Zingari: vittime o carnefici? Carnefici al 1000%

Re: Zingari: vittime o carnefici? Carnefici al 1000%

Messaggioda Berto » ven apr 12, 2019 8:55 pm

Scippatrici a Milano: assalti ai turisti in metrò
Federico Berni
11 aprile 2019

https://milano.corriere.it/19_aprile_11 ... 46qBU1mKJw

«L’assalto» parte al mattino presto. Le «prede» sono i turisti del Salone del Mobile, generalmente stranieri distratti, con lo sguardo immerso nello smartphone, o nelle mappe della città, e soprattutto con i portafogli gonfi di contanti (in prevalenza asiatici, arabi e russi). Vittime privilegiate delle borseggiatrici partite in questi giorni dai campi nomadi di tutta Italia, e arrivate a frotte a Milano, per colpire nel loro territorio di «caccia» preferito: le stazioni della metropolitana, preferibilmente quelle della linea rossa, da e verso il capolinea Rho-Fiera.

Mercoledì mattina, le telecamere installate alla fermata Amendola ne hanno riprese almeno una trentina, ferme alla banchina. I poliziotti ne hanno fermate diciassette, successivamente identificate negli uffici di via Fatebenefratelli. Di queste, tredici erano incinte. Una di loro, una ragazzina di 16 anni, era stata notata al binario opposto, dove aveva appena «alleggerito» una visitatrice cinese di 36 anni dei circa mille euro che custodiva nella borsa. Soldi che la ladra aveva già fatto sparire, passandoli nelle mani di qualche complice, nel frattempo dileguatasi chissà dove. E tutto questo quando erano passate da poco le nove del mattino.

Soltanto l’inizio di una lunga giornata di «lavoro», tra furti e borseggi, in cerca di soldi, portafogli, telefonini, gioielli. Colpi messi a segno con tecniche non particolarmente raffinate. Anzi, stando a quanto segnalato da molti passeggeri spaventati (racconti confermati dalle forze dell’ordine), le donne, molte delle quali in avanzato stato di gravidanza, si radunano in gruppi numerosi, prima di separarsi eventualmente in «batterie» da cinque, sei persone. Poi puntano decise verso la folla. Agguerrite, si fanno avanti a spintoni, si pigiano sulle banchine della metro, o sui vagoni affollati, e fanno razzia, accerchiando la vittima di turno, facendosi forti della loro superiorità numerica.

Il bottino, come nel caso della turista orientale borseggiata mercoledì mattina, scompare in fretta, trasferito con mano veloce sotto i vestiti di qualche altra criminale, che si separa veloce dal resto del gruppo. Per quell’episodio, la minorenne è stata condotta dagli agenti al carcere minorile, mentre altre due donne di 31 e 20 anni sono state denunciate a piede libero. In qualche caso le vittime si rivelano più attente, come la ventiseienne malese che, alle 21 di mercoledì, alla fermata della metro della Stazione centrale, si è accorta dei movimenti sospetti di una ragazza che le aveva preso il portafogli, riuscendo a bloccarla. Si trattava di una diciottenne bosniaca, arrestata dai carabinieri del Nucleo Radiomobile. Il più delle volte, però, le ladre, scaltre, spregiudicate, e abili, raggiungono il loro scopo, a giudicare dagli stranieri che in questi giorni si presentano per fare denuncia. Dai controlli effettuati sulle nomadi fermate ad Amendola, tutte senza documenti, e per questo condotte negli uffici della Questura per gli accertamenti del caso, è emerso comunque che le stesse provenivano dai campi nomadi dell’hinterland (sopratutto Baranzate di Bollate), da un edificio occupato in zona Lorenteggio, ma anche da Torino, e persino da Roma. A dimostrazione del fatto che la settimana dedicata al mobile e al design, muove anche un altro tipo di indotto, attirando parecchie delinquenti in trasferta, che vanno ad incrementare il numero di quelle già presenti in pianta stabile attorno a Milano. Quello delle ladre bosniache incinta, infatti, è un fenomeno criminale consolidato, con il quale le forze dell’ordine combattono tutto l’anno.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29171
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Zingari: vittime o carnefici? Carnefici al 1000%

Messaggioda Berto » dom apr 14, 2019 8:33 am

NON VOLERE I ROM SOTTO CASA È LEGITTIMA DIFESA
Vittorio Feltri per “Libero Quotidiano”
4 aprile 2019

https://m.dagospia.com/torre-maura-vitt ... Iz5w_OQzr4

I romani sono insorti contro i rom. Non li vogliono sotto le proprie case perché hanno il timore di essere derubati. Difficile dargli torto, anche se deploriamo le loro reazioni violente. Però quale altra forma avrebbero a disposizione per protestare? Andare lancia in resta sugli zingari non è elegante, ma tenerseli tra i piedi è ancor meno piacevole. Infatti nessuno ha mai capito come essi campino visto che non lavorano, forse non trovano un posto e forse non lo cercano nemmeno.

Preferiscono probabilmente vivere di espedienti, e non è un mistero che si distinguano da sempre per una specialità in cui sono maestri: il furto con destrezza, "arte" che imparano fin da bambini, dato che il minore colto in flagranza di reato non subisce conseguenze di tipo giudiziario. Non è lecito dire che tutti gli zigani siano malfattori incalliti, tuttavia non si può neppure affermare che essi siano affidabili sotto il profilo della buona condotta. Cosicché i romani per la presenza di varie tribù davanti alle loro abitazioni è normale siano fuori di testa. Temono di essere depredati da gente che non brilla per correttezza.

Hanno ragione, ripeto. Ci sembra strano che i nomadi siano autorizzati a occupare il suolo pubblico. Sarebbe meglio che continuassero a risiedere nei campi assegnatigli dal Comune onde evitare una contaminazione dalla quale vi è il rischio scaturiscano frizioni sociali complicate da gestire in modo pacifico. In sostanza i cittadini della capitale che respingono i rom dai propri quartieri, sapendo le abitudini disoneste di costoro, esercitano il diritto alla legittima difesa. Stare gomito a gomito con chi è dedito alle grassazioni non è rassicurante. Non è il caso di parlare di razzismo, qui si tratta di evitare l' assalto di furfanti vocazionali e professionali. Al sindaco Raggi l' arduo compito di escogitare una soluzione.

2 – “IL RAZZISMO NON C’ENTRA, LOTTIAMO SOLO PER SOPRAVVIVERE” – PARLA LA PASIONARIA DI TORRE MAURA CHE HA GUIDATO LA TRATTATIVA COL COMUNE DOPO LA RIVOLTA CONTRO I ROM: “SE NE DEVONO ANDARE. QUESTI MOLESTANO I RAGAZZINI E TI ENTRANO NELLE CASE” – DAI RIFIUTI ALLE BUCHE, DALLE CASE POPOLARI CHE CADONO A PEZZI AI FURTI, NELL'EX FEUDO M5S REGNA IL DEGRADO: “IL COMUNE NON FA NIENTE. NON VOTEREMO PIÙ I 5STELLE”-VIDEO
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29171
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Zingari: vittime o carnefici? Carnefici al 1000%

Messaggioda Berto » mer apr 17, 2019 5:24 am

Ladri e rapinatori scatenati per il Salone del Mobile a Milano: tutti gli arresti della settimana
Stiben Mesa Paniagua
15 aprile 2019

http://www.milanotoday.it/cronaca/arres ... obile.html

La Design week di Milano, tra Salone del Mobile e Fuorisalone, si è chiusa alla grande con numeri sempre più da record. Ma le cifre da primato legate alla kermesse non riguardano solo il lavoro degli operatori del settore o l'incredibile mole di appassionati che visitano la città meneghina per assistere alle mostre e vedere le installazioni in giro per i vari distretti: da record sono anche gli arresti della polizia, tra ladri e rapinatori che in quei giorni si sono dati molto da fare alla ricerca di bersagli facili da 'colpire'.

Trenta donne fermate in metro

Se all'inizio della settimana erano state fermate 30 donne di origine rom che in contemporanea stavano sulla banchina della metropolitana per cercare di fregare i turisti ignari, nel corso dei giorni seguenti gli uomini della Sesta Sezione della Squadra Mobile, coordinati da Massimiliano Mazzali, hanno arrestato complessivamente otto persone.

Video: ecco le ladre in azione sulla metropolitana

Le prime manette sono scattate ai polsi di due donne bosniache di 30 e 36 anni. Il 10 aprile sono state bloccate all'interno della metropolitana rossa, dopo aver aggredito una turista coreana di 47 anni, all'altezza della fermata Buonarroti. Le due si sono affiancate all'asiatica e con fare svelto hanno provato a prendere il suo telefono cellulare, quando questa ha capito che la stavano per derubare, loro l'hanno spintonata. Peccato per la coppia di malviventi che gli agenti in borghese fossero proprio lì. Sono state arrestate per rapina impropria.

Arresti dentro il Salone del Mobile a Rho

Il giorno successivo all'interno del Salone del Mobile, a Rho, due romeni di 38 e 30 anni sono stati arrestati dopo che avevano rubato uno zaino in un ristorante ad una cinese 34 anni. Dinamica simile a quella che il 13 aprile ha incastrato una donna peruviana di 54 anni e il suo complice cubano di 13 anni più giovane all'interno di uno stand. Mentre l'uomo distraeva una donna tedesca di 39 anni, la sudamericana arraffava lo zaino della malcapitata. Sempre sotto gli occhi attenti dei poliziotti in borghese, pronti a intervenire.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29171
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Zingari: vittime o carnefici? Carnefici al 1000%

Messaggioda Berto » ven apr 19, 2019 10:40 am

Rom padroni di Milano fanno bucato in strada e il Comune lascia fare
Aurora Vigne - Gio, 18/04/2019

http://www.ilgiornale.it/news/milano/ro ... 81770.html

I residenti della zona, esasperati nel trovarsi sotto casa ogni giorno uno spettacolo indecente del genere, segnalano anche la presenza di minori

A Milano, in via dei Pestagalli, le roulotte dei rom continuano a moltiplicarsi nell’indifferenza totale del Comune di Milano.

Di prima mattina la lunga carovana dei nomadi prende possesso della strada e di fatto ne diventa padrona, con tanto di bucato appeso sulle ringhiere degli edifici dismessi e rifiuti abbandonati sui marciapiedi scambiati per latrine.

"Perché il Comune non sgombera i nomadi? Perché non controlla i loro mezzi e, se necessario, non li sequestra?", si chiede Silvia Sardone, consigliere comunale e candidata alle Europee con la Lega, sul posto per un sopralluogo. I residenti della zona, esasperati nel trovarsi sotto casa ogni giorno uno spettacolo indecente del genere, segnalano anche la presenza di minori.

Inoltre, la zona è già di per sé difficile, vista la presenza dei due campi rom di via Bonfadini (uno regolare e uno irregolare), le occupazioni abusive all’interno degli enormi edifici dismessi di via dei Pestagalli e via Medici del Vascello e le discariche abusive che interessano le stesse strade. "Sappiamo che per la sinistra le periferie sono importanti solo a parole, però se non si interviene rapidamente e incisivamente su quest’area il rischio è che la situazione diventi ancor più esplosiva di quanto già non lo sia. La cosa che mi lascia stupita – continua Silvia Sardone – è che si tratta semplicemente di far rispettare le regole a chi con arroganza vuole trasgredirle."

Da non sottovalutare, poi, che il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, un anno fa ha detto di voler chiudere i campi rom. Un'intenzione che sembra essere finita nel dimenticatoio. "Cominci ad agire sulle carovane anziché continuare a tollerarne gli abusi", conclude Sardone.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29171
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Singani (storia e etimołoja) - el rasixmo dei singani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron