Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » mer mar 25, 2015 1:23 pm

Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria
viewtopic.php?f=90&t=1495

Bastoni, bakete, shetri, ciavi, litui, fuxi, rokełi e canoce
viewtopic.php?f=43&t=663

El baston, forse pì del cogoło o ciòco o saso o prioto lè stà el primo xlongamento speçalixà de ła man kel ghe gà parmeso a l'omo de far on mucio de robe en pì ke lomè co ła man nol podea far.
La pristoria ła ne conta de łe prie o ciòki laorà, diti "ciòpper" entel jergo doto, parké ła pria a se consuma poco e ła dura miłioni de ani, el łegno anvense basta na s.cianta de acoa e de sol parké el xmarsisa e el se sfregołe en polvare e xe prasiò ke de łi angagni en legno del pałeołetego pì lonsi łi xe ndà desfà e no ghè restà pì gnente a parte forse coalke toko fosiłixà.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... oreghi.jpg

Col baston l'omo el podea batar łe noxe e łe toxe, e ła mojer ła podea batar el mario co ocoreva, e tuti łi podea tegner distante łe bestie cative e masàr coełe bone da magnar.
Col tenpo l'omo el ga enparà a doparar anca ła pria, dita ciopper e a ansenbrar toki de legno co toketi de pria par far saete, haste, menàre o àse e màre/marre par sapar ła tera e scalfar o scolpir el legno come marangon e ła pria tenara come priaro o scarpełin o tajaprie.
E xe par sta so veciansa e sto so gran servisio ke el baston lè devegnesto n'angagno prexà e po' par el shaman e per łi saçerdos el baston el vegnea fato co on rameto de l'arbaro sagro par ła comounedà, arbaro-ase del mondo kel łigava anseme ła tera e el çieło e ke prasiò, par el prinçipo de anałoja ke anemava e regołava el pensiero e ła deołoja majega el deventava sagro anca lù come l'arbaro memo, kel shaman el podeva doparar par far łe so maje e łi so encantamenti doparando ła forsa divina ke ghe rivava dal çeło longo el baston sacro.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... baketa.jpg


Marangon, marangona
viewtopic.php?f=44&t=88

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ara-01.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /12345.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... angona.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion el legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » mer mar 25, 2015 1:25 pm

Bastoni, bakete, shetri, ciavi, litui, fuxi, rokełi e canoce
viewtopic.php?f=43&t=663

Se pense al baston come tersa ganba, xlongamento del bràso par aiarse da soti, o se nati dexgrasià, co se ga mal na ganba o co na ganba rota, tipo łe crosołe, stanpełe o gruce o da veci

Se pense al baston o stanga o pałanca par trasportar robe e a ła bałança par pexar robe

Se pense al baston come salvaxente par airse a goadar fiumi, lagheti.
http://www.cherini.eu/etnografia/EPP/EPP.htm

Se pense al baston o a ła baketa par tarsportar el fogo e come torça par far lumia o luxe.

Se pense al baston come angagno par miłe laori e par łe fioçene, ła łança o hasta, l'arco, ...

Se pense al bastone a na baketeła par batar e far rumor e produr soni e mouxega.

Se pense a tuti łi angagni par łaorar ła tera a scuminsiar dal baston da scavo a l'araro.

Se pense al palo, a ła pała, al piłon, ... a ła pertega, a ła stanga, a ła steca, ...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Re: Łe pì vecie costrusion el legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » mer mar 25, 2015 1:25 pm

Osi co tàke ma par anałoja l'omo el podea doparar anca toki de legno.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... o_bone.jpg

Noumerasion
viewtopic.php?f=102&t=462
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion el legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » mer mar 25, 2015 1:36 pm

Na caxa de pì de 100 secołi pasà

http://ilfattostorico.com/2010/08/14/la ... n-bretagna

Un team di archeologi delle università di Manchester e di York ha annunciato la scoperta della casa più antica mai trovata finora in Gran Bretagna. Si trova nel sito di Star Carr, nella contea del North Yorkshire, e risale almeno all’8500 a.C., quando la Gran Bretagna faceva parte del continente europeo.
Era una casa circolare, dal diametro di 3 metri e mezzo, sostenuta da un cerchio di pali di legno e il cui pavimento era forse coperto con delle canne. Non si sa come fossero coperti muri e tetto, ma potrebbe esser stati usati pelli animali o della paglia.
Gli archeologi credono che la casa sia stata ricostruita nel tempo e che probabilmente c’erano anche altre case nella zona. È antecedente di almeno 500 anni rispetto alla precedente casa più antica della Gran Bretagna, situata a Howick.

Immagine
Immagine


Una casa di oltre 100 secoli, risalente all'eta' della Pietra e' stata scoperta in Gran Bretagna, vicino Scarborough.
La struttura, realizzata probabilmente nel corso dei primi insediamenti subito dopo lo scioglimento dei ghiacci, risale ai tempi di quando la Gran Bretagna era ancora legata alla terra ferma.
La scoperta e' stata fatta dai ricercatori dell' Universita' di Manchester e New York che, scavando nella zona di Star Carr gia' da molti anni, hanno rinvenuto una pianta abitativa circolare dal diametro di circa 3,5 metri di 10.500 anni fa.
Vicino alla casa gli archeologi hanno scoperto anche una piattaforma di legno, probabile vestigia del periodo mesolitico.
"Una scoperta sensazionale" ha commentato l'archeologa Nicky Milner sottolineando che si e' sempre pensato che in quei tempi le popolazioni fossero nomadi, mentre invece erano probabilmente molto piu' sofisticate di quanto si pensasse. La struttura circolale e' stata rinvenuta circondata da una serie di tronchi e, probabilmente, era ricoperta di canne e di giunchi.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » gio mar 26, 2015 8:21 pm

Ha almeno ottomila anni la barca più antica del mondo
Pagina 23b (11 settembre 2005) - Corriere della Sera

http://archiviostorico.corriere.it/2005 ... 1024.shtml
Sembra un semplice tronco d' albero, ma in realtà (nella foto) sono i resti fossili della barca più antica del mondo, costruita almeno 8.000 anni fa. E' stata trovata in Corea del Sud, a Bibong-ri, a circa 360 km dalla capitale Seul. La barca, in legno di pino, si trovava sepolta sotto uno strato di conchiglie.


Barca funerara de 5000 ani
http://www.antikitera.net/news.asp?ID=11829
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » gio mar 26, 2015 8:22 pm

L'Idoło di Shigir

http://en.wikipedia.org/wiki/Shigir_Idol

The Shigir Idol (Russian: Шигирский идол), is the most ancient wooden sculpture in the world, made during the Mesolithic period, around 7,500 BCE. It is displayed in the "Historic Exhibition" Museum in Yekaterinburg, Russia.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Shigir.jpg


"L'idolo è la più antica statua in legno del mondo, si stima sia stato costruito circa 9.500 anni fa, e conservato come in una capsula del tempo in una torbiera al margine occidentale della Siberia. L'esperta Svetlana Savchenko, capo custode dello Shigir Idol, ritiene che le facce della struttura trasportano informazioni codificate dall'uomo antico dell'Era mesolitica per quanto riguarda la loro comprensione della "creazione del mondo".
Gli scienziati tedeschi sono ora vicini ad una datazione precisa dell'incredibile manufatto - con una approssimazione di 50 anni - che è un meraviglioso esempio di creatività dell'uomo antico. I risultati dovrebbero essere resi noti alla fine di febbraio o all'inizio di marzo, rivela il Siberian times.
Ora la domanda che circola tra gli accademici è quella di una migliore comprensione dei simboli e dei pittogrammi trovati su questo maestoso idolo di larice, uno dei grandi tesori della Russia, che è ora in mostra in uno speciale sarcofago di vetro nella sua sede permanente, il Museo di Storia Ekaterinburg, dove la Savchenko è tra le ricercatrici di più alto livello."
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » gio mar 26, 2015 8:22 pm

Tori del siłensio de Çatalhöyük (ani 7400 al 5700 v.C. sx = suparxo o suxo)

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -huyuk.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... voltoi.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/%C3%87atalh%C3%B6y%C3%BCk
Çatalhöyük (pronuncia turca [tʃaˈtaɫhœˌjyk]; spesso scritto Çatal Hüyük fuori dalla Turchia; da çatal, "forcella" e hüyük, "collina", variante dialettale della parola höyük[s f ) è un importante centro abitato di epoca neolitica dell'Anatolia (in Turchia), nella Provincia di Konya, ai margini meridionali della pianura.
Il sito, ricostruito lungo una sequenza di 18 livelli stratigrafici che vanno dal 7400 al 5700 a.C. ca., occupa una superficie di 13,5 ettari, dei quali solo un 5% è stato indagato con scavi archeologici.
È stato distrutto a causa di un incendio nel 5880 a.C.[sf]
È stato scoperto alla fine degli anni cinquanta; James Mellaart vi ha condotto campagne di scavi tra il 1961 ed il 1965. Dal 1993, ulteriori ricerche sono condotte da Ian Hodder.


Sepelimento çeleste
http://it.wikipedia.org/wiki/Sepoltura_celeste
La sepoltura celeste è un antico rito funerario tibetano, ancora oggi praticato da alcune comunità. Il rito prevede che il corpo del defunto venga scuoiato ed esposto agli avvoltoi. In Tibet la pratica è nota come jhator, che vuol dire fare l'elemosina agli uccelli. Negli anni '60-'70 la Cina ha vietato questa pratica, che è tornata ad essere legale dagli anni '80.
Il tomden, il maestro buddhista del cerimoniale, scuoia il cadavere dalla testa ai piedi, lasciando al contatto dell'aria le interiora e le ossa. Gli avvoltoi cominciano a volteggiare sopra il luogo del rituale, attirati dal fuoco del ginepro e dall'odore della carne. Il tomden chiama gli avvoltoi usando l'espressione Shey, Shey ("Cibatevi, cibatevi"). Gli uccelli, attirati dalla carne, discendono così dal cielo e si nutrono del corpo dell'uomo morto. Le ossa e il cervello poi vengono frantumati con un martello di pietra e mescolati con farina d'orzo. Il tomden richiama ancora gli avvoltoi, che ridiscendono per mangiare gli ultimi resti.
Scopo e significato
La sepoltura celeste rappresenta la morte come episodio del tutto naturale, parte dell'eterno ciclo delle rinascite. Secondo la cultura buddhista, il corpo è un semplice involucro che permette di compiere il viaggio della vita. Con la morte lo spirito abbandona il corpo che di conseguenza non ha alcuna necessità di essere conservato. Lasciare il proprio corpo in pasto agli avvoltoi è un atto finale di generosità da parte del defunto nei confronti del mondo della natura che crea un legame con il ciclo della vita. Gli stessi avvoltoi sono venerati e considerati una manifestazione dei Dakinis, gli equivalenti tibetani degli angeli (Dakinis significa "danzatore del cielo").

Tori del siłensio
http://it.wikipedia.org/wiki/Torre_del_silenzio
Le torri del silenzio (Dakhma in Lingua farsi; note anche come "Cheel Ghar" in Hindi e "Tower of Silence" in inglese) sono una istituzione tipica dello Zoroastrismo. Esse sono costituite da impalcature di legno fino a 10 metri di altezza, che sostengono una piattaforma esposta ai venti, e servono per la deposizione dei cadaveri, che, lì esposti, vengono smembrati e divorati dagli uccelli rapaci.
Per lo zoroastrismo il fuoco è sacro, e pertanto non può toccare i cadaveri, considerati impuri, rendendo impossibile il ricorso alla cremazione. Non si ricorre nemmeno alla sepoltura, sia perché la putrefazione dei cadaveri era estranea e venne sempre vista in modo non favorevole nella tradizione vedica, sia perché anche la terra era sacra e come tale non poteva essere contaminata.
La scomparsa del cadavere per via degli uccelli, che, non toccando terra, restano in aria e negli alberi, risolveva questo dilemma.
Lo zoroastrismo, predominante in Iran durante il periodo di massimo splendore di tale paese, quello achemenide e sasanide, venne colà perseguitato dopo la conquista musulmana, ma sopravvive oggi in piccole e floride comunità dell'India, dette parsi.


El disco dito de Reitia
viewtopic.php?f=171&t=1501

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 010050.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » gio mar 26, 2015 8:22 pm

Le più antiche costruzioni di legno al mondo ???

Posi de acoa
dicembre 20, 2012
http://ilfattostorico.com/2012/12/20/le ... o-al-mondo

Immagine

Un gruppo di ricerca guidato da Willy Tegel e da Dietrich Hakelberg, dell’Università di Friburgo, è riuscito a datare con precisione quattro pozzi d’acqua costruiti dalle prime comunità di agricoltori dell’Europa centrale. I pozzi si trovano nella regione di Lipsia e sono al momento le più antiche costruzioni in legno di tutto il mondo.

Furono costruiti dalla cultura della ceramica lineare, presente in Europa all’incirca tra il 5.600 e il 4.900 a.C. Le scoperte del team, pubblicate sulla rivista scientifica PLoS ONE, permettono una nuova visione della tecnologia preistorica.

I quattro pozzi neolitici sono stati costruiti in legno di rovere. Oltre al legno, molti altri materiali organici – come resti di piante, manufatti in legno, corde di fibra di corteccia e recipienti di ceramica riccamente decorati – sono sopravvissuti per millenni sotto il livello delle acque sotterranee.

Con l’aiuto della dendrocronologia, gli scienziati sono stati in grado di determinare gli anni esatti dall’abbattimento degli alberi. I test hanno rivelato che il legno proviene da enormi querce secolari abbattute dai primi agricoltori neolitici con asce di pietra tra gli anni 5.206 e 5.098 a.C.

Nel corso del sesto millennio a.C., in Europa centrale la caccia e stile di vita nomade lasciarono il posto a uno stile di vita sedentario con allevamento e agricoltura. Questa rottura nella storia del genere umano è stata definita la “rivoluzione neolitica”.

Uno stile di vita sedentario richiedeva abitazioni permanenti, e le case sono inconcepibili senza una tecnologia di lavorazione del legno sviluppata – in altre parole, i primi agricoltori erano anche i primi falegnami. Finora, però, gli archeologi erano solo riusciti a portare alla luce i segni sul suolo lasciati dalle case.

I pozzi precisamente datati consentiranno agli scienziati di condurre studi più dettagliati sull’importante ruolo delle tecniche di costruzione in legno per l’adozione da parte del genere umano di uno stile di vita sedentario.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Łe pì vecie costrusion en legno de ła pristoria

Messaggioda Berto » gio mar 26, 2015 8:33 pm

Svizzera, Zurigo. Scoperta una porta in legno di pioppo vecchia di 5000 anni

Giovanni Lattanzi 21 dicembre 2010

http://www.antika.it/006674_zurigo-scop ... -anni.html

Immagine

Nel corso dei lavori per la realizzazione di un parcheggio interrato a Zurigo è venuta alla luce una testimonianza, una delle più antiche emerse in Europa, che risalirebbe al 3063 avanti Cristo. Si tratta di una porta in legno di oltre cinquemila anni, forse una delle prime costruite, conservata in condizioni straordinarie. Il manufatto si è preservato così bene che anche le maniglie di legno sono giunte integre.

Niels Bleicher, che dirige il Dipartimento per la preservazione dei monumenti di Zurigo, ha affermato che ci troviamo davanti a una delle più antiche porte mai scoperte in Europa. Alta un metro e mezzo e larga 88 centimetri e riferibile alla cultura Horgen, caratteristica di quell’area della Svizzera, la porta è stata costruita con legno di pioppo, tecnica che garantisce eleganza e solidità.

La porta faceva parte di un’abitazione edificata con pali in legno, massiccia, per proteggere dal vento freddo che soffiava dal lago di Zurigo. Infatti, le tracce individuate dagli archeologi mostrano che in quell’area c’erano almeno cinque insediamenti neolitici esistenti fra il 3700 e il 2500 avanti Cristo. Insieme alla porta sono venuti alla luce altri reperti interessanti, come un bellissimo arco da caccia e un pugnale di selce.

La cultura di Horgen è una delle numerose civiltà archeologiche sviluppatesi in Svizzera in età neolitica e prende il nome da una delle più importanti aree in cui sono state trovate le prime testimonianze. Il territorio interessato va dalla Svizzera settentrionale sino alla Germania sud-orientale, vicino al lago Costanza, ma potrebbe anche essersi esteso oltre. Quest’epoca è caratterizzata da un minor interesse per la ceramica, ma da una fiorente industria della selce, testimoniata dal ritrovamento di eleganti utensili in pietra, e importanti erano anche i maiali, vista la quantità di ossa trovate negli insediamenti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37842
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Archeologia del Mondo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron