Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei e gnanca ono roman

Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei e gnanca ono roman

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 9:55 pm

Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei
viewtopic.php?f=24&t=1250


Cristo el jera n’ebreo eretego e lè stà el fondator de l’erexia ebraega dita crestianexemo;
Piero el jera n’ebreo (segoaçe o driante) kel ghe xe ndà drio a l’ebreo eretego Cristo e kel gà enpostà el crestianexemo a Roma;
Marco el jera n’ebreo kel ghe xe ndà drio a l’ebreo eretego Cristo e ke pararia kel ghese vesto en Piero on maestro e ke na çerta tradision ƚa ƚo vol come coelo kel gavaria enpostà el crestianexemo ente ƚa tera veneta.


Né Cristo, né Piero, né Marco ƚi jera romani, ma tuti tre ƚi jera ebrei o judei.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 9:59 pm

El creistianexemo e Cristo l'ebreo

viewtopic.php?f=24&t=38
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 10:00 pm

San Marco l’evanxełista ebreo el Santo Paròn dei veneti

viewtopic.php?f=153&t=211


Marco l’evanxełista ebreo (etimoloja)
on santo cristian de łi veneti de mar ma anca de coełi de tera
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... ZQVUU/edit
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 10:02 pm

El creistianexemo veneto e Cristo l'ebreo

Prima veneti e dapò crestiani

viewtopic.php?f=24&t=1088
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 10:08 pm

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » ven dic 05, 2014 10:20 pm

Basta a encolpar ƚi ebrei de esar i sasini de l’ebreo eretego Cristo, parké a coparlo a xe stà i romani e dapò jera ebrei anca l’apostoƚo Piero morto martire a Roma e anca Marco ke par çerta tradision lè stà l’enpostador del crestianeixemo ente ƚe tere venete.
Prasiò anca se ghe fuse na coalke sipia responsabeƚetà ebraega, coesta ƚa saria lomè ke de na megnoƚa parte de ƚi ebrei, lomè de coeƚi prateganti na çerta ortodosia e ke ƚi stava a Jeruxaƚeme.



Se i me dimanda: ki xeƚi i cristiani?
mi a ghe respondo: ƚi xe de ƚi ebrei raxianti (ereteghi)

se i me dimanda: Cristo jerelo cristian?
mi a ghe respondo: no el jera n’ebreo raxiante (eretego) come Piero e Marco

se i me dimanda: sa xeƚo el creistianexemo?
mi a ghe respondo: lè na raxia (erexia) de l’ebraeixmo.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » sab dic 06, 2014 2:20 pm

Papa Francesco: “L’antisemitismo è un peccato. Gesù era ebreo”

In un'intervista rilasciata a Yediot Ahronot - la prima a un giornale israeliano - Papa Francesco riflette sul pericolo di una guerra di religione fra israeliani e palestinesi, sulla drammatica situazione delle minoranze cristiane sotto l'Isis e sulla minaccia dell'odio contro gli ebrei. "Ricordiamoci che Gesù era ebreo, e che il cristianesimo fiorì dal giudaismo.

http://www.mosaico-cem.it/articoli/prim ... -era-ebreo


Questi sono giorni difficili per Papa Francesco, molto preoccupato per la situazione a Gerusalemme, i timori per la sorte dei cristiani in Iraq e in Siria, e per il futuro dell’Europa.

“Condanno ogni forma di violenza in nome di Dio”, il pontefice spiega in un’intervista esclusiva, alla domanda circa la strage nella sinagoga di Gerusalemme e l’aumento del terrorismo delle ultime settimane.

“Seguo con preoccupazione l’escalation di Gerusalemme e di altre comunità in Terra Santa, pregando per le vittime e mi appello dal profondo del mio cuore alle parti, a porre fine all’odio e alla violenza”, dice. “Costruire la pace è difficile, ma vivere senza la pace è un incubo”.

Nella sua prima ampia intervista ai media israeliani, che apparirà in questo fine settimana su Ynet, Papa Francesco dice che la minoranza cristiana nelle aree sottoposte al controllo dello Stato islamico è nelle condizioni peggiori che abbia mai dovuto affrontare in tutta la sua storia.

“In Iraq, ad esempio, gli atti barbarici sono di un orrore indescrivibile. Sono in corso persecuzioni dei cristiani più gravi rispetto ai primi tempi della Chiesa” dice. “Le grida dei cristiani, yazidi e altre comunità etniche richiedono una posizione chiara e coraggiosa, sia da parte dei leader religiosi, soprattutto musulmani, sia dei leader politici”.

Papa Francesco, leader spirituale di 1,2 miliardi di credenti, condanna anche l’antisemitismo senza mezzi termini.

“L’antisemitismo è un peccato”, dice, sottolineando che Gesù è nato e morto da Ebreo. “Non si può essere un vero cristiano se non si accettano le sue radici ebraiche. La gente deve sempre ricordare che il cristianesimo fiorì dal giudaismo”.

Il pontefice ha fatto la sua prima visita ufficiale in Israele e Territori dell’Autorità palestinese all’inizio di quest’anno, quando si è incontrato con i leader politici e religiosi di Gerusalemme e Betlemme.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei

Messaggioda Berto » gio dic 11, 2014 4:16 pm

Pensè a ƚa tara del bon raxonar e a ƚa cativeria de çerti cristian-catoƚego romani, anca siori e colti (ma no saoni o sapienti), ke ƚi riva a dir ste ensemense:

l’an pasà on sior padoan purpietaro de on mucio de canpi e de caxe, forse laoreà e “cristian-catoƚego-roman devoto e partegante e de gran clase”, on dì tratando de sta coestion el me ga scrito:


"Dai ATTI dei APOSTOLI (At 4,8-12)

In quei giorni, Pietro, colmato di Spirito Santo, disse loro:
«Capi del popolo e anziani, visto che oggi veniamo interrogati sul beneficio recato a un uomo infermo, e cioè per mezzo di chi egli sia stato salvato, sia noto a tutti voi e a tutto il popolo d’Israele: nel nome di Gesù Cristo il Nazareno, che "voi" (ebrei) avete crocifisso e che Dio ha risuscitato dai morti, costui vi sta innanzi risanato.
Questo Gesù è la pietra, che è stata scartata da voi, costruttori, e che è diventata la pietra d’angolo.
In nessun altro c’è salvezza; non vi è infatti, sotto il cielo, altro nome dato agli uomini, nel quale è stabilito che noi siamo salvati».
"



Ki a ghemo l’apostoƚo Piero ke a Jeruxaƚeme el ga na descusion co i cai e ƚi ansiani del popoƚo e acuxandoƚi e ‘l ƚi noma o tira en bàƚo o ciàma en caouxa co : ... che “voi” avete crocefisso ... .

Sto cristian catoƚego del pavan el ga ƚa ensemensa de enterpretar coel “voi” dito da Piero a Jeruxaƚeme come sel fuse direto a ƚi ebrei, come se Piero no ‘l fuse ebreo ... e soto soto magari el pensa kel fuse on cristian roman.

Ƚe robe ƚe xe asè ben difarenti: Piero lè n’ebreo eretego driante o segoaçe de l’ebreo eretego Cristo ke l’encolpa i cai e ƚi ansiani de Jeruxaƚeme ebrei orodosi de esar responsabiƚi de ƚa morte de Cristo ... coel voi nol pol esar direto a ƚi ebrei parké anca Piero lè ebreo come Cristo, ma ƚè direto a na parte de ƚi ebrei, coeƚi ortodosi e en particoƚar ai cai e a ƚi ansiani co cu el sta descutendo.

A ghe xe on mucio de cristiani (catoƚego romani) ke no ƚi sa gnanca ke Cristo e ƚi apostoƚi Piero e Marco ƚi xe tuti ebrei, soto soto ƚi xe rivà (ƚi xe stà endoti) a pensar ke Cristo e ƚi apostoƚi Piero e Marco no ƚi fuse ebrei e magari ke ƚi fuse romani come ente ƚe raprexentasion ke ƚi ga de ƚa figura de Cristo bianco, alto e biondo, come ente ƚa “sagra sindone”.

Me vien l’oror co penso a sti pori omani ke ƚi ga sta tara e sto condisionamento edeoƚojego.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei e gnanca ono roman

Messaggioda Berto » sab ago 08, 2015 7:18 pm

Le vere origini della Chiesa cattolica

https://www.youtube.com/watch?v=yKvLkCVc5u0
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Cristo, Piero e Marco ƚi jera tre ebrei e gnanca ono roman

Messaggioda Berto » ven feb 12, 2016 8:20 am

Cristo el jera on rabin (i ło ciamava rabi = maistro), on mistro rełijoxo ebreo ke el cristianeixmo l ło ga divinixà, l ło ga fato pasar par fioło de D-o e par D-o memo.
El cristianixmo lè na rełixon pagana idołatra ke ła ga come divinità el D-o de łi ebrei, coeło de ła Bibia ke par i creistiani el se garia encarnà ente l'omo rabin ebreo Cristo.
I dogmi no łi xe altro ke falbetà, xrajonevołese fate pasar per vere costrenxendo i fedełi a credarghe par decreto de l'aotorità rełijoxa.



Rabin e Cohen

Rabin
https://it.wikipedia.org/wiki/Rabbino

Il termine rabbino (dall'ebraico biblico: רַבִּי, traslitt. rabi - IPAˈʁäbi, "mio maestro", plurale irregolare רבנים rabanim ʁäbäˈnim) – la parola "maestro" רב rav ˈʁäv letteralmente significa "grande", "distinto", e viene inteso come "maestro" nell'ebraico post-biblico.

La parola originaria rabbi deriva dalla radice semitica R-B-B, in alfabeto ebraico רַב rav, che in aramaico biblico significa "grande" in molti sensi, tra cui "riverito", ma appare principalmente come prefisso nelle forme di status constructus. Sebbene l'uso di rabbim "molti" (come in 1 Re 18:25, הָרַבִּים) "la maggioranza, la moltitudine" avvenga per indicare l'assemblea della comunità, nei Manoscritti del Mar Morto non esiste prova che sostenga un'associazione col titolo successivo di "Rabbi/Rabbino". La radice è imparentata con l'arabo ربّ rabb, che significa "signore" (usato generalmente quando si parla di Dio, ma anche di signori terreni). Come segno di grande rispetto, alcuni rinomati rabbini vengono chiamati semplicemente "il Rav".

Il rabbino non è un'occupazione che si riscontra nella Bibbia ebraica, e le antiche generazioni non utilizzavano titoli correlati, come Rabban, Ribbi o Rab per descrivere i saggi babilonesi e i dotti di Israele. I titoli "Rabban" e "Rabbi" vengono menzionati per la prima volta nella Mishnah (circa 200 d.C.). Il termine fu usato inizialmente con Rabban Gamaliel il Vecchio, Rabban Shimon suo figlio e Rabban Jochanan Ben Zakkai, che furono tutti patriarchi o presidenti del Sinedrio. Il titolo "Rabbi" appare (nella traslitterazione greca ῥαββί rhabbi) nei vangeli di Matteo, Marco e Giovanni nel Nuovo Testamento, in cui viene usato per riferirsi agli "Scribi e Farisei" come anche a Gesù.

Gli ebrei sefarditi e yemeniti pronunciano questa parola ebraica רִבִּי ribbī; la pronuncia in ebraico moderno israeliano רַבִּי rabi deriva da un'innovazione del XVIII secolo apportata ai libri di preghiera (Siddur) aschenaziti, sebbene tale vocalizzazione si riscontri anche in alcune fonti antiche. Altre varianti sono: rəvī e, in lingua yiddish, rebbə. La parola si può paragonare a quella siriaca ܪܒܝ rabi.

Nell'ebraico antico, rabbi era un termine titolare usato quando si parlava ad un superiore, nella seconda persona, simile al vocativo. Quando invece si parlava di un superiore, nella terza persona si poteva dire ha-rav ("il Maestro") o rabbo ("il suo Maestro"). In seguito il termine divenne un titolo formale per i membri del Patriarcato. Il titolo acquisì quindi una forma plurale irregolare: רַבָּנִים rabbanim ("rabbini") e non רַבָּי rabbay ("miei Maestri").

Il titolo "rabbi" veniva portato dai saggi dell'antico Israele, che erano ordinati dal Sinedrio secondo la consuetudine tramandata dagli anziani. Erano chiamati Ribbi e ricevevano l'autorità di giudicare casi penali. Rab è il titolo dei saggi babilonesi che insegnavano nelle accademie talmudiche di Babilonia.

Dopo la soppressione del Patriarcato e del Sinedrio da parte di Teodosio II nel 425, non ci furono più ordinazioni formali in senso stretto. Un dotto ebreo riconosciuto poteva essere chiamato Rab o Hacham, come i saggi babilonesi. La trasmissione della conoscenza da maestro a discepolo rimase di enorme importanza, ma non esisteva nessuna qualifica rabbinica formale in quanto tale.

La posizione di rabbino ufficiale di una comunità, il mara de'atra ("maestro del luogo"), è state in genere considerata nei responsa in tal modo.


Cohen
https://it.wikipedia.org/wiki/Sacerdote_%28ebraismo%29

Nella religione ebraica il sacerdote o cohen, pl. cohanim (ebraico 'כּוהן' kohèn, pl. כּוהנים kohanîm) è una figura religiosa preposta all'esercizio del culto, detto "avodah", e alla mediazione dei rapporti con la divinità; risale in particolare al servizio sacrificale presso il Tempio di Gerusalemme. Il vocabolo kohèn viene usato nella Torah per riferirsi ai sacerdoti, sia ebraici che non-ebraici, come anche all'intera nazione ebraica nel suo complesso. Si citavano come sacerdoti anche i kohanim, evidentemente non ebrei, di Baal (2 Re 10:19). Durante l'esistenza del Tempio di Gerusalemme i kohanim officiavano l'offerta dei sacrifici quotidiani e associati alle Festività ebraiche.

Attualmente i kohanim conservano uno status importante all'interno dell'ebraismo e sono vincolati da ulteriori restrizioni in base alle tradizioni dell'ebraismo ortodosso e dell'Halakhah (Legge ebraica). In breve, le uniche funzioni sacerdotali rimaste sono la benedizione sacerdotale e la riscossione del riscatto dei primogeniti; gli unici privilegi sacerdotali ancora in vigore sono l'onore loro dovuto, la precedenza nella salita prima del Levita con lettura della Torah nel culto sinagogale, che dovrebbe recitare chiunque venga chiamato alla lettura, ovviamente di religione ebraica. Secondo l'ebraismo ortodosso, con la distruzione del Secondo Tempio nel 70 e.v. e la cessazione dei sacrifici ebraici, la maggior parte delle funzioni sacerdotali è sospesa, in attesa della ricostituzione del III Tempio ad opera del Messia.

Secondo i testi biblici, lo status di sacerdote è ereditario, riguardante i soli discendenti di Aronne e distinto da quello del profeta (uomo senza precise caratteristiche sociali, chiamato da Dio per parlare a suo nome) e da quello del levita (appartenente alla tribù di Levi con un ruolo cultuale subordinato a quello del sacerdote). Il culto fu svolto dai sacerdoti dapprima all'interno della "Dimora" (il santuario itinerante contenente l'Arca dell'Alleanza costruito da Mosè nel deserto), poi nel Tempio di Gerusalemme a partire dal X secolo a.e.v. Sono ricordati anche culti sacerdotali nelle "alture", cioè altari costruiti su colline sparsi nella Palestina, dove però spesso si infiltravano elementi cultuali pagani. Per questo Giosia, nella sua riforma religiosa del VII secolo a.e.v., accentrò il culto nel solo tempio di Gerusalemme.

Il nome ebraico kohen deriva da una radice comune alle lingue semitiche centrali; la parola araba imparentata è كاهن‎ kāhin, che significa "indovino, augure, o sacerdote". Kohen viene frequentemente tradotto come "sacerdote", che sia ebraico o pagano, si veda i sacerdoti di Baal o Dagon, sebbene i sacerdoti cristiani vengano menzionati in ebraico col termine komer (ebraico: כומר).

Traduzioni in parafrasi delle interpretazioni Targumiche aramaiche includono "amico" nel Targum Jonathan di 2 Re 10:11, "maestro" nel Targum di Amos 7:10 e "ministro" nella Mechilta della Parshah Ietro - Libro dell'Esodo 18:1–20:23 1:1. In una traduzione completamente diversa si propone il titolo di "lavoratore" secondo Rashi sull'Esodo 29:30 - e "servitore" secondo il Targum di Geremia 48:7. Alcuni hanno tentato di risolvere questa traduzione contraddittoria suggerendo che, sebbene il sacerdote goda di privilegi specifici, una componente primaria del sacerdozio nell'ebraismo è la servitù (da cui "servizio sacerdotale", "servizio liturgico", "servizio divino", ecc.).

Falbe credense, łi abuxivi e łi uxurpadori de Dio
False credenze, gli abusivi e li usurpatori di Dio.
viewtopic.php?f=24&t=1780
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 34746
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Cristianismo o cristianesimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron