Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Re: Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i vene

Messaggioda Berto » lun dic 12, 2016 9:49 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i vene

Messaggioda Berto » lun dic 12, 2016 9:49 am

I veneti venesianisti ke łi nega e falba ła storia veneta
viewtopic.php?f=148&t=1831

I veneti ke nega e falba ła storia veneta no łi xe lomè i veneti tałiani ma anca i veneti venesiani:

i veneti tałiani
łi nega ła storia del Veneto mexoeval xerman, de ła Serenisima e del Veneto venesian:

i veneti venesiani
łi nega i 900 e pàsa ani de storia del Veneto mexoeval xerman,
e łi fa pasar i migranti xermani e el domegno xerman cofà calcosa de orendo e enfernal ke dapò lè stà canvià entel paradixo del domegno venesian;
en pì łi fa pasar ła storia dei veneti de łe lagoune e coeła de Venesia come se ła fuse ła storia de tuti i veneti;
da xontarghe l'exaltasion de l'ordenamento istitusional venesian come se l fuse stà el mejo del mondo e coeło pì democratego: scondendo e dexmentegando ke ła Repiovega Veneta a domegno arestogratego venesian no ła jera democratega, no ła jera federal e no ła jera de tuti i veneti ma solkè dei venesiani ke łi tegneva naltri veneti de tera cofà suditi. E ke stà peca lè ła caouxa del desfamento de ła Repiovega Veneta a opara de Napoleon.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i vene

Messaggioda Berto » dom dic 18, 2016 8:56 am

Sol mito de Venesia

https://www.facebook.com/photo.php?fbid ... 0531959846

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 1/kw19.jpg

Venezia entra nella storia nel 421
d.c., si sviluppa rimanendo in bilico tra l'oriente e l'occidente, assieme al suo dogado che si estende da Grado a Carvarzare, finché non s'impone come potenza internazionale nel 1204 fondando lo stato da Mar esteso fino al Mediterraneo orientale al Mar Rosso al Mar Nero proteso verso l'Asia centrale l'Oceano Indiano. E lo stato da Tera che ristabilisce equilibri e confini della Venezia più classica dall'Adda all'Istria. Il 1500 segna il trionfo della Serenissima che resiste all'intera Europa coalizzata contro le sue istituzioni. Le istituzioni, rivoluzionarie, federali, repubblicane non riducibili ai sistemi monarchici e feudali allora imperanti, e si regge sul consenso e non sulla repressione, le masse contadine artigiane operaie che ovunque in Europa si rivoltano secolo dopo secolo contro i governi e gli stati sono invece muraglia più possente e durevole a difesa della grande Repubblica Veneta, che ha in Venezia il suo cuore e nel diritto il suo spirito, Venezia ed il Veneto diventano allora la patria dell'arte, l'arca della civiltà della pace, San Marco e per l'intera Europa
bandiera di libertà, buon governo, gioia di vivere, neutrale, ricca di una enorme legittima ricchezza diffusa pacifica come una odierna Svezia o una odierna Svizzera. La Repubblica Veneta subisce una insensata spartizione ad opera di Napoleone e del suo futuro suocero Francesco D'Asburgo, perde il suo Stato da Tera e quel che rimane del suo Stato da Mar e viene dominata. Perde la sua libertà subisce prima la prepotenza dei Francesi che accolti come amici si comportano come occupanti razziatori poi la dominazione austriaca quindi quella francese infine il ritorno degli austriaci temporaneamente interrotto dalla rivoluzione 1848/49 prima di essere sostituito dalla dominazione italiana.

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... enezia.jpg


Creteghe mie:
Sto toco el ga varie enpreçexione e coalke falbesa (falsetà):
Venesia da co ła xe nata fina al 1200 ła se ciamava Rivoalto/Rialto. La so data de naseda lè na łejenda.
La so soransa e dapò domegno ente ła łagouna ła scuminsia secołi pì tardi de ła so soposta naseda.
La Repiovega Veneta a domegno venesian, ła jera arestogratega e no ła jera federal e no xe vero kel so domegno el fuse baxà sol consenso de łe jenti ke łe ghe jera sudite. Ente l'Ouropa no ghe jera tute monarkie ma ghe jera anca tante Repioveghe, par somexo coeła de Jenova e tante altre (Pixa, Amalfi, Ancona, Gaeta, Raguxa dalamata) e no xe par gnente vero vero k'a fuse lomè monarkie feudali a ghe jera anca tanti comuni e aree industriałi e comerçałi cofà ła Lega anseatica.
Venesia no ła ga enventà ła democrasia comounal ke ła xe nata prima ente łe çità de ła teraferma e ke dapò ła xe rivà anca a Venesia. Democrasia comounal ke ła jera difuxa ente tuta l'Ouropa vanti k'a dapò ła se canviàse en segnorie. A ła prova de ła storia Venesia co ła so Repiovega Arestogratega e col so mito no ła ga reto, no ła xe stà en pie e ła xe termenà egnobilmente.




So ła fondasion de Venesia ente ła łagouna veneta
viewtopic.php?f=137&t=536

Naseda del comoun venesian
viewtopic.php?f=137&t=629

Comun, Arengo, Mexoevo, Istitusion
viewtopic.php?f=136&t=273

La Repiovega Veneta a domegno venesian no ła jera federal, no ła gheva gnente de federal
viewtopic.php?f=167&t=1602

Ła Repiovega Veneto Venesiana lè termenà ente 1797 el 12 de majo
viewtopic.php?f=160&t=807

Repioveghe marinare
https://it.wikipedia.org/wiki/Repubbliche_marinare

Lega anseatega
https://it.wikipedia.org/wiki/Lega_anseatica

El mito de Venesia lè n'entrigo par l'endependensa veneta
viewtopic.php?f=183&t=1816
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Messaggioda Berto » gio nov 09, 2017 8:26 am

Il venezianismo è una idolatria politica antiveneta
viewtopic.php?f=167&t=2692

Anch'io per qualche anno sono stato preso dal mito veneziano, poi studiando, riflettendo, scandagliando, ragionando ... ho preferito la verità della realtà storica alle falsità e alle illusioni del mito;
mi ci sono voluti anni per capirlo come prima mi ci son voluti decenni per capire le falsità, il male e i danni dell'unitarismo italiano e del suo nazionalismo risorgimentalista e romanista.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Messaggioda Berto » gio nov 09, 2017 8:26 am

Questo è un tipico esempio di venezianismo fanatico, ignorante e disinformativo, dove si confondono i venetici o veneti antichi, la X Regio e la Venetia et Histria di epoca Romana; Venezia, l'impero veneziano e il Veneto; tutto incentrato su Venezia e i veneziani e trascurando del tutto il resto del Veneto e dei veneti.


Immagine
https://veneta.link/category/cultura/st ... ica-veneta

Il territorio “Veneto” nel 1797 non era certo quello che conosciamo oggi.

https://veneta.link/i-territori-della-r ... -nel-1797/

La Repubblica di Venezia infatti comprendeva:

Il Dogado di Venezia con le isole delle Lagune e un lembo di terraferma. Tale Dogado era suddiviso in tredici parti:
– Venezia – Le isole della Giudecca, S. Giorgio, S. Elena, S. Erasmo. I I lidi di Malamocco e Palestrina;
– Chioggia, San Michele, Murano, isolette di Mazzorbo, Torcello e altre, Mestre, Marghera Tornovo e Loreo;
Territori Padovano;
Polesine e Rovigo;
Il veronese;
Il vicentino e la Reggenza dei 7 Comuni
La comunità della Val Camonica Il bresciano che comprendeva una parte dell’attuale provincia di Mantova;
Il territorio Bergamasco;
Il territorio Cremasco;
La Colonia Veneta
Il germanico;
la marca trevigiana
I territori di Feltre, Belluno e la Magnifica Comunità del Cadore erano autonome;
I territori di Primo, Secondo e Terzo di Là e di Qua , Pordenone e altre città oggi comprese nella Regione Friuli- Venezia Giulia.
La Terra della Tisana
Pordenone, Palmanova ed il litorale Adriatico fino a Duino
L’Istria insieme alle isole del Quarnaro, in cui Grado era già sede del patriarcato;
La Dalmazia di terraferma e le isole facente parte dello Stato Da Mar;
L’ Albania veneta comprendente Larta, Vonizza, Prevesa e Butriato;
Le isole di Corfù, Paxò, Antipaxò, S Maura, le Curzolari, Val di Compare (Itaca), Cefalonia e Zante.
Non compreeva Trieste, Ragusa e altre città che con Venezia liberamente commerciavano.


Chi governò l’antica Venetia?
17 luglio 2017

https://veneta.link/chi-governo-lantica-venetia


Venetia, terra dei veneti, chi la governò dopo l’Impero Romano?

In questa pagina e con vari articoli, andremo gradualmente a ricostruire la storia di chi governò la Venetia. Per ricevere le nuove uscite e gli aggiornamenti , iscriviti alla newsletter.

Anno – Governata da
449 – L’oro delle isole veneziane
466 – I tribuni
697 – I Doge
717 – II Doge
726 – III Doge
729 – I magistrati
742 – IV Doge




Alberto Pento
Questa è parte della storia delle lacune, ma le terre venete non laguunari che sono la più parte del Veneto o della Vnetia hanno un'altra storia.


I Duki e łe grandi fameje venete
viewforum.php?f=179

I Duki o Doxi de ła teraferma veneta
viewtopic.php?f=179&t=1318

Duki e doxi/dogi (ducati e dogado - dux e duce)
viewtopic.php?f=49&t=1201
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Messaggioda Berto » sab lug 28, 2018 6:14 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Messaggioda Berto » mar ott 02, 2018 7:16 am

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Ensemense, falbarie, mitomanie e enpreçixion sora i veneti

Messaggioda Berto » mar ott 02, 2018 7:16 am

Intervista impossibile all’indipendentista veneto
Enzo Trentin
01/09/2018

https://www.vicenzareport.it/2018/09/in ... sta-veneto

Vicenza – È un’intervista impossibile, perché il personaggio dice parole che ha effettivamente detto oppure che avrebbe potuto o dovuto dire, e dicendole ci illumina su di sé, sulle proprie azioni e sulle sue motivazioni. La scelta del personaggio è libera, perché realmente esiste. È un gioco diverso, di fantacritica, di ipotesi, e naturalmente per le più varie valutazioni sul personaggio del “rappresentante” politico che persegue l’autodeterminazione.

Un certo numero di veneti si dichiarano indipendentisti, molti altri lo sono nell’intimo, e si distinguono dagli autonomisti perché non disdegnano l’idea di un’uscita del Veneto dall’Italia, dall’Ue, dall’euro, e dalla Nato. Sarebbe un evento finora mai verificatosi. Allo stato attuale si può dire che molti abbiano spiritualmente elaborato ipotesi e aspettative più che plausibili su un evento del genere. Certamente avrebbe un impatto enorme. Quanto alla sua spiegazione, è decisamente chiaro a priori quali potrebbero essere i motivi dell’uscita.

Il nostro personaggio lo chiameremo convenzionalmente Cigno Nero. Il termine “cigno nero” è tratto dalla frase del poeta latino Giovenale “rara avis in terris nigroque simillima cygno”. Questa espressione era utilizzata nelle discussioni filosofiche del sedicesimo secolo a indicare un fatto impossibile o perlomeno improbabile. Si basa sulla presunzione che “tutti i cigni sono bianchi”, asserzione che ha avuto un senso fino alla scoperta del cigno nero australiano Cygnus atratus da parte degli esploratori europei.

Questo esempio dimostra come né il ragionamento deduttivo né quello induttivo sono infallibili. Un argomento dipende dalla verità delle sue premesse: una falsa premessa può portare a un risultato sbagliato, e dei dati limitati producono una conclusione non corretta. Il limite del ragionamento secondo cui “tutti i cigni sono bianchi” è dato dai limiti dell’esperienza, la quale ci fa credere che non esistano cigni neri.

Domanda di un elettore veneto: Perché vuole l’indipendenza del Veneto?

Risposta di Cigno Nero: Non credo che il limitato spazio del suo articolo possa contenere tutte le motivazioni che potrei esporre. Mi lasci semplicisticamente dire che l’autodeterminazione politica è il diritto di un popolo. I Veneti possono definirsi un popolo (quello italiano non esiste. Nella penisola vivono vari popoli), perché in generale sono un complesso di individui di una stessa area, che ha origini, lingua, tradizioni religiose e culturali, istituti, leggi e ordinamenti comuni. Si sono costituiti in collettività etnica costituiti in collettività etnica all’incirca tre millenni or sono. Hanno formato una nazione avente una organizzazione repubblicana che è durata oltre 1.100 anni, e con la sua indipendenza politica sono state realizzate infinite ed eccellenti opere di governo, legislative, sociali, e per ognuna delle cosiddette sette muse. Per il popolo veneto l’indipendenza è il prerequisito per un duraturo dominio politico ed economico.

D. – Lei vuole resuscitare l’antica Repubblica di Venezia?

R. – Non necessariamente. Dico più semplicemente che se non sappiamo da dove proveniamo, difficilmente sapremo dove andare. In quella repubblica c’erano molte cose buone (che possono essere ripristinate o meno), soprattutto se contestualizzata al suo tempo dominato da despoti e tirannie d’ogni genere. Le nostre istanze, e bene sottolinearlo, sono di carattere identitario che non ha nulla a che fare con il nazionalismo che abbiamo conosciuto nel ventesimo secolo.

D. – Lei vuole essere eletto alla Regione Veneto per poter da lì legiferare ed ottenere l’indipendenza?

R. – Sì! Io e chi la pensa come me non siamo golpisti, siamo gente normale che chiede di poter votare per l’autodeterminazione del popolo veneto. Non abbiamo nulla contro l’Italia.

D. – Dunque lei aspira ad essere il, o un, legislatore?

R. – Sì! E non posso chiudere gli occhi sull’esperienza scozzese, e catalana. Anzi traggo consapevolezza da quegli esperimenti.

D. – Nel celebre libro del 2007 “Cigno nero” di Nassim Taleb c’è una definizione già nella prima pagina del prologo: “Ciò che qui chiameremo Cigno nero è un evento che possiede le tre caratteristiche seguenti. In primo luogo, è un evento isolato, che non rientra nel campo delle normali aspettative, perché niente nel passato può indicare in modo plausibile la sua possibilità. In secondo luogo, ha un impatto enorme. In terzo luogo, nonostante il suo carattere di evento isolato, la natura umana ci spinge a elaborare a posteriori giustificazioni della sua comparsa, per renderlo spiegabile e prevedibile”.

L’uscita del Veneto dall’Italia, dall’Ue, dalla Nato (altra cosa è lo smantellamento delle basi Usa in Veneto), dall’Euro sarebbe (ad oggi) senz’altro un evento isolato, che non rientra nel campo delle normali aspettative, soprattutto perché niente nel sistema partitocratico può indicare in modo plausibile la sua possibilità. Non ci sono poi dubbi sul fatto che avrebbe un impatto enorme. Equivarrebbe a cambiare il governo con il consenso del governo. Mentre non c’interessano affatto le elaborazioni a posteriori per giustificare l’autodeterminazione, per renderla spiegabile, prevedibile, auspicabile.

Gli indipendentisti scozzesi e catalani hanno chiesto il voto referendario degli elettori, ma questi ultimi sapevano perfettamente quale nuova organizzazione sociale gli scissionisti avrebbero realizzato una volta eletti. Nel suo caso (Cigno nero), invece, par di capire che non è stato capace o non ha voluto produrre a tutt’oggi nemmeno una bozza di nuovo assetto istituzionale, perché prima vuole essere eletto, e dopo agirà. Insomma lei non ci dice:

se e come verranno individuati i nuovi “rappresentanti”?
come funzionerà il nuovo governo?
la nuova giustizia?
Le questioni religiose come saranno ordinate?
a che cosa si ispireranno i nuovi rapporti internazionali sia diplomatici che economici?
quale moneta sarà utilizzata?
quale nuovo ordine di pubblica sicurezza?
la difesa dall’esterno come sarà organizzata?
ci sarà, o meno, e quale sarà l’istruzione pubblica?
ci sarà, e quale potrà essere l’organizzazione della sanità pubblica?
che tipo di welfare potrà materializzarsi; come sarà finanziato e attuato?
i veneti indipendenti vivranno in libera concorrenza economica o meno?
verrà rispettata, o meno, la proprietà privata?
Sorvoliamo, per semplicità, il fatto che non ci sono risposte o proposte alla soluzione dei problemi della burocrazia asfissiante e inefficiente, sul conflitto d’interessi, sul piano energetico, dell’ambiente e della salvaguardia del territorio, sulle infrastrutture, sulle problematiche del lavoro e sindacali, e di molte altre cose che renderebbero l’elenco assai lungo.
‘last but not least’: se tra l’altro l’indipendenza del Veneto la si persegue a causa dell’irriformabilità e della inefficienza dello Stato italiano, perché dal giorno dell’autodeterminazione si dovrebbe accettare un periodo imprecisato di transizione tra il vecchio ed il nuovo ordinamento?

Una risposta credibile e condivisibile, anche per un solo aspetto di quest’ultima domanda, ad oggi non è pubblica. Ovvero il Cigno nero ha qualcosa da dire, ma non sa dire cosa. È un soggetto politico senza un piano di convivenza civile, che è il solo ad avere titolo di credito. Ci troviamo di fronte a un profeta, con i suoi pochi sodali, acrobatici dell’indipendenza che pretendono di utilizzare la Regione (istituzione italiana) per fare carriera proprio in quel sistema che fingono di contestare.

Sostanzialmente gli elettori veneti dovrebbero fidarsi di questa “rappresentanza” anche se non progetta o abbozza o rassicura. Vorrebbero accomodarsi in consiglio regionale per avvantaggiarsi della consulenza, consiglio e saggezza della burocrazia allo scopo di riformare la burocrazia. Ritiene – e reputano – che la sua – o loro – carica istituzionale gli permetterà di avere accesso ai mass-media controllati dal potere politico-economico, che tramite essi manipola l’opinione pubblica, per poter fare la secessione. Pensano di avvantaggiarsi delle provvidenze – non solo economiche – che il potere mette a disposizione dei “rappresentanti” per sostituire il potere. Òstrega!


Alberto Pento
La risposta del Cigno Nero a questa domanda è piena di presunzioni, falsità storiche, elaborazioni/interpretazioni storiche sbagliate, pregiudizi, assurdità.

"Domanda di un elettore veneto: Perché vuole l’indipendenza del Veneto?

Risposta di Cigno Nero: Non credo che il limitato spazio del suo articolo possa contenere tutte le motivazioni che potrei esporre. Mi lasci semplicisticamente dire che l’autodeterminazione politica è il diritto di un popolo. I Veneti possono definirsi un popolo (quello italiano non esiste. Nella penisola vivono vari popoli), perché in generale sono un complesso di individui di una stessa area, che ha origini, lingua, tradizioni religiose e culturali, istituti, leggi e ordinamenti comuni. Si sono costituiti in collettività etnica costituiti in collettività etnica all’incirca tre millenni or sono. Hanno formato una nazione avente una organizzazione repubblicana che è durata oltre 1.100 anni, e con la sua indipendenza politica sono state realizzate infinite ed eccellenti opere di governo, legislative, sociali, e per ognuna delle cosiddette sette muse. Per il popolo veneto l’indipendenza è il prerequisito per un duraturo dominio politico ed economico."

Ecco l'elenco delle presunzioni, falsità, errori, ... :

1) l'autodeterminazione politica è il diritto di un popolo ...
(certo però non va dimenticato che il 95% dei Veneti si vuole autodeterminare come veneto-italiano nello stato italiano);
2) i Veneti possono definirsi un popolo mentre quello italiano no ...
(anche i Veneti come gli Italiani sono un insieme di popoli diversi che nel tempo, lungo i secoli si sono in parte amalgamati e omogeneizzati);
3) i Veneti si sono costituiti in collettività etnica all'incirca 3mila anni or sono, ...
(questo è tutto da dimostrare in quanto finora non sono ancora riusciti a realizzare una vera nazione/stato veneta a dominio di tutti veneti);
4) hanno formato una nazione con una organizzazione repubblicana durata oltre 1100 anni ...
(non è affatto vero che i Veneti tutti, abbiano formato una nazione e una repubblica unitaria; inoltre la Repubblica Veneta a dominio dell'aristocrazia veneziana non è durata 1100 anni ma caso mai meno della metà; quando Rivoalto era un ducato non era una repubblica; non è mai esistita una Repubblica Veneta a dominio di tutti i Veneti).
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Falbarie o falbese o falsetà e enpreçixion

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron