potrebbe essere propenso a fare altrettanto in un numero ridotto di casi che non compromettono direttamente la sua sicurezza.


Niram Ferretti
Benkő Balázs
qui tuttavia non si tratta di essere luce per le nazioni o "eccellere in idealismo moralistico", o di essere il popolo eletto, si tratta di fatti, e un amante della fattualità, della concretezza empirica, come sei tu, dovrebbe, credo, apprezzare la cosa. Come ha illustrato in modo esemplare David Elber
, la violazione del diritto internazionale, nel caso del Marocco e del Sahara occidentale è palese e inequivocabile. Il fatto che l'Iran si sia intromesso nel frattempo non modifica questo fatto. Poi, certo, si può sostenere che il diritto internazionale non abbia nessuna importanza e che ciò che conta sia il mero esercizio della forza, ma applicando questo parametro con coerenza dobbiamo anche prepararci a un mondo in cui viga come regola il bellum omnium contra omnes.



Benkő Balázs
Niram Ferretti
infatti, io considero i sistemi legali e precipuamente il "diritto internazionale" come la momentanea espressione di un equilibrio dinamico il cui stato cambia continuamente, sulla superficie del bellum omnium contra omnes.
Le migliori soluzioni nin sono quelle che riparano passati misfatti ma quelli che sortiscono prevedibilmente l'esito ottimale.

Giuseppe Vullo
Beppe Oneglia
condivido i ringraziamenti e continuo la interessante "lettura".

Benkő Balázs
Niram Ferretti
per essere più concreti, al di là di una disquisizione astratta, vediamo per esempio il caso dell'annessione del Golan, che pur essendo difendibile, è assai problematica dal punto di vista del "diritto internazionale". O Gaza, che se gli egiziani l'annettessero per pacificarla, sarebbe sì una grave violazione del diritto internazionale, ma costituirebbe la soluzione ideale per tutti gli interessati, tranne i sicari e i loro finanziatori. Per contro, l'Hezbollah, dopo aver "vinto le elezioni" libanesi, è teoricamente diventato un player rispettabile e protetto dalla legalità. O Soleimani e il fisico nucleare recentemente deceduto: l'UE, ricettacolo della legalità ha condannato la loro uccisione bel nome della sovranità dei popoli eccetera.
Il diritto internazionale prevede dei casi in cui il diritto a un territorio decade (genocidio). Perché non estenderlo a degli scenari meno apoariscenti ma altresì deprecabili? Se un detentore di un territorio non è in grado di impedire l'attività terroristica che parte dal suo territorio, se un detentore si fa finamziare attività di guerra da stati canaglia, se un detentore per decenni non mostra né intenzione né capacità di nation building, divrebbe poter essere privato delle pretese di sov ranità. Per fare il mondo un posto migliore, come dicono gli americani....

Niram Ferretti
Benkő Balázs
il diritto internazionale è mobile, nel senso che, evidentemente si modifica secondo i contesti e le circostanze. Soltanto le leggi sacre, la cui fonte è ritenuta divina, sono immodificabili, anche se, interpretabili, come ci insegna l'ebraismo. Ma al di là di specifiche disquisizioni filosofiche sul diritto naturale e il diritto positivo, ci sono però dei parametri ormai consolidati a cui fare riferimento. Uno Stato non può invadere un altro Stato e annetterselo. Dalla fine delle Seconda guerra mondiale non è più così. Così come non è più consentita l'annessione di un territorio conquistato a causa di una guerra scatenata dall'aggressore, e il caso di Israele fa scuola relativamente a Giudea e Samaria. Quando, infatti, la Giordania si annesse la regione violò flagrantemente il diritto internazionale vigente. Quindi, relativamente al caso Marocco/Sahara occidentale io mi atterrei, in attesa di una sua modifica che non vedo all'orizzonte, a questi parametri consolidati per giudicare se l'accordo che Israele ha stipulato con il Marocco, sia, sotto un profilo squisitamente giuridico, un accordo virtuoso. A me pare proprio di no.

David Elber
Benkő Balázs
La mia critica principale è verso l'amministrazione USA. Io non sostengo che Israele debba per forza essere "il migliore" o più lealista del re. Ma affermo che se passa un principio del genere questo principio può essere applicato in tante altre circostanze e allora vige il diritto del più forte e quello di legalità. Io, come avrà notato dalla scritto, non entro in merito alle decisioni politiche ma in quelle legali.

Benkő Balázs
Niram Ferretti
a prescindere dalle nostre divergenze nell'approccio, concretamente, la Sahara Occidentale non è mai stata uno stato sovrano istituzionalizzato sovrano. Prima e dopo la dipartita degli spagnoli hanno stipulato una serie di accordi (di Madrid per es.) promesse, pretese del Marocco e della sconfitta Mauritania in parte legalizzate eccetera, con un teorico diritto di "autodeterminazione". Non è il caso di chiara invasione di uno stato sovrano da pare di un altro. È la storia di una affannosa transizione da una situazione coloniale, mai compiuta, con dei player assai sospetti come il "fronte di liberazione nazionale" eccetera.

David Elber
Benkő Balázs
e Niram Ferretti
, mi permetto di fare una considerazione in merito al Golan. La situazione del Golan e quella del Sahara Occ. non sono paragonabili: il Sahara è stato conquistato con un palese atto di aggressione il Golan con un palese atto di guerra difensiva e quindi amissibile per il diritto internazionale. E' più problematica la questione dell'annessione ma ha solide basi nel diritto internazionale: guerra difensiva. Inoltre è lo Stato agressore (la Siria) che nei 50 anni successivi ha rifiutato di intavolare trattative non il contrario.... Il diritto internazionale non prevede situazioni di occupazione "perpetua" se non si trova la soluzione tra le parti chi ha maggiore titolo di legalità può detenere il territorio oggetto di contesa. Se il territorio è conquistato dalla parte lesa (israele aggredito) esso ha più diritto che la parte che ha offeso (la Siria agressore). Nel mondo ci sono stati vari casi quindi esistono dei precedenti (diritto consuetudinario) accettati, uno per tutti: le isole Kurili occupate dai sovietici nel '45 a danno del Giappone. Ad oggi 2020 il Giappone e la Russia non hanno firmato un trattato di pace che disciplini il contenzioso. Un saluto

Niram Ferretti
Benkő Balázs
ciò nulla toglie ai fatti citati da David Elber
, e non smentibili. "Il diritto internazionale è stato violato dal Marocco nel 1975 con l'invasione del Sahara Occ. di cui non aveva nessun titolo legale di rivendicazione. Oltre a questo ha pianificato lo spostamento della propria popolazione per alterare la composizione etnica del territorio conquistato illegalmente. Anche questa è una palese violazione del diritto internazionale. Lo scopo era chiaro: la popolazione autoctona Sahrawi, in accordo con le autorità spagnole (le uniche che avevano legale giurisdizione sul territorio) avevano pianificato un referendum per decidere del destino del territorio. Quindi è evidente che lo scopo del governo marocchino è stato quello di garantirsi la maggioranza della popolazione per poter procedere all'annessione del territorio conquistato illegalmente con un rederendum "pilotato" e rendere la cosa legale. Su questo punto si sono arenati tutti i tentativi di mediazione internazionale".


Benkő Balázs
Niram Ferretti
non sarei degno del sublime livello delle nostre usuali disquisizioni, se dicessi che "non tutti i mali vengono per nuocere" ...
Quindi ti dico di più. Grazie a questa discussione ho sfogliato un po'di articoli sulla questione e sono arrivato alla conclusione che anche questo risvolto del trattato di pace sia stato voluto e desiderato dal Presidente, quindi nella sua (e mia) visioni non si tratta di un danno collaterale, bensì di due piccioni con una fava.
Trumpisticamente parlando, cito quanto secondo me lui abbua potuto pensare (se lo interpreto bene, chissà) "Ma qui abbiamo di fronte uno shithole pericoloso e assolutamente lontano dall'immagine di qualsiasi golf club che si rispetti, pieno zeppo di terroristi, iraniani, russi, arabi e peggio, con una guerra senza fine, frutto degli anni della sovversione sovietica attraverso "fronti di liberazionale nazionale" di capotribù sanguinari colorati di rosso.
Tacitamente la gente in giro che ragiona sa bene che la soluzione è quella dell'istaurazione di una regione abbastanza autonoma sotto il Marocco, per quanto questi concetti possano essere applicati a questa gente esotica...
Se poi si fa la pace "non fredda" con Israele, ne potrebbe conseguire uno sviluppo economico, umano, turistico, e chissà un giorno anche il real estate development di un Country Club per vendere la romanticità del deserto e dei suoi guerrieri beduini, con qualche Mojito e gadget... Ed è il mondo migliore per tutti."

Niram Ferretti
Benkő Balázs
è probabile che questi ragionamenti siano entrati in gioco. Sì, è abbastanza uno shithole, ma da sostenitore indefesso delle ragioni di Israele mi rammarico quando Israele agisce in modo da prestare il fianco a legittime critiche nei suoi confronti, come, peraltro nel caso degli armeni.


Roberta Cuciti
Scusate, stiamo parlando proprio di quello Stato canaglia del Marocco, che ci sta riempiendo da mesi in Canarias (Spagna) della crème del suo popolo, maschi in età militare e ben nutriti, a botte di un centinaio al giorno nonostante i 40 mln l'anno che prende da Spagna, i 100 mln l'anno che prende dalla UE per il controllo delle frontiere?
E con quei soldi invece si sta armando fino ai denti?
Perchè in virtù di certi accordi che noi consideriamo una benedizione per l'occidente tutto (e mi auguro sarà così ma qualche dubbio ce l'ho), gli americani gli stanno vendendo F35 e noi europei tante altre belle cosucce belliche?
Ora, noi qui in Canarias siamo in piena crisi migratoria. Questi appena sbarcano, e sbarcano prevalentemente dalle coste marocchine, con cittadini anche subsahariani ma per metà marocchini (sono circa 20 mila da quest'anno e noi siamo piccole isole e non attrezzate), li mettiamo negli hotel di lusso della zona turistica a spese di noi contribuenti, e ci fottiam* pure il turismo, tant'è che è da un mese che siamo scesi tutti a protestare per strada.
Hotel di lusso, buon cibo, vestiti e qualche spiccio di diaria ma se ne vanno in giro a rubare e menare e molestare donne: siamo pure prede per questa gente.
I positivi da covid escono dagli hotel: saran pure di lusso ma a loro piace stare in giro e nessuno li controlla.
Sanchez se ne frega e con la scusa del covid non li trasla in peninsula.
Ma torniamo a noi.
Voi, del Marocco vi fidate?
Aggiungendo le motivazioni portate da Niram , ma di che accordo parliamo?
A che condizioni?
Con popoli che (come ben descritto nell'articolo) appena cambia il vento, di quel trattato scritto su un pezzo di carta ci si puliscono il popo', passatemi il termine.
Nel mentre ci hanno invaso della loro "migliore gioventù" e li abbiamo armati fino ai denti perchè han firmato sto pezzo di carta.
Mah.
Io ci vedo una possibile Turchia 2.0.

Alberto Pento
Roberta Cuciti
Ottimo spunto.
La Spagna e la UE dovrebbero intervenire per porre un termine all'invasione criminale delle Canarie (per evitare quello che è capitato in Giordania e in Libano) e ad espellere tutti gli invasori specialmente marocchini che oltretutto non scappano da nessuna guerra e da nessuna catastrofe umanitaria.
I clandestini criminali poi che molestano le donne andrebbero rinchiusi in campi appositi e se tentassero di scappare andrebbero fucilati sul posto come in guerra e per dare l'esempio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Se Trump non sarà più presidente degli USA, la vedo brutta!

Messaggioda Berto » ven dic 11, 2020 8:54 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34736
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Europa e America

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron