El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 6:07 am

El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa, de ła raxon e del spirto ogniversal, dedegà a Ipasia, a Bruno Jordan, Jrołamo Savonaroła, Arnaldo da Brèsa, a Oriana Fallaci, a łi apostati e a tuti łi raxianti/ereteghi (tra cu Cristo, no dexmenteghemose ke anca Cristo el jera n'eretego, n'ebreo raxiante):
viewtopic.php?f=24&t=1383

http://it.wikipedia.org/wiki/Ipazia http://it.wikipedia.org/wiki/Oriana_Fallaci
ImmagineImmagine Immagine


Cognaria scuminsiar a tràr su na caxa o cexà (o tenpio/tenplo dei pagani, de sensa dei, de la lebartà) de li enfedeli, de li no credenti, da i laici e de li atei, endoe ke drento se fa profesion piovega de no credensa:
MI NO CREDO!

Endoe ke se mete en descusion tute le credense e li dogmi.
Se la fede non se descute no se ga da descutere gnanca la fede entel no ver credense o edeoloje relijoxe e se coalkedon credente el tra fora da mato cogna tratarlo come ke se convien e kel se mereta.
Ti te ghè la lebartà de credar e mi coeala de no credar e de dirlo forte e ciàro al mondo:
MI NO A CREDO ENTE COELO CA TE CREDI TI!
Se volemo ver on diman e lebararse da li orori a ghemo da defendar el sagro dirito dei no credenti, de li enfedeli e de la vida contro la morte, l'oror e el teror.



Enfedeł, miscredente, eidołatra, kafir
viewtopic.php?f=181&t=1361

Dirghe a coalkedon enfedełe e miscredente xe xbajà:

en vanti
parké no xe vero da kè ogni omo el ga ła so fede e ła so credensa
dapò
parké ki ke nol crede e nol ga fede ente coeło ca credemo naltri e kel ga ła so credensa, no łe on enfedełe e on miscredente, ma ono ke nol crede a ła nostra fede ma ente coeła sua;

prasiò dirghe enfedełe o miscredente a calkedon łe dir el falso e na ofexa.

Gnaon creistian o musulman el pol dirghe a łi altri enfedel o miscredente parké lè dir na bàła e contar bàłe lè viołar ła comanda de Dio de no testemognar el falbo.

Anca łi atei łi ga ła so fede e ła so credensa!

A n’omo kel tradise so mojer se pol dirghe enfedel ma cogna verlo ciapà sol fato se no se pol ris-ciàr de ciapàrse on pugnàso so ła xbesoła come coeło del Papa.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... i-Eroi.jpg


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 10/714.jpg

Mi no ghe credo (Io non credo - I do not think so)
ke Cristo el sipia Dio e ke Maometo el sipia on profeta de Dio.
Mi a so on credente entel Dio de tuti łi omani de ła tera ke par mi lè e el resta al de ła de ogni mistero e de ogni sagrałetà.
Me par dal tuto ensensà ke n'omo el posa esar Dio e ke Dio el ghe parle de prefarensa a coalke omo en particołar e ke nol ghe parle co ła so łengoa ogneversal al cor de tute łe so creadure.
Mi no a go cogno de Cristo e tanto manco de Maometo.
Pretendo ke i credenti o fedełi ente ste "rełixon", pagane cofà tute łe rełixon de ła tera, łi gapie creansa par tuti coełi ke no łi ga ła so mema credensa.
Mi a vojo poder dir ciàro e forte, al mondo entiero, ke no ghe credo par gnente a ste fedi e no vojo par sto fato esar descremenà, persegoità e magari copà parké no credente, enfedel o kafir.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 9:20 am

Divieto asoludo de predegar descremenasion, persecousion e violensa contro ki ke ga altre credense, ke no ga credense o ke nol crede pì.

Se ente na cexa, na moskea, na, sinagoga, on tenpio se predega descremenasion, persecousion e violensa contro ki ke ga altre credense, ke nol ga credense o ke nol crede pì ente coel kel credeva, ła cexa, ła moskea, ła sinagoga, el tenpio łi va sarà de paca e el preve o iman o predegador el va arestà e proçesà par crimini contro l'omanedà e ła sagrałetà de ła łebertà e de ła vida omana.


Ecco cosa si predica in moschea: "Allah contali e sterminali tutti"

I leader "dialoganti" condannano il terrorismo, ma nei luoghi di culto in Italia si incita alla violenza contro i "miscredenti"

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ ... 82268.html

Qual è il confine tra islam moderato e islam violento? La linea di demarcazione spesso non è facilmente riconoscibile per un occidentale.

Non si tratta di distinguere solo tra terroristi e non, ma di considerare anche chi, seppure non protagonista di azioni criminose, predica la distruzione dell'Occidente o chi invece si batte per l'integrazione.

«È difficile distinguere - ammette l'imam di Torino Abdellah Mechnoune, presidente dell'Organizzazione islamica del mondo arabo ed europeo -. Guardiamo alle comunità francesi, per esempio. Molti sono scesi in piazza a Parigi per manifestare solidarietà dopo l'attentato, ma alcuni condannano il terrorismo solo a parole e non con il cuore. Sono, come dite voi italiani, ipocriti». Mechnoune invece non ha dubbi: «La vita è sacra, e nel Corano è scritto chiaramente».

Anche l'imam di Milano, il teologo Yahya Pallavicini, è sulla stessa lunghezza d'onda. «Se vogliamo definirlo con una battuta: l'islam è moderato, se non è moderato non è vero islam». Pallavicini ci tiene ad abbattere i luoghi comuni. «È inaccettabile che gli italiani siano definiti mafiosi. E allo stesso modo non si può generalizzare sui musulmani, anche se c'è chi fa un uso distorto della religione. I mafiosi sono criminali e lo sono pure questi sedicenti musulmani, anche se dicono di agire nel nome del Profeta». L'imam di Milano, che è anche vicepresidente della Comunità religiosa islamica d'Italia, fa un parallelo. «Hamas, per esempio, non è islam, ma un movimento che legittima l'uso della violenza per rivendicare un territorio. Confondere questi movimenti con l'islam e come confondere la mafia con gli italiani». Secondo gli esponenti del mondo islamico moderato va anche difeso il diritto alla libertà di espressione, come quello di Charlie Hebdo di pubblicare le vignette satiriche. «Criticare è un diritto, poi, quello che conta è la legge dello stato, che va rispettata», afferma Mechnoune. «Gli unici limiti alla libertà d'espressione sono la sensibilità e la legge - gli fa eco Pallavicini -. Secondo me, alcune vignette sono da criticare. La cosa bella della civiltà occidentale è che siamo liberi di esprimerci ma anche di criticare. Però il diritto di critica non significa uccidere un giornalista. Questa liberta è una conquista della nostra società e io, come musulmano e come europeo, sento che bisogna difenderla».

Ma non tutti i religiosi islamici la pensano così. Solo pochi mesi fa numerosi imam si sono distinti nel predicare odio proprio in Italia. A cominciare da Abdelbar Al-Rawdhi, imam di San Donà di Piave (cittadina in provincia di Venezia), che è stato espulso lo scorso agosto dal ministro dell'Interno perché considerato un pericolo per la sicurezza nazionale. «Oh Allah, porta su di loro ciò che ci renderà felici. Oh Allah, contali uno a uno e uccidili fino all'ultimo. Non risparmiare uno solo di loro», erano le parole del sermone del venerdì, nel quale incitava a sterminare gli ebrei. E che dire dell'imam bosniaco Bilal Bosnic, il quale lanciava appelli in rete ai giovani musulmani per unirsi all'Isis. Bosnic è un religioso che ha predicato in tutta Europa e ha tenuto i suoi confortanti sermoni anche a Cremona, Bergamo e Pordenone. «Tornerò in Italia per parlare di guerra santa e cercare finanziamenti. Conquisteremo il Vaticano - proclamava a fine agosto -. Il giornalista americano Foley era una spia. Uccidere in alcuni casi è giustificato». Per fortuna, il 4 settembre è stato arrestato. Non dimentichiamo poi l'imam di Cinisello Balsamo, nel Milanese. Usama El Santawy è un telepredicatore che inneggiava ai combattenti italiani nelle file della jihad. «Sono da onorare anche se, dicendo queste parole, sembra di giustificare il terrorismo - diceva quest'estate -. I musulmani vengono umiliati, quindi non ci si deve stupire se 50 italiani vanno a combattere nelle file dell'Isis».

Moderati e integralisti, due mondi diversi, quasi opposti uno all'altro. Eppure entrambi traggono ispirazione dal Corano. Chi ne è il vero interprete?



TAGLIARE LA TESTA AI CRISTIANI? LO ORDINA IL CORANO E COSI' FECE MAOMETTO
Non esiste un islam moderato (del resto chi se la sentirebbe di dire che esisteva un nazismo moderato?)

http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=3413

di Luigi Santambrogio

La speranza, dicono, è sempre l'ultima a morire, anche davanti al boia. E uno ci prova davvero a credere che l'islam e Allah non c'entrino niente con i sanguinari tagliagole dell'Isis, con quelli che filmano le decapitazioni e li mettono nella top ten di You Tube, accanto all'ultima versione del Gangnam style o del bimbo che morde il dito al fratellino. Sono davvero in tanti, anche in buonissima fede, a sperare che l'islam non sia quel jihadista mascherato e vestito di nero che offre ad Allah la testa mozzata dell'infedele, che tra i musulmani esista una differenza tra moderati e fondamentalisti, che ci possa e ci debba essere spazio per il dialogo interreligioso e la reciprocità tra fedi diverse.
Si può provare a ridimensionare quelle estreme forme di denuncia che arrivano dalle voci più provocatorie dell'Occidente: il politico olandese Geert Wilders che paragona il Corano a Mein Kampf, le profezie sull'Eurabia alle porte della Fallaci, gli avvertimenti della scrittrice ebraica Bat Ye'Or. O il leader del Fronte Nazionale, Marine Le Pen, che considera le preghiere in pubblico dei musulmani alla stregua della occupazione nazista in Francia durante la Seconda Guerra mondiale. Ma a spazzar via ogni illusione e volonterose aperture al dialogo, è la testa mozzata del reporter James Foley e quelle degli ostaggi catturati in Siria e Iraq o i cristiani caduti nelle grinfie delle milizie di Boko Aran.
La decapitazione è la pena preferita negli Stati islamici, come prevede il Corano. Rispetto all'utilizzo della spada è prevista una forma di clemenza per le donne condannate a morte. Possono scegliere la fucilazione, ma non perché la decapitazione sia considerata troppo violenta. La donna giustiziata in pubblico, se venisse decapitata, dovrebbe scoprire il collo. E questo sarebbe sconveniente. Un'altra eccezione è l'eventualità che, per reati violenti e particolarmente gravi, ad alcuni condannati possa essere inflitta la morte attraverso la crocefissione. Infine, ultima variante, la lapidazione per casi di adulterio.

IL CORANO AUTORIZZA A CALARE LA SPADA SULLE TESTE DEGLI APOSTATI E DEGLI INFEDELI
La pena di morte viene inflitta per tutti i reati che portano la "corruzione sulla Terra". Una definizione che lascia aperte infinite possibilità e che permette, a totale discrezione dei giudici, di far rientrare in questa categoria praticamente tutti i reati che un essere umano possa commettere. In Arabia Saudita, ad esempio, la si commina in caso di omicidio, violenza carnale, traffico di droghe, rapina a mano armata, apostasia, relazioni sessuali illecite (omosessuali ad esempio). I condannati vengono portati dalla polizia in una pubblica piazza, vengono loro bendati gli occhi, messi a piedi nudi, manette alle mani e inginocchiati verso La Mecca. Poi c'è l'esecuzione della pena (Qisas) al grido "Allahu Akbar!". Prima, però di essere passati alla scimitarra, i poveretti vengono drogati con tranquillanti. Di certo, i tagliagole dell'Isis non hanno usato questa gentilezza con i loro ostaggi e le centinaia di cristiani, yazidi o soldati dell'esercito regolare iracheno: il rito che però accomuna queste bestiali esecuzioni con quelle "legali" degli Stati islamici è l'invocazione alla grandezza di Allah. La formula è la stessa, che la decapitazione avvenga nelle piazze di Riad o nei deserti del Nord Iraq occupati dal Califfato.
Non è certo una causalità: la spada contro assassini, ladri o pervertiti è la stessa che il Corano autorizza a calare sulle teste degli apostati e degli infedeli. Anche nella Sharia (le norme religiose, giuridiche e sociali direttamente fondate sulla dottrina coranica), è narrata la storia di Maometto che è stato personalmente protagonista di efferati crimini, come la strage e la decapitazione di circa 700 ebrei a Medina. Fatti che i musulmani non smentiscono. Una delle raccolte dei detti (hadith) del profeta si intitola proprio "ll libro delle razzie", in cui si elencano oltre 60 guerre ad opera di Maometto". Il Profeta dell'islam fu un uomo di guerra. Esortò i suoi seguaci a combattere per la nuova religione da lui fondata e disse che Allah, il loro dio, aveva ordinato ai fedeli di imbracciare le armi. E lui stesso, anziché limitarsi a predicare la guerra, combatté in numerose battaglie. Nel corso di questi scontri Maometto articolò numerosi principi, che da allora i musulmani non hanno mai smesso di seguire. Dunque, se l'esempio vien dall'alto...

COSA DICE IL CORANO
Meglio, allora, far tacere le interpretazioni e dare la parola al sacro testo dell'islam.
Corano 5:33 «La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l'ignominia che li toccherà in questa vita; nell'altra vita avranno castigo immenso».
Corano 8:12 «E quando il tuo Signore ispirò agli angeli: "Invero sono con voi: rafforzate coloro che credono. Getterò il terrore nei cuori dei miscredenti: colpiteli tra capo e collo, colpiteli su tutte le falangi! E ciò avvenne perché si erano separati da Allah e dal Suo Messaggero". Allah è severo nel castigo con chi si separa da Lui e dal Suo Messaggero».
Corano 47:4 «Quando [in combattimento] incontrate i miscredenti, colpiteli tra capo e collo finché non li abbiate soggiogati, poi legateli strettamente. In seguito liberateli graziosamente o in cambio di un riscatto, finché la guerra non abbia fine».
Corano 9:123 «O voi che credete, combattete i miscredenti che vi stanno attorno, che trovino durezza in voi. Sappiate che Allah è con i timorati».
Corano 2:191 «Uccideteli ovunque li incontriate, e scacciateli da dove vi hanno scacciati: la persecuzione è peggiore dell'omicidio. Ma non attaccateli vicino alla Santa Moschea, fino a che essi non vi abbiano aggredito. Se vi assalgono, uccideteli. Questa è la ricompensa dei miscredenti».
192 «Se però cessano, allora Allah è perdonatore, misericordioso».
193 «Combatteteli finché non ci sia più persecuzione e il culto sia [reso solo] ad Allah».
Corano 9:29 «Combattete coloro che non credono in Allah e nell'Ultimo Giorno, che non vietano quello che Allah e il Suo Messaggero hanno vietato, e quelli, tra la gente della Scrittura, che non scelgono la religione della verità, finché non versino umilmente il tributo, e siano soggiogati».
30 «Dicono i giudei: "Esdra è figlio di Allah"; e i nazareni dicono: "Il Messia è figlio di Allah". Questo è ciò che esce dalle loro bocche. Ripetono le parole di quanti già prima di loro furono miscredenti. Li annienti Allah. Quanto sono fuorviati! 31 Hanno preso i loro rabbini, i loro monaci e il Messia figlio di Maria, come signori all'infuori di Allah, quando non era stato loro ordinato se non di adorare un Dio unico».
Corano 8:15 «O voi che credete, quando incontrerete i miscredenti in ordine di battaglia non volgete loro le spalle».
16 «Chi in quel giorno volgerà loro le spalle, eccetto il caso di stratagemma per [meglio] combattere o per raggiungere un altro gruppo, incorrerà nella collera di Allah e il suo rifugio sarà l'Inferno. Qual triste rifugio!».
17 «Non siete certo voi che li avete uccisi: è Allah che li ha uccisi. Quando tiravi non eri tu che tiravi, ma era Allah che tirava , per provare i credenti con bella prova. In verità Allah tutto ascolta e conosce».
Corano 8, 55-60 «Di fronte ad Allah non ci sono bestie peggiori di coloro che sono miscredenti e che non crederanno mai... Se quindi li incontri in guerra, sbaragliali facendone un esempio per quelli che li seguono, affinché riflettano».?
Corano 47,35 «Non siate deboli! Non offrite pace al nemico mentre avete il sopravvento! Dio è con voi e non vi frusterà nell'opere vostre. Quando poi saranno trascorsi i mesi sacri, uccidete gli idolatri dovunque li troviate, prendeteli, circondateli, appostateli ovunque in imboscate».

IL VERO ISLAM
Tutto questo è soltanto una deviazione dal vero islam? E il jihad è solo una guerra "spirituale e morale" tutta interiore? È la tesi di molti islamisti, intellettuali e capi di scuole che propongono una reinterpretazione del Corano in questa chiave, respingendo la versione maomettana intransigente e politica. Ma non sono certo in grado di condizionare lo strapotere che i gruppi più radicali e fondamentalisti hanno acquisito in questi anni, favorito anche dall'assenza di un'autorità unica legittimata a dare la corretta interpretazione delle scritture. In ogni modo, la riflessione teologica e politica non può certo chiudere gli occhi su un fatto difficilmente negabile: vero o no quello raffigurato dal Corano è l'islam esistente, reale e che si manifesta al mondo come ideologia il cui scopo è la sottomissione religiosa e politica del mondo. [...]

Nota di BastaBugie: si consiglia anche la lettura del seguente articolo
I DRAMMATICI APPELLI DEI VESCOVI IN IRAQ E IL SOSTANZIALE DISINTERESSE DELL'OCCIDENTE
E' urgente un intervento armato immediato per scongiurare l'eliminazione dei cristiani, ma da noi si prende a pretesto Papa Francesco per giustificare il silenzio e le omissioni
di Riccardo Cascioli
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=3412

Titolo originale: «Tagliate la testa ai cristiani». Lo ordina il Corano
Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana, 22-08-2014
Pubblicato su BastaBugie n. 364
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 9:36 am

Moamed del Coran e Cristo dei Vanxełi: do omani, do parołe, do livri a confronto.

viewtopic.php?f=24&t=1329

L’articolo 18 della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo recita: «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.»

Sto dirito parké el posa esarghe el ga come oblego de no violarlo!
Łe to prateghe rełijoxe, łe to łej, i to ati, łe to parołe łe ga da esar tute conformi a sto dover-dirito, col se vioła se perde en otomatego ogni dirito.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 9:36 am

Leje Mancino

http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_Mancino

La legge 25 giugno 1993, n. 205 è una norma della Repubblica Italiana che sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all'ideologia nazifascista, e aventi per scopo l'incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali. La legge punisce anche l'utilizzo di simbologie legate a suddetti movimenti politici.
Emanata con il decreto legge 26 aprile 1993 n. 122 - convertito con modificazioni in legge 25 giugno 1993, n. 205 - è nota come legge Mancino, dal nome dell'allora Ministro dell'Interno che ne fu proponente (il democristiano Nicola Mancino).
Essa è oggi il principale strumento legislativo che l'ordinamento italiano offre per la repressione dei crimini d'odio.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 9:41 am

Persecusion dei cristiani, dei pagani, de łi ebrei, dei musulmani, de łi atei e de łi apostati, de łi raxianti (ereteghi), dei coki.
viewtopic.php?f=24&t=1331

Jihad o goera "santa" xlamega on cremene contro l'omanedà
viewtopic.php?f=141&t=1381

Łi atei entel mondo musulman
viewtopic.php?f=24&t=1330

Apostaxia o ridda o … ente l'Ixlam
posting.php?mode=post&f=24
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 9:41 am

Moskea o no moskea se ga da dimandarlo ai çitadini
viewtopic.php?f=24&t=1378


Macellazione halal, il video choc

http://www.ilgiornale.it/video/cronache ... ebook+Page

Pecore terrorizzate, prese a calci, ferite e percosse prima di venire uccise. Queste le immagini choc che arrivano da un mattatoio halah - conforme cioè ai dettami dell'Islam - dello Yorkshire, nel nord dell'Inghilterra. Un video che ha suscitato l'indignazione di cittadini e politica. Tanto che ora si pensa di mettere al bando la pratica. Tratto da Youtube
Mer, 04/02/2015 - 12:55
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 10:02 am

Caro Papa Françesco (na bołetina)
viewtopic.php?f=24&t=1350


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... A7esco.jpg



A go da dirte do tre robete e da farte coalke dimandina, spero ke sto me scrito el te rive ente coalke manera e ke te cati el tenpo e ła voja de dirme anca ti calcoxa e de darme coalke resposta.

Mi a so nato kì entel Veneto, tera creistiana suparxò da 1700 ani e a 60 ani me cato omo spertual ma ke no se sente pì creistian.
Te ło confeso a go fato tanto par no esar pì creistian, par leberarme de coeła ke par mi ła jera ła osesion rełijoxa creistiana e anca de tute łe rełijon o edeołoje rełijoxe ca ghè al mondo … a so devegnesto n’omo de fede e rełijoxo sensa credense, sensa na rełijon e me cato pì ke benon anca drento el dolor e l’oror e come tuti łi omani da Gandhi al Cristo en croxe, anca mi co vegnarà l'ora e se me restarà fià a ciamàro el popà o ła mama.

A so n’omo de fede e on credente senza rełijon, mi credo come ke crede tute łe creadure del creà, credo sensa credare, credo col cor, d’istinto come ca arfio o respiro, credo entel Pare Çeleste ke par mi lè anca na Mare come par tanti omani “pagani” del pasà; credo ke sto Paremare Çełeste el sipia on mistero ke no se pol defenir e kel so amor el sipia de na nadura ke naltri omani no podemo capir come ca te dixi anca ti davanti al el dolor e a ła morte dei putini e de łi enoçenti: anca l’amor de Dio come Dio steso lè on mistero.

Credo ke Cristo l’ebreo el sipia stà n’omo, on bon’omo, ma no credo kel sipia el fioło de Dio o Dio encarnà (come ke no łi crede gnanca łi ebrei); no credo ente łi so miracołi e kel sipia resusità; credo par xonta ke Moamed nol sipia stà on bon omo e on santo, co tuta ła xente kel ga copà e kel ga fato copar el me fa lomè ke oror on cativo somexo par tuti łi omani de ła tera. Cristo nol ga mai copà nesuni o kikesipia.

Mi vuria ke co te parli de naltri ke no credemo entel credo cristian e ente coełi ebraego e maometan, ke vegnemo diti miscredenti, enfedełi, sensa fede e sensa Dio a te canbiàsi na s-cianta e ke a te faxesi canviar anca łi to omani e ke a ghèsi tuti pì creansa verso de nantri ke come valtri semo fiołi de Dio o Alah e ke come valtri a ghemo on cor ke bàte e ke ente sto cor a ghè el spirto de Dio kel ło anema e no ga gnaona enportansa se no semo enfasà come i credenti ente łe edeołoje rełijoxe ke, me par, da e par miłegni łe gapie fato pì mal ke ben.

El mesajo de l’omo Cristo, del volerse ben, lè on bon mesajo ke el pol ndar ben par tuti łi omani de ła tera, mesajo ke lè asè vecio, tanto pì vecio de Cristo e nato xa ente ła boca de Dio col ga creà ła tera e łi omani.

No saria mal se te ghe dixesi a łi to pitori e dexegnadori ke łi scuminsiàse a figurarse Cristo l’ebreo co łe fatese de n’ebreo e de łi semiti de l’ara ixraeło-pałestinexe e no come on roman o on xerman biondo o castan co łi cavej longhi kel par pena stà dal paroukier, parké a te ło se anca ti ke Cristo l’era n’ebreo e no on roman o on xerman.

Se dapò a te voł farło sentir fradeło de tuti, lora fało figurar co łe fatese de tuti łi omani e popołi de ła tera e faghe parlar tute łe łengoe de łi omani e no łomè coełe del poder połedego come el latin, l’arabo o el tałian, faghe parlar anca el veneto, la me łengoa, parké a te ło se anca ti ke C risto el parlava de prefarensa ła łengoa aramaega de ła so xente, pì ke l’ebraego połedego de łi testi sagri, come ke a te ghe ghè sovegnesto a l’ebreo Netanyahu (dito Bibi) co te si ndà a Jeruxałeme.

E xa ca semo drio parlar de ebrei forse a saria el caxo ke te ghe dixesi a łi to previ teołoghi e de cexa, par darghe anca el bon somexo ai muxlim, ke łi scuminsiase a canviar ente i livri de teołoja, entel mesal, ente łe predeghe e ente ła dotrina par i fedełi, el dito ke a copar Cristo a xe stà łi ebrei, parké lè na bàła ke da 1700 ani ła fa da fondamento a ła so persecusion e a el so stermegno. Te ło se ben ke Cristo lera n’ebreo e ke el jera sta encolpà de dir raxie o de esar eretego da łi ebrei ortodosi de Jerouxałeme e ke prasiò łè sta arestà dai soldà judei e meso a morte dai romani e copà en croxe dai soldà romani. Faghe dir a łi to previ ke a copar Cristo a xe stà i romani su istigasion de ła megnoransa ortodosa domenante de łi ebrei de Jeruxałeme ke no łi podeva açetar ke Cristo el se dixese Dio, ke par luri e anca par mì lè na bastiema granda. Nesun omo el pol esar Dio o Alah.
Se valtri a vułi credar ke Cristo el fuse o el sipia Dio gavì da açetar ke łi ebrei e tuti staltri ke no ghe crede no łi ghe creda e anca mi no ghe credo.

Te ło ghè ben dito anca ti ke no se pol copar en nome de Dio o Alah, prasiò se na parte de łi ebrei e de łi romani łi ga xbajà a copar Cristo no sta, anca ti farte conpleçe de ła mełegnara persecousion de łi ebrei e del so stermegno … fa ke ła Cexa Creistiana Catołega Santa e Apostołega ła ghe ła mołe co sta storia.


A vuria anca ke te ghesi el corajo e ła prudensa de dir al mondo ke entel Coran a ghè de łe prescreision viołente e criminałi contro l’omanedà e ke a ghè na beła difarensa tra el Cristo morto en croxe e el Moamed ke stermena e kel fa stermenar miłara e miłioni de omani. Cristo nol ga mai copà e ordenà de copar, se po’ łi creistiani łi ło ga fato no xe colpa de Creisto e del Vanxeło ma de łi omani ke łi ga tradesto ła paroła de Cristo.


A vuria anca ke co te parli de łi atei, diti sensa Dio, a te canviàsi solfa, parké no xe vero ke łi xe sensa Dio, parké Dio el ghè par tuti, voja o no voja e te ło se ben, coeło ke łi atei no łi vol no xe el Dio de tuti łi omani ma el Dio idoło de łe credense edeołojeghe de łe rełijon, xe coel Dio ke nol xe Dio ma on Dio domestegà e redoto en servetù ke łi atei no łi vol e no łi pol açetar. Par łi atei Dio el ghè ma par lori no serve tirarlo senpre el bàło e parlarghene e farghene n’idoło de coulto co tenpli e cexe.
Par łi atei l’omo lè responsabiłe de łi so ati e de łe so parołe e tuti łi omani łi xe conpagni parké creadure de Dio o Alah.
A te ghè dixesto ben: “no se ga da ofendar łe fedi” ma no se ga da ofendar e copar ki ke no ga fede e ke no crede ente ła to fede e ke no vol saverghene de ła to fede. E se ti a te te parmeti de enpurpiarte de Dio o Allah, el Pare Çełeste de tuti łi omani e Creador de l’Ogneverso, xe pì ke justo ke te vegni cojonà e tolto pal cul par ła to stoltesa, prexounsion e rogansa.

A mi łe vignete no łe me toca e de seguro no łe toca gnanca Dio o Allah.
Ente ogni caxo ki ke copa par na vigneta lè on mato patoco-criminal e el va copà par defendarse o meso ente coalke gałera de coresion.
Se penso a tuti coełi ke tira raxie, sarake, ostie, bastieme, porki, sacramenti, ... dovarisełi esar copà tuti, cofà anca mi ke a 'olte la me scapa?

Dio e Allah no łi xe purpietà de coalkeomo ke pol canpar diriti so de lori e ofendarse.
Dio o Allah no łi xe s-ciavi dei omani e ła vita de n'omo l'è on dono de Dio e ki ke ła tol lè el pì grando de łi sensa Dio, dei raxianti, dei bastiemadori.
La vita de n'omo ła xe sacra e no se pol darghe el valor de na vigneta o de na bastiema.
Ki ke el se ła ciàpa el ga lomè ke da vargognarse.
Caxo mai xe Dio o Alah ke el pol tor łi provedimenti del caxo e no łi ga çerto cogno/bexogno ke coalke omo el ciàpe łe so defexe.
Dio o Allah łi xe ognipotenti e no łi ga certo cogno de l'aio de n'omo contro n'altro omo.

Se po' se pensa a ki ke xe ateo o apostata o no credente e ke par sto fato el vien persegoità e kopà da łi memi òmani ke łi copa par defendar Dio da na vigneta o da na saràka, mi credo ke Dio o Allah łi prefarisa perdar l'aio de sta xente sensa creansa, sensa omanedà, ke copa par gnente.
Dio el parmete de copar lomè ke par defendarse e no par na paroła o par on dexegno.
Ki kel xe sensa pecà el bute ła prima pria!
Mi no a go gnente da spartir co sti credenti sensa Dio o Allah!

Caro Françesco a te me pari on bon omo, mi ła penso e ła credo cusì:

Ła bastiema pì granda ke l’omo el posa dir lè coeła de dirse Dio o Alah o on so prefario o predileto!
Dio o Alah lè el Pare Cełeste e Creador de l'Ogneverso e nol ga prefarense par ki ke sipia e gnanca mai el ga mandà coalkedon (o lu memo fatose omo e ciamà fioło) a morir en croxe par salvar el mondo, anca se xe vero ke da ła morte dapò vien senpre ła vida e ke Dio o Alah lè vida sagra, santa, enfeneda e eterna e ke a ghé çerte tradision ke łe vien da asè lonsi e ke łe se perde ente ła pristoria e entel mondo majego e de łi misteri.

On credente el ga el dirito de credar e on ke nol crede el ga dirito de no credar.

Se on credente el va en volta a contar kel so credo lè veretà, on ke nol ghe crede el ga el memo dirito de ndar en volta a contar ke kel credo no ła xe na veretà ma na bàła.

Se no ghe fuse i credenti no ghe saria gnanca ki ke no crede e no ghe saria gnanca łe goere de rełixon e ła persecusion de łe credense de łi altri, de ki ke canvia credensa e de ki ke no crede.
Se no ghe fuse ki ke no crede e pì credense, i credenti łi rivaria a de ke łi asoloutixmi orendi ke se pol ben "apresar" ente łi paexi totałidari endoe xe bandeste e persegoità łe altre credense e tuti coeli ke no crede: łe tere de l'abomegno del teror e de l’oror endoe kel sangoe de łi enoçenti el score come acoa.

Se ga lomè da rengrasiar ki ke no crede e ke ne porta e ke ne tien co łi pie par tera, anca co łe so crue cargadure e desagrasion.

Łe ognołe credense bone łe xe coełe ogneversałi ke łe va ben par tuti parké łe xe veretà ke tuti łi pol recognosar e ke no se pol no recognasar parké łe xe viste/sentie/apresà/condivixe da tuti.



Stame ben e:

Ke i Santi del Çeło łi te tegna de ocio
e kel to Anxoło el te custodisa dal bon ła note e 'l dì;
ke ła Madona ła te couerxa co łe ałe del so xendałe
e kel nostro Paremare Çełeste el diga ben de ti el te bendiga!
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » ven feb 06, 2015 10:25 am

Jihad o goera "santa" xlamega on cremene contro l'omanedà
viewtopic.php?f=141&t=1381


Guerra santa - Enciclopedia dei ragazzi (2005) - di Silvia Moretti

http://www.treccani.it/enciclopedia/gue ... ragazzi%29

Jihad: una parola con più significati

Tra la fine del 20° secolo e i primi anni del 21° l'espressione guerra santa ha conquistato spesso le prime pagine dei giornali: terroristi fanatici di matrice islamica, responsabili di terribili attentati, si presentano come i promotori di una guerra santa contro l'Occidente, una battaglia senza esclusione di colpi che colpisce indiscriminatamente i civili. Ma guerra santa è un'espressione con una storia molto antica, che affonda le sue radici nel messaggio originario dell'Islam, e che ha ben poco a che vedere con le tesi di queste organizzazioni terroristiche

Il grande e il piccolo jihad

In Occidente abbiamo a lungo tradotto la parola araba jihad con "guerra santa". Si tratta di una traduzione fuorviante, che ci ha spinto spesso a equivocare l'esatto significato del termine. Letteralmente jihad significa "sforzo", individua lo slancio per raggiungere un dato obiettivo e può fare riferimento allo sforzo spirituale del singolo individuo per migliorare sé stesso. Ma jihad è anche un'azione armata che ha come obbiettivo l'espansione dell'Islam o la sua difesa: è in questo caso che si parla di guerra santa. Molti interpreti dei testi sacri dell'Islam considerano questa come il "piccolo jihad", mentre giudicano lo sforzo spirituale di trasformazione di sé stessi il "grande jihad". Anche in questo caso, infatti, si tratta di una guerra, ma è una guerra che il musulmano combatte dentro di sé, contro i suoi istinti più materiali e le tentazioni di una vita pagana, senza fede. Prevalentemente, però, il termine jihad è stato interpretato come la guerra santa contro gli infedeli, lo strumento armato per la diffusione dell'Islam.

La guerra santa: regole e comportamenti

Il Corano e i trattati di diritto islamico prevedono che la guerra santa venga condotta solo contro gli infedeli (pagani e politeisti) e che l'azione armata debba essere preceduta da un esplicito invito a convertirsi all'Islam: solo di fronte a un rifiuto si deve procedere alla guerra. In caso di guerra santa ebrei e cristiani non sono obbligati alla conversione, ma devono sottostare al pagamento di un tributo e accettare la protezione dell'Islam. L'obbligo di partecipare al jihad non è esteso a ogni singolo musulmano: basta che ad assolvere questo compito sia un numero adeguato di membri della comunità. In guerra è vietato uccidere donne, bambini, vecchi e ammalati; è anche vietato impadronirsi personalmente di beni di un certo valore a meno che non sia cibo per il proprio sostentamento.

Il jihad non ha nulla a che vedere con le azioni violente di terroristi di matrice fondamentalista (fondamentalismo) che minacciano chiunque, in Europa, negli Stati Uniti e negli stessi paesi arabi, sostenendo di aver lanciato la guerra santa contro l'Occidente e i suoi alleati. Come è avvenuto in Algeria negli anni Novanta, quando vennero trucidati interi villaggi di civili innocenti, o nei terribili attentati suicidi in Israele, a New York (2001), Istanbul (2003), Madrid (2004), Londra (2005).

Un dovere religioso

Il jihad non è un pilastro dell'Islam (come la professione di fede, la preghiera, l'elemosina, il pellegrinaggio e il digiuno durante il Ramadan), ma è un dovere, prescritto da Dio attraverso il suo profeta Maometto. Nel Corano e in altri testi il termine jihad è spesso seguito dall'espressione fi sabil Allah "nel sentiero di Dio". Un musulmano dedica tutto sé stesso al jihad, allo stesso modo di un monaco che dedica la sua esistenza al servizio di Dio. Per il Corano, inoltre, il jihad è uno dei cancelli del Paradiso: a chi combatte per l'Islam il Corano spalanca le porte della beatitudine celeste, e chi muore nel compimento della guerra santa è un martire della fede. Questo accostamento tra vita monastica e vita del mujiahid ("colui che compie il jihad") potrà sembrare un po' forzato, irriverente, ma serve a spiegare l'enfasi religiosa, la devozione assoluta, l'atto di sottomissione a Dio di un musulmano impegnato nel jihad.

Ai nostri giorni in molti paesi musulmani si è fatto sempre più forte il richiamo a un'interpretazione rigida delle scritture. In questo clima di diffusa ostilità verso il mondo occidentale i terroristi cercano di strumentalizzare il linguaggio religioso e politico dell'Islam, cavalcando tesi estremiste che stravolgono il significato del jihad così come enunciato dal Corano. Uno degli obbiettivi dei terroristi è accentuare le contrapposizioni tra Occidente e Islam, negando la possibilità di una pacifica convivenza che è quanto invece la nostra storia comune ci ha insegnato.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Sixara » ven feb 06, 2015 8:55 pm

Còsa servelo naltro tenpio da zontarghe a tuti kei altri, naltro culto, naltra relijon...
( scuxame a fago de le prove pa vedare se l me dixe : FORBIDDEN)
no ghi n émo vù bastanzha de credense pa zontarghe anca la no credensa tel mùcio.
A te te ghè nvià ben metendo la Ipazhia e l Oriana ( e l Antigone e tute kele altre), bravo.
Tute le credense i è stà fondà da òmeni pa i òmeni, lori i ga bixogno de tirar sù tenpli e caxe ke no ghe basta el so corpo e la so testa, ke gnanca i la capìse la sacralità de corpo-mente se i ghe và n zherca drento on tenpio.
Ma le femene nò.
Avatar utente
Sixara
 
Messaggi: 1755
Iscritto il: dom nov 24, 2013 11:44 pm

Re: El tenpio o ła caxa de ła lebartà e de ła no credensa

Messaggioda Berto » sab feb 07, 2015 7:58 am

Caro Papa Françesco ma par ti se mi digo "no credo ke Cristo el sia fioło de Dio e Dio" e ke "Alah el sipia on santo e on profeta pì profeta de łi altri e de ogni omo" e ke prasiò sto "no credar" el saria come dir ke tute ste credense no łe xe vere e prasiò false ... lora se cusì a xe łe robe sto me dir xeło na ofexa a łe rełijon ?


«Niente violenza per reagire alle offese»

http://www.famigliacristiana.it/articol ... ffese.aspx

15/01/2015 Sul volo verso Manila Bergoglio ha parlato degli attentati di Parigi affermando che la «libertà di espressione è un diritto, ma anche un dovere» e che se le religioni vengono offese non si può reagire con la violenza. Sul rischio di attentati ha detto: «Mi preoccupa l’incolumità dei fedeli, io sono incosciente». Poi ha annunciato che prima dell’estate uscirà un’enciclica sull’ambiente e che è allo studio un incontro interreligioso ad Assisi per pregare per la pace “La religione non può mai uccidere, non si può farlo in nome di Dio”. Il Papa lo ha detto in aereo ai giornalisti durante il volo da Colombo a Manila. Poi ha aggiunto: “Ma non si può provocare, non si può prendere in giro la religione di un altro. Non va bene”. La domanda è stata fatta da un giornalista francese, che gli ha chiesto fino a che punto si può andare con la libertà di espressione. Quindi ha chiarito ulteriormente con un esempio spiegando che la libertà di espressione va bene, “ma se il mio amico Gasbarri (l’organizzatore dei viaggi del papa, n.d.r) dice una parolaccia sulla mia mamma... ma si aspetti un pugno! E’ normale!. Non si può provocare, non si può insultare la fede degli altri ". Poi ha avvisato: “Non si giocattolizza la religione degli altri”.

Il Papa ha ricordato che la "libertà di espressione è un diritto, ma anche un dovere". Neppure si deve offendere “la religione", ma se accade “non si reagisce con violenza”. Poi ha parlato dei kamikaze e dei kamikaze bambini e ha detto che, “senza mancare di rispetto a nessuno”, ma “dietro ogni attentato suicida c'è uno squilibrio, non so se mentale, ma certamente umano”.

Sui bambini ha detto: “Per quanto riguarda l'uso dei bambini per gli attentati (il riferimento è alle ragazze kamikaze in Nigeria e al video choc del bambino che uccide una vittima dell'Is, n.d.r): sono usati dappertutto per tante cose, sfruttati nel lavoro, come schiavi, sfruttati sessualmente. Alcuni anni fa con alcuni membri del senato in Argentina abbiamo voluto fare una campagna negli alberghi più importanti per dire che lì non si sfruttano i bambini per i turisti, ma non ci siamo riusciti... A volte quando ero in Germania, mi sono caduti sotto gli occhi articoli che parlavano delle zone del turismo erotico nel Sud Est asiatico e anche lì si trattava di bambini. I bambini sono sfruttati anche per questo, per gli attentati kamikaze. Di più non oso dire”.

Il Papa ha anche rivelato che all’inizio dell’estate uscirà l’enciclica sull’ambiente. Ha detto che la terza bozza è attualmente al vaglio della Congregazione per la dottrina delle fede, della Segretaria di Stato e del teologo della Casa pontificia, per evitare che “io dica stupidaggini”. Poi a marzo, ha aggiunto, il papa, “prenderò tutta una settimana per finirla”. Così potrà essere pubblicata un po’ prima dell’incontro internazionale sul clima di dicembre. Bergoglio ai giornalisti ha detto: “Quello di Lima mi ha un po’ deluso, speriamo che a Parigi siano un po’ più coraggiosi”.

Tra le altre cose di cui ha parlato il papa c’è anche un futuro incontro delle religioni ad Assisi: “C'è stata la proposta di fare un nuovo incontro ad Assisi con le religioni contro la violenza, so che alcuni stanno lavorando su questo. Ho parlato con il cardinale Tauran e so che questo suscita inquietudine nelle altre religioni”. Infine ha spiegato il senso della sua missione nelle Filippine, spiegando che al centro ci sono “i poveri che hanno sofferto per il tifone Yolanda e ancora soffrono le sue conseguenze ma hanno fede e speranza”.
Ha voluto anche chiarire qualche cosa sull’allarme per la sua sicurezza di questi giorni, spiegando che al centro della sua preoccupazione c’è “per l'incolumità dei fedeli” mentre per sé ha “una sana incoscienza”: “Sempre il migliore modo per rispondere è la mitezza, essere mite, umile, come il Padre, senza fare aggressioni. A me preoccupano i fedeli, su questo ho parlato con la sicurezza vaticana, il dottor Giani mi aggiorna, mi preoccupano i fedeli, ho paura per loro, ma lei sa che io ho un difetto, una bella dose di incoscienza. Ma se mi accade questo? Soltanto ti chiedo la grazia che non mi facciano male, perché non sono coraggioso di fronte al dolore”.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29798
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Prossimo

Torna a Altre credense e credense ogniversałi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite