Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » ven apr 08, 2016 8:41 am

Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta, ixba, caverna, verna, tucul, tugurio, stanberga, tana, treb
viewtopic.php?f=44&t=2270

https://it.wikipedia.org/wiki/Casa
Le caxe no łe xe envension dei romani e dei greghi.



Caxe venete da ła pristoria:

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 290030.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Bostel.gif

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... oderso.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -legno.jpg



Caxe, corti, castełi, viłe, viłai e çità, cexe e muri veneti
viewtopic.php?f=172&t=938
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita

Messaggioda Berto » ven apr 08, 2016 8:43 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » ven apr 08, 2016 8:56 am

Domo, domus, demo, heimat


http://www.etimo.it/?term=duomo
Immagine

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -house.jpg



Jeografia storega del lesego ministrativo entel Veneto
viewtopic.php?f=172&t=1002

Polis, demo, thema

http://it.wikipedia.org/wiki/Polis
Con il termine polis (in greco antico πόλις, "città") si indica una città-stato dell'antica Grecia.
Immagine

http://it.wikipedia.org/wiki/Demo_(storia_antica)
Il demo (in greco antico δῆμος, traslitterato in dêmos) era una suddivisione del territorio dell'antica Attica, la regione della città di Atene.
Con la riforma democratica di Clistene (508/507 a.C.) i demi divennero divisioni amministrative ufficiali e la stessa Atene venne per la prima volta suddivisa in demi; la riforma istituì un totale di 139 demi. Secondo Strabone nel III secolo a.C. il loro numero era aumentato a 174. Anche dopo la fine dell'indipendenza ateniese i demi sopravvissero come distretti amministrativi in epoca romana.
Tutti i cittadini ateniesi al momento della maggiore età erano iscritti ad un demo come requisito fondamentale per la cittadinanza; quel demo rimaneva uguale per tutta la vita di un Ateniese, anche se andava ad abitare in un altro demo.[2] I demi di Clistene, che sostituirono le antiche suddivisioni della popolazione basate sui gruppi familiari (fratrie), venivano rappresentati nella bulé in proporzione alle loro dimensioni.
Ciascun demo aveva i propri culti e le proprie forze di polizia ed era governato da un demarco. Avevano competenze in materia dei registri di proprietà, utilizzati per le tassazioni. Alcuni di essi erano vere e proprie città o importanti centri religiosi (Eleusi, Acarne, Ramnunte).
I demi a loro volta erano organizzati in trenta trittie, le quali componevano le dieci tribù (ciascuna delle quali comprendeva una trittia cittadina, una costiera e una rurale).

http://it.wikipedia.org/wiki/Democrazia
La democrazia (dal greco δῆμος (démos): popolo e κράτος (cràtos): potere) etimologicamente significa "governo del popolo", ovvero sistema di governo in cui la sovranità è esercitata, direttamente o indirettamente, dall'insieme dei cittadini.


http://it.wikipedia.org/wiki/Thema
Il termine thema (in greco antico θέμα; al plurale θέματα, thémata) designa le circoscrizioni che nel VII secolo furono create per opera dell'imperatore bizantino Eraclio I, al fine - almeno inizialmente - di rinnovare l'assetto amministrativo e territoriale di tutto l'impero.
Il significato del vocabolo, che in greco classico indicava semplicemente "ciò che è posto", si era specializzato già all'epoca di Giustiniano I in reggimento.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... is-237.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... mos-77.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 88-289.jpg


Kaimas, dorf, village, vila, borgo, contrà, selo, sat, landsby, küla, vesnice, dedina, ...
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... VDZVU/edit

Heimat, aimoi, kaimo, kaimas, ... umma, amma, ...
viewtopic.php?f=172&t=896

Espariensa mestega de l’aotoctonia - heimat
viewtopic.php?f=103&t=321
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » ven apr 08, 2016 10:28 am

Baita

https://it.wikipedia.org/wiki/Baita
Il termine Baita si riferisce ad un rifugio alpino o ad altre costruzioni montane tipiche delle Alpi, come gli alpeggi. Generalmente, sono costituite da pietra e tetti a spiovente, fatto in legno.

Nella variante Băiţa può riferirsi a diverse località della Romania:
Băița, comune del distretto di Hunedoara
Băița de sub Codru, comune del distretto di Maramureș

https://it.wiktionary.org/wiki/baita
per il dizionario Treccani l'etimologia non è ben definita; la parola somiglia all'ebraico בית bayt, "casa" e all'omofono e sinonimo arabo ﻧﻴﺕ, bayt

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ot-629.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 1/baum.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ed-627.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ba-660.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -house.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » ven apr 08, 2016 11:26 am

Capana, tenda, yurta, tipi

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... asedow.jpg


https://it.wikipedia.org/wiki/Capanna
Se già nel Paleolitico superiore sono rintracciabili resti di fondi di capanne, come quelle di Montebello di Bertona e di Campo delle Piane, dal Neolitico sono giunte sino a noi villaggi di capanne, dalla pianta rotonda, ovale e quadrata. In Italia i villaggi fortificati di Matera e di Sentinello, Ripoli e Serra d'Alto. Le tecniche costruttive prevedevano la pietra per i muretti a secco, il legno per il tetto e le pareti, la paglia e le foglie per la copertura, lo sterco, il fango e le fibre vegetali come legante.

http://www.etimo.it/?term=capanna
Immagine
Immagine

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... na-360.jpg

https://eu.wikipedia.org/wiki/Txabola
https://et.wikipedia.org/wiki/Onn
https://ga.wikipedia.org/wiki/Both%C3%A1n Bothán
https://ms.wikipedia.org/wiki/Pondok

https://bar.wikipedia.org/wiki/Hittn
Des Wort Hittnis im Boarischn seitm 9. Jh. belegt, im Oidboarischn und Oidhochdeitschn no ois hutta. Aus da aindogermanischn Wortwuazl *hud- im Sinn vo „Schutz“. Es soi si aa vo Haus, Haut sowie Huat, Obhuat ableitn. A Zammahang mit *[s]keu- „bedeckn, umhuin“ und Scheine wead ogenomma, aa zu Kate (mnd. „Hittn“). Des Wort is in mearane andane Sprochn ibanomma worn, beispuisweis im Franzesischen ois hutte, im Englischen ois hut, in skandinavischn Sprochn (norw. Hytte „Ferienhaisl“).
https://de.wikipedia.org/wiki/H%C3%BCtte Hutte
https://en.wikipedia.org/wiki/Hut

Balok – A Siberian wilderness hut made of logs, usually communal, used by hunters, fishermen and travelers in the more distant parts of Siberia. Some baloks are mobile and mounted on sleds.
Barabara – An earth sheltered winter home of the Aleut people
Barracks – an old term for a temporary hut,[1] now more used as a term for military housing and a unique hay storage structure called a hay barrack.
Bothy – Originally a one-room hut for men farm workers in the United Kingdom, now a mountain hut for overnight hikers.
Burdei or bordei – a dugout or pit-house with a sod roof in Ukraine, Canada
Cabana – an open shelter
Chozo also spelled chozo – Spanish for hut, term also used in Mexico.
Clochán – A dry stone hut in Ireland
Earth lodge – Native American dwelling
Hytte – A cabin or hut in Norway
Igloo – A hut made of pieces of hard snow or ice
Kolba – Afghanistan
Laing hut - prefabricated lightweight timber wall sections bolted together, externally clad with plasterboard and felt. Designed 1940 for barrack accommodation[3]
Lodge is a general term for a hut or cabin such as a log cabin or cottage. Lodge is used to refer to a tipi, sweat lodge, and hunting, fishing, skiing, and safari lodge.
Mitato – A small, dry stone hut in Greece
Orri – A French dry stone and sod hut
Rondavel – Central and South Africa
Sheiling – Originally a temporary shelter or hut for shepherds, now may be a stone building. Common in Scotland.
Sod house – A pioneer house type on the American Plains where wood was scarce.
Tipi – Central North America tent
Tule hut – Coastal North America, West Coast, Northern California
Quinzhee – A shelter made in a pile of snow
Yurt – Central and North Asia

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/05/1.jpg


Yurta (ger in mongolo e yam in samoiedo e yaranga en ciukci)
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... lfaU0/edit

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... gold07.jpg


https://it.wikipedia.org/wiki/Tipi
Un tipi (anche indicato in inglese teepee o tepee) è una tenda conica originariamente fatta con pelli, corteccia di betulla o teli, e resa famosa dai nativi americani delle Grandi Pianure del nord degli Stati Uniti d'America.
La parola tipi è entrata nell'inglese dalla lingua lakota. La parola thíṗi consiste di due elementi: il verbo thí, che significa "abitare", e l'enclitico plurale (un suffisso che marca il soggetto del verbo come plurale) ṗi, che vuol dire "essi abitano". In Lakota, i verbi formali possono essere usati come sostantivi e questo è appunto il caso di thíṗi, che in pratica vuol dire proprio "abitazione".
Il termine "wigwam" è talora usato in modo non appropriato per riferirsi alle abitazioni di questo tipo. Si riferisce in realtà alle abitazioni a forma di capanna, pure realizzate con pali e pelli, da parte di altre popolazioni primitive, tra cui anche i nativi del nord-est americano.


Tende siberiane dei Enets, Nenets (eneti, veneti?)

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -enets.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... nenets.gif


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/05/2.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 5/05/3.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » sab apr 09, 2016 5:04 am

Ixba


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 6_crop.jpg


https://it.wikipedia.org/wiki/Isba
L'isba (in russo изба, izba) è una tipica abitazione rurale russa, a uno o due piani, interamente costruita di tavole di legno e di tronchi d'albero, abitata di solito da contadini, in russo mužik.
Era la casa di una tipica fattoria russa, costruita in genere vicino alla strada e accanto ad una stalla, un fienile ed un orto. Fra questi edifici era racchiusa un'aia circondata da un semplice recinto di ramoscelli intrecciati. Per la costruzione di isbe tradizionali bastava usare alcuni semplici strumenti, come corde, asce, coltelli e vanghe. Di solito non s'usavano chiodi, visto che il ferro (o altri metalli duri) era costoso e nemmeno la sega era uno strumento molto comune. Tutte le componenti dell'edificio venivano semplicemente tagliate ed assemblate usando un'ascia.
Era tradizione piazzare monete, lana e incenso sotto gli angoli della casa in modo che chi ci avesse vissuto si sarebbe mantenuto ricco e in salute.

https://fr.wikipedia.org/wiki/Isba

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ba-660.jpg


Stùa, stube, stove, ... - stuàr, stufàr, stufato, ...
viewtopic.php?f=44&t=303
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... U0SjA/edit
Immagine



???

https://it.wikipedia.org/wiki/Svizzera
La Svizzera (Schweiz in tedesco, Suisse in francese, Svizra in romancio), ufficialmente Confederazione svizzera (Schweizerische Eidgenossenschaft in tedesco, Confédération suisse in francese e Confederaziun svizra in romancio), Confoederatio Helvetica in latino [nota 1] (abbreviata con l'acronimo CH), è uno Stato federale dell'Europa centrale, composto da 26 cantoni autonomi.

L'odierno nome Svizzera proviene da Svitto (tedesco: Schwyz), uno dei "Cantoni forestali" (Waldstätte) che formavano il nucleo della Vecchia Confederazione. Il nome Svitto è attestato per la prima volta nel 972 come il villaggio di Suittes ed è forse legato all'alto tedesco antico suedan, "bruciare", con riferimento alle foreste bruciate per creare nuovi spazi agli insediamenti. Probabilmente il nome designava sia il territorio sia la popolazione del cantone, ma dopo la battaglia di Morgarten nel 1315 il nome Switzer, Switenses o Swicenses passò a designare tutti i Confederati. In francese sono attestati i termini Soisses, Suysses e Souyces a partire dal Cinquecento; contemporaneamente in italiano compaiono i termini Sviceri e Suyzeri, per stabilizzarsi nella variante Svizzeri scelta da Machiavelli nel 1515.

Il nome antico Elvezia (lat. Helvetia) proviene dagli Elvezi, una popolazione celtica stabilitasi sull'Altipiano in epoca pre-romana. Gli Elvezi sono menzionati per la prima volta nel VI secolo a.C. Il nome Confoederatio Helvetica o Helvetia non figurava invece fra le tradizionali denominazioni del paese ed è stato utilizzato solo dopo la nascita dello Stato federale nel 1848 (quindi è da considerarsi un neologismo), con lo scopo di non privilegiare nessuna delle lingue ufficiali della Confederazione (oppure quando, per motivi pratici, era difficoltosa l'iscrizione in tre o quattro lingue). Tale denominazione compare piuttosto recentemente, in ambiti formali ed ufficiali: sulle monete e sui francobolli a partire dal 1879, sul frontone del Palazzo federale a Berna nel 1902 e sul sigillo della Confederazione nel 1948.


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... ra-688.jpg


https://bar.wikipedia.org/wiki/Hittn
Des Wort Hittnis im Boarischn seitm 9. Jh. belegt, im Oidboarischn und Oidhochdeitschn no ois hutta. Aus da aindogermanischn Wortwuazl *hud- im Sinn vo „Schutz“. Es soi si aa vo Haus, Haut sowie Huat, Obhuat ableitn. A Zammahang mit *[s]keu- „bedeckn, umhuin“ und Scheine wead ogenomma, aa zu Kate (mnd. „Hittn“). Des Wort is in mearane andane Sprochn ibanomma worn, beispuisweis im Franzesischen ois hutte, im Englischen ois hut, in skandinavischn Sprochn (norw. Hytte „Ferienhaisl“).
https://de.wikipedia.org/wiki/H%C3%BCtte Hutte
https://en.wikipedia.org/wiki/Hut
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » dom apr 17, 2016 6:40 am

Verna

http://www.etimo.it/?term=vernacolo
Immagine
Immagine

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /verna.jpg


???

Cfr. co Verona e Berna

Vivaro, Viverone, Var, Varo, Varone, Vara, Varano, Varenna, Varta, Varaita, Vardar, Varexe, Varna, Varmo, Verna, Verona, ...
viewtopic.php?f=151&t=130
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » gio apr 21, 2016 4:50 am

Tucul e tugurio

https://it.wikipedia.org/wiki/Tucul
Il Tucul è un semplice edificio a pianta circolare con tetto conico solitamente di argilla e paglia, tipico di molte regioni africane, in particolar modo dell'Africa orientale.


http://www.treccani.it/vocabolario/tugurio
tugùrio s. m. [dal lat. tugurium (con le varianti tegurium, tigurium), forse di origine mediterranea]. – Abitazione (o ambiente adibito ad altri usi) angusta e squallida: gente che abita in t. privi d’aria e di luce; è costretto a vivere in un misero t.; ha per bottega una specie di t. in un vicolo della città vecchia; un milite della Croce Rossa aveva ammonticchiato le cose infette su un carrettino davanti al t. del vecchio nel vicolo (Volponi).


http://www.etimo.it/?term=tugurio
Immagine

http://www.etimo.it/?term=tegola
Immagine

Texe/Tezze/Tegia/Teja/Tiede/Tiedhe
viewtopic.php?f=45&t=1354
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » gio apr 21, 2016 4:54 am

Tana

https://it.wikipedia.org/wiki/Tana_%28zoologia%29
In zoologia, la tana è una cavità, naturale o scavata, usata da numerose specie di animali selvatici come rifugio dai predatori o dalle intemperie, per esempio nelle ore di sonno o durante il letargo. Oltre a quella di riparo, la tana può svolgere altre funzioni: molte specie per esempio vi depositano le proprie uova o vi partoriscono, per proteggere i piccoli, o vi raccolgono le proprie scorte di cibo.
L'abitudine di cercare o scavare una tana è comune a una grandissima varietà di specie anche molto distanti fra loro da un punto di vista tassonomico, dagli invertebrati ai mammiferi.

https://en.wikipedia.org/wiki/Burrow
https://nl.wikipedia.org/wiki/Graafgang
https://fr.wikipedia.org/wiki/Terrier_%28animal%29
https://pl.wikipedia.org/wiki/Nora_%28etologia%29

https://www.wikidata.org/w/index.php?ti ... =319723874
https://www.wikidata.org/wiki/Q1410542# ... -wikipedia
Wikipedia(24 entries)
• an Cado
• ar جحر
• ay P'iya
• be Нара
• en Burrow
• eo Nestotruo
• es Madriguera
• et Urg
• fr Terrier (animal)
• gl Tobo
• he מחילה (זואולוגיה)
• it Tana (zoologia)
• ja 巣穴
• jv Lèng
• lt Urvas (biologija)
• nl Graafgang
• no Hi
• pl Nora (etologia)
• pt Toca
• ru Нора
• simple Burrow
• sr Јазбина
• tl Lungga
• uk Нора



http://www.etimo.it/?term=tana
Immagine

http://www.etimo.it/?term=zana
Immagine



Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -Tonne.jpg

Baçin, cain (bacino, catino), boça (boccia), bote, tino, tonne, vaxo, vasca
viewtopic.php?f=44&t=2265
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Caxa, house, home, domus, baita, capana, tenda, yurta

Messaggioda Berto » sab apr 23, 2016 4:06 pm

Maxo, magione, maison


???
https://it.wikipedia.org/wiki/Magione_% ... tettura%29
Una magióne è una grande dimora; il termine "maison", attraverso la lingua d'oïl, deriva dal latino mansiō ("rimanere", una derivazione da manere "rimanere" o "stare"). Nell'Impero romano, una mansio era un'area ufficiale di sosta su di una strada consolare, o via, presso la quale era ubicata una villa nella quale venivano ospitati dignitari e alti ufficiali in viaggio fra le varie province.


Maxo, Maxon, Maxio, Maxi, Maxer, Maxera, Maxerà, mansio, maison, demain/domain (demanio/dominio), maniero, Manero, Masaria, transumansa, transumare/transumanare
viewtopic.php?f=45&t=971

Immagine

Riflessi linguistici dello sviluppo culturale in Italia; cap. XX
Ociàr p. 859 OR 2 Mario Alinei

4.3.1. Inizio dell’allevamento stanziale e del sedentarismo residenziale: maneo > mansio

Può sembrare triviale, ma il passaggio da maneo «rimango» a mansio e *mansum nel senso di «residenza stanziale (di animali)», già attestato in latino (cfr. «pecorum mansio», «mansio equorum» [DELL]), e presente quasi ovunque nei dialetti attuali, sarebbe impossibile senza il passaggio graduale dalla mobilità logistica al sedentarismo.
Questa motivazione non può quindi in alcun caso essere proiettata in un ambito romano o medievale, ma ha bisogno del Neolitico per acquistare un senso.
Per la documentazione, oltre al francese maison «casa», si notino per lo meno dalmatico mošun(a) «ovile», pugliese masunu, bergamasco trentino veronese mazon «pollaio», comasco mazon «malga», valtellinese mazon «fienile», logudorese masone «grossa mandria», campidanese mazoni «stalla per pecore, capre, maiali», ecc. [BEW 5311]; rumeno mas «ovile», trevigiano bellunese mas, gardenese mes «fattoria», linguadocico guascone catalano aragonese mas «fattoria» etc. [REW 5322].

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... /maneo.jpg
Manxaxum/manzazun en acadego lè on posto de sosta.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29813
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Etimoloja de moti o parole venete e no

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron