Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Messaggioda Berto » dom ago 10, 2014 8:58 am

Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto
viewtopic.php?f=45&t=1067

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... Ceneda.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 280006.jpg

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 280004.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/Ceneda
Ceneda ha una storia assai antica: viene citata dallo storico Agathias come Keneta (VI secolo), toponimo che suggerisce un'origine celtica. È sicuro (???) invece che in età romana (caso mai età veneto-romana) rappresentasse un insediamento di una certa importanza, forse un vicus fortificato con il compito di appoggiare il castrum di Serravalle (??? quqli resti e scritti), realizzato per controllare gli accessi settentrionali al territorio di Oderzo.
La decadenza di quest'ultima accrebbe l'importanza di Ceneda, che fu sede di un ducato longobardo e in seguito di una diocesi. A partire dal 962, grazie alle concessioni di Ottone I, i vescovi esercitarono anche il potere temporale di conti sul vasto territorio (grossomodo dal Piave al Tagliamento) che era stato prima l'agro opitergino e poi il ducato longobardo. Nel 1307 il vescovo Francesco Ramponi cedette a Tolberto da Camino il territorio di Portobuffolè in cambio della contea di Tarzo (detta anche Castelnuovo) comprendente anche Corbanese, Arfanta, Colmaor e Fratta. In quest'ultima, il potere era detenuto da un vice-conte.

http://www.comune.vittorio-veneto.tv.it ... ida_3.html
Ceneda si estende a sud, verso la pianura. Ha origine molto antiche e l'etimologia del nome fa pensare al celtico Kènet. In epoca romana Ceneda costituiva un campo trincerato di appoggio al Castrum di Serravalle, e questo sistema di difesa serviva a proteggere la città romana (romana ??? e no veneta ?) di Opitergium (çità veneta e no romana prego!).

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 280017.jpg



Immagine

http://www.undicigradi.com/rocca-ceneda.htm

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 11/scr.png

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 280024.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29548
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Messaggioda Berto » dom ago 10, 2014 9:04 am

Da "Ipotesi sulle radici preindoeuropee (???) dei toponimi alpini" di Paul-Louis Rousset
Da Quaderni di cultura alpina (Priuli e Verluca editori)

Immagine


4. CAM, CAN, CEN, CANI, GAND, altre espressioni per pietre, rocce, altezza.
...

Varianti vocaliche vengono proposte con le forme CEN, CIN, CON e GON, mutazioni abituali nelle voci di origine mediterranea.
Le troviamo in buon numero sulle Alpi, nel Massiccio Centrale ed in Corsica.
Le prime due han dato vita ai vari Cenis, Cenise, Cenischia, o alle doppie tautologiche Montcenis, Moncenisio, Mont-Ceny, Mont-chanin, Montcheny, Mont-Sanis, Mont-Senis, Mont-Seny, Monte Senino, Mont Cindre, Monte Cinto. Il più noto è certamente il Moncenisio, valico che, unitamente al vicino Colle del Piccolo Moncenisio, frequentato anch'esso da epoca assai remota, costituì per quasi un millenio il cordone ombelicale tra Savoia e Piemonte. Vien citato Cinisio nel "testamento d'Abbone" (739), documento di estrema importanza toponomastica per l'elenco dei possedimenti lasciati in eredità all'Abbazia di S. Pietro della Novalesa, da lui fondata, (Cfr. Ceneda nel trevigiano).
...


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... no-248.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29548
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Messaggioda Berto » dom ago 10, 2014 9:06 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29548
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Messaggioda Berto » dom ago 10, 2014 9:43 am

Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29548
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Re: Ceneda-Seravale, nomà co l'òredo menda de Vitorio Veneto

Messaggioda Berto » sab lug 11, 2015 8:19 am

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=& ... 3015,d.d24

I primi documenti attestanti l’importanza di Ceneda vengono attribuiti allo storico Agathias (IV secolo d.C.) che nominò per primo l’antica Keneta, la cui etimologia attesta una sicura derivazione di origine celtica (Kènet).

http://it.wikipedia.org/wiki/Ceneda
Ceneda ha una storia assai antica: viene citata dallo storico Agathias come Keneta (VI secolo), toponimo che suggerisce un'origine celtica.


Cfr co:

Kent e Kentucky (?)

https://it.wikipedia.org/wiki/Kent
Il Kent (pronuncia [kɛnt]), in latino Cantium, è una contea dell'Inghilterra, a sud-est di Londra; il capoluogo è Maidstone. Il nome "Kent" deriva dal britannico (antica lingua celtica preromana) "cent" dal significato di "bordo" o "confine", latinizzato da Giulio Cesare in "Cantium", da cui il popolo dei Cantiaci.
Etimologicamente c'è un indiscutibile nesso tra Cantium e Cantuaria, il nome latino di Canterbury. Il Kent confina con l'East Sussex, il Surrey e Greater London. È diviso dall'Essex dall'estuario del Tamigi. Dopo la partenza delle legioni romane (V secolo) dalla Britannia, divenne sede di un regno anglosassone.

https://it.wikipedia.org/wiki/Kentucky


Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... to-113.jpg
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 29548
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm


Torna a Çità venete – gnanca ona fondà o nomà dai romani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti