Fernando Bandini

Fernando Bandini

Messaggioda Sixara » gio dic 26, 2013 8:03 pm

Fernando Bandini
viewtopic.php?f=28&t=244

Meto cuà na poexia de Fernando Bandini, el poeta de Viçensa ke l xe morto ieri ( dopo l admin el provedarà jentilmente a verxare on filon so poexia- leteratura n lengoa v. o altre lengoe):

I puteleti del vampiro

Qua da ste parti
ghe xe posti valìvi
co mus-cio de oro verde.
Qua, a ramòcia, l'onbra xe parona,
se se perde
par cavedàgne mòrbie
come le fossolete de na dona.

Dopo le sìe de sera
co taxe le canpane
e le sfese e le rame
s'inpenisse de oxèi che va dormire,
se sente on sgrixolare
de vento e foje in giro
e dai scaranti
vien fora i puteleti del vanpiro.

I zuga co i botoni
del so camixolìn,
i fa le pirolete
tegnendose a delìn
i denti ga macete
de sangoe e spanavin;
britolete e massanghi
i gussa co la prìa,
fin che l'ultima giossa
del giorno xe finìa
e de i so òci resta solo el bianco.

Riva un nuvolo basso
che ingiotisse el çeleste;
sarà porte e finestre
le caxe ga el tremasso.
Luri fa 'l girotondo,
i se conta falope,
za paroni del mondo.
E ghe zbruxa la voja
de scoar co le strope
le tete a le putele
indromensà te camare de luna,
de garzar gole,
verzare vene latarole in cuna.

Ma ti, sità distante,
co le lumiere a s-ciapi
che sìmega tel vento,
no credarte al sicuro,
xe mejo che te scapi
cavando le raixe de le caxe.
I sente odor de sangoe, i vien da ti,
i sente sfritegare
par le to piàse e strade
sparagagna de omo e puteleti
dai oci de sisara,
in fila e siti longo na ruàra.

( da : Santi di Dicembre 1994)

====================================================================================================================================

E anca La ciupinara La talpa

Xe quando el cincibín dal cao celeste
va in volta par le siése
in serca de pomèle de l’otuno passà,

o ’l beca i buti
de l’albaro drío casa dove i fiori
∫a i se insogna de èssare sirese;

quando che liparéte
putèle se desmíssia
e piene de morbín le fa sitare
el basavéjo;

e vèrta qua xe un ventesèlo caldo
e sul monte na s-cianta de sisàra
che col sole la sbrissia ∫ó dai rami;

xe lóra che vien su da sototera
la ciupinara.

Nissuni sa da dove che la vegna:
xe ’l scuro che ghe insegna
da che parte girarse,

xe il silensio, che quasi
el fa pí gran bordelo
de quando che se vèr∫e un cadenasso.

E mi e ti la note de le Quatro
Tèmpora, ndando foramàn pai campi
soto na luna nóva ancora sbiava,
no se ghemo inacorti che rivava
la ciupinara.

Sentívimo e vedévimo qua torno
tanta note,
ma no quel’altra note a culo in su
che da morti ne spèta,

dove che éla ruma
e no la dorme mai,
ndando, orba, su l’usma
de bissóli e de bài,

mastegando par vèr∫arse
la strada scaje e stele,
scaje de veci teremoti e stele
deventà tochetini de carbon.

Tocà da quele sate
le sòpe le pí dure va in sfrasele,

sate fate a cuciaro
e gira de roèrso
come na mata che se gabia messo
i guanti col davanti par dadrío,

sate che le laóra
co síe déi e síe onge
(la sesta ghe vien fóra
dal déo co fa un falsín).

Spiriti de na note grama e nera
ghe ga cusío co le so guce fate
co i spini de le russe la palpièra,

e la xe sensa rece
parché la se le ga tute fruà
sevitando a ficare
el muso rento ’l duro de la tera.

El campo che frugnare
se sente te le coste
ghe xe vegnú ’l convulso,
el se impiéna de mútare e de frape,

vien fóra a l’aria cape
del tempo de Noè, l’osso de un pèrsego
magnà da me bisnono.

E che ànsemo, amore, che xe stà
cubiarse mi e ti
su quel tòco de prà
mòrbio de pissacani e galinèle,

che magón, che sangióto,
pensando in meso ai basi a le satèle
che ne scavava sóto!

(da Meridiano di Greenwich, Milano, Garzanti, 1998)
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Berto » gio dic 26, 2013 10:23 pm

...
e vèrta qua xe un ventesèlo caldo
e sul monte na s-cianta de sisàra
che col sole la sbrissia ∫ó dai rami;

...

Sixara el te ga nomà!

Me despiaxe dirlo ma anca Bandini el descremenava la lengoa veneta kel doparava come na scartina, par tratar de vanpiri e de ciupinare ... par le robe "alte" el doprava el latin e el talian e no sta dirme ke no so mai contento.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37679
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Sixara » ven dic 27, 2013 9:27 am

Berto ha scritto:el te ga nomà!


Eto visto? :D 2 volte. Anca i puteleti del vanpiro i gà i òci de sixara.. ke paura.
A mi el me piaxe Bandini, a lo ghevo zà méso n Poesia e Letteratura so RV. Mi a li aprèso tuti cuei ca se prova a scrivare n lengoa, co rixultati pì o manco.. i ghe prova. Del Bandini mi no' go lèto le so robe n italian o latin, sò però ke l dixe ke ghe piaxea lezare de poexia n latin, e lù nol lo conosea, elora el se lo gà studià.
Bravo. Le do ( o anca 3-4..) robe le pòe starghe, tute asieme co la LV senza tòrghe gnente.
Po' tratar de vanpiri e de ciupinare ... lè mìa na bruta roba, anzi. Soradetuto le tupinare.. ma anca i vanpiri.
Ma ghi n 'io sì de vanpiri, suparlà? Par mi lè tuto kel magnare de sparagagna ca faxì. ;)
La sixara nò. O almanco, nò cuea nostra, ke la vien da tuta l umidità ca se zonta, nòte dopo nòte e la ghe fa on strato desora ke l altro. A ghì màsa seco valtri.

La tupinara : lè na creatura de la nòte, del scuro, del silenzio, lè de kel mondo sototèra , de ke l'altra nòte a culo n su ke da morti ne spèta. A te ghè voja ti de vardare luna e stéle.. senpre lì ke la ruma lè, co ke le onjéte, co ke le satìne..
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Berto » ven dic 27, 2013 9:17 pm

Fernando Bandini (Vicenza, 1931 – Vicenza, 25 dicembre 2013) è stato un poeta, scrittore e docente italiano di stilistica e metrica.

http://it.wikipedia.org/wiki/Fernando_Bandini

Fernando Bandini scrive (oltre che in latino e in italiano) poesie in dialetto vicentino.
Dice di lui Andrea Zanzotto
« Bandini è un poeta eccezionale tra pacatezza e meditazione; a sua differenza, è un poeta trilingue,.. »
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37679
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Berto » ven dic 27, 2013 9:24 pm

Sixara ha scritto:
Berto ha scritto:el te ga nomà!
..
Ma ghi n 'io sì de vanpiri, suparlà? Par mi lè tuto kel magnare de sparagagna ca faxì. ;)


Signapola, notola e barbastrejo (etimołoja)
viewtopic.php?f=44&t=60

Immagine
http://img706.imageshack.us/img706/604/ ... dobian.jpg

Immagine
http://img535.imageshack.us/img535/1785/2111659482.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37679
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Sixara » ven dic 27, 2013 9:33 pm

Si, ma vedito ke bravo :
"Avevo questo cruccio del latino" ha detto, "leggevo i classici e ne ero affascinato, pur non capendo nulla di quello che era scritto; ma a furia di leggerli sono diventato esperto della loro struttura!".

ghe intaresava la metrica latina e l se la ga studià. Nol ghe ne capiva gnente - el dixe - però la ghe piaxea isteso e forza de dài e dài.. el se la gà inparà.
Vàra, podaria dire la stesa roba de mi : a gò el cruccio de l ebraico, ne sono affascinata, pur non capendo nulla di quello che c'è scritto.. ma mi, difarenza de Bandini no' so' cusì brava: continuo a no' capirghene gnente. :?

Berto ha scritto:« Bandini è un poeta eccezionale tra pacatezza e meditazione; a sua differenza, è un poeta trilingue,.. »

Sta cuà no la go capìa : a difarenza de ki? de Zanzoto? ma se l saeva anca el greco, lù... Apokolokyntosis :D
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Sixara » ven dic 27, 2013 9:39 pm

Si i barbastréi, ma parké el poeta el dixe ke i putìni de i vanpiri i gà i òci de sixara. Pènsaghe, dopo te me dixi. Ke par mi l è porasè inportante.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Fernando Bandini

Messaggioda Berto » ven dic 27, 2013 11:27 pm

Sixara lexi ben, cavate le sixe da i oci, lè Xanxoto kel dixe ke Bandini lè trilengoe e no mi.

I oci de sixara li xe cofà coeli de Putin, xelidi come el jàso (kisà coanta xente ke ga fato morir sto omo col jera entel KGB).
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37679
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Tradision: fole, canti, poexie, teatro, bàli, mascare

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron