Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani

Ƚe colpe, ƚe responsabeƚetà e ‘l tradimento dei venesiani

Messaggioda Berto » sab ott 20, 2018 10:36 pm

17 OTTOBRE, RENZO FOGLIATA E LA FINE DELLA REPUBBLICA
Di Millo Bozzolan - ottobre 17, 2018

https://dalvenetoalmondoblog.blogspot.c ... -fine.html

Così l'avvocato e amico Renzo Fogliata commenta lo scempio che ancora non è stato riparato:
Il 17 ottobre sono 221 anni dall'infame spartizione della Veneta Repubblica per mano di Francia ed Austria, con il trattato di Campoformido. Come e peggio della spartizione della Polonia, le due potenze, in spregio a qualsiasi più elementare norma del diritto delle genti ed in palese violazione della neutralità della Serenissima, dopo averne scorso in armi per oltre un anno l'intero territorio, ponevano fine con la violenza allo Stato più antico, luminoso e civile d'Europa. Le sue ricchezze ed il suo patrimonio artistico venivano rubati a man bassa ed in parte distrutti, la sua immensa tradizione civile e giuridica veniva dispersa ed, anzi, sottoposta ad un'operazione prezzolata e volgare di dannazione.
Uno dei tanti servi sciocchi di Napoleone, Darù, veniva incaricato di riscrivere la Storia di Venezia condendola di un mare di menzogne e calunnie, che solo la colossale opera di Samuele Romanin sbugiarderà per sempre. Il mito fasullo della lunga decadenza veneta (smentito da storici del calibro di Braudel, Lane, Maranini, Balestrieri) verrà coltivato ad arte nei salotti buoni di ispirazione massonica, per tacitare per sempre persino l'identità veneta. Non solo. Campoformido segnò persino il tradimento e l'inganno persino dei governi fantoccio, amici e collaborazionisti dell'occupante francese, quale fu la Municipalità Provvisoria di Venezia, che si ritrovarono svenduti - loro, di pura fede giacobina - all'odiato tiranno austriaco. Lo testimonia un costernato Ugo Foscolo, giacobino della prim'ora.

Ebbene, leggo con orrore che non solo a Campoformido oggi si festeggia il vile trattato con danze e giullari, ma che esiste persino un comitato di celebrazione.

Mi sfugge qualcosa.
Per caso ci sono comitati di festeggiamento del patto Molotov-Ribbentrop con il quale Stalin e Hitler si spartirono ancora la Polonia? È così difficile riconoscere l'evidenza di una duplice occupazione armata che recherà ruberie, lutti e stupri e farà sprofondare gli ex territori della Serenissima nella miseria più nera sino al 1814?
Coscrizione obbligatoria, tassa sul macinato, devastazione di Chiese e Scuole di devozione e di arti e mestieri, furto infinito di opere d'arte, sconvolgimenti edilizi ed urbanistici, distruzione di opere architettoniche, una tassazione aumentata dell'800%... debbo continuare? Chateaubriand ricorderà che il Còrso seminerà l'Europa di cinque milioni di cadaveri.
Davvero non capisco, ma mi soccorre il Poeta: "Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, donna non di provincie, ma bordello".
TRATTA
Renzo Fogliata




17 OTTOBRE, CAMPOFORMIO, IL LADRO NAPOLEONE E IL RICETTATORE, L'AUSTRIA
Di Millo Bozzolan - ottobre 17, 2018

https://dalvenetoalmondoblog.blogspot.c ... ladro.html

Il 17 ottobre 1797, a Campoformi(d)o nella tenuta del povero ultimo Doxe Lodovico Manin (dove Napoleone come beffa finale si era installato), si consumò un atto di delinquenza internazionale, per la quale un malfattore di nome Napoleone, vendette la libertà dei Veneti e dei popoli ad essi confederati, all'Austria, che si comportò da ricettatore.
Tutto era stato progettato e pensato già col precedente preliminare di Leoben, che fu l'antesignano del misfatto finale. Mancava ancora lo scasso, ma il ladro era già ben alloggiato nella "proprietà" dei Veneti, armato di tutto punto, in disprezzo di ogni regola di neutralità dell'ospite involontario...

"Napoleone, incoraggiato dai successi ottenuti con le campagne in Italia, senza tenere conto della neutralità proclamata da Venezia puntò direttamente su Vienna. L’Austria si vide allora costretta a chiedere un armistizio, culminato nei preliminari di Leoben (7-18 Aprile 1797), nel corso dei quali venne concordato ciò che sarebbe poi stato ufficialmente stabilito qualche mese dopo nel trattato di pace di Campoformio il 17 Ottobre 1797. In base agli accordi la Francia otteneva dall’Austria il Belgio e la Lombardia e a sua volta cedeva all’Austria, come compenso dei territori perduti, il Veneto, l’Istria e la Dalmazia fino alle Bocche di Cattaro, avviandosi a togliere l’indipendenza alla repubblica veneta, senza tenere in alcun conto le aspirazioni e le decisioni della nuova municipalità democratica che, insediatasi nel frattempo nella città lagunare al posto della vecchia oligarchia, aveva attuato una riforma costituzionale ispirata al modello francese. Questa concessione fece finire anche le speranze di quei pochi che auspicavano che Venezia avrebbe avuto un luminoso futuro sotto un regime democratico. Tra questi va ricordato Ugo Foscolo che aveva ottenuto l’ultimo successo teatrale della Repubblica veneziana con un dramma denunciante la tirannide (sic)"
Ma quale tirannide, quando l'unico vero tiranno fu chi violentò la nostra terra, ne calpestò i confini, uccidendoci e depredandoci ed infine barattandoci con l'Austria? Foscolo se ne rammaricò, parlando di "tradimento" da parte dei francesi, ma che dobbiamo dire di lui, noi, che ancora ne paghiamo le conseguenze del misfatto, generazione dopo generazione?


Commenti:

Unknown17 ottobre 2018

Da un certo punto di vista Millo hai ragione, da un'altra parte hai torto marcio. napoleone disprezzava chi non difendeva il proprio paese, confine, nazione. La politica di venezia da ca. 100 anni era ancorata in Europa ad abilissima diplomazia di stampo neutralistico. Quando napoleone chiese ed ottenne di attraversare il territorio della Serenissima per attaccare l'Austria, distruggendo e rapinando il territorio senza opposizione alcune, capì che quella repubblica oligarchica era sfatta e putrida e che andava conquistata con il minor sforzo. Poche furono le personalità che si levarono per esprimere il loro sdegno per il comportamento del Doge e gran Consiglio, e incitare la Repubblica a rispondere alle prepotenze del corso. Questa in sintesi è la storia del suicidio per mancanza di vita, onore, morale, dignità, della classe aristocratica dominante della Serenissima



Franco Rocchetta18 ottobre 2018
Millo a el ga rexòn,
Millo ha ragione, anche se l'Impero non è stato soltanto il "ricettatore" :
l'abominio di Campoformio (modello per il successivo Trattato Molotov-Ribbentrop, tra Hitler e Stalin) non è stato commesso dal solo Napoleone,
ma da Napoleone ASSIEME al suo nemico-amico Francesco II d'Asburgo, suo prossimo suocero.
È invece del tutto infondato, ed ingannevole in ogni sua parte,
il giudizio espresso dall'anonimo commentatore.
Un giudizio di condanna frutto di profonda disinformazione, di incapacità di comprendere l'enorme coraggio e la lungimiranza di Ludovico Manin,
di incapacità di confrontare il suo comportamento con quello di tutti gli altri governanti europei. Tutti.


Alberto Pento
L'anonimo commentatore ha pienamente ragione.
Lasciar entrare e addirittura finanziare un invasore con il suo esercito è da irresponsabili e da traditori.
Poi è falso affermare che i veneti fossero liberi e che vi fossero altri popoli ad essi confederati, poiché la maggior parte dei veneti e dei non veneti erano solo sudditi di Venezia che non aveva affatto istituito una repubblica a sovranità di tutti i veneti né tanto meno una repubblica federale di veneti e non veneti.
Prima l'uomo poi caso mai anche gli idoli e solo quelli che favoriscono la vita e non la morte; Dio invece è un'altra cosa sia dall'uomo che dai suoi idoli.
Avatar utente
Berto
Site Admin
 
Messaggi: 28901
Iscritto il: ven nov 15, 2013 10:02 pm

Precedente

Torna a Mexoevo - ani veneto-venesiani en lagouna - 1.000 e pì ani - de cu 650 come comoun e repiovega (Bixansio e Repiovega Serenisima)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron