CLNV, Plebiscito. eu, LIFE, Gandhi, ła dexobediensa fiscal

CLNV, Plebiscito. eu, LIFE, Gandhi, ła dexobediensa fiscal

Messaggioda Berto » dom lug 29, 2018 9:17 am

Gabriele Perucca ha lasciato il CLNV perché stanco
22 luglio 2017

https://www.facebook.com/gabriele.peruc ... 1358499152

Dopo un lungo e tormentato periodo di riflessione, alcuni giorni fa ho rassegnato le dimissioni ufficiali ed irrevocabili da tutti gli incarichi all'interno del Comitato di Liberazione Nazionale Veneto. Non voglio entrare nel merito delle motivazioni "politiche" che mi hanno spinto a prendere tale decisione che ho comunicato alla Segreteria e ai membri dell'Autorità Nazionale Veneta ma posso spiegare quelle più personali.
Certamente, in piena serenità interiore, mi faccio forte della grande convinzione che sia la scelta giusta per il C.L.N.V. e per me stesso, conscio da aver fatto fino in fondo il mio dovere e di aver dato tutto quello che potevo dare all'interno della "stanza dei bottoni" del C.L.N.V.
Non ho timore nel confessarvi che sento il bisogno di un po' di riposo dopo che lo sforzo fisico e mentale è stato enorme negli ultimi 10 anni: l'esordio nel MLNV nel 2007, poi come imprenditore nella L.I.F.E. ed in strada a Vicenza per il 9 DICEMBRE nell'inverno a cavallo tra 2013 e 2014; l'elaborazione e la fondazione del C.L.N.V. tra 2014 e 2015; l'accusa italiana di terrorismo e traffico internazionale di armi per la vicenda giudiziaria del "Tanko 2"; l'ultima accusa di istigazione a delinquere dello scorso mese di Dicembre; la separazione nel 2014.
Gli impegni con il C.L.N.V. erano diventati davvero troppo gravosi negli ultimi mesi del 2016, considerando anche la mole degli impegni professionali che mi porta ad essere per più del 50% del tempo all'estero. Ho maturato l'idea che fosse giunto il momento di restituire alle persone che amo il tempo che ho egoisticamente sottratto loro in questi anni. E che fosse necessario anche dedicare un po' di tempo a me stesso e ad alcuni progetti che ho fermi nel cassetto.
Sarò ugualmente utile alla causa di libertà del Popolo Veneto in altri modi ed in altre forme perché certamente non si dimette la mia essenza di Patriota Veneto. Non sarebbe possibile. Credo fermamente che si può essere utili alla causa, non solo da dentro il C.L.N.V. ma anche dal di fuori. Continuerò ad essere belligerante nei confronti dello stato occupante italiano, riconoscendo il C.L.N.V. come mio soggetto di diritto internazionale di appartenenza e considerando l'Autorità Nazionale Veneta come Governo Provvisorio sui territori veneti in rappresentanza del Popolo Veneto in autodeterminazione.

Il C.L.N.V. può camminare da solo con le sue gambe senza il bisogno del padre fondatore. Ci sono molte altre gambe e molte altre teste che lo faranno funzionare al meglio. Questo era proprio uno degli obiettivi fondamentali che mi sono imposto sin dall'inizio: il C.L.N.V. avrebbe avuto una struttura democratica che non l'avrebbe mai potuto e dovuto far dipendere da un singolo, da un leader, da un capo. Perché il C.L.N.V. non è un partito o un movimento politico italiano ma è un soggetto di diritto internazionale alla pari di uno Stato, sorretto da una struttura tipicamente veneta più forte della volontà e della voluttà dei singoli.

Il C.L.N.V. è formato oggi da patrioti veneti straordinari che sapranno portare avanti con grande dedizione e volontà la mia idea iniziale, seguendo il percorso di DECOLONIZZAZIONE previsto dal Diritto Internazionale fino alla liberazione dei territori veneti occupati dall'Italia. Patrioti che ringrazio per la loro opera ed il loro grande contributo: dai membri dell'Autorità Nazionale Veneta, a quelli della Quarantia Etica; dalle meravigliose avanguardie dei Gruppi di Intervento Rapido, agli Uffici di Rigetto degli Atti Amministrativi Italiani.

Grazie, in particolare, a Maurizio Bedin, Franco Cozza, Patrizia Patrizia Badii, a Orazio Scavazzon, a Silvano Viero più volte e più spesso miei compagni di viaggio nei tantissimi chilometri percorsi per portare il messaggio di libertà alle Genti Venete, nelle grandi città come nei paesi montani più remoti e reconditi della nostra Veneta Nazione. Grazie a Roberto Camerin e Manuel Casara per gli scambi di idee e i confronti sui contenuti utili alla crescita della struttura.
Ringrazio tutte le migliaia di Veneti che hanno condiviso con me questa meravigliosa esperienza di vita, libertà e fratellanza, assistendo alle nostre serate pubbliche. Grazie per tutte le incredibili emozioni e gioie che sono riusciti a trasmettermi.
Grazie al C.L.N.V. per essere oggi l'unica strada possibile verso l'Indipendenza della nostra terra.
Grazie C.L.N.V. per essere stato, senza dubbio, la più grande, meravigliosa e mirabolante avventura della mia vita. Che mi ha aiutato a crescere. A credere in me stesso e nella forza delle idee.
Cercate la CONOSCENZA, fatevi una COSCIENZA, tirate fuori il CORAGGIO. Questa è la strada.
La libertà è dentro di noi.
A presto.
Con San Marco
G.P.


???
Continuerò ad essere belligerante nei confronti dello stato occupante italiano, riconoscendo il C.L.N.V. come mio soggetto di diritto internazionale di appartenenza e considerando l'Autorità Nazionale Veneta come Governo Provvisorio sui territori veneti in rappresentanza del Popolo Veneto in autodeterminazione.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 28901
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

CLNV, Plebiscito. eu, LIFE, Gandhi, ła dexobediensa fiscal

Messaggioda Berto » dom lug 29, 2018 9:49 am

REPUBBLICA VENETA – ARRESTATO IL PATRIZIO MASSIMO BATTOCCHIO (MEMBRO DEL MAGGIOR CONSIGLIO ED ELETTORE DEL CXXI DOGE

https://www.facebook.com/groups/2376236 ... p_activity

Veniamo informatI ora dell'arresto di polizia di Massimo Battocchio, un serenissimo e commerciante di Rosà (Vicenza) che pratica da tempo una non-collaborazione radicale e dichiarata all'occupante.
Massimo Battocchio, iscritto nel Libro d'Oro del Maggior Consiglio, ha partecipato all'elezione del 121° doge e, fin qui, ha sempre partecipato con assiduità e impegno alle riunioni del Maggior Consiglio (il parlamento della Repubblica Veneta).
L'Ufficio Dogale segue con attenzione gli sviluppi del caso esprimendo comprensione e solidarietà al patriota veneto che per le sue convinzioni politiche si trova oggi sul fronte della repressione italiana.
Siamo convinti che le forme di resistenza nonviolente messe in atto da Massimo Battocchio nei confronti della polizia italiana siano tutte riconducibili alla sua volontà di non collaborazione con lo stato di occupazione della Repubblica Veneta.
Le accuse nei suoi confronti potranno essere "oggettivamente" altre ma siamo certi che le ragioni reali siano tutte politiche e culturali, rifiutando egli drasticamente lo stato di occupazione della Repubblica Veneta.
Un caso dunque politico e non altro!
Venezia 29.7.2018
Albert Gardin – 121° Doge



Alberto Pento
Un'altra vittima invasata di certo venetismo marciano, serenissimo, fanatico, demenziale.

Ensemense e peke venetiste e venesianiste
viewtopic.php?f=183&t=2389

Demenze venete venetiste e venezianiste
https://www.facebook.com/groups/2376236 ... 8227633176



Mi dispiace ma io non do alcuna solidarietà a Battocchio che è un venetista antisemita e antisraeliano e per quanto mi riguarda chi non ama gli ebrei e Israele non ama la libertà e non rispetta i valori, i doveri e i diritti umani universali.
Io con questi venetisti venezianisti fascisti che in ambito italianista sono gli invasati di Roma, che sostengono e parteggiano per i nazi-maomettani non posso costruire alcuna fratellanza veneta e alcun Novo Veneto per il futuro, anzi non li posso che considerare miei nemici e nemici della libertà del Veneto e dei veneti.


Mi co sta xente no ghe gnente da spartir

Massimo Battocchio
https://www.facebook.com/profile.php?id ... 2&fref=ufi

Immagine
http://www.filarveneto.eu/wp-content/up ... 02/1-2.jpg


L’antiebraeixmo e l’antixraełixmo de çerti veneti marciani
viewtopic.php?f=167&t=1338


Ecco le parole di Massimo Battocchio:

Come i palestinesi semo.. Gavemo EL dirito de difenderse contro i venetipaddaniebrei demmerda.
Assassini (gli ebrei)
Itaglia = israele 150ani de colonialismo massonico



Alberto Pento
Chi è contro gli ebrei e parteggia per i nazi-maomettani non può che essere nemico della libertà e mio nemico.
Questo individuo non solo è ignorante in tutti i sensi ma è anche un demenziale fanatico idolatra cristiano venetista-nazi-fascista antisemita e antisraeliano che parteggia per i nazisti maomettani di Gaza e uno che non capisce dove stanno i valori del bene e della libertà non può essere un buon compagno di viaggio per i veneti che sognano l'indipendenza, tuttaltro.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 28901
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a LIFE - Liberi Imprenditori Federalisti Europei

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron