Preghiere de l'omo e comande divine

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » mer mag 28, 2014 8:47 am

El mito del dirito roman

viewtopic.php?f=111&t=380
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » mer mag 28, 2014 10:22 am

Ke i Santi del Çeło łi te tegna de ocio
e kel to Anxoło el te custodisa dal bon ła note e 'l dì;
ke ła Madona ła te couerxa co łe ałe del so xendałe
e kel nostro Paremare Çełeste el diga ben de ti el te bendiga!


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... neta_2.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Sixara » gio mag 29, 2014 7:56 am

Berto ha scritto:e kel nostro Pare Çełeste el diga ben de ti el te bendiga!

Ma no la xe la stesa roba? Dire- bèn e bèn-dire ghè difarentsa?

Berto ha scritto:Mi a so el to Sehnor e el to Dio

Bèla. Justa propio.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1764
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » dom giu 01, 2014 8:47 am

Sixara ha scritto:
Berto ha scritto:e kel nostro Pare Çełeste el diga ben de ti el te bendiga!

Ma no la xe la stesa roba? Dire- bèn e bèn-dire ghè difarentsa?


A ghè difarensa, proa pensarghe!

El bendir cristian (benedire co la benedision) lè on parlar conpagnà da i çesti ke segna (la benedision co la man ke la tràça la croxe); el dir ben lè altro anca se li se someja.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » mer giu 03, 2015 8:54 pm

Sixara se pol bendir co o sensa sesti come par la benedision, no ghè difarensa: prima vien la parola e dapò el sesto o segno (de la croxe) ke li xe difarenti da na carèsa e da na pàca so la spàla.
Bendir, benedir, benedire, benedicere, benedision, benedizione, ... maldir, maledir, maledizione.

La benedision fata lomè co li sesti de le man, pì ke on bendir lè on bendar.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » sab ago 01, 2015 8:52 am

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... -akbar.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... lamego.jpg


El pregar de i simioti e de łe creadure.

Dio nol ga cogno ke se ghe diga una o diexe o sento volte al dì ke łè grando, Allah akhbar;
no no, Dio no lè on ditator cofà coeło corean kel ga cogno de ver łi omani ke łi seita a batarghe łe man, a dirghe brào e a ciamarlo segnor;
me despiaxe tanto ma no ghè gnente de grando, de beło e de spiritual ente ste "preghiere" ensoulse e degradanti
ke łe serve lomè a tegner łi omani sotani, sciavi e a farli strisiar par tera cofà bixati; l'omo lè fato par star en pie e nò par strisiar come on bào sensa ganbe;
no no, Dio nol ga cogno de torme o stuołi o orde o stormi o sciàpi o teorie de servi o sciavi ke strisia e ke ło adora enxenocio o a skena bàsa e ke ghe siga ke łè grando, par esar o par sentirse grando, no no Dio no lè on simioto!
Sto pregar enxonocio o a skena bàsa sigandoghe ke Dio lè grando, par Dio nol ga gnaon valor e a conti fati lè pì on bastiemar ke on pregar parké el par pì on far de simioti drio al so cao ditator ke el far natural de łe creadure verso el so creador:
se gà mai visto na pria, na pianta o na bestia ke łe prega ente sta manerà? No mai!
Coel ke se pol ociar lè ke łe prie, le piante e łe bestie łe gloria e łe adora Dio lomè vivendo e el vivar secondo łe lej de ła nadura o ogniversałi o de Dio lè el so pregar pì bon, pì vero, pì justo.
Allah akhbar lè na bastiema!

Corea del Nord
https://www.facebook.com/euronews/video ... 0655758110
Spaventoxo el par el pianeta de i simioti. Come ke a pol ridurse l'omanedà !

Allahu Akbar
https://it.wikipedia.org/wiki/Allahu_Akbar_%28inno%29
Allahu Akbar ((AR) ), "Allah è il più Grande" era l'inno della Libia dal colpo di stato di Gheddafi nel 1969 alla guerra civile del 2011.È un brano scritto in Marocco che divenne popolare in Egitto e Siria durante la Crisi di Suez del 1956. Dal 1º settembre 1969 fu inno della Libia e rappresentava le idee del panarabismo nasseriano diffuse tra i colonnelli che portarono al potere Gheddafi.
L'inno ha sostituito Libia, Libia, Libia in uso nel Regno di Libia dal 1951 al 1969 per poi entrare di nuovo in uso dopo la guerra civile nel 2011.


“Allah Akhbar! Allah Akhbar! Ash-hadu an-la ilaha illa Allah, Ash-hadu anna Muhammad-Rasul Allah”. “Allah è Grande! Allah è Grande! Testimonio che non c'è altro dio all’infuori di Allah, Testimonio che Maometto è il Messaggero di Allah”.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... el-mal.jpg

https://www.facebook.com/MagdiCristiano ... 3228289934


“Allah Akhbar! Allah Akhbar! Ash-hadu an-la ilaha illa Allah, Ash-hadu anna Muhammad-Rasul Allah”. “Allah è Grande! Allah è Grande! Testimonio che non c'è altro dio all’infuori di Allah, Testimonio che Maometto è il Messaggero di Allah”.

Per vent’anni la mia giornata è stata cadenzata dall’adhan, l’appello alla preghiera diffuso dall’alto dei minareti nella mia città natale, Il Cairo, ribattezzata la “Città dai mille minareti”.

Per 56 anni mi sono impegnato più di altri, da musulmano moderato, ad affermare un “islam moderato” in Italia, aderendo e sostenendo sostanzialmente la tesi del Corano “creato”, che per l’ortodossia islamica pecca ahimè di una fragilità teologica che scade nell’eresia. Perché così come il cristianesimo è la religione del Dio che si è fatto Uomo e che s’incarna in Gesù, l’islam è la religione del loro dio Allah che si è fatto testo e che si “incarta” nel Corano dopo essere stato rivelato a Maometto attraverso l’Arcangelo Gabriele.

Per i musulmani quindi il Corano è Allah stesso, è della stessa sostanza di Allah, opera increata al pari di Allah, a cui ci si sottomette e che non si può interpretare perché si metterebbe in discussione Allah stesso.

Per contro, la tesi del Corano “creato”, che sottintende che solo Allah è increato, consente l’uso della ragione per entrare nel merito dei contenuti del Corano, che possono essere oggetto di culto da parte della fede ma anche oggetto di valutazione e critica; così come consente la contestualizzazione nel tempo e nello spazio dei versetti rivelati per distinguere ciò che è da considerarsi attuale e lecito da ciò che è invece è da ritenersi prescritto e caduco; ci mette in ultima istanza nella possibilità di poter affermare la dimensione “plurale” dell’islam e, in questo contesto di pluralismo, ci consente di far primeggiare la scelta dell’ “islam moderato” che concili la prescrizione coranica con il rispetto dei valori fondanti della nostra comune umanità.

Per 56 anni ho scelto di battermi in prima persona, costi quel che costi, per affermare la bontà del Corano quale testo sacro dell’islam pur nella denuncia del terrorismo islamico.

Nel 2003, dopo aver conosciuto Oriana Fallaci ed aver instaurato con lei un rapporto che, al di là della reciproca stima professionale, della condivisione della denuncia del terrorismo islamico e della pavidità dell’Occidente, si fondava su un affetto sincero e una solida amicizia, tuttavia il nostro rapporto fu turbato dal mio rifiuto di abbandonare l’islam e di concepire che la radice dell’islam risieda nel Corano.

Mi sentivo contrariato quando scriveva: “L’islam è il Corano, cari miei. Comunque e dovunque. E il Corano è incompatibile con la Libertà, è incompatibile con la Democrazia, è incompatibile con i Diritti Umani. È incompatibile col concetto di civiltà”.

Eppure, all’indomani della mia conversione al cristianesimo il 22 marzo 2008, ho scritto: “Ho dovuto prendere atto che, al di là della contingenza che registra il sopravvento del fenomeno degli estremisti e del terrorismo islamico a livello mondiale, la radice del male è insita in un islam che è fisiologicamente violento e storicamente conflittuale”.

L’errore in cui incorsi fu di immaginare che l’islam potesse essere riformabile al suo interno grazie all’impegno dei musulmani moderati. Alla fine, dopo oltre cinque anni trascorsi da condannato a morte dai terroristi islamici e reiteratamente minacciato dagli estremisti islamici, mi sono arreso di fronte all’evidenza: si può essere musulmani moderati come persone, ma non esiste un islam moderato come religione.

Oggi più che mai dobbiamo avere l’acume intellettuale e il coraggio umano di leggere ad alta voce il Corano e di affermare pubblicamente i suoi contenuti. Non possiamo essere vittime, da un lato, dei musulmani moderati che difendono aprioristicamente e acriticamente l’islam pur di salvaguardare la loro credibilità ed onorabilità, dall’altro, degli occidentali che per paura di offendere i musulmani sostengono in modo altrettanto aprioristico e acritico che il Corano insegna l’amore e la pace, che i terroristi islamici non centrano nulla con l’islam.

Solo leggendo il Corano scopriamo la specificità di una religione che condanna di eresia l’ebraismo e il cristianesimo; la realtà di Allah che era il dio supremo del Pantheon politeista arabo, clemente e misericordioso con chi si sottomette all’islam ma vendicativo e violento con i miscredenti; la verità di Maometto che è stato un guerriero vittorioso che ha fondato una “Nazione di credenti” combattendo e uccidendo i suoi nemici per ordine di Allah.

Solo leggendo il Corano potremo capire le radici di un’ideologia che legittima l’odio, la violenza e la morte, che ispira il terrorismo islamico ma anche la dissimulazione praticata dai “musulmani moderati”, perseguendo il comune obiettivo di sottomettere l’intera umanità all’islam, che è fisiologicamente incompatibile con la nostra civiltà laica e liberale negando la sacralità della vita di tutti, la pari dignità tra uomo e donna, la libertà di scelta.

Solo leggendo il Corano potremo capire chi siamo veramente noi, se siamo ancora o non più in grado di riscattare la civiltà di verità e libertà, di fede e ragione, di valori e regole.



Mama ke oror, ke osesion maneagal kel xe sto pregar çincoe volte al dì co sta "preghiera orenda"!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » sab ago 01, 2015 10:33 am

Preghiere xlameghe

“Allah Akhbar! Allah Akhbar! Ash-hadu an-la ilaha illa Allah, Ash-hadu anna Muhammad-Rasul Allah”. “Allah è Grande! Allah è Grande! Testimonio che non c'è altro dio all’infuori di Allah, Testimonio che Maometto è il Messaggero di Allah”.

http://www.sufi.it/Islam/salat_foto.htm

La preghiera dei musulmani

La preghiera inizia col takbir, vale a dire il portare le mani vicino al capo, le palme aperte e rivolte in avanti, pronunciando la formula Allah akbar (Iddio è il più grande), che verrà poi ripetuta ogni volta che si cambia posizione e recitando:
Subhânaka Allahumma wa bihamdika, wa tabâraka ismuka, wa ta'ala jadduka, wa la ilâha ghairuk.
Audhu bi Allahi mina ash-shaitani r-rajim

Sia gloria a Te O Allah. Sia benedetto il Tuo Nome, esaltata la Tua Maestà e la Tua gloria. Non vi è altro Dio all’infuori di Te.
Prendo rifugio in Allah contro Satana il lapidato.

In piedi e con le mani incrociate sul ventre si recitano quindi il capitolo (sura) iniziale del Corano ed altri versetti.
Bismillahi r-Rahmâni r-Rahim
Al hamdu li-Llahi rab-bil 'alamin.
Ar-Rahmani r-Rahim.
Maliki yaumi d-din.
Iyyâka na'budu wa iyyâka nasta'in.
Ihdina s-sirâta al-mustaqîm.
Sirâta l-ladhina an'amta 'alaihim,
ghairil maghdubi 'alaihim wa laddhhallin.
(Amin)

(L'Aprente)
"Nel nome di Dio, il Misericordioso, il Compassionevole
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.
La lode [appartiene] ad Allah, Signore dei mondi,
il Compassionevole, il Misericordioso,
Re del Giorno del Giudizio.
Te noi adoriamo e a Te chiediamo aiuto.
Guidaci sulla retta via,
la via di coloro che hai colmato di grazia, non di coloro che [sono incorsi] nella [Tua] ira, né degli sviati."

Poi si recitano almeno 3 ayat da una qualsiasi sura del Sacro Corano. Ad esempio:

(Surat al-Ikhlas)
Bismillahi r-Rahmani r-Rahim
Qul hu Allahu Ahad
Allahu s-Samad
lam ialid wa lam iulad
wa lam iakun lahu kufuan Ahad

Il Puro Monoteismo
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.
Di': " Egli Allah è Unico,
Allah è l'Assoluto.
Non ha generato, non è stato generato
e nessuno è eguale a Lui".


L'orante, dopo aver recitato

Allahu akbar (Dio è il più grande)

si inchina ad angolo retto (ruku'), con le mani su!le ginocchia, ripetendo tre volte la formula

Subhana Rabbi al-'Azim
(Sia glorificato il Signore l'Eccelso).

(Con le gambe ad angolo retto, non piegate come nel disegno a fianco)


Dopo aver recitato

Allahu akbar (Dio è il più grande)
si ritorna in posizione eretta fermandosi un attimo dicendo:
Sami' Allahu liman hamida
(Allah ascolta coloro che lo lodano)
e
Râbbana lakal hamd
(O nostro Signore, tua è la lode).

Poi ci si inginocchia e si pongono le mani e la faccia a terra (sujûd), ripetendo tre volte la formula:
Subhana Rabbi al-A'la
(Sia glorificato il Signore, l'Altissimo).


Ci si mette quindi a sedere sui talloni e si resta un attimo fermi, ripetendo una volta la formula:
Rabbi-ghfirli ua-rhamni
O mio Signore, perdonami e abbi misericordia di me

compiendo poi una prostrazione del tutto uguale alla prima, omettendo però la recitazione di:
Subhânaka Allahumma wa bihamdika ....

Si torna in piedi per ricominciare da capo la serie dei movimenti. Questo è il ciclo completo di una raka'at.


Quando il numero richiesto di raka'at per una determinata preghiera è stato completato, invece di rialzarsi, l'orante resta seduto sulle caviglie, recitando:

Attahiyatu lil-Llahi wa as-salawâtu wa attaiyibât.
As-Salâmu 'alaika ayyuha -n-nabiyyu wa rahmatu-Llahi wa barakâtuh.
As-Salâmu 'alaina wa 'ãla 'ibadi-Llahi s-salihìn.
Ash-shadu an lã ilâha ill'Allahu wa ash-shadu ânna Muhâmmadan 'âbduhu wa rasuluh.

Ogni nostra adorazione, ogni nostra preghiera, ogni nostra buona azione é per Allah. Pace, misericordia e le benedizioni di Allah siano su di te, o Profeta. La pace sia su di noi e sui devoti servitori di Allah. Sono testimone che non vi alcun dio se non Iddio e sono testimone che Muhammad é il Suo Servitore ed il Suo Messaggero.

Salat 'ala n-nabi:

Allahumma salli 'ala Muhâmmadin wa 'ãla ãli Muhâmmadin, kama sallaita 'ãla Ibrahima wa 'ãla ãli Ibrahim, innaka Hamidun Majid. Allahumma barik 'ala
Muhâmmadin wa 'ãla ãli Muhâmmadin, kama barakta 'ãla Ibrahima wa 'ãla ãli Ibrahim, innaka Hamidun Majid.

O Allah, invia la Tua misericordia e le tue benedizioni su Muhammad e sulla discendenza di Muhammad, come hai inviato la Tua misericordia e le tue benedizioni su Abramo e sulla discendenza di Abramo. O Allah, invia le tue benedizioni su Muhammad e sulla discendenza di Muhammad, come hai inviato le Tue benedizioni su Abramo e sulla discendenza di Abramo. Tu sei il Degno di Lode, il Più Glorioso

quindi volge la testa ai suoi due lati pronunciando da entrambe le parti il saluto finale:
As-Salamu 'alaykum wa rahmatu-Llah (il saluto e la misericordia di Dio siano su di voi). La preghiera è cosi terminata


Preghiere xlameghe (islamiche) contro i non islamici
viewtopic.php?f=188&t=2502
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Preghiere de l'omo e comande divine

Messaggioda Berto » gio dic 31, 2015 7:53 pm

Le sete łej de Noè


https://it.wikipedia.org/wiki/No%C3%A8# ... o_la_Torah

Stipulata da Dio con Noè un'alleanza eterna, in ebraico B'rith 'Olam (ברית עולם), l'"alleanza noachica" si compone dei 7 precetti così enunciati (Talmud, Sanhedrin 56b):

-non abbandonare la fede in Dio e quindi non commettere idolatria;
-non uccidere né suicidarsi: "Chi sparge il sangue dell'uomo, dall'uomo il suo sangue sarà sparso, perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo" (Gen 9,6: fondamento della "legge del taglione", nell'esegesi ebraica con ciò intendendo il risarcimento pecuniario);
-non rubare e/o non rapire;
-non compiere le relazioni sessuali illecite non ammesse dalla Torah;
-non bestemmiare;
-divieto di mangiare parti del corpo di animali ancora vivi;
-istituire tribunali giusti (distinguendo quindi tra testimonianza vera, falsa testimonianza nonché Lashon hara, ovvero "maldicenza" in italiano, esaminando i casi).

Per i non ebrei ai 7 precetti possono aggiungersene altri ancora sempre iscritti nella Torah, ciò dipende dalla loro volontà; invero se ne contano circa 66: importanti quindi anche i precetti di onorare i genitori e quelli che vietano di ferire moralmente il prossimo, farlo soffrire anche "interiormente", secondo malizia crudele volontaria, e di ingannarlo.

Gli esseri vegetali sono concessi come cibo all'uomo: "Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde" (Gn 1,29-30). Come si legge chiaramente dal testo non è ampliata la concessione già fatta ad Adamo, a cui già erano stati concessi solamente i vegetali, sino al momento in cui Noè compie dei sacrifici a Dio dopo il Diluvio universale prima del quale si attese la Teshuvah degli individui.

Iddio si è impegnato a non mandare mai più diluvi per distruggere tutti gli individui nel corso dell'esistenza del mondo mantenendo semina e raccolto, luce e buio, il ciclo delle stagioni, del caldo e del freddo, della notte e del giorno.

Quest'alleanza è stipulata con tutta l'umanità ed offre dunque all'antico Israele le norme per considerare chi è giusto o empio tra gli individui non-ebrei delle altre 70 Nazioni.

La figura di Noè, uomo giusto tra i suoi contemporanei malvagi, è considerata in Isaia 54,9 come esempio di rettitudine grazie a cui venne concesso un nuovo mondo per un'Umanità rinnovata.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 37685
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Spiritualità e religione

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite