Lengoa veneta, varianse scrite longo i secołi

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 5:55 pm

Carlo Goldoni

http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Goldoni
Carlo Osvaldo Goldoni (Venezia, 25 febbraio 1707 – Parigi, 6 febbraio 1793) è stato un drammaturgo, scrittore, librettista e avvocato italiano, cittadino della Repubblica di Venezia.

L’«italiano stile» di Carlo Goldoni nel Settecento
http://virgo.unive.it/ecf-workflow/uplo ... QV_1_5.pdf
3.3.
Scrive Carlo Goldoni a proposito delle sue scelte linguistiche: Fo sapere agli esteri e ai posteri [...] che io non sono un Accademico della Crusca, ma un poeta comico che ha scritto per essere inteso in Toscana, in Lombardia, in Venezia principalmente, e che tutto il mondo può capire quell’italiano stile di cui mi sono servito [...]
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 5:55 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 5:55 pm

Giacomo Noventa
http://it.wikipedia.org/wiki/Giacomo_Noventa
Giacomo Noventa, pseudonimo di Giacomo Ca' Zorzi (Noventa di Piave, 31 marzo 1898 – Milano, 4 luglio 1960).

Quando Dio lezerà nel gran libro,
E nei nostri libreti,
Quel, che par esser fati a so imagine,
E prisonieri del tempo,
Se gà vùo da penar,
Dio, tuti, el ne graziarà.

Ma tuttavia i poeti servono, come dice questa lieve rievocazione della vita militare:

Co se gera soldai dentro in trincea,
O a riposo o marciando o a l’ospeal,
E i compagni più veci ne diceva,
E parlasseli pur del so paese,
Dei campi e del lavoro lassài là,
Una storia d’amor,

Gerimo in tanti a no’ saver ancora
Quel che fusse una dona, e se ascoltava,
Se inventavamo un nome, e se moriva,
(Se imparava a morir…)

Ancuo legendo, come i fusse vivi,
In Giacomo, in Francesco, in Dante e in altri
Cari poeti, o nostrani o foresti,
Me xè vignùo un pensier:

Che noialtri se sia come i coscriti
In una guera granda, e che i poeti
Sia come quei soldai che ne diceva,
E parlasseli pur del so paese,
Dei campi e dei lavori lassài là,
Una storia d’amor.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 5:57 pm

Berto Barbarani (poeta veronexe)

http://it.wikipedia.org/wiki/Berto_Barbarani
Berto Barbarani, pseudonimo di Roberto Tiberio Barbarani (Verona, 3 dicembre 1872 – Verona, 27 gennaio 1945), è stato un poeta italiano e un importante poeta dialettale veronese.


http://www.larenadomila.it/barbarani/dialetomenu.htm

El Bartoldo

Al tempo che Alboin re de Verona
tegnea le corte su a Castel S.Piero,
e l’Adese el girava a la carlona,
strassinando da mato el so poliero,

vol che da i bagni caldi de Caldiero
dopo de aver ben bastonà la dona,
el Bartoldo vilan fasesse viaio
co un quarel de polenta e del formaio!

Gh’era in aria un cìo cìo de primavera,
che meteva in boresso tuti quanti;
ci vestiva una giaca più ligiera
e ci andava descalsi e sensa guanti;

i albari mea fiori galanti,
su i castei sventolava la bandiera,
e Bartoldo anca lu come da un vaso,
butava fora brufoli sul naso...

Par combinar la ghigna de sto omo,
ah! No convien ‘conomisar parole,
che çerti mostri sul portal del Domo,
j-era in confronto suo gropi de viole;

la so pele parea fata a spongiole
che j-è quei fonghi che vien zò da Como,
e le mane bison che te le cubi
al bruschineto che se neta i tubi...

La so testa sonèa la piassè grossa
bocia de anguria mal maurada in tera,
che la porta le plache de la lossa.
Do gran recione a la carabiniera

sora un naso girevole a cerniera
e ‘ na bocassa che faseva angossa:
oci de fogo, segie de pel mato,
eco Bartoldo e ’l so più bel ritrato!

E pur drento a sta anima vilana
scolpida da un birbante scultor,
gh’era un vagon de inteligensa sana,
insucarà de spirito inventor

che anca davanti a un re, a un imperator,
ben o mal che sonasse la campana,
el Bartoldo vilan, ma furbo e forte
l’era bon de zugar galine e corte!

L’era la corte un gran palasso a giorno
sul genere de quei che i fa in confeti:
lose e giardini che girava atorno
su colonete traforade e archeti,

da dove sventolando i fassoleti
quando qualche guerier sonando el corno,
se lo vedea passar arme e bandiera
sul marciapiè de la Piera...
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 5:59 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 6:00 pm

Biajo Marin de Gravo poeta en łengoa veneta graixana
viewtopic.php?f=28&t=311

http://it.wikipedia.org/wiki/Biagio_Marin
Biagio Marin (Grado, 29 giugno 1891 – Grado, 24 dicembre 1985) è stato un poeta e scrittore italiano (no veneto).

Gravo, Grado, Grau/Grao (etimoloja e storia)
https://docs.google.com/file/d/0B_VoBnR ... ZPak0/edit
Immagine


El sito de Biajo Marin
http://www.biagiomarin.it/Framemain.htm
http://www.biagiomarin.it



Lásseme cantâ

Oh! lásseme cantâ
son solo una sigala
e per duta l’istà
canto solo co’ l’ala.

Un monotono crío
che ingrixa ‘l sielo blu,
ma xe ‘l recordo mio
che se leva per tu.

No stâ tôme ‘sto sigo
d’amor che te ferisse
comò le stele fisse
che a notte fa un rivo.

Fin a l’ultimo fiào
‘sto crío d’inamorào
lásselo verze el sielo
co’ ‘l tagio d’un cortelo.

Xe solo ‘l baso mio
su la to boca d’oro;
fin che me moro
‘sto baso asseta, Dio!



El se confronte co sto grando poeta spagnolo:

Juan Ramón Jimenez, poeta spagnolo
(poesia in lingua spagnola):

Cancion

Cuando tus manos eran luna
cojieron del jardín del cielo
tus ojos, violetas divinas.

¡Qué nostaljia, cuando tus ojos
recuerdan, de noche, su mata
a la luz muerta de tus manos!

¡Toda mi alma, con su mundo,
pongo en mis ojos de la tierra,
para mirarte, mujer clara!

¿No encontrarán tus dos violetas
bello el paraje a que las llevo,
cojiendo en mi alma lo increado?
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 6:00 pm

Andrea Xanxoto(Zanzotto) (poeta veneto anca en łengoa veneta)
http://it.wikipedia.org/wiki/Andrea_Zanzotto
Andrea Zanzotto (Pieve di Soligo, 10 ottobre 1921 – Conegliano, 18 ottobre 2011) è stato un poeta italiano tra i più significativi della seconda metà del novecento.

Vecio parlar de Andrea Xanxoto(Zanzotto) http://digitaldialectics.org/poetry_son ... ernTreviso


Vecio parlar che tu à inte ’l tó saór
un s’cip del lat de la Eva,
vecio parlar che no so pi,
che me se á descuní
dì par dì ’inte la boca (e no tu me basta);
che tu sé cambià co la me fazha
co la me pèl ano par an;
parlar porét, da poreti, ma s’cèt
ma fis, ma tóch cofà ’na branca
de fien ’pena segà dal faldin (parché no bàstetu?)-
noni e pupà i é ’ndati, quei che te conosséa,
none e mame le é ’ndate, quele che te inventéa,
nóvo petèl par ogni fiól in fasse,
intra le strússie, i zhighi dei part, la fan e i afanézh.
Girar me fa fastidi, in médo a ’ste masiére
de ti, de mi. Dal dent cagnin del tenp
inte ’l piat sivanzhi no ghén resta, e manco
de tut i zhimiteri: òe da dirte zhimitero?
Élo vero che pi no pól esserghe ’romai
gnessun parlar de néne-none-mame? Che fa mal
ai fiói ’l petèl e i gran maestri lo sconsilia?
Élo vero che scriverte,
parlar vecio, l’é massa un sforzh, l’é un mal
anca par mi, cofà ciór par revèrs,
par straòlt, far ’ndar fora le corde de le man?
Ma intant, qua par atorno, a girar pa’i marcà,
o mèjo a ’ndar par canp e rive e zhópe
là onde che’l gal de cristal canta senpre tre òlte,
da juste boche se te sent. Mi ò pers la trazha,
lontan massa son ’ndat pur stando qua
invidà, inbulonà, deventà squasi un zhóch de pionbo,
e la poesia non l’é in gnessuna lengua
in gnessun logo – fursi- o l’é ’l busnar del fógo
che ’l fa screcolar tute le fonde
inte la gran laguna, inte la gran lacuna -
la é ’l pien e ’l vódo dela testa-tera
che tas, o zhigna e usma un pas pi in là
de quel che mai se podaràe dirse, far nostro.
Ma ti, vecio parlar, resisti. E si anca i òmi
te desmentegarà senzha inacòrderse,
ghén sarà osèi -
do tre osèi sói magari
dai sbari e dal mazhelo zoladi via -:
doman su l’ultima rama là in cao
in cao de zhiése e pra,
osèi che te à inparà da tant
te parlarà inte’l sol, inte l’onbría.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 6:00 pm

Luçan Cekinel
http://it.wikipedia.org/wiki/Luciano_Cecchinel
Luciano Cecchinel (Lago, 1947) vivente o en vita, drio vivar


Vecio parlar de Cecchinel
http://digitaldialectics.org/poetry_son ... ernTreviso
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 6:06 pm

.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Lengoa veneta, varianse longo i secołi

Messaggioda Berto » dom mag 03, 2015 6:06 pm

Fernando Bandini
http://it.wikipedia.org/wiki/Fernando_Bandini
Fernando Bandini (Vicenza, 30 luglio 1931 – Vicenza, 25 dicembre 2013)

Fernando Bandini
viewtopic.php?f=28&t=244

Meto cuà na poexia de Fernando Bandini, el poeta de Viçensa ke l xe morto ieri ( dopo l admin el provedarà jentilmente a verxare on filon so poexia- leteratura n lengoa v. o altre lengoe):

I puteleti del vampiro

Qua da ste parti
ghe xe posti valìvi
co mus-cio de oro verde.
Qua, a ramòcia, l'onbra xe parona,
se se perde
par cavedàgne mòrbie
come le fossolete de na dona.

Dopo le sìe de sera
co taxe le canpane
e le sfese e le rame
s'inpenisse de oxèi che va dormire,
se sente on sgrixolare
de vento e foje in giro
e dai scaranti
vien fora i puteleti del vanpiro.

I zuga co i botoni
del so camixolìn,
i fa le pirolete
tegnendose a delìn
i denti ga macete
de sangoe e spanavin;
britolete e massanghi
i gussa co la prìa,
fin che l'ultima giossa
del giorno xe finìa
e de i so òci resta solo el bianco.

Riva un nuvolo basso
che ingiotisse el çeleste;
sarà porte e finestre
le caxe ga el tremasso.
Luri fa 'l girotondo,
i se conta falope,
za paroni del mondo.
E ghe zbruxa la voja
de scoar co le strope
le tete a le putele
indromensà te camare de luna,
de garzar gole,
verzare vene latarole in cuna.

Ma ti, sità distante,
co le lumiere a s-ciapi
che sìmega tel vento,
no credarte al sicuro,
xe mejo che te scapi
cavando le raixe de le caxe.
I sente odor de sangoe, i vien da ti,
i sente sfritegare
par le to piàse e strade
sparagagna de omo e puteleti
dai oci de sisara,
in fila e siti longo na ruàra.

( da : Santi di Dicembre 1994)

====================================================================================================================================

E anca La ciupinara La talpa

Xe quando el cincibín dal cao celeste
va in volta par le siése
in serca de pomèle de l’otuno passà,

o ’l beca i buti
de l’albaro drío casa dove i fiori
∫a i se insogna de èssare sirese;

quando che liparéte
putèle se desmíssia
e piene de morbín le fa sitare
el basavéjo;

e vèrta qua xe un ventesèlo caldo
e sul monte na s-cianta de sisàra
che col sole la sbrissia ∫ó dai rami;

xe lóra che vien su da sototera
la ciupinara.

Nissuni sa da dove che la vegna:
xe ’l scuro che ghe insegna
da che parte girarse,

xe il silensio, che quasi
el fa pí gran bordelo
de quando che se vèr∫e un cadenasso.

E mi e ti la note de le Quatro
Tèmpora, ndando foramàn pai campi
soto na luna nóva ancora sbiava,
no se ghemo inacorti che rivava
la ciupinara.

Sentívimo e vedévimo qua torno
tanta note,
ma no quel’altra note a culo in su
che da morti ne spèta,

dove che éla ruma
e no la dorme mai,
ndando, orba, su l’usma
de bissóli e de bài,

mastegando par vèr∫arse
la strada scaje e stele,
scaje de veci teremoti e stele
deventà tochetini de carbon.

Tocà da quele sate
le sòpe le pí dure va in sfrasele,

sate fate a cuciaro
e gira de roèrso
come na mata che se gabia messo
i guanti col davanti par dadrío,

sate che le laóra
co síe déi e síe onge
(la sesta ghe vien fóra
dal déo co fa un falsín).

Spiriti de na note grama e nera
ghe ga cusío co le so guce fate
co i spini de le russe la palpièra,

e la xe sensa rece
parché la se le ga tute fruà
sevitando a ficare
el muso rento ’l duro de la tera.

El campo che frugnare
se sente te le coste
ghe xe vegnú ’l convulso,
el se impiéna de mútare e de frape,

vien fóra a l’aria cape
del tempo de Noè, l’osso de un pèrsego
magnà da me bisnono.

E che ànsemo, amore, che xe stà
cubiarse mi e ti
su quel tòco de prà
mòrbio de pissacani e galinèle,

che magón, che sangióto,
pensando in meso ai basi a le satèle
che ne scavava sóto!

(da Meridiano di Greenwich, Milano, Garzanti, 1998)
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 27745
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Grafia veneta e venetega - Grafia Veneta Unitaria (Onidara)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron