Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?

Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?

Messaggioda Berto » lun feb 09, 2015 4:27 pm

Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?
viewtopic.php?f=174&t=1394

https://www.facebook.com/franco.rocchet ... ment_reply


Franco Rocchetta
THIDADÈA, DAMÒ.

Mario Guadagnini
FRANCO, THIDADEA O XITADEA?

Franco Rocchetta
THIDADÈA, PAR 12 RAXÓN !

Loris De Marchi
casomai SITADEA, NO XITADEA.. e cmq sbaglio o il TH lo si usa solo nell'alto trevigiano pedemontana e bellunese?

Alberto Pento
Anca Çitadeła no xe mal.

Miatello Patrizio
THIDADÈA, è proprio Thidadèa. Ormai e diventata di moda, aumenta i motivi a 13.

Franco Rocchetta
Loris D. M., pone una domanda su TH e DH; ha sentito una affermazione cervellotica che incuriosisce, e ne chiede ragione. Ed io volentieri rispondo.

Franco Rocchetta
“TH” E “DH” SONO OVUNQUE VI SIANO VENETE E VENETI VERI. Un parlare (ed uno scrivere) che tenda ad imprigionare in un’area o ad oscurare TH e DH sotto compromessi all’italiana non è più Lingua Veneta, ma è un Veneto Soffocato e Mutilato, un Dialetto dell’Italiano, una Sublingua al Guinzaglio dell’Italiano.

Alberto Pento
Franco Rocchetta el scrive: THIDADÈA, PAR 12 RAXÓN !
E coale sarisale? Par coerensa çità/sità/città se dovaria scrivar thidà e çitadin thidadin ?

Loris De Marchi
ok ma sta de fato che atualmente el th (thòcol, thoc, tharnìr, thavariàr.. e via discorendo..) se ło usa solke in pedemontana trevisana, su par bełùn e sinistra piave fin bas quasi al mar...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Ciottadella) coała grafia

Messaggioda Berto » lun feb 09, 2015 4:32 pm

???

Franco Rocchetta

“TH” E “DH” SONO OVUNQUE VI SIANO VENETE E VENETI VERI. Un parlare (ed uno scrivere) che tenda ad imprigionare in un’area o ad oscurare TH e DH sotto compromessi all’italiana non è più Lingua Veneta, ma è un Veneto Soffocato e Mutilato, un Dialetto dell’Italiano, una Sublingua al Guinzaglio dell’Italiano.

???

Màsa retorega dita en lengoa taliana!

Sto kì del TH DH lè on mito e no na realtà storega ke ła se mantien da ła pristoria ente tuta l'ara veneta e par tute łe xenti venete e tute łe varianse etnołengosteghe de l'ara veneta.

Franco Rocchetta
THIDADÈA, PAR 12 RAXÓN !
???

I soni o foni łi xe na roba e ła grafia o ortografia lè naltra e senpre na convension.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ta-001.jpg

http://win.elgalepin.org/gvu/ManualGVU.pdf

Coała grafia par ła łengoa veneta?
viewtopic.php?f=174&t=261
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?

Messaggioda Berto » lun feb 09, 2015 5:47 pm

TH e DH

http://www.reghellin.it/2011/alfabeto-veneto

H h Questa lettera non viene pronunciata in Veneto, ed è usata solamente nei diagrafi: DH, FH, NH, TH (vedi a fondo pagina).
I i [ come in italiano ] istà (estate) infolponarse (soffocarsi) insìda (uscita) ìndese (endice – uovo finto) indormài (oramai) inxamò (di già) indomè (appena) inbolxemàre (infangare) infhià (gonfio) ingrisàrse (vergognarsi) ingrumare (accumulare) inmagarse (incantarsi) inoriàrse (confondersi) inpasà (otturare, frenare) inpisàre (accendere) intorco£à (attorcigliato) intrà (inoltre) ìspio (muschio) instéso (comunque, lo stesso) .
J j [ come j in italiano Jacopo, o come j in inglese jockey ] jakéta (giacca) jóvene (giovane) jera(era) jeri(ieri) judàre(aiutare) judìsio (giudizio) Jèxo£o (Jesolo) NOTA: Il valore della lettera J cambia a seconda delloscrittore. Perciò, nei vocaboli qui sopra riportati la J può essere letta come j in italiano Jacopo, o come j in inglese jockey.
La lettera J è per questo anche chiamata “J libera” oppure “J veneta”, appunto per questa sua caratteristica di lasciare al lettore la libertà di leggere un vocabolo a seconda del proprio dialetto a prescindere dalla provenienza dello scrittore.

Si prega di notare inoltre che in molte varianti venete al posto della J viene usata la lettera X o l’interdentale DH. Per esempio, jénte oppure xénte o dhénte (gente), e jornà£e oppure xornà£e (giornale).


DIAGRAFI

DH [ simile (ma non uguale!) a th in inglese the ] dhàlo (giallo) dhermàn (germano) dhó (giù e xo) dhandhìvi (gengive) Dhòrdhi (Giorgio, Xorxi)
NOTA: Una volta sembra (???) che questa interdentale fosse presente in tutto il territorio veneto, ma oggigiorno sta lentamente sparendo.
Il diagrafo DH era presente in testi veneti sin dal 1200 (ma a ke sono corispondevało ?), ed è tuttora ancora pronunciato in diverse varianti venete (specialmente nella zona alpina e pedemontana).
Nelle altre zone viene frequentemente sostituito da X (lèdhare = lèxare (leggere), e mèdho = mèxo (mezzo), ed in alcuni casi dalla D (frédha = freda (freddo). Vedi anche Vèneto Arkìvio per la rappresentazione grafica alternativa.

FH [ fra la phi greca e la ph tedesca, un po' aspirata come h in spagnolo humera ] fhabiòco (stupido) fhalìva (fiocco di neve) fhémena (moglie) fhià (un po’) fhìnfarli (tipo di fungo) fhòdha (moda, trend) fhòja (foglia) fhóra (fuori) fhorèsto (straniero, estero) fhormàjo (formaggio) fhursi (forse) NOTA: Come con il DH, questa pronuncia sta lentamente scomparendo, e viene sostituita dalla F. È comunque ancora presente, ed è riportata nell’alfabeto della lingua veneta perché si alterna all’interno dello stessa variante con la F normale, ed è perciò necessario distinguere graficamente le due pronunce. È stato anche proposto di rappresentare questa pronuncia con una semplice H.

GH [ come g in italiano ghiro ] NOTA: Questo non è un diagrafo, perchè viene usato solo di fronte alla E e alla I per pronunciare la G gutturale anziché la G palatale. (Per esempio, gheto (ghetto), e siccome era raramente presente nei testi storici, alcuni suggeriscono di eliminarlo completamente. Per gli autori che scelgono di usare la G solo per il suono gutturale, e la J solo per il suono palatale (o semiconsonantico), il GH è superfluo (regola del jegejé). Vedi anche Vèneto Arkìvio per altre alternative.

GN o NH o NJ Questi sono rappresentazioni grafiche alternative alla Ñ. TH [ simile (ma non uguale!) a th in inglese thin ] thanca (sinistra) thìncoe (cinque) NOTA: Come il DH, anche questa interdentale veneta è caratteristica del territorio (come documentato in vari testi storici) ma è al giorno d’oggi presente solo in alcune zone. Nel resto del Veneto è prevalentemente sostituita dalla S. È stato anche suggerito di usare il diagrafo ZH. Vedi anche Vèneto Arkìvio per un’altra rappresentazione grafica.


http://it.wikipedia.org/wiki/Fricativa_dentale_sorda
La fricativa dentale sorda è una consonante fricativa presente in alcune lingue, che in base all'alfabeto fonetico internazionale è rappresentata col simbolo θ.
Nella lingua italiana tale fono è presente esclusivamente come allofono regionale, presente nella cosiddetta gorgia toscana, caratterizzata dalla fricativizzazione delle occlusive, compresa la dentale sorda, in posizione intervocalica: esempi: veduto con pronuncia [ve'duθo], andato con pronuncia [an'daθo], la Toscana con pronuncia [la θos'ca:na].

Veneto
In veneto è rappresentato, salvo eccezioni, col digramma <th>, ed è, se in mezzo a due vocali, sempre geminato, come nelle parola patharia /paθːa'riːa/ (sporcizia) e Venêthia /ve'nɛːθːja/ (Venèzia). In altre grafie della lingua veneta lo si trova scritto anche coi digrafi <zs> e <zh>.


http://www.linguaveneta.it/materiale/gr ... te2_ok.pdf
Vengono chiamate
interdentali ( perché la lingua si spinge tra i denti ) la “ h-th” di certe parole usate in alcune aree di campagna
o montagna, peraltro in via di regressione.
Es. dhugare (zogare) = giocare, sórdhe (sorze)= sorcio thènare (sènare)= cenere, thinque (sinque)= cinque.


http://www.venetieventi.it/st_gvr/lettere_variabili.htm
Tabella riassuntiva
Il valore fonetico dei grafemi è quello stabilito per la GVR.

dh
http://win.elgalepin.org/gvu/ManualGVU.pdf
paxena 9
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?

Messaggioda Berto » lun feb 09, 2015 6:47 pm

Jacomin da Verona nol dopara el th o el dh (sec XIII)
http://it.wikisource.org/wiki/De_Babilo ... _infernali

Ruxante nol dopara el th o el dh (ano 1528)
http://vec.wikisource.org/wiki/Primo_Di ... cena_prima
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Thidadèa, Çitadeła, Sitadeła (Cittadella) coała grafia ?

Messaggioda Berto » gio feb 12, 2015 1:18 pm

???

Dhidadea/sitadea/çitadeła;

e par coerensa

çità/sità/citta = thidà;
çitadin/citadin/sitadin = thidadin;

par coerensa se dovaria scrivar:

cexa/chiesa = thexa;
çentro/sentro/centro = thendro;
çeło/seło/sieło/cielo = theło;
ciàro = chiaro = tharo;


Però no se capise parké DH e no TH kel saria pì justo: CI = TH e GI = DH

Node so ła grafia o ortografia de l’ara veneta de G. Marcato e F. Usini
de G. Marcato e F. Usini
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... F4cUk/edit

paxena 453 sol TH:
cento/sento/çento = thento = 100;

se ocie:

DH
dhoba/dhobia = xoba= gioba = giova = giovedì;
dhorno = jorno = xorno = zorno = giorno;
dhugar = xugar = zugar = giocare;
dhało = xało = jało = giallo;
łedhar = łexar = łezar = leggere;


e par coerensa

giara = jara = glara = ghiaia = dhara;
xontar = zontar = giuntare = aggiungere = dhontar;
xurar = zurar = jurar = giurar = giurare = dhurar;
xuda = zuda = juda = giuda = dhuda;
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Robe o coestion de ła nostra łengoa veneta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron